28 Apr [19:59]

Budapest, gara 3
Nuova vittoria per Tarquini

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Michele Montesano

L’ultima manche magiara del WTCR ha visto tagliare il traguardo per primo, in regime di safety-car, Gabriele Tarquini. Il Cinghio ha portato a casa un’altra vittoria nonostante la sua Hyundai non sia stata fra le vetture più competitive sul tracciato dell’Hungaroring. Seconda posizione per Norbert Michelisz: l’idolo di casa ha così completato la doppietta in casa BRC mentre il terzo posto è andato a Yann Ehrlacher su Lynk & Co.

Michelisz non ha saputo approfittare della pole e, allo start, è stato preso a sandwich fra Guerrieri ed Ehrlacher, con l’argentino che è uscito primo da curva due, ne ha approfittato anche Tarquini salendo così in seconda posizione.
Lotta fratricida nelle retrovie con Priaulx che è stato speronato dal suo compagno Muller, al quale il collegio dei commissari ha comminato un Drive Through, facendolo sprofondare nelle retrovie.

Guerrieri ha comandato le danze per i primi tre giri ma, a causa di un calo di potenza, ha dovuto far sfilare Tarquini e Michelisz scivolando in terza posizione. Da quel momento l'italiano non ha più mollato il comando dei giochi. Duello intenso anche fra Björk e Girolami con quest’ultimo che ha cercato di non prendere troppi rischi e restare dietro allo svedese in ottica campionato.

Muller, considerando impossibile la rimonta, è stato richiamato ai box terminando anzitempo la gara, seguito poco dopo dalla Cupra di Haglöf. Gara nera per Guerrieri quando all’undicesimo passaggio la sua Honda è andata dritta contro le barriere di protezione dell’ultima curva, forse per problemi allo sterzo, causando l’ingresso della safety-car.

Neanche il tempo di far ripartire la gara, quando mancano tre giri al termine, che Ceccon è stato autore di un dritto conto il guardrail, richiamando in pista il secondo intervento della vettura di sicurezza. Il direttore di gara ha quindi deciso di porre fine alle ostilità facendo transitare le vetture sotto la bandiera a scacchi in regime di SC. Da segnalare l’ottimo quarto posto di Azcona che continua ad incamerare punti importanti ai fini della classifica, buon settimo posto per Huff, il migliore fra i piloti Volkswagen; spetta ancora una volta a Vernay la palma di miglior pilota di casa Audi con il suo undicesimo posto.

Domenica 28 aprile 2019, gara 3

1 - Gabriele Tarquini (Hyundai) - BRC - 17 giri
2 - Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 0"739
3 - Yann Ehrlacher (Lynk & co) - Cyan - 1"535
4 - Mikel Azcona (Cupra) - PWR - 1"785
5 - Thed Björk (Lynk & co) - Cyan - 2"112
6 - Nestor Girolami (Honda) - Münnich - 2"862
7 - Rob Huff (Vw) - Loeb - 3"051
8 - Augusto farfus (Hyundai) - BRC- 3"721
9 - Nicky Catsburg (Hyundai) - BRC - 5"770
10 - Jean-Karl Vernay (Audi) - WRT - 6"582
11 - Aurélien Panis (Cupra) - Comtoyou - 6"892
12 - Frederic Vervish (Audi) - Comtoyou - 7"351
13 - Tom Coronel (Cupra) - Comtoyou - 8"656
14 - Attila Tassi (Honda) - KCMG - 10"748
15 - Mehdi Bennani (Vw) - Loeb - 12"549
16 - Tiago Monteiro (Honda) - KCMG - 14"107
17 - Benjamin Leuchter (Vw) - Loeb - 14"662
18 - Niels Langeveld (Audi) - Comtoyou - 14"862
19 - Ma Qinghua (Alfa Romeo) - Mulsanne - 18"418
20 - Andy Priaulx (Lynk & co) - Cyan - 18"932
21 - Gordon Shedden (Audi) - WRT - 19"836
22 - Johan Kristoffersson (Vw) - Loeb - 20"175
23 - Tamas Tenke (Cupra) - Zengo - 21"292
24 - Daniel Haglöf (Cupra) - PWR - 21"547
Giro veloce: Rob Huff 1'55"046

Ritirati
Kevin Ceccon 
Esteban Guerrieri  
Yvan Muller 

Il campionato
1.Girolami 100; 2.Guerrieri 90; 3. Bjork 81; 4.Tarquini 79; 5.Vernay 68; 6.Azcona 55; 7.Muller 51; 8.Michelisz 48; 9.Vervish 47; 10.Ehrlacher 44.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone