19 Mar [7:31]

Sebring - Gara
Il team Taylor si ripete

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

Seconda vittoria consecutiva nel 2017 dell’IMSA per il Wayne Taylor Racing. Col successo alla 12 Ore di Sebring, la squadra di casa Cadillac ha completato il “Florida sweep” vincendo entrambe le classiche di inizio anno dopo l’affermazione alla 24 Ore di Daytona. Dopo aver preso il comando con un sorpasso di Jordan Taylor ai danni di Filipe Albuquerque, la scuderia di Wayne Taylor ha mantenuto il comando anche durante l’ultima safety-car dopo un pit-stop anticipato. Nulla ha potuto fare Joao Barbosa contro Ricky Taylor nelle fasi finali: con i fratelli di origine sudafricana a festeggiare è stato anche Alex Lynn, alla prima gara nella serie e già al top nei risultati finali.

Le Cadillac DPi hanno completato il podio, dietro ad Albuquerque, Barbosa e Christian Fittipaldi si è piazzata l’altra vettura dell’ActionExpress, nonostante un pericoloso testacoda iniziale ed uno stop a metà pista: al volante Duncan Cameron, Mike Conway e Eric Curran. A 4 giri il primo degli altri prototipi, l’Oreca del team JDC Miller di Chase Miller, Stephen Simpson e Misha Goikhberg. Quinto posto a 29 giri per la Riley-Mazda di Bomarito-Pigot-Nunez, un mezzo miracolo considerando i continui problemi di affidabilità anche se sono state solo sei le auto della classe di punta a terminare la corsa. Problemi elettrici per i polesitter Buemi-Heidfeld-Jani e Rebellion, mentre un guasto ai freni ha spedito a muro la seconda Riley Mazda. I freni hanno tradito Il team VisitFlorida. Scarichi e motore hanno messo KO le due Ligier-Nissan.

Terza vittoria consecutiva per la Corvette in GTLM. La vettura del cravattino, partita in pole con Antonio Garcia e pilotata anche da Jan Magnussen e Mike Rockenfeller, ha preso le redini della corsa nelle ultime ore dopo gli stint al comando della Ford nelle fasi iniziali e della Porsche di Pilet-Werner-Makowiecki. Decisiva si è rivelata una foratura occorsa proprio a Patrick Pilet nelle battute conclusive, seguita da una penalità per essere passato sul tubo dell’aria compressa ai box. Al secondo posto si sono così piazzati per il team Ganassi Dirk Mueller, Joey Hand e Sebastien Bourdais. La Ferrari di Giancarlo Fisichella, James Calado e Toni Vilander ha terminato terza anche grazie ad un testacoda della seconda Ford di Richard Westbrook.

In GTD, la Scuderia Corsa è andata vicina a replicare il successo dello scorso anno. Stavolta, a privare Alessandro Balzan del successo è stato però Jeroen Bleekemolen, che ha dato alla Mercedes il primo alloro nella categoria insieme a Ben Keating e Mario Farnbacher. Il terzo posto è andato ad un’altra Mercedes, quella che con Tristan Vautier aveva centrato la pole. Ha avuto poco da dire la classe LMPC: successo per James French, Pato O’Word e Kevin Masson per il team Performance Tech.

Sabato 18 marzo 2017, gara

1 - Taylor/Taylor/Lynn (Cadillac DPi) - Taylor - 348 giri
2 - Barbosa/Fittipaldi/Albuquerque (Cadillac DPi) – AXRacing - 13”614
3 - Cameron/Curran/Conway (Cadillac DPi) – AXRacing - 2 giri
4 - Miller/Simpson/Goikhberg (Oreca 07) – JDC-Miller - 4 giri
5 - French/O'Ward/Masson (Oreca FLM09) – Perf.Tech - 10 giri
6 - Grist/Hanratty/Rayhall (Oreca FLM09) – Starworks - 12 giri
7 - Garcia/Magnussen/Rockenfeller (Corvette C7.R) – Corvette - 14 giri
8 - Mueller/Hand/Bourdais (Ford GT) – Ganassi - 14 giri
9 - Vilander/Calado/Fisichella (Ferrari 488 GTE) – Risi - 14 giri
10 - Briscoe/Westbrook/Dixon (Ford GT) – Ganassi - 14 giri
11 - Mucke/Pla/Johnson (Ford GT) – Ganassi - 14 giri
12 - Auberlen/Sims/Wittmer (BMW M6) – Rahal - 14 giri
13 - Pilet/Werner/Makowiecki (Porsche 911 RSR) – Porsche - 14 giri
14 - Estre/Vanthoor/Lietz (Porsche 911 RSR) – Porsche - 16 giri
15 - Drumwright/Ducote/Yacaman/Thompson (Oreca FLM09) – Bar1 - 20 giri
16 - Keating/Bleekemolen/Farnbacher (Mercedes-AMG GT3) – Riley - 23 giri
17 - Nielsen/Balzan/Cressoni (Ferrari 488 GT3) - Scuderia Corsa - 24 giri
18 - Vautier/Habul/Said (Mercedes-AMG GT3) – SunEnergy1 - 24 giri
19 - De Phillippi/Mies/Gounon (Audi R8 LMS GT3) – Land - 24 giri
20 - Sellers/Snow/von Moltke (Lamborghini Huracan) – Miller - 24 giri
21 - Lindsey/Bergmeister/McMurry/Heylen (Porsche 911 GT3 R) - Park Place - 24 giri
22 - Aschenbach/Bell/Davis (Audi R8 LMS GT3) – Stevenson - 24 giri
23 - Segal/Negri Jr./Dyer (Acura NSX GT3) – Shank - 24 giri
24 - Engelhart/Ineichen/Antinucci/Bortolotti (Lamborghini Huracan) – Grasser - 25 giri
25 - De Quesada/Morad/Pumpelly/Christensen (Porsche 911 GT3 R) – Alegra - 25 giri
26 - Lewis/Mul/Sandberg (Lamborghini Huracan) – Change - 26 giri
27 - Busnelli/Babini/Beretta/Collard (Lamborghini Huracan) – Ebimotors - 26 giri
28 - Alon/Hawksworth/Cindric (Lexus RCF GT3) – 3GT - 28 giri
29 - Nunez/Bomarito/Pigot (Mazda DPi) – SpeedSource - 29 giri
30 - Lally/Legge/Wilkins (Acura NSX GT3) – Shank - 30 giri
31 - Sweedler/Bell/Montecalvo (Audi R8 LMS GT3) - Alex Job - 39 giri
32 - Yount/Rice/Burkett/Kvamme (Oreca FLM09) – Bar1 - 46 giri
33 - Bennett/Braun/Jonsson (Porsche 911 GT3 R) – CORE - 65 giri
34 - Anassis/Gdovic/Massari (Lamborghini Huracan) – DAC - 66 giri
35 - Pruett/Karam/James (Lexus RCF GT3) – 3GT - 79 giri
36 - Sbirrazzuoli/Ruberti/Persiani (Lamborghini Huracan) – Dream Racing - 93 giri
37 - Goossens/Van Der Zande/Rast (Riley Dpi) – SDR - 107 giri
38 - Marks/Klingmann/Krohn (BMW M6 GT3) – Turner - 120 giri
39 - Guasch/Gutierrez/Kimber-Smith (Ligier JSP17) – PR1 - 143 giri
40 - Long/Miller/Franchitti (Mazda DPi) – SpeedSource - 168 giri
41 - Buemi/Heidfeld/Jani (Oreca 07) – Rebellion - 181 giri
42 - Brown/van Overbeek/Senna/Hartley (Nissan DPi) – ESM - 190 giri
43 - Edwards/Tomczyk/Catsburg (BMW M6) – Rahal - 199 giri
44 - MacNeil/Jeannette/Van Gisbergen (Mercedes-AMG GT3) – Riley - 216 giri
45 - Sharp/Dalziel/Derani (Nissan DPi) – ESM - 301 giri
46 - Gavin/Milner/Fassler (Corvette C7.R) – Corvette - 306 giri

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone