1 Set [15:22]

Spa - Qualifica
Button e Kobayashi in prima fila!

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Massimo Costa

Una qualifica a dir poco sorprendente quella di Spa, che ha consegnato con pieno merito la pole a Jenson Button. Il pilota inglese non partiva daanti a tutti da oltre tre anni, precisamente da Monaco 2009 quando guidava la Brawn-Mercedes che gli permise di vincere il titolo iridato di quella stagione. Per Button è dunque la prima pole al volante della McLaren-Mercedes, team nel quale è approdato nel 2010. Gli alti e bassi di Button sono noti a tutti, ma il periodo nero sembra essersi concluso a Silverstone in quanto a Hockenheim e Budapest in qualche maniera era riuscito ad essere convincente tra qualifiche e gare.

La pausa estiva ha riportato il circus sulla pista più affascinante e complicata, quella dove per andare forte serve il piede pesante, ma certamente anche una monoposto ben bilanciata. E qui sta il punto cruciale. La pioggia del venerdì, il sole di oggi, hanno scombussolato non poco i piani dei team che per preparare la qualifica e la gara hanno avuto a disposizione soltanto i 60 minuti del terzo turno libero. Chi ha lavorato meglio ne ha tratto sicuramente vantaggio. Button ha sfruttato perfettamente anche la nuova ala posteriore, non utilizzata da Lewis Hamilton, che infatti si è lamentato per la differenza in velocità sui rettilinei rispetto al compagno di squadra, concludendo soltanto settimo.

La Sauber-Ferrari è stata velocissima nel terzo turno libero e si è confermata in qualifica con Kamui Kobayashi capace di segnare il secondo tempo assoluto. È la prima volta nella storia della F.1 che un pilota giapponese parte dalla prima fila. Pastor Maldonado sappiamo tutti che si esalta sui circuiti dove il pilota fa la differenza. Aiutato da una Williams-Renault perfetta, il venezuelano questa volta non ha commessoo banali errori come in altre occasioni ed ha colto il terzo tempo davanti a Kimi Raikkonen con la Lotus-Renault, primo dei big in lizza per il titolo.

Il finlandese a Spa si esalta, non va dimenticato la sua meravigliosa vittoria con una Ferrari poco competitiva nel 2009. Raikkonen ha preceduto un bravo Sergio Perez, quinto con la seconda Sauber-Ferrari, e poi Fernando Alonso. C'è sicuramente rammarico per la terza fila del leader del mondiale, ma la Ferrari ha preferito sacrificare qualcosa in qualifica per disegnare un assetto più scarico che la potrebbe favorire in gara. A Spa non ci sono certo problemi di sorpassi. Hamilton è settimo e deluso, Romain Grosjean ha concluso ottavo, ma ci si aspettava di più.

Bravo Paul Di Resta con la Force India-Mercedes, nono, poi in decima posizione troviamo Sebastian Vettel. Il tedesco è entrato nella top ten solo grazie alle penalità nella quale è incorso il suo compagno Mark Webber per la sostituzione del cambio. Vettel aveva fallito l'ingresso nel Q3 risultando undicesimo, cosa che praticamente non gli era mai capitata. Facce deluse in Red Bull, con il campione del mondo che ha dichiarato di non aver capito il motivo di questa debacle. Male anche la Mercedes, con Michael Schumacher tredicesimo. E dire che Spa era la sua pista e domani festeggerà i 300 GP. Colpa sua? Colpa di una Mercedes che non riesce a fare il salto di qualità? Nico Rosberg non è neanche entrato in Q2, diciottesimo, dopo non aver potuto sfruttare l'ultimo giro veloce avendo preso la bandiera a scacchi per primo. Lascia senza parole Felipe Massa, quattordicesimo. Ha accusato un comportamento anomalo della macchina nel secondo settore, che però è quello più guidato. Chi vuole intendere...

Lo schieramento di partenza

1. fila
Jenson Button (McLaren MP4/27-Mercedes) - 1'47"573 - Q3
Kamui Kobayashi (Sauber C31-Ferrari) - 1'47"871 - Q3
2. fila
Pastor Maldonado (Williams FW34-Renault) - 1'47"893 - Q3
Kimi Raikkonen (Lotus E20-Renault) - 1'48"205 - Q3
3. fila
Sergio Perez (Sauber C31-Ferrari) - 1'48"219 - Q3
Fernando Alonso (Ferrari F2012) - 1'48"313 - Q3
4. fila
Lewis Hamilton (McLaren MP4/27-Mercedes) - 1'48"394 - Q3
Romain Grosjean (Lotus E20-Renault) - 1'48"538 - Q3
5. fila
Paul Di Resta (Force India VJM05-Mercedes) - 1'48"890 - Q3
Sebastian Vettel (Red Bull RB8-Renault) - 1'48"792 - Q2
6. fila
Nico Hulkenberg (Force India VJM05-Mercedes) - 1'48"855 - Q2
Mark Webber (Red Bull RB8-Renault) - 1'48"392 ** - Q1
7. fila
Michael Schumacher (Mercedes MGP W03) - 1'49"081 - Q2
Felipe Massa (Ferrari F2012) - 1'49"147 - Q2
8. fila
Jean-Eric Vergne (Toro Rosso STR7-Ferrari) - 1'49"354 - Q2
Daniel Ricciardo (Toro Rosso STR7-Ferrari) - 1'49"543 - Q2
9. fila
Bruno Senna (Williams FW34-Renault) - 1'50"088 - Q2
Heikki Kovalainen (Caterham CT01-Renault) - 1'51"739 - Q1
10. fila
Vitaly Petrov (Caterham CT01-Renault) - 1'51"967 - Q1
Timo Glock (Marussia MR01-Cosworth) - 1'52"336 - Q1
11. fila
Pedro De La Rosa (HRT F112-Cosworth) - 1'53"030 - Q1
Charles Pic (Marussia MR01-Cosworth) - 1'53"493 - Q1
12. fila
Nico Rosberg (Mercedes MGP W03) - 1'50"181 ** - Q1
Narain Karthikeyan (HRT F112-Cosworth) - 1'54"989 - Q1


** Cinque posti di penalità per sostituzione del cambio

** Cinque posti di penalità per sostituzione del cambio

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone