4 Ago [12:36]

Budapest - Gara 2
Schumacher rompe il ghiaccio

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Massimo Costa

Fino ad ora Mick Schumacher non era mai riuscito a salire sul podio, lo aveva sfiorato a Spielberg, quarto in gara 2 mentre nelle main race non aveva mai fatto meglio dell'ottavo posto, a Sakhir e proprio a Budapest. Se in Bahrain gara 2 non aveva sfruttato il fatto di scattare davanti a tutti nel weekend del debutto in F2, questa volta in Ungheria ha messo a segno la prima vittoria. Partito bene , Schumacher ha gestito perfettamente i 28 giri percorsi non facendosi irretire da Nobuharu Matsushita che negli ultimi 10 giri gli ha messo grande pressione.

Campione FIA F3 2018 con otto vittorie, ecco che Schumacher ha rotto il ghiaccio anche in F2 regalando a se stesso e al team Prema il primo successo 2019. A Budapest, suo padre Michael si era imposto quattro volte nel Mondiale F1: 1994, 1998, 2001 e 2004. Ora si aggiunge un altro Schumacher nell'albo d'oro del tracciato ungherese, seppur nel libro F2. Chissà che questo successo non provochi uno "switch" nel giovane Mick, come è accaduto nel 2018 in F3.

Gara solida per Matsushita del team Carlin che ha tentato di portare all'errore Schumacher, ma senza successo. Il giapponese ha anche respinto Sergio Camara (DAMS) che aveva provato a portargli via la seconda posizione. Il brasiliano ha passato Ghiotto nella classifica generale per il terzo posto.

Agli inglesi Jordan King e Jack Aitken il quarto e quinto posto mentre Nyck De Vries, Nicholas Latifi e Luca Ghiotto hanno concluso in fila indiana tra il sesto e l'ottavo posto. Ghiotto è scattato male, una esitazione forse del cambio, ed è scivolato nono dietro a Nikita Mazepin. L'italiano quando ha deciso di attaccare è stato spostato sul cordolo dal russo, ma il giro dopo è arrivata la mossa giusta e dura di Ghiotto al collega ART. Unico ritiro, Tatiana Calderon che ha mal valutato il sorpasso subìto da Arjun Maini, urtandolo e danneggiando la sospensione.

Domenica 4 agosto 2019, gara 2

1 - Mick Schumacher - Prema - 28 giri 43'59"841
2 - Nobuharu Matsushita - Carlin - 1"453
3 - Sergio Camara - DAMS - 3"396
4 - Jordan King - MP Motorsport - 4"177
5 - Jack Aitken - Campos - 4"960
6 - Nyck De Vries - ART - 11"428
7 - Nicholas Latifi - DAMS - 12"314
8 - Luca Ghiotto - Virtuosi - 12"930
9 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 13"821
10 - Callum Ilott - Sauber by Charouz - 23"877
11 - Anthoine Hubert - Arden - 26"891
12 - Giuliano Alesi - Trident - 29"527
13 - Louis Deletraz - Carlin - 35"741
14 - Juan Manuel Correa - Sauber by Charouz - 38"514
15 - Nikita Mazepin - ART - 39"932
16 - Arjun Maini - Campos - 40"093
17 - Sean Gelael - Prema - 40"737
18 - Ralph Boschung - Trident - 42"857
19 - Mahaveer Raghunathan - MP Motorsport - 59"688

Giro più veloce: Nobuharu Matsushita 1'33"056

Ritirati
Tatiana Calderon

Il campionato
1.De Vries 196; 2.Latifi 166; 3.Camara 141 ; 4.Ghiotto 135; 5.Aitken 134; 6.Zhou 107; 7.Matsushita 85; 8.Hubert 77; 9.Deletraz 60; 10.King 59.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone