13 Nov [22:31]

Stoner e la Ducati,
si chiude la collaborazione

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
La storia tra Casey Stoner e la Ducati arriva al capolinea. È stata infatti ufficializzata la decisione, presa di comune accordo e nell'aria da qualche tempo, di concludere la collaborazione che durava da tre stagioni. Nel 2016 l'australiano era tornato alla corte di Borgo Panigale ricoprendo il ruolo di collaudatore (anche per la produzione stradale) e di ambasciatore del marchio, senza mai affrontare almeno qualche Gran Premio da wild-card come avrebbero però sognato tanti appassionati.

"Voglio ringraziare la Ducati per i grandi ricordi e per il supporto dei tifosi, sono cose che non dimenticherò mai. In questi tre anni ho amato il mio lavoro con la squadra test, gli ingegneri e i tecnici per migliorare il pacchetto della Desmosedici", ha commentato il due volte iridato della MotoGP. "Per il futuro, auguro con sincerità tutto il massimo al team".

"Casey sarà sempre nel cuore dei ducatisti, anche a loro nome lo ringraziamo per l'importante contributo che ci ha offerto negli ultimi tre anni. Le sue indicazioni e suoi suggerimenti hanno aiutato la Desmosedici a diventare una delle moto più competitive in griglia, e altrettanto preziosi sono stati i suoi consigli per i modelli di serie", ha invece dichiarato l'amministratore delegato Claudio Domenicali.

Stoner è stato l'unico pilota a conquistare l'iride della classe regina con la Rossa, nel 2007, al suo secondo campionato in MotoGP. Dopo un totale di 23 successi, Stoner passò nel 2011 alla Honda, vincendo subito il suo secondo Mondiale, per poi concludere l'attività agonistica a fine 2012.