8 Lug [14:54]

A New York si decide la stagione:
Vergne e DS Techeetah i favoriti

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Alessandro Bucci

La stagione 5 di Formula E, già passata alla storia della serie full-electric per l'introduzione delle avveniristiche vetture Gen2 in grado di coprire la distanza di un'intera gara evitando l'annoso problema del cambio vettura a metà corsa (grazie alla batteria raddoppiata, ora di 250 kw, 340 cavalli), vede avvicinarsi la sua conclusione a Brooklyn, New York City, sede dell'ultimo ePrix stagionale comprendente due gare nell'arco di due giorni (13-14 luglio 2019).

Il campionato 2018-2019 è stato il più incerto e combattuto di sempre nell’ancora breve storia della Formula E,  annoverando otto vincitori diversi in altrettante gare, prima che il campione in carica Jean-Eric Vergne (DS Techeetah) iniziasse a prendere il largo dall'ePrix di Monaco inanellando due vittorie ed un terzo posto in tre gare, mostrando una solidità che è mancata a molti dei suoi avversari.

Sei i piloti matematicamente in lizza per il titolo in quel di New York, con il rinnovarsi della sfida finale tra JEV (a quota 130 punti) e il brasiliano dell’Audi Lucas Di Grassi, staccato di 32 punti. In stagione JEV ha colto tre successi (Sanya, Monaco e Berna) mentre Di Grassi (vice-campione della stagione 4) ha trionfato a Città del Messico soffiando la vittoria a Pascal Wehrlein della Mahindra al foto finish e nell’ePrix di Berlino, ottenendo tre podi complessivi in una stagione di chiaro scuro e diversi problemi soprattutto tecnici.

Oltre alla rivalità tra i veterani Vergne e Di Grassi, a sfidare l'ex pilota francese della Toro Rosso in Formula 1 troviamo il il neozelandese della Jaguar Mitch Evans, terzo con una marcatura di vantaggio sul tedesco veterano endurance nonché compagno di squadra di JEV, André Lotterer (a quota 86 punti seppur a secco di vittorie), Antonio Felix Da Costa (BMW) a quota 82 punti, con Robin Frijns della Virgin, sesto in classifica lamentando un punto in meno del portoghese.

Evans si è contraddistinto per numerosi duelli corpo a corpo al vertice, ottenendo una magistrale vittoria a Roma ai danni di Lotterer, privato in buona parte di una vittoria certa a Hong Kong da Sam Bird (Virgin), autore di un doppio contatto col tedesco che lo ha messo fuori gioco. Quanto a Frijns, l'olandese ha firmato una magistrale vittoria a Parigi in condizioni molto critiche dovute al maltempo domando una vettura in parte danneggiata.



A New York City, unico doppio appuntamento stagionale, si rinnova anche la sfida tra il team cinese Techeetah (da quest’anno con DS) e Audi, sebbene divisi da 43 punti dopo il tribolato ePrix di Svizzera, che ha visto Lotterer penalizzato e fuori dai punti mentre, la coppia di piloti della casa dei quattro anelli, ha rimediato un sesto e nono posto, rispettivamente con Daniel Abt e Di Grassi. La crescita dimostrata dal team DS Techeetah a partire dall'ePrix di Monaco è stata a dir poco sorprendente, con Vergne che ha massimizzato il pacchetto a disposizione non solo in gara, ma anche in qualifica, rimediando posizioni molto competitive nonostante le uscite sfavorevoli nel primo gruppo.

Per il terzo anno consecutivo la Formula E torna dunque nel cuore di Brooklyn sulla pista di oltre 1,4 km di lunghezza che costeggia il porto, con la magnifica skyline di Manhattan a fare da sfondo. Il tracciato statunitense è tra i più amati dai piloti assieme a quella di Roma, non solo per la sua lunghezza, ma anche per le interessanti curve che la compongono, differenziandosi molto dai 'classici' percorsi cittadini appositamente studiati per la Formula E.



Il team principal della DS Techeetah, Mark Preston, si è detto galvanizzato all'idea di prendersi una bella rivincita dopo la sconfitta per soli due punti lo scorso anno contro Audi nel campionato costruttori: "È uno scenario familiare per il team, essendo venuti a New York con le stesse premesse lo scorso anno. Questa volta non ci lasceremo sfuggire il campionato costruttori. Perdere il titolo per soli due punti, nel 2018, è stato davvero doloroso e, dal canto nostro, abbiamo fatto di tutto perché ciò non si ripeta ".

Quanto a JEV, il campione in carica è concentrato a collezionare quanti più punti possibili stando lontano dai guai: "Rieccoci a New York per concludere un'altra stagione, è davvero volata. È stato un grande anno per tutto il team e il supporto fornitoci dal costruttore DS ci ha permesso di compiere un passo avanti. Personalmente cercherò di conquistare un altro campionato e so di avere il potenziale per farcela. Come squadra avremo l'opportunità di far nostro il titolo che abbiamo mancato per poco lo scorso anno. Non faremo niente di diverso dal solito, svolgeremo i nostri normali preparativi e affronteremo il weekend con l'intento di massimizzare il risultato e collezionare quanti più punti possibili".

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone