3 Giu [21:06]

Test a Le Mans
Toyota davanti, ma c'è pretattica?

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

La giornata di test ufficiali in vista della 24 Ore di Le Mans ha faticato a dare verdetti chiari, quantomeno per quanto riguarda le prime posizioni. Se è vero che le Toyota hanno chiuso al comando (il miglior tempo è stato di Sebastien Buemi) molti, a partire da Fernando Alonso hanno guardato con sospetto al distacco tra le TS050 e le LMP1 private, distacco incrementato rispetto al 2018 nonostante un Equivalence Of Technology più favorevole. Tra l'altro, in Rebellion si conterà anche su un pacchetto aerodinamico a bassa downforce aggiornato: tutti attendono di vedere quali saranno i valori al via delle ostilità.

A un secondo sguardo, privati meno lontani
Un elemento da considerare è anche che Buemi si è superato, scendendo sotto il muro dei 3 minuti e 20 secondi. A oltre otto decimi su Mike Conway, sull'esemplare gemello, e compagno di vettura di Fernando Alonso. Ragionando sui tempi "normali" André Lotterer si è rivelato più vicino di quanto si potrebbe dire a prima vista, chiudendo in scia al tempo di Kazuki Nakajima, a otto decimi dal top. Molto più indietro, a 2"6, la prima delle Dallara/BR del team SMP Racing con uno Stoffel Vandoorne in forma. Poco dietro di lui la seconda Rebellion, con al volante Nathanael Berthon, e la vettura di Varano De' Melegari di Stephane Sarrazin. A scendere, i distacchi aumentano ulteriormente, andando fino ad oltre 7".  Da segnalare che in pista è sceso con la Toyota numero 8 anche Brendon Hartley, per un breve shakedown.

Debutta (sulla carta) il marchio Aurus
In LMP2 al top Ho-Pin Tung, con la prima Oreca del team di Jackie Chan. L'altro esemplare ha invece patito una rottura meccanica, costringendo all'esposizione della bandiera rossa. Subito dietro il DragonSpeed, col redivivo Pastor Maldonado, mentre in Signatech Nicolas Lapierre ha incamerato il terzo posto. Prevalenza per le Oreca, che hanno occupato le prime sei posizioni davanti alla Dallara di Van Eerd-Van Der Garde-De Vries. Oltre al team Signatech però, anche il G-Drive Racing ha rimarchiato la propria vettura, portando in pista i colori del marchio russo di auto super-lusso Aurus. Più indietro, ma concentrata più sulla messa a punto che sui riscontri cronometrici, la Dallara tutta italiana del team Cetilar.

Top-6 in tre decimi nella GTE-Pro
Al top della GTE-Pro ha concluso la Corvette C7.R di Mike Rockenfeller. Come sempre, la categoria è stata incredibilmente "tirata", ma sono state tre vetture a stelle e strisce a fare la differenza. Seconda a 3 centesimi ha chiuso la Ford GT di Harry Tincknell, davanti di 4 millesimi all'altra Corvette di Tommy Milner. Come detto, divari praticamente inesistenti. Davide Rigon si è piazzato quarto con la prima delle Ferrari AF Corse a meno di un decimo di distacco, con le Porsche di Nick Tandy e Gimmi Bruni praticamente in coda. A mezzo secondo la migliore delle Aston Martin, guidata da Alex Lynn.

Dominio Ferrari, esordio Ford in GTE-Am
In GTE-Am Ferrari dominatrici assolute: la Scuderia Corsa ha terminato al top con Toni Vilander, seguito da Matt Griffin per il team Clearwater e dai due piloti dell'AF Corse sulla vettura numero 54: Giancarlo Fisichella e Francesco Castellacci. A seguire, Kei Cozzolino e Andrea Piccini. Sesta la prima delle Porsche con Ben Barker. In questa categoria si è visto il debutto per la prima volta di una Ford GT privata, quella coloratissima di Ben Keating, Jeroen Bleekemolen e Felipe Fraga.

Domenica 2 giugno 2019, test

1 - Buemi/Nakajima/Alonso/Hartley (Toyota TS050) - Toyota - 3'19"440
2 - Conway/Kobayashi/Lopez/Hartley (Toyota TS050) - Toyota - 3'20"249
3 - Jani/Lotterer/Senna (Rebellion R13/Gibson) - Rebellion - 3'21"323
4 - Petrov/Aleshin/Vandoorne (BR1/ER) - SMP - 3'22"061
5 - Laurent/Berthon/Menezes (Rebellion R13/Gibson) - Rebellion - 3'22"194
6 - Sarrazin/Orudzhev/Sirotkin (BR1/AER) - SMP - 3'22"199
7 - Hedman/Hanley/Van Der Zande (BR1/Gibson) - DragonSpeed - 3'25"211
8 - Dillmann/Webb/Ruberti (Enso CLM P1/01/Gibson) - Bykolles - 3'26"991
9 - Tung/Richelmi/Aubry (Oreca 07/Gibson) - DC Racing - 3'28"504
10 - Gonzalez/Maldonado/Davidson (Oreca 07/Gibson) - DragonSpeed - 3'28"769
11 - Lapierre/Negrão/Thiriet (Alpine A470/Gibson) - Signatech - 3'28"997
12 - Gommendy/Capillaire/Hirschi/Cougnaud (Oreca 07/Gibson) - Graff - 3'29"901
13 - Perrodo/Vaxiviere/Duval (Oreca 07/Gibson) - TDS - 3'30"319
14 - Rusinov/Van Uitert/Vergne (Aurus 01/Gibson) - G-Drive - 3'30"457
15 - Van Eerd/Van Der Garde/De Vries (Dallara P217 Gibson) - RTN - 3'30"674
16 - Jamin/Ragues/Dumas (Oreca 07/Gibson) - Duqueine - 3'30"715
17 - Cullen/Brundle/ (Ligier JSP217/Gibson) - United - 3'30"847
18 - Zollinger/Pizzitola/Falb/French (Oreca 07/Gibson) - Algarve - 3'31"074
19 - Lafargue/Chatin/Rojas (Oreca 07/Gibson) - IDEC Sport - 3'31"332
20 - Heinemeier-Hansson/King/Taylor (Oreca 07/Gibson) - DC Racing - 3'31"641
21 - Binder/Canal/Stevens/Buret (Ligier JSP217/Gibson) - Panis Barthez - 3'31"694
22 - Farano/Maini/Nato (Oreca 07/Gibson) - RLR - 3'32"192
23 - Hanson/Albuquerque/Di Resta (Ligier JSP217/Gibson) - United Autosports - 3'32"242
24 - Lacorte/Sernagiotto/Belicchi (Dallara P217/Gibson) - Villorba - 3'32"551
25 - Fjordbach/Andersen/Beche (Oreca 07/Gibson) - High Class - 3'33"202
26 - Konopka/Enqvist/Tereschenko (Ligier JSP217/Gibson) - ARC - 3'34"322
27 - Smiechowski/Winslow/Moore (Ligier JSP217/Gibson) - Inter Europool - 3'34"987
28 - Creed/Ricci/Boulle/Philippon (Ligier JSP217/Gibson) - Larbre - 3'35"457
29 - Magnussen/Garcia/Rockenfeller (Chevrolet Corvette C7R) - Corvette - 3'54"001
30 - Priaulx/Tincknell/Bomarito (Ford GT) - Ganassi - 3'54"032
31 - Gavin/Milner/Fässler (Chevrolet Corvette C7R) - Corvette - 3'54"036
32 - Rigon/Bird/Molina (Ferrari 488 GTE EVO) - AF Corse - 3'54"103
33 - Pilet/Bamber/Tandy (Porsche 911 RSR) - Porsche - 3'54"233
34 - Bruni/Lietz/Makowiecki (Porsche 911 RSR) - Porsche - 3'54"279
35 - Mücke/Pla/Johnson (Ford GT) - Ganassi - 3'54"460
36 - Pier Guidi/Calado/Serra (Ferrari 488 GTE EVO) - AF Corse - 3'54"497
37 - Lynn/Martin/Adam/Gunn (Aston Martin Vantage AMR) - AMR - 3'54"583
38 - Briscoe/Westbrook/Dixon (Ford GT) - Ganassi - 3'54"718
39 - Hand/Müller/Burdais (Ford GT) - Ganassi - 3'54"784
40 - Müller/Jaminet/Olsen (Porsche 911 RSR) - Porsche - 3'54"996
41 - Christensen/Estre/Vanthoor (Porsche 911 RSR) - Porsche - 3'55"156
42 - Sørensen/Thiim/Turner/Gunn (Aston Martin Vantage AMR) - AMR - 3'55"237
43 - Derani/Jarvis/Gounon (Ferrari 488 GTE EVO) - Risi - 3'55"298
44 - Catsburg/Tomczyk/Eng (BMW M8 GTE) - MTEK - 3'56"415
45 - Farfus/Felix Da Costa/Krohn (BMW M8 GTE) - MTEK - 3'56"742
46 - Macneil/Vilander/Smith (Ferrari F488 GTE) - Scuderia Corsa - 3'56"862
47 - Perez-Companc/Griffin/Cressoni (Ferrari F488 GTE) - Clearwater - 3'56"923
48 - Flohr/Castellacci/Fisichella (Ferrari F488 GTE) - AF Corse - 3'56"935
49 - Kimura/Cozzolino/Ledogar (Ferrari F488 GTE) - Car Guy - 3'57"335
50 - Schiavoni/Piccini/Pianezzola (Ferrari F488 GTE) - Kessel - 3'57"733
51 - Wainwright/Barker/Preining (Porsche 911 RSR) - Gulf - 3'57"749
52 - Campbell/Ried/Andlauer (Porsche 911 RSR) - Dempsey/Proton - 3'57"781
53 - Ishikawa/Beretta/Cheever (Ferrari F488 GTE) - MR Racing - 3'58"048
54 - Gostner/Frey/Gatting (Ferrari F488 GTE) - Kessel - 3'58"262
55 - Dalla Lana/Lamy/Lauda (Aston Martin Vantage) - AMR - 3'58"292
56 - Prette/Prette/Abril (Porsche 911 RSR) - Proton - 3'58"524
57 - Yoluc/Alers-Hankey/Eastwood (Aston Martin Vantage) - TF Sport - 3'58"843
58 - Segal/Baptista/Lu (Ferrari F488 GTE) - JMW - 3'58"855
59 - Hoshino/Roda Jr/Cairoli (Porsche 911 RSR) - Dempsey/Proton - 3'58"866
60 - Bergmeister/Lindsey/Perfetti (Porsche 911 RSR) - Project 1 - 3'59"418
61 - Keating/Bleekemolen/Fraga (Ford GT) - Keating - 3'59"725
62 - Krohn/Jönsson/Long (Porsche 911 RSR) - Dempsey/Proton - 3'59"774

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone