8 Lug [16:10]

Oschersleben, qualifiche
Prima pole stagionale per Morbidelli

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Alessandro Bucci

Mattinata travagliata sul tracciato dell’Oschersleben, sede della settima tappa del campionato internazionale TCR. Un black out dovuto ad un incendio sviluppatosi nella notte nei pressi della Motorsport Arena ha causato un significativo ritardo delle prove libere 1, facendo slittare gli appuntamenti precedenti le qualifiche, senza contare le numerose bandiere rosse uscite nell’arco di entrambe le sessioni.

A conquistare la pole position all’Oschersleben è stato Gianni Morbidelli del team West Coast, bloccando il crono in 1’31’’426. Il pilota italiano, al termine delle qualifiche, si è detto molto soddisfatto del bilanciamento della propria Volkswagen Golf, e per essere riuscito a ritrovare la prima posizione dopo diverso tempo. In seconda posizione troviamo Jaap Van Lagen del team Leopard, chiamato nel weekend tedesco a dare man forte al compagno di squadra Vernay, attualmente in lotta per il campionato. A tre decimi di distacco dalla pole di Morbidelli troviamo Daniel Lloyd della scuderia Craft Bamboo (reduce da una buona sessione nelle prove libere 2) e Robert Huff, con Pepe Oriola a completare la top 5.

La sessione di qualifica è iniziata con l’ennesimo testacoda di giornata per Jens-Reno Moller, autore in seguito di un’ulteriore uscita di pista che ha causato l’ingresso della bandiera rossa a dodici minuti dal termine (con cronometro bloccato) per permettere ai commissari di percorso di ripulire la pista dalla ghiaia e dalla sporcizia portata dal danese sull’asfalto. Moller ha poi concluso il Q1 con una foratura, a riprova di un weekend decisamente nero sino ad ora per il numero 11.

Gianni Morbidelli del team West Coast ha confermato subito il suo buon stato di forma, portandosi in testa con il buon crono di 1’32’’064 seguito a meno di un secondo dal competitivo Daniel Lloyd della scuderia Craft Bamboo e dal ritrovato Jean-Karl Vernay (attualmente terzo nella classifica piloti) del team Leopard Wrt.

Alla ripresa delle ostilità, dopo la suddetta bandiera rossa, bel recupero di Pepe Oriola della scuderia Craft Bamboo, portatosi nelle prime posizioni, mentre il debuttante tedesco Luca Engstler, già in pole nelle prove libere 1, prendeva la pole provvisoria con un buon 1’32’’024. A sei minuti dal termine del Q1, significativo miglioramento di Morbidelli (1’31’’421) seguito dal sorprendente Jaap van Lagen del team Leopard, autore di un ottimo giro in 1’31’’553. Nelle fasi conclusive del Q1, errori per Duncan Ende (Icarus) e per il campione in carica Stefano Comini, non particolarmente brillante nelle qualifiche.

Manche finale subito rovente grazie al bel duello con il cronometro tra Morbidelli ed Oriola, prontamente incalzati da van Lagen e Altoé, quest’ultimo sopravanzato da Daniel Lloyd del team Craft Bamboo e da Rob Huff della scuderia Leopard. Luca Ensgtler (poleman nelle prove libere 1) è stato costretto al ritiro quando mancavano quaranta secondi al termine, impossibilitato a migliorare la propria prestazione. Il pilota tedesco ha mancato la frenata in curva 1, finendo per parcheggiare la sua Wolkswagen nella via di fuga.

Sessione di qualifica deludente per il leader del campionato Attila Tassi (solamente 13°) e per il campione in carica Stefano Comini, solamente 18°. Roberto Colciago, attualmente secondo nella classifica piloti, non ha brillato firmando solamente l’8° tempo con il crono di 1’32’’130. A partire dalla prima fila di gara 1 saranno Mat’o Homola del team DG Sport e Vernay, un po’ opaco nella fase conclusiva.

Sabato 8 luglio 2017, qualifiche

1 – Gianni Morbidelli (Volkswagen Golf) - West Coast – 1’31’’426 Q2
2 - Jaap Van Lagen (Volkswagen Golf) - Leopard – 1’31’’669 Q2
3 - Daniel Lloyd (Seat Leon) - Craft Bamboo – 1’31’’714 Q2
4 - Robert Huff (Volkswagen Golf) - Leopard – 1’31’’821 Q2
5 - Pepe Oriola (Seat Leon) - Craft Bamboo – 1’31’’834 Q2
6 - Giacomo Altoé (Volkswagen Golf) - West Coast – 1’31’’883 Q2
7 - James Nash (Seat Leon) - Craft Bamboo – 1’31’’954 Q2
8 - Roberto Colciago (Honda Civic) - M1RA – 1’32’’130 Q2
9 - Jean-Karl Vernay (Volkswagen Golf) – Leopard WRT – 1’32’’146 Q2
10 - Mat'o Homola (Opel Astra) - DG Sport – 1’32’’191 Q2
11 - Luca Engstler (Wolkswagen Golf) – Junior Team Engstler – 1’32’’195 Q2
12 - Stian Paulsen (Seat Leon) - Paulsen – 1’32’’773 Q2
13 - Attila Tassi (Honda Civic) - M1RA – 1’32’’722 Q1
14 - Dusan Borkovic (Alfa Romeo Giulietta) - GE-Force – 1’32’’834 Q1
15 - Davit Kajaia (Alfa Romeo Giulietta) - GE-Force – 1’33’’104 Q1
16 - Frederic Vervisch (Audi RS3) - Comtoyou – 1’33’’207 Q1
17 - Aurélien Panis (Honda Civic) – Boutsen Ginion -1’33’’328 Q1
18 - Stefano Comini (Audi RS3) - Comtoyou –1’33’’397 Q1
19 - Ferenc Ficza (Kia cee’d) – Zengo –1’33’’584 Q1
20 - Danny Kroes (Seat Leon) – Ferry Monster -1’33’’704 Q1
21 - Jens Reno Moller (Honda Civic) - Reno –1’34’’114 Q1
22 - Grégoire Demoustier (Opel Astra) - DG Sport –1’34’’164 Q1
23 – Duncan Ende (Seat Léon) - Icarus –1’34’’605 Q1

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone