Pagina 61 di 100
18 Set [10:20]

Dopo Spa e Monza, si riparte:
la Ferrari può vincere ancora nel 2019?

Jacopo Rubino

Le due vittorie consecutive a Spa e Monza hanno ridato morale, forse hanno aggiustato il bilancio della stagione, ma adesso la domanda viene spontanea: la Ferrari riuscirà a conquistare altri successi in questo 2019? I Gran Premi di Belgio e Italia erano attesissimi da settimane, dal team di Maranello, disputandosi su circuiti che dovevano esaltare la filosofia della SF90, o almeno mitigarne le debolezze rispetto alla solita Mercedes. In effetti è andata proprio così. A guardare il calendario, le piste rimanenti non appaiono però altrettanto favorevoli.

Sochi, Città del Messico, Austin e Abu Dhabi presentano lunghi rettilinei, sui quali la Rossa potrebbe sfruttare ancora la sua velocità di punta, ma sono abbinati a tratti molto guidati che fin qui si sono rivelati una spina nel fianco. Nel frattempo si riparte da Singapore, in cui servirà il massimo carico aerodinamico. "Il tracciato è completamente diverso da quello delle due gare precedenti e presenta caratteristiche non proprio adatte alla nostra vettura", ha ammesso il team principal Mattia Binotto. Ma l'obiettivo è di fare progressi, in paragone ad esempio alla batosta ungherese, quando Sebastian Vettel e Charles Leclerc rimediarono oltre un minuto da Lewis Hamilton. "Porteremo alcune nuove componenti, per continuare nell'intento di recuperare il distacco su circuiti con curve lente. Inoltre ritroveremo le mescole più morbide della Pirelli, che abbiamo avuto a disposizione per l'ultima volta in Canada".

"Per noi è importante continuare lo sviluppo, capire la macchina, trovare il miglior assetto, e dare ai nostri piloti le migliori opportunità. Ci saranno gare come in Germania, Canada o Bahrain dove potremo essere competitivi, e altre in cui la nostra macchina non ci darà modo di puntare al successo. Ma è difficile immaginare quali", ha spiegato Binotto.

E se Leclerc due trionfi, i primi della carriera, li ha già portati a casa, è Vettel ad avere bisogno di tornare sul gradino più alto del podio, su cui manca ormai da oltre un anno. Serve alla squadra, ma soprattutto a lui. A Singapore si è imposto in quattro occasioni ("amo molto questo circuito"), la quinta sarà difficile da centrare già in questo weekend. Il tedesco comunque ci spera: "Fare un pronostico è praticamente impossibile, a causa delle tante variabili, per cui siamo pronti a giocarci le nostre carte".

La Ferrari dovrà cercare inoltre di blindare il secondo posto nel Mondiale Costruttori: tra Spa e Monza il vantaggio sulla Red Bull è praticamente raddoppiato (da 44 a 85 lunghezze), ma adesso, al contrario, la scuderia anglo-austriaca potrebbe trovare molte tappe congeniali al suo pacchetto.
Pagina 61 di 100