17 Lug [10:15]

Toronto, gara: Newgarden pesca il jolly

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Silvano Taormina

Il risultato delle qualifiche non era stato dei più incoraggianti. Eppure Josef Newgarden è riuscito a ribaltare i pronostici e portare a casa una vittoria difficilmente preventivabile alla vigilia. In molti avrebbero puntato su i suoi compagni di squadra in casa Penske, decisamente più efficaci ieri sul giro singolo, ma alla fine il giovane americano è riuscito ad invertire le gerarchie e bissare il successo ottenuto ad inizio stagione in Alabama. La vittoria a Toronto, la sua seconda su questo tracciato dopo quella del 2015, è frutto soprattutto di una scelta istintiva che ha rimescolato le carte in tavola. La chiave di volta è stata la caution al giro 24, decretata per un lungo di Tony Kanaan in uscita dalla pit-lane. Newgarden, che fino a quel momento navigava a margine della top-five dopo una partenza lineare, ha imboccato la corsia box poco prima che la safety-car facesse il suo ingresso in pista. Stesso discorso per Kimball, Rossi, Hinchcliffe e Andretti.

Diversamente Helio Castroneves, in testa sin dai primi metri a discapito del poleman Pagenaud e di Rahal che gli scattava accanto, si è ritrovato costretto a rientrare per il cambio-gomme in piena neutralizzazione. Circostanza che li ha fatti precipitare a centro gruppo. Ereditata la leadership della gara e reinventa la propria strategia, Newgarden non ha dovuto fare altro che erigere un margine di sicurezza nei confronti di Rossi che lo seguiva. L'americano del team Andretti è riuscito ad riavvicinarsi nel finale, non abbastanza per impensierire il rivale. Sul podio ha chiuso l'idolo di casa James Hinchcliffe, costantemente terzo ma mai della partita per poter puntare al successo. Un rabbioso Pagenaud, dominatore per buona parte del weekend, ha messo in scena una risalita fino alla quinta posizione finale preceduto sul traguardo anche da Andretti. La rimonta non si è concretizzata per Castroneves e Rahal, rispettivamente ottavo e nono dietro a Hunter-Reay e Chilton.

Il decimo posto non era certo il risultato che si aspettava ma, a conti fatti, per Dixon è stato sufficiente per mantenere la testa della classifica piloti. Un risultato da leggersi in chiave positiva alla luce delle varie vicissitudini che hanno caratterizzato la sua gara. Dopo tre curve ha rifilato una gomitata che ha messo k.o. Will Power, un altro che puntava ai piani alti, ritrovandosi costretto a rientrare subito ai box per le dovute riparazioni. Una penalità per irregolarità al pit-stop lo hanno fatto precipitare ancora più indietro costrigendolo ad una cavalcata dalle retrovie. Alla fine riuscito a risalire fino alla top-ten portando a casa dei punti che a fine stagione potrebbero fare la differenza. In campionato, infatti, Dixon mantiene qualche lunghezza di vantaggio sul quartetto di casa Penske capitanato da Castroneves che lo minaccia alle spalle. Buona la prova di Saavedra, undicesimo al rientro in Indycar dopo un weekend iniziato in salita, mentre Gutierrez ha chiuso quattordicesimo dopo il brutto incidente in qualifica che lo ha relegato a fondo griglia.

Domenica 16 luglio 2017, gara

1 - Josef Newgarden (Dallara DW12-Chevy) - Penske - 85 giri in 1.35'05''352
2 - Alexander Rossi (Dallara DW12-Honda) - Andretti - 1''871
3 - James Hinchcliffe (Dallara DW12-Honda) - SPM - 4''702
4 - Marco Andretti (Dallara DW12-Honda) - Andretti - 18''741
5 - Simon Pagenaud (Dallara DW12-Chevy) - Penske - 19''427
6 - Ryan Hunter-Reay (Dallara DW12-Honda) - Andretti - 27''39
7 - Max Chilton (Dallara DW12-Honda) - Ganassi - 28''339
8 - Helio Castroneves (Dallara DW12-Chevy) - Penske - 28''941
9 - Graham Rahal (Dallara DW12-Honda) - RLL - 29''769
10 - Scott Dixon (Dallara DW12-Honda) - Ganassi - 30''337
11 - Sebastian Saavedra (Dallara DW12-Honda) - SPM - 32''767
12 - Charlie Kimball (Dallara DW12-Honda) - Ganassi - 36''482
13 - JR Hildebrand (Dallara DW12-Chevy) - ECR - 52''891
14 - Esteban Gutierrez (Dallara DW12-Honda) - Coyne - 53''986
15 - Carlos Munoz (Dallara DW12-Chevy) - Foyt - 57''278
16 - Takuma Sato (Dallara DW12-Honda) - Andretti - 1'01''846
17 - Conor Daly (Dallara DW12-Chevy) - Foyt - 1'02''375
18 - Spencer Pigot (Dallara DW12-Chevy) - ECR - 1 giro
19 - Tony Kanaan (Dallara DW12-Honda) - Ganassi - 1 giro

Giro più veloce: Marco Andretti 1'00''235

Ritirati
Ed Jones (Dallara DW12-Honda)
Will Power (Dallara DW12-Chevy)

Il campionato
1. Dixon 423; 2. Castroneves 420; 3. Pagenaud 404; 4. Newgarden 400; 5. Power, Rahal 259; 7. Sato 351; 8. Rossi 330; 9. Kanaan 306; 10. Hinchcliffe 297.

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone