8 Ott [4:49]

Suzuka – Libere 1
Red Bull padrona

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Si apre, come da pronostico, sotto il segno delle Red Bull il week-end del GP della Formula 1 in Giappone. Il più veloce al termine della prima sessione di prove libere è risultato essere Sebastian Vettel. Il pilota tedesco ha fermato i cronometri sul tempo di 1’32”585 al termine dei 23 giri percorsi, precedendo di soli 48 millesimi il compagno Mark Webber. Inavvicinabili le creature di Adrian Newey per gli tutti gli altri, o quasi. Lewis Hamilton, con il quinto tempo finale, ha percorso solo nove tornate prima di uscire di pista e disintegrare la sospensione anteriore della McLaren, e accusa sulla tabella di marcia un secondo di ritardo.

Ma ad eccezione dell’inglese ex-campione del mondo, la situazione è critica, se non "tragica". Robert Kubica, terzo, e come sempre tra i protagonisti sui circuiti dove il pilota fa ancora la differenza, accusa oltre mezzo secondo di ritardo. Sorprendente invece Adrian Sutil. Il tedesco porta la Force India al quarto posto, scavalcando di quattro millesimi l’altra monoposto motorizzata Mercedes in Top 5, la McLaren di Hamilton. Nelle prime cinque posizioni sono ben tre i motori Renault al top, seguiti da due unità della casa di Stoccarda. Notevole passo avanti anche della Williams, che era fiduciosa per i nuovi sviluppo portati su questa pista. Rubens Barrichello, sesto, precede il compagno Nico Hulkenberg, alla sua prima presa di contatto con l’impegnativo circuito giapponese. Chiudono la Top-10 altri tre piloti tedeschi, con le Mercedes di Michael Schumacher e Nico Rosberg, che mettono a sandwich la Sauber del rientrante Nick Heidfeld.

Nicchiano invece gli altri pretendenti al titolo. Come al solito conservativa la Ferrari che piazza Felipe Massa in undicesima posizione e Fernando Alonso in tredicesima, mentre in mezzo a loro si inserisce l’altra McLaren, quella di Jenson Button, che spera nelle previsioni che danno maltempo per le qualifiche di domani e la gara di domenica. Non benissimo gli italiani. Solo sedicesimo Tonio Liuzzi, a sette decimi dal compagno Sutil, mentre Jarno Trulli, che lo scorso anno conquistò il secondo gradino del podio con la Toyota, è ventunesimo alle spalle del compagno Heikki Kovalainen e della Virgin di Timo Glock. Cambia in questa sessione il compagno del pilota tedesco, con Jerome D’Ambrosio che ha preso il posto di Lucas Di Grassi, mentre nella gara di casa Sakon Yamamoto ha riavuto il volante da Christian Klien.

Antonio Caruccio

Nella foto, Sebastian Vettel (Photo 4)

Venerdì 8 ottobre 2010, libere 1

1 - Sebastian Vettel (Red Bull RB6-Renault) - 1'32"585 - 23 giri
2 - Mark Webber (Red Bull RB6-Renault) - 1'32"633 - 23
3 - Robert Kubica (Renault R30) - 1'33"129 - 23
4 - Adrian Sutil (Force India VJM03-Mercedes) - 1'33"639 - 13
5 - Lewis Hamilton (McLaren MP4/25-Mercedes) - 1'33"643 – 9
6 - Rubens Barrichello (Williams FW32-Cosworth) - 1'33"677 - 21
7 - Nico Hulkenberg (Williams FW32-Cosworth) - 1'33"707 - 24.
8 - Michael Schumacher (Mercedes MGP W01) - 1'33"739 - 20
9 - Nick Heidfeld (Sauber C29-Ferrari) - 1'33"791 - 23
10 - Nico Rosberg (Mercedes MGP W01) - 1'33"831 – 9
11 - Felipe Massa (Ferrari F10) - 1'33"929 - 25
12 - Jenson Button (McLaren MP4/25-Mercedes) - 1'34"042 - 19
13 - Fernando Alonso (Ferrari F10) - 1'34"169 - 23
14 - Kamui Kobayashi (Sauber C29-Ferrari) - 1'34"271 - 19.
15 - Vitaly Petrov (Renault R30) - 1'34"373 – 24
16 - Vitantonio Liuzzi (Force India VJM03-Mercedes) - 1'34"379 - 21
17 - Sebastien Buemi (Toro Rosso STR5-Ferrari) - 1'34"991 - 26
18 - Jaime Alguersuari (Toro Rosso STR5-Ferrari) - 1'35"684 - 22
19 - Heikki Kovalainen (Lotus T127-Cosworth) - 1'36"949 - 25
20 - Timo Glock (Virgin VR01-Cosworth) - 1'37"329 – 17.
21 - Jarno Trulli (Lotus T127-Cosworth) - 1'37"388 - 23.
22 – Jerome D’Ambrosio (Virgin VR01-Cosworth) - 1'37"778 - 23
23 - Bruno Senna (Hispania F110-Cosworth) - 1'38"814 - 28
24 – Sakon Yamamoto (Hispania F110-Cosworth) - 1'39"443 - 26

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone