8 Apr [18:33]

Marrakech, qualifica
Monteiro incanta tutti

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Alessandro Bucci

Giornata soleggiata sul tracciato semi permanente di Marrakech, sede della prima tappa stagionale del WTCC. La sessione di qualifica ha visto una bella battaglia sin dal Q1, con un gruppetto di cinque-sei piloti piuttosto competitivi che si è confermato sino alle fasi finali. A centrare la prima pole position stagionale è stato il pilota Honda JAS Tiago Monteiro, apparso molto in forma sin dalle prove libere ed autore di un bellissimo tempo di 1’21’’792 nel Q3, unico pilota a scendere sotto il muro dell’1’22’.

Dietro al portoghese l’ottimo Néstor Girolami, al volante della Volvo S60 Polestar: l’argentino ha fissato il crono in 1’22’’031 realizzando un ottimo primo settore (nonostante una brusca frenata) e migliorando di due decimi il proprio tempo nel settore centrale. A chiudere la top 3, l’ungherese Norbert Michelisz del team Honda, apparso un po’ in affanno nel primo settore; 1’22’’097 la prestazione finale del numero 5, con un bel miglioramento nell’arco del giro lanciato. Chiudono la top 5 il pilota Citroen Rob Huff e il driver di casa Mehdi Bennani, al volante della Citroen Elysée.

La prima fila della ‘opening race’ è stata assegnata a Ryo Michigami (Honda JAS) e a Yann Erlacher (Lada), rispettivamente nono e decimo nel Q2. Il debuttante francese scatterà dunque dalla prima posizione, con la possibilità di ben figurare all’esordio. Da segnalare la bandiera rossa esposta nel turno centrale di qualifica in seguito all’incidente occorso a Nicky Catsburg del team Volvo S60 Polestar, andato in testacoda nel terzo settore danneggiando il retrotreno e la sospensione a causa di un urto, oltre alle numerose bandiere gialle sventolate per dritti e detriti lasciati in pista da almeno un paio di concorrenti (nello specifico, specchietti tranciati contro le barriere di protezione). Sul finire del Q1, rischio di collisione tra la Citroen C-Elysée di John Filippi e la Lada Vesta di Erlacher, ma fortunatamente per entrambi i piloti non ci sono state conseguenze.

Il MAC 3, evento conclusivo della giornata di sabato, ha visto le tre Honda e le tre Volvo sfidarsi in quella che è, di fatto, una gara cronometro paragonabile a quella del ciclismo. Ad aggiudicarsi i 12 punti in palio è stata la Volvo, grazie alla prestazione complessiva di 2’51’’926, seguita dalla Honda a circa sette decimi.

Sabato 8 aprile 2017, qualifica

1 - Tiago Monteiro (Honda Civic) - Honda JAS - 1'21''792 - Q3
2 - Nestor Girolami (Volvo S60) - Volvo - 1'22''031 - Q3
3 - Norbert Michelisz (Honda Civic) - Honda - 1'22''097 - Q3
4 - Rob Huff (Cytroen C-Elysée) - Munnich - 1'22''309 - Q3
5 - Mehdi Bennani (Cytroen C-Elysée) - Loeb - 1'22''412 - Q3
6 - Nick Catsburg (Volvo S60) - Volvo - 1'22''692 - Q2
7 - Thed Björk (Volvo S60) - Volvo - 1'22''797 - Q2
8 - Tom Chilton (Cytroen C-Elysée) - Loeb - 1'22''813 - Q2
9 - Ryo Michigami (Honda Civic) - Honda JAS - 1'23''034 - Q2
10 - Yann Ehrlacher (Lada Vesta) - RC Motorsport - 1'23''063 - Q2
11 - Esteban Guerrieri (Chevrolet Cruze) - Campos - 1'23''228 - Q2
12 - Tom Coronel (Chevrolet Cruze) - ROAL - 1'23''479 - Q1
13 - Dániel Nagy (Honda Civic) - Zengo - 1'23''799 - Q1
14 - John Filippi (Citroen C-Elysee) - Loeb - 1'24''043 - Q1
15 - Aurélien Panis (Honda Civic) - Zengo - 1'24''399 - Q1

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone