7 Ott [0:17]

Road Atlanta, qualifica
Castroneves e le Ferrari al top

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

E’ stato letteralmente perfetto il debutto di Helio Castroneves nell’IMSA alla Petit Le Mans di Road Atlanta. Pochi giorni dopo l’annuncio del suo approdo full-time all’endurance con la Acura del team Penske, il brasiliano si è schierato (dopo aver distrutto la nuova vettura del Capitano) con una Oreca “liscia” divisa con Juan Pablo Montoya e Simon Pagenaud, risultando sin da subito il più veloce del lotto e centrando la pole position nell’ultimo appuntamento della stagione 2017.

Sul tracciato di Alton, al secondo e terzo posto nelle prove hanno concluso le due Ligier-Nissan, che hanno continuato nel loro positivo crescendo di forma. In prima fila ci sarà Pipo Derani, come sempre protagonista del gruppo dell’Extreme Speed Motorsport, mentre Brendon Hartley si è messo alle spalle Mathias Beche, con l’Oreca Rebellion presente per l’occasione, ed il trionfatore di Laguna Seca Renger Van Der Zande. Solo settima la prima della Dallara-Cadillac, quella di Ricky Taylor, per il quale però, così come per il fratello, il titolo è vicinissimo.

Al vertice in GTLM si è piazzato Toni Vilander con la Ferrari del Team Risi. Il finlandese, che dividerà la 488 numero 62 con Giancarlo Fisichella e Alessandro Pier Guidi, si è sbarazzato di Richard Westbrook precedendolo di 4 centesimi, mentre l’inglese ha a sua volta tenuto dietro la Corvette di Antonio Garcia di un solo centesimo. Lontane le Porsche 911 RSR, nelle due posizioni finali della graduatoria di classe. Gianmaria Bruni è risultato nettamente il più veloce dei portacolori di Stoccarda, precedendo in qualifica il compagno Patrick Pilet, ma si è fermato a mezzo secondo dal tempo della pole.

Pole position Ferrari anche in GT Daytona, con Matteo Cressoni che ha qualificato la 488 della Scuderia Corsa favorita per la vittoria del titolo con Alessandro Balzan e Christina Nielsen. Per l’equipaggio italo-danese, sarebbe sufficiente terminare la corsa per centrare il successo finale. Subito alle sue spalle la prima delle Acura NSX ufficiali del team Shank, guidata da Andy Lally, mentre Jack Hawksworth ha dato al team Lexus il terzo posto di categoria. In difficoltà le mercedes del team Riley, a chiudere la graduatoria insieme alla Porsche di Cooper MacNeil.

Solo tre le vetture di classe LMPC al via, con la categoria che si avvia verso il tramonto finale dopo il debutto come Formula Le Mans nel 2009. A segnare la pole è stato James French.

La griglia di partenza

1. fila
Montoya/Castroneves/Pagenaud (ORECA LMP2) - Penske - 1'11"314
van Overbeek/Derani/Senna (Nissan DPi) - ESM - 1'11"475
2. fila
Sharp/Dalziel/Hartley (Nissan DPi) - ESM - 1'11"499
Beche/Heidfeld/Menezes (ORECA LMP2) - Rebellion - 1'11"623
3. fila
Goossens/Van Der Zande/Bomarito (Ligier LMP2) - SDR - 1'11"934
Gutierrez/Pla/Canal (Ligier LMP2) - PR1/Mathiasen - 1'12"106
4. fila
Taylor/Taylor/Hunter-Reay (Cadillac DPi) - Taylor - 1'12"121
Miller/Simpson/Goikhberg (ORECA LMP2) - JDC-Miller - 1'12"388
5. fila
Barbosa/Fittipaldi/Albuquerque (Cadillac DPi) - AXRacing - 1'12"393
Cameron/Curran/Conway (Cadillac DPi) - AXRacing - 1'13"051
6. fila
French/O'Ward/Masson (ORECA FLM09) - Performance Tech - 1'16"069
Grist/Drissi/Falb (ORECA FLM09) - BAR1 - 1'17"244
7. fila
Yount/Rice/Burkett (ORECA FLM09) - BAR1 - 1'17"628
Fisichella/Vilander/Pier Guidi (Ferrari 488 GTE) - Risi - 1'17"660
8. fila
Briscoe/Westbrook/Dixon (Ford GT) - Ganassi - 1'17"705
Magnussen/Rockenfeller/Garcia (Corvette C7R) - Corvette - 1'17"714
9. fila
Mueller/Hand/Bourdais (Ford GT) - Ganassi - 1'17"729
Auberlen/Sims/Wittmer (BMW M6 GTLM) - BMW Team RLL - 1'17"731
10. fila
Gavin/Milner/Fassler (Corvette C7R) - Corvette - 1'17"823
Edwards/Martin/Nicky (BMW M6 GTLM) - BMW Team RLL - 1'18"084
11. fila
Bruni/Vanthoor/Bamber (Porsche 911 RSR) - Porsche - 1'18"161
Pilet/Werner/Tandy (Porsche 911 RSR) - Porsche - 1'18"426
12. fila
Nielsen/Balzan/Cressoni (Ferrari 488 GT3) - Scuderia Corsa - 1'20"661
Lally/Legge/Wilkins (Acura NSX GT3) - Shank - 1'20"739
13. fila
Hawksworth/Pruett/Cindric (Lexus RCF GT3) - 3GT Racing - 1'20"798
De Phillippi/van der Linde/Mies (Audi R8 LMS GT3) - Land - 1'20"830
14. fila
Marks/Klingmann/Krohn (BMW M6 GT3) - Turner Motorsport - 1'20"904
Morad/Christensen/de Quesada (Porsche 911 GT3 R) - Alegra - 1'20"968
15. fila
Segal/Negri/Dyer (Acura NSX GT3) - Shank - 1'20"998
Mul/Sandberg/Lewis (Lamborghini Huracan GT3) - Change - 1'21"063
16. fila
Karam/Alon/James (Lexus RCF GT3) - 3GT Racing - 1'21"115
Aschenbach/Davis/Bell (Audi R8 LMS GT3) - Stevenson - 1'21"220
17. fila
Sellers/Snow/Hindman (Lamborghini Huracan GT3) - Miller - 1'21"393
Lindsey/Bergmeister/McMurry (Porsche 911 GT3 R) - Park Place - 1'21"470
18. fila
Sweedler/Bell/Montecalvo (Audi R8 LMS GT3) - Alex Job - 1'21"648
Vautier/Habul/von Moltke (Mercedes-AMG GT3) - SunEnergy1 - 1'21"915
19. fila
Keating/Bleekemolen/Farnbacher (Mercedes-AMG GT3) - Riley - 1'21"959
MacNeil/Jeannette/Long (Porsche 911 GT3 R) - Riley - 1'22"177
20. fila
Bennett/Braun/Jonsson (Porsche 911 GT3 R) - CORE - 1'23"379

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone