15 Lug [21:15]

Termas de Río Hondo, qualifica
Pole pazzesca per Catsburg

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Alessandro Bucci

Il WTCC torna in azione per il sesto appuntamento stagionale a circa tre settimane di distanza dal capitolo andato in archivio a Vila Real, in Portogallo. Questo weekend, ad ospitare la corsa argentina, è il tracciato di Termas de Río Hondo, della lunghezza di oltre 4,8 km. Lo scorso anno, a vincere sulla pista argentina ci pensarono Tom Chilton su Citroën C-Elysée nella Opening Race e José María López (al volante della Citroen) nella Main Race.
Quattro piloti tra quelli iscritti all’evento argentino non hanno mai corso sul tracciato Termas de Río Hondo, stiamo parlando di Yann Ehrlacher, Kevin Gleason, Ryo Michigami e Zsolt Dávid Szabó.

Una importante novità riguarda Daniel Nagy del team Zengo, ora al volante della Honda Civic WTCC dotata delle ultime specifiche lasciata libera dal francese Aurélien Panis, accasatosi nel TCR. La precedente macchine dell’ungherese sarà affidata a Zsolt Dávid Szabó. Tiago Monteiro del team Honda JAS guida la classifica piloti con 164 punti, seguito dai piloti Volvo Thed Bjork e Nicky Catsburg, rispettivamente a quota 160 e 154 punti.

Nelle libere 1 il miglior tempo è stato ottenuto da Norbert Michelisz, giunto dinanzi al compagno di squadra Tiago Monteiro. La sessione, ridotta a 30’ a causa della fitta nebbia, è stata fermata dalla direzione gara ancor prima del previsto. Quinto l’idolo di casa Nestor Girolami su Volvo, mentre il debuttante Zsolt Dávid Szabó ha incontrato problemi tecnici sulla sua Honda Civic. Nel turno successivo di libere ad avere la meglio è stato Nicky Catsburg del team Volvo, bravo a precedere il sorprendente Esteban Guerrieri della scuderia Campos.

Ad aggiudicarsi la pole position sul tracciato argentino è stato Nicky Catsburg, grazie ad un giro pazzesco che ha visto il pilota olandese uscire di pista nell’ultimo frangente, rischiando di perdere il controllo della sua Volvo. A seguire i piloti Honda JAS Michelisz e Monteiro, con l’ungherese particolarmente aggressivo al volante della sua Honda Civic. Top 5 chiusa da Esteban Guerrieri del team Campos e da Thed Bjork, non particolarmente brillante nel giro che poteva valergli la Pole per la Main Race argentina.

Nel Q1 problemi tecnici per Ryo Michigami, già in difficoltà nelle PL2, uscito in pista solamente a pochi minuti dal termine siglando un buon tempo. A scendere per primo sotto il muro dell’1’45’’ ci ha pensato Esteban Guerrieri, fissando il crono in 1’44’’515 dinanzi a Catsburg e Nestor Girolami. La prima posizione provvisoria è poi andata ad appannaggio di Michelisz, molto competitivo sulla sua Honda JAS, seguito dal pretendente al titolo Thed Bjork.

A sette minuti dal termine Guerrieri è tornato ad occupare la prima posizione, battuto pochi istanti dopo da Monteiro, primo pilota a scendere sotto al muro dell’1’44’’. Bella prova da parte di John Filippi del team Loeb, a lungo in sesta posizione.
A quattro minuti dalla conclusione del Q1 Catsburg ha realizzato la migliore prestazione, bloccando il crono in 1’43’’448. Nel finale bel recupero per Coronel e Girolami che, grazie ai loro ultimi rispettivi giri, hanno avuto accesso al turno successivo. Tra i piloti esclusi, a gran sopresa, Rob Huff, alle prese con problemi ai freni.

In Q2 subito molto competitivi i piloti del team Honda JAS Michelisz e Monteiro, insidiati da Catsburg e Guerrieri. L’ungherese ha mantenuto la prima posizione provvisoria sino alle fasi finali grazie al crono di 1’43’’135, ma è stato beffato da Catsburg nell’ultimo giro disponibile. Problemi all’anteriore sinistra per Tom Coronel, a lungo fermo ai box ed apparso visibilmente in difficoltà in pista con vistose fumate provenienti dalla ruota incriminata. Ad aggiudicarsi la pole per la Opening Race è stato Yann Ehrlacher del team RC Motorsport, decimo dinanzi a Filippi.

A scendere per primo in pista nel Q3 è stato Guerrieri, autore di un tempo non eccezionale (1’43’’704) viziato da un piccolo errore in frenata nel secondo intermedio. La prestazione dell’argentino è stata migliorata dal leader del campionato Monteiro, autore di un giro privo di sbavature culminato in 1’43’’479, mentre Bjork ha visto sfumare la possibilità di attaccare la pole provvisoria a causa di un errore nel terzo settore. Sempre in gran spolvero Michelisz, molto aggressivo alla guida della sua Honda Civic. L’ungherese ha battuto il compagno di squadra per pochi decimi grazie ad una tornata priva di errori.

Pazzesco il giro di Catsburg, sceso per ultimo in pista ma bravissimo a centrare la Pole con un giro terminato addirittura fuori dal tracciato, rischiando di perdere il controllo della sua Volvo. Il tempo fatto segnare dall’olandese è stato posto sotto investigazione, ma la direzione gara non ha preso provvedimenti.

Vittoria schiacciante del team Volvo su Honda nel MAC3, con la squadra svedese autrice di un tempo complessivo di oltre quindici secondi e mezzo più basso rispetto a quello totalizzato dal team nipponico. A scendere in pista per primi su Honda Civic Monteiro, Michelisz e Michigami, seguiti dal secondo team formato da Girolami, Bjork e Catsburg su Volvo S60.

Sabato 15 luglio 2017, qualifica


1 – Nicky Catsburg (Volvo S60) - Volvo – 1’43’’088 - Q3
2 - Norbert Michelisz (Honda Civic) - Honda JAS – 1’43’’272 - Q3
3 - Tiago Monteiro (Honda Civic) - Honda JAS – 1’43’’479 - Q3
4 - Esteban Guerrieri (Chevrolet RML Cruze) - Campos – 1’43’’704Q3
5 - Thed Bjork (Volvo S60) - Volvo – 1’43’’715 - Q3
6 - Nestor Girolami (Volvo S60) - Volvo – 1’43’’690 - Q2
7 - Mehdi Bennani (Citroën C-Elysée) - Loeb – 1’44’’062 - Q2
8 - Tom Chilton (Citroën C-Elysée) - Loeb – 1’44’’299 - Q2
9 - Ryo Michigami (Honda Civic) - Honda JAS – 1’44’’400 - Q2
10 - Yann Ehrlacher (Lada Vesta) - RC Motorsport – 1’44’’803 - Q2
11 - John Filippi (Citroën C-Elysée) - Loeb – 1’44’’870 - Q2
12 - Tom Coronel (Chevrolet RML Cruze) - ROAL – 1’45’’357 - Q2
13 - Robert Huff (Citroën C-Elysée) - Munnich – 1’45’’178 – Q1
14 - Daniel Nagy (Honda Civic) - Zengo – 1’45’’919 – Q1
15 - Zsolt Dávid Szabó (Honda Civic) – Zengo – 1’46’’079 – Q1
16 - Kevin Gleason (Lada Vesta) - RC Motorsport – 1’46’’432 – Q1

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone