6 Mag [14:23]

Mid-Ohio - Gara
La prima di Montoya-Cameron

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

E' finalmente arrivata a Mid-Ohio la prima vittoria IMSA come equipaggio per Juan Pablo Montoya e Dane Cameron, nel ritorno al successo anche per il team Penske e per le Acura su base Oreca. La coppia della compagine americana ha duellato per tutta la corsa con la Mazda Joest che partiva in pole con Oliver Jarvis e Tristan Nunez. I due e quipaggi si sono sfidati a lungo, scambiandosi anche più volte posizioni ma, alla fine, decisivo è risultato un pit-stop velocissimo del team del Capitano. Montoya, al volante nelle fasi finali, ha mantenuto con autorità il controllo. Per Joest e la Mazda anche il secondo posto è una boccata d'ossigeno dopo delle difficoltà a inizio stagione. Soprattutto, considerato anche il contemporaneo terzo posto dell'altro esemplare della vettura su base Riley con Jonathan Bomarito e Ryan Hunter-Reay, chiamato come guest star a rimpiazzare Harry Tincknell impegnato nel WEC a Spa.

Quarta l'unica delle Dallara-Cadillac a pieni giri, quella dei Brasiliani Pipo Derani e Felipe Nasr e del team ActionExpress. A fargli perdere tempo anche una penalità. Un contatto ha fatto perdere tempo invece alla seconda Acura Penske.

Predominio Porsche nella GTLM, con il successo di Earl Bamber e Laurens Vanthoor. Il neozelandese è stato aiutato dal team a guadagnare la leadership all'ultimo passaggio ai box nei confronti della Corvette di Antonio Garcia e Jan Magnussen. Terzo posto dopo un contatto con la BMW di Tom Blomqvist per la seconda Porsche, quella di Pilet-Tandy davanti alla BMW dello svedese e di Tom Blomqvist.

In GT Daytona, prima vittoria per il team AIM Vasser Sullivan con la Lexus, grazie a un sorpasso di Jack Hawksworth nei confronti di Mario Farnbacher, al volante della Acura NSX Shank. Terzo posto per la Lamborghini di Sellers-Hardwick.

Domenica 5 maggio 2019, gara

1 - Cameron/Montoya (Acura DPi) - Penske - 123 giri 2.41’05”736
2 - Jarvis/Nunez (Mazda DPi) - Joest - 2”022
3 - Bomarito/Hunter-Reay (Mazda DPi) - Joest - 30”050
4 - Nasr/Derani (Cadillac DPi) - AXR - 39”114
5 - Taylor/Castroneves (Acura DPi) - Penske - 1 giro
6 - Van Der Zande/Taylor (Cadillac DPi) - Taylor - 1 giro
7 - Trummer/Simpson (Cadillac DPi) - JDC-Miller - 1 giro
8 - Barbosa/Albuquerque (Cadillac DPi) - AXR - 1 giro
9 - Owen/Kaiser (Cadillac DPi) - Juncos - 1 giro
10 - Goikhberg/Vautier (Cadillac DPi) - JDC-Miller - 1 giro
11 - McMurry/Lux (Oreca P2) - PR1 - 7 giri
12 - Bamber/Vanthoor (Porsche 911) - Porsche - 7 giri
13 - Magnussen/Garcia (Corvette) - Corvette - 7 giri
14 - Pilet/Tandy (Porsche 911) - Porsche - 7 giri
15 - Blomqvist/De Phillippi (BMW M8) - RLL - 7 giri
16 - Briscoe/Westbrook (Ford GT) - Ganassi - 7 giri
17 - Krohn/Edwards (BMW M8) - RLL - 7 giri
18 - Mueller/Bourdais (Ford GT) - Ganassi - 8 giri
19 - Heistand/Hawksworth (Lexus RCF) - AIM - 9 giri
20 - Farnbacher/Hindman (Acura NSX) - Shank - 9 giri
21 - Sellers/Hardwick (Lamborghini Huracan) - Miller - 10 giri
22 - Long/Seefried (Porsche 911) - Park Place - 10 giri
23 - Montecalvo/Bell (Lexus RCF) - AIM - 10 giri
24 - Riberas/Hardeman (Audi R8) - Moorespeed - 10 giri
25 - MacNeil/Vilander/Westphal (Ferrari 488) - Scuderia Corsa - 11 giri
26 - Potter/Lally (Lamborghini Huracan) - Magnus - 11 giri
27 - Chase/Dalziel (Audi R8) - Starworke - 11 giri
28 - Legge/Nielsen (Acura NSX) - Heinricher - 11 giri
29 - Robinson/Aschenbach (Lamborghini Huracan) - PPM - 11 giri
30 - Hargrove/Robichon (Porsche 911) - Pfaff - 16 giri
31 - Gavin/Milner (Corvette) - Corvette - 18 giri
32 - Bennett/Braun/Dumas (Nissan DPi) - CORE - 26 giri

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone