8 Giu [8:56]

Nuovi orari al venerdì dal 2021,
team scettici sui piani di Liberty Media

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Jacopo Rubino - Photo4

C'è anche il format dei weekend, nel mirino della rivoluzione 2021 allo studio in Formula 1. Più precisamente il venerdì: lo ha anticipato Auto Motor und Sport, secondo cui FIA e Liberty Media vogliono spostare in avanti le sessioni di prove libere, almeno nei Gran Premi europei. Il primo turno si svolgerebbe dalle 13 alle 14:30 (invece che dalle 11 attuali), il secondo dalle 17:00 alle 18:30 (invece che alle 15). La scelta è dettata da esigenze televisive: in un giorno feriale, il pubblico avrebbe così maggiori possibilità di sintonizzarsi dopo l'uscita dal lavoro.

Sarebbe una misura meno radicale di quelle di cui si è discusso in passato, come l'abolizione in toto delle attività in pista al venerdì. Dall'agenda verrebbe comunque eliminato il giovedì, oggi incentrato sulla conferenza stampa dei piloti. Gli incontri con i media slitterebbero al venerdì mattina, insieme alle verifiche tecniche. Dopo le quali scatterebbe subito il regime di parco chiuso, al momento fissato dopo la FP3.

I puristi storceranno il naso, ma servirebbe a contenere le spese impedendo che le scuderie più ricche possano inviare nuovi pezzi sui circuiti all'ultimo momento, come a volte accade. Per fortuna, non sarà un divieto assoluto allo studio degli assetti: semplicemente, le regolazioni potranno essere effettuate sulle componenti omologate alle verifiche. In caso di incidente o di problemi tecnici, invece, potranno essere montate parti identiche a quelle approvate dai commissari. In FP1 e FP2 le scuderie potrebbero testare le novità introdotte, ma al sabato dovranno tornare alla configurazione base.

Toto Wolff, team principal Mercedes, non si è detto certo favorevole: "Non conosco nessun campionato in cui durante un weekend siano vietati i cambiamenti alle macchine. E non credo che si debba iniziare dalla F1, la categoria di vertice del motorsport". Il manager austriaco ha aggiunto: "Questo potrebbe portare a tante penalità se le auto fossero da ricostruire dopo un incidente. Si vuole rendere la competizione più imprevedibile, ma andremmo a spendere di più in simulazioni e renderemmo tutto più statico, non potendo intervenire sulle vetture per tre giorni".

Comprimere il programma degli appuntamenti sarebbe un passo verso un ulteriore allargamento del calendario, che oggi comprende già 21 trasferte. Ma Wolff ha avvertito: "Non credo che sia possibile andare molto oltre, a meno di non introdurre una squadra parallela. Abbiamo già iniziato a fare delle rotazioni sul personale, ma non è così facile". Scettico anche Franz Tost, responsabile Toro Rosso: "Non credo che tutto questo faccia una grossa differenza. Ciò a cui serve guardare è migliorare lo spettacolo, ridurre i costi, distribuire i guadagni in maniera era. Il parco chiuso è assolutamente secondario".

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone