8 Ott [11:28]

Zhejiang, gara 1
Hyundai vince al debutto con Tarquini

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Alessandro Bucci - Photo4

Grande vittoria per Gabriele Tarquini in gara 1 sull'inedito tracciato di Zhejiang, grazie ad una rimonta che ha visto il pilota di Giulianova recuperare dalla tredicesima posizione in griglia. Debutto formidabile per la nuova Hyundai i30 nel campionato TCR internazionale, sebbene il successo colto da Tarquini non valga punti per il campionato, dal momento che le vetture coreane dispongono di un'omologazione temporanea. I 25 punti assegnati al primo vanno dunque a Jean-Karl Vernay, autore di una bella corsa che lo ha portato sino alla seconda posizione finale. Il francese del team Leopard è ora leader del campionato con 206 punti, 26 in più del rivale Attila Tassi.

A chiudere il podio l'altro pilota Leopard Robert Huff, autore di un brutto spunto al via e giunto al traguardo a pochi decimi dal compagno di squadra. Bel quarto posto per Gianni Morbidelli (in realtà terzo, in virtù dei punti non assegnati alla Hyundai) del team West Coast, mentre Pepe Oriola, quinto sotto la bandiera a scacchi ed in testa alla corsa per buona parte dei giri, ha realizzato una bella rimonta nonostante un paio di collisioni con Vernay e Morbidelli. Deludente undicesimo posto per il contendente al titolo Attila Tassi del team M1RA, finito largo al via a causa di un contatto di gara.

La Hyundai i30 ha ben impressionato grazie alle prodezze di Gabriele Tarquini (già in terza posizione al terzo giro), ma non ha fatto altrettanto con Alain Menu, autore di una sportellata ai danni di Dupont (finito contro le barriere nelle prime fasi di gara) e giunto dodicesimo al traguardo con un distacco di oltre venti secondi, anche in virtù del drive-through ricevuto per il contatto con il pilota della Comtoyou.

Domenica 8 ottobre 2017, gara 1

1 – Gabriele Tarquini (Hyundai i30) – BRC - 19 giri
2 - Jean-Karl Vernay (Volkswagen Golf) – Leopard WRT – 1''626
3 - Robert Huff (Volkswagen Golf) - Leopard – 1''970
4 - Gianni Morbidelli (Volkswagen Golf) - West Coast – 3''016
5 - Pepe Oriola (Seat Leon) - Craft Bamboo – 7''035
6 - Frederic Vervisch (Audi RS3) - Comtoyou - 11''787
7 - Roberto Colciago (Honda Civic) - M1RA - 15''380
8 - Davit Kajaia (Alfa Romeo Giulietta) - GE-Force – 16''972
9 - James Nash (Seat Leon) - Craft Bamboo – 19''028
10 - Aurélien Panis (Honda Civic) – Boutsen Ginion – 19''679
11 - Attila Tassi (Honda Civic) - M1RA - 20''201
12 - Alain Menu (Hyundai i30) – BRC - 20''983
13 - Stefano Comini (Audi RS3) - Comtoyou – 29''285
14 - Zhendong Zhang (Audi RS3) – ZZZ Team - 42''452
15 - Rafael Galiana (Volkswagen Golf) – West Coast – 50''245
16 - Tengyi Jiang (Audi RS3) – 1'01''357
17 - Duncan Ende (Seat Léon) - Icarus – 1'01''735

Giro più veloce:
Gabriele Tarquini, 1'23''924

Ritirati:
1° giro, Denis Dupont
1° giro, Dusan Borkovic
3° giro, Daniel Lloyd
11° giro, Mat'o Homola

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone