21 Mag [0:03]

Endurance a Silverstone, gara
Successo sub-judice per l'Aston Martin

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Silvano Taormina

Quella di Silverstone è stata una giornata alquanto tribolata per il team R-Motorsport. La compagine di punta dell'Aston Martin, in mattinata ha centrato la pole con Vaxiviere, Dennis e Thiim. Poche ore dopo la doccia fredda quando, in sede di verifica tecnica, è stata riscontrata un'anomalia al data logger che ha indotto i commissari a retrocedere l'equipaggio a fondo griglia. Un destino beffardo sopratutto per Vaxiviere, che una settimana fa nella ELMS a Monza si era ritrovato nella stessa identica situazione.

La compagine diretta da Florian Kamelger ha presentato subito appello ottenendo l'autorizzazione a mantenere la prima posizione in griglia, con la consapevolezza che qualunque risultato sarebbe rimasto sub-judice. In gara non c'è stata storia, in quanto la V12 Vantage ha mostrato una supremazia che ha spiazzato i rivali dominando dal via fino alla bandiera a scacchi. Un successo che al costruttore inglese mancava nella serie endurance dal 2013. L'opera l'ha iniziata Vaxiviere, mantenendo ben salda la leadership al via.

Dennis ha mantenuto il ritmo nello stint centrale prima di lasciare la vettura a Thiim che ha chiuso con circa dieci secondi di vantaggio su Marciello. Quest'ultimo, insieme a Vautier e Christodoulou, è stato l'unico a tenere il ritmo dell'Aston Martin e in un paio di occasioni hanno anche condotto la gara per qualche giro durante i valzer dei pit-stop. L'altra notizia del giorno è il primo podio della Lexus, che ha piazzato Klien, Costa e Seefried in terza posizone. Il podio era nel mirino anche dell'altra Aston Martin del R-Motorsport, quella di Martin-Brundle-Kirchhofer, che ha a lungo navigato in terza posizione. Un errore dell'inglese, però, è costato tre posizioni con Martin che nel finale ci ha messo una pezza agguantando la quinta posizione all'ultimo giro ai danni di Buurman.

L'olandese, coadiuvato da Engel e Stolz sulla Mercedes del Black Falcon, poco prima aveva perso la quarta posizione a favore di Vanthoor. Bella la rimonta di Aleshin-Rigon-Molina, settimi, bravi a rimediare ad una qualifica non proprio entusiasmante. Lontana dai radar la Lamborghini, che non è riuscita ad andare oltre il decimo posto di Cardarelli-Engelhart-Bortolotti che su questo tracciato hanno trionfato lo scorso anno. Nella Silver Cup successo per Al Faisal-Piana-Haupt per il team Black Falcon mentre Burke-Yoluc-Hankey si sono aggiudicati la Pro-Am.

Domenica 20 maggio, gara (sub judice)

1 - Vaxievere/Dennis/Thiim (Aston Martin V12) – R Motorsport – 89 giri 3.00'17''323
2 - Vautier/Christodoulou/Marciello (Merceds AMG GT3) – AKKA – 10''947
3 - Ortelli/Palttala/Siedler (Lexus RCF) – Emil Frey – 25''652
4 - Vanthoor/Mies/Riberas (Audi R8) – WRT – 26''178
5 - Stolz/Buurman/Engel (Mercedes AMG GT3) – BlackFalcon – 28''569
6 - Brundle/Kirchhofer/Martin (Aston Martin V12) – R Motorsport – 29''329
7 - Rigon/Aleshin/Molina (Ferrari 488 GT3) – SMP Racing - 30''384
8 - Buhk/Fumanelli/Goetz (Mercedes AMG GT3) – Strakka – 32''051
9 - Klien/Seefried/Costa (Lexus RCF) – Emil Frey – 33''422
10 - Caldarelli/Engelhart/Bortolotti (Lamborghini Huracan) – GRT - 45''201
11 - Makowiecki/Dumas/Werner (Porsche 911) – Manthey – 57''938
12 - Klingmann/De Philippi/Krohn (BMW M6) – Rowe – 59''674
13 - Leonard/S. VanDerLinde/Fassler (Audi R8) – WRT – 1'04''377
14 - Abril/Soucek/Soulet (Bentley Continental) – M Sport – 1'07''610
15 - Barnicoat/Ledogar/Watson (McLaren 650S) – Garage 59 – 1'46''125
16 - Ordonez/A. Buncombe/Parry (Nissan GT-R) – RJN – 1'46''851
17 - A.Al Faisal/Haput/Piana (Mercedes AMG) – Black Falcon – 1'58''652
18 - Ineichen/Keen/Perera (Lamborghini Huracan) – GRT – 1 giro
19 - P.Schothorst/S.Schothorst/K.VanDerLinde (Audi R8) – Attempto – 1 giro
20 - Yoluc/Burke/Hankey (Mercedes AMG) – Ram – 1 giro
21 - Niederhauser/Marioneck/Siljrhaugh (Lambo Gallardo) – Reiter – 1 giro
22 - Pohler/Kaffer/Schmidt (Audi R8) – Attempto – 1 giro
23 - Smith/Gounon/Kane (Bentley Continental) – M Sport – 1 giro
24 - C.Buncombe/Leventis/Williamson (Mercedes AMG) – Strakka – 1 giro
25 - Harris/West/Goodwin (McLaren 650S) – Garage 59 - 1 giro
26 - Cameron/Griffin (Ferrari 488) – AF corse – 1 giro
27 - Cipriani/Ramos/Crestani (Lamborghini Huracan) – Lazarus – 2 giri
28 - Lendoudis/S.Al Fasail/Aguas (Mercedes AMG) – Black Falcon – 2 giri
29 - Witt/Sanchez/Moore (Nissan GTR) – RJN – 2 giri
30 - Rostan/Stievenart/Winkelhock (Audi R8) – Sainteloc – 2 giri
31 - PerezCompanc/Giammaria/Venturini (Lamorghini Huracan) – GRT - 2 giri
32 - Giauque/Debard/Barthez (Merceds AMG) – AKKA – 2 giri
33 - Haring/Brauner/Triller (Porsche 911) – Herberth – 2 giri
34 - Yoon/Ehret/Penttinen (Ferrari 488) – Rinaldi – 2 giri
35 - Santamato/Leo/Gattuso (Lamborghini Huracan) – Lazarus – 3 giri
36 - Ziegel/Vinke/Walkenhorst (BMW M6) - Walkenhorst - 4 giri
37 - Beaubelique/Ricci/Jamin (Mercedes AMG) – AKKA – 5 giri
38 - Tambay/Jager/Rowland (Mercedes AMG GT3) – Strakka – 6 giri
39 - Al Harthy/McKay/Eastwood (Ason Martin V12) – TF Sport – 7 giri

Giro più veloce: Aleshin/Rigon/Molina 1'58''667

Ritirati
74° giro - Beretta/Mitchell/Kodric
74° giro - Salikhov/Mattschull/Kelwitz
71° giro - Amstuz/Matchiski/Guedes
70° giro - Hommerson/Machiels/Bertolini
66° giro - Fontana/Grenier/Zaugg
60° giro - Petrov/Bulatov/Meadows
60° giro - Jung/Gachet/Haase
58° giro - Edwards/Collard/Yelloly
47° giro - Frassineti/Monti/Rizzoli
8° giro - Pierce/Smith/Morris
2° giro - Szymkowiak/Manchester/Bastian

Il campionato
1.Riberas, Vanthoor, Mies 37; 2.Vaxiviere, Dennis, Thiim 26; 3.Stolz, Engel, Buurman 23; 4.Gotz, Buhk 22; 5.Vautier, Christodoulou, Marciello, Parente.


Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone