26 Set [22:20]

Schieramento non completo nella gara di Zandvoort

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
La A1 Grand Prix sarà a Zandvoort il prossimo weekend. E questa è una buona notizia. Ma lo schieramento delle vetture non sarà completo. E questo era stato ampiamente previsto da Italiaracing. Per la prima volta è la stessa A1 Grand Prix a comunicare che nella prova di Zandvoort, la prima stagionale dopo la cancellazione del Mugello, mancheranno dei team. Lo dice Pete Da Silva, amministratore delegato della categoria.

Il quale sottolinea come il problema sia dovuto al ritardo di costruzione delle macchine. Ovviamente il sistema si è bloccato per motivi economici. Fino a poche settimane fa, la A1 GP non aveva ancora pagato i premi del precedente campionato, di conseguenza i proprietari delle franchigie non avevano corrisposto la cifra necessaria agli organizzatori per partecipare al campionato e quindi questi ultimi si sono trovati in difficoltà con i fornitori.

A Zandvoort quindi ci saranno poche macchine. Non è ancora dato sapere in quanti scenderanno in pista. Sicuramente la prova olandese non sarà valida per il campionato sia perché mancano dei concorrenti sia perché per molti Zandvoort rappresenterà il primo contatto con la pista con una macchina completamente nuova. La dimostrazione della crisi la si legge anche nella definizione del programma della trasferta olandese.

Non si prova il venerdì (ed è la prima volta nella storia della A1) e non c'è la sessione per i rookie La speranza è che a Chengdu, in Cina, il 7-9 novembre, lo schieramento sia completo. Si terranno due turni di prove libere il sabato mattina, rispettivamente di un'ora e cinquanta minuti e di sessanta minuti, poi nel pomeriggio si svolgeranno le qualifiche, sullo stile dello scorso campionato. Le due gare la domenica con la Sprint e la Feature Race.

Massimo Costa

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone