2 Giu [10:54]

Le Castellet, qualifica:
Aston ancora in pole

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Da Le Castellet - Antonio Caruccio – Foto Speedy

Inutile dire che, dopo le polemiche di Silverstone, la pole position dell’Aston Martin ottenuta a Le Castellet, per la 1000 km odierna, sicuramente creerà qualche mal di pancia. Di fatto comunque, il cronometro ha dimostrato che la Aston Martin V12 Vantage del R-Motorsport, un’emanazione del team Arden che ne segue lo sviluppo, con alla guida un trittico di grande valore composto da Matthieu Vaxiviere, Jake Dennis e Nicki Thiim si è aggiudicata la partenza al palo. In 1’54”303, figlio della media dei tre giri veloci nel tre parziali delle prove ufficiali, la vettura battente bandiera svizzera precedere una sorprendente McLaren, a 7 centesimi dalla pole.

La 650S, vincitrice ormai tre stagioni orsono della corsa, quando si aggiudicò poi anche il titolo a fine anno, era caduta in un abisso prestazionale, da cui però hanno saputo riemergere Watson-Barnicoat-Ledogar. Il francese tra l’altro, questa sera finita la gara si sposterà a Le Mans, dove domani prenderà parte ai test collettivi, che lo vedranno debuttare al volante di una LMP2. La vettura inglese si è anche presa la pole position della AM, con l’altra vettura di Garage 59.

Inedita seconda fila, con la Ferrari di SMP Racing, che ha visto Miguel Molina segnare il primato nel Q2, in equipaggio con Davide Rigon e Mikhail Aleshin, anello debole dei tre, ma primo rampollo della filiera da corsa russa. Al loro fianco, la Lexus, rinata dopo un inizio di stagione molto complicato, che ha chiuso a tre decimi dalla vetta.

Equilibrio tra i marchi, con il gruppo Audi in terza linea. La R8 è in assoluta la favorita sul passo gara, con Mies-Vanthoor-Riberas capaci di sfruttare al meglio il potenziale della vettura. Come hanno fatto in casa Grasser Mirko Bortolotti, Christian Engelhart ed Andrea Caldarelli, che hanno disputato in quest’ordine le manche di qualifica, con il pescarese autore del miglior tempo per la vettura #63 nell’ultimo stint.

Attardate, come da previsione, le Mercedes, che occupano dalla nona all’undicesima piazzola, con quella dell’italiano Raffaele Marciello a chiudere la Top-10. Tanto orgoglio italiano invece nella pole position di classe Silver, la terza consecutiva da inizio stagione, perché a curare la Jaguar c’è Graziano Michelacci, che ha seguito durante l’invero una vera e propria rinascita del progetto seguito dall’Emil Frey Racing.

La gara partirà questo pomeriggio alle 17:45, e si concluderà prima di mezzanotte, con tante incognite da scoprire, come il nuovo asfalto, meno abrasivo dello scorso anno, ma mai utilizzato con queste temperature, o le neutralizzazioni che inevitabilmente segneranno una corsa di mille chilometri.

Lo schieramento di partenza

1. fila
Vaxievere/Dennis/Thiim (Aston Martin V12) – R Motorsport – 1'54''303
Barnicoat/Ledogar/Watson (McLaren 650S) – Garage 59 – 1'54''374
2. fila
Rigon/Aleshin/Molina (Ferrari 488 GT3) – SMP Racing – 1'54''512
Klien/Seefried/Costa (Lexus RCF) – Emil Frey – 1'54''646
3. fila
Vanthoor/Mies/Riberas (Audi R8) – WRT – 1'54''675
Caldarelli/Engelhart/Bortolotti (Lamborghini Huracan) – GRT - 1'54''691
4.fila
Brundle/Kirchhofer/Martin (Aston Martin V12) – R Motorsport – 1'54''809
Ortelli/Palttala/Siedler (Lexus RCF) – Emil Frey – 1'54''826
5. fila
Stolz/Buurman/Engel (Mercedes AMG GT3) – BlackFalcon – 1'54''857
Jaeger/Christodoulo//Marciello (Merceds AMG GT3) – AKKA – 1'54''880
6. fila
Petrov/Bulatov/Meadows (Mercedes AMG GT3) – AKKA – 1'54”8970
P.Schothorst/S.Schothorst/K.VanDerLinde (Audi R8) – Attempto – 1'54”904
7. fila
Fontana/Grenier/Zaugg (Jaguar G3) – Emil Frey – 1'54”919
Klingmann/Mostert/Blomqvist (BMW M6) – Rowe – 1'54”956
8. fila
Abril/Soucek/Soulet (Bentley Continental) – M Sport – 1’54”969
Winkelhock/Gachet/Haase (Audi R8) – Sainteloc – 1'55”003
9. fila
Krohn/Collard/Yelloly (BMW M6) – Rowe – 1'55”011
Pepper/Gounon/Kane (Bentley Continental) – M Sport – 1'55”092
10. fila
Ordonez/Buncombe/Parry (Nissan GT-R) – RJN – 1'55”117
Beretta/Mitchell/Kodric (Lamborghini Huracan) – Barwell – 1'55”143
11. fila
Tambay/Fumanelli/Fraga (Mercedes AMG GT3) – Strakka – 1'55”261
Makowiecki/Dumas/Werner (Porsche 911) – Manthey – 1'55”270
12. fila
Leonard/S.VanDerLinde/Vervisch (Audi R8) – WRT – 1'55”276
Buhk/Parente/Goetz (Mercedes AMG GT3) – Strakka – 1'55”288
13. fila
Frassineti/Monti/Rizzoli (Lamborghini Huracan) – Ombra – 1'55”306
PerezCompanc/Giammaria/Mapelli (Lamorghini Huracan) – GRT - 1'55”369
14. fila
Schramm/Kaffer/Schmidt (Audi R8) – Attempto – 1'55”485
Al Faisal/Haput/Piana (Mercedes AMG) – Black Falcon – 1'55”525
15. fila
Ineichen/Keen/Perera (Lamborghini Huracan) – GRT – 1'55”576
Burke/Yoluc/Hankey (Mercedes AMG) – Ram – 1'55”600
16. fila
Al Harthy/McKay/Eastwood (Ason Martin V12) – TF Sport – 1'55”714
Niederhauser/Marioneck/Siljrhaugh (Lambo Gallardo) – Reiter – 1'55”729
17. fila
Hommerson/Machiels/Bertolini (Ferrari 488) – AF Corse – 1'55”743
Salikhov/Mattschull/Ludwig (Ferrari 488) – Rinaldi – 1'55”773
18. fila
Witt/Sanchez/Moore (Nissan GTR) – RJN – 1'55”912
Szymkowiak/Manchester/Bastian (Mercedes AMG) – AKKA – 1'55”924
19. fila
Harris/West/Goodwin (McLaren 650S) – Garage 59 - 1'55”970
Cipriani/Ramos/Crestani (Lamborghini Huracan) – Lazarus – 1'56”004
20. fila
Pierce/Smith/Morris (Bentley Continental) – Parker – 1'56”052
DeLorenzi/Cameron/Griffin (Ferrari 488) – AF Corse – 1'56”564
21. fila
Giauque/Debard/Barthez (Merceds AMG) – AKKA – 1'56”602
Amstuz/Matchiski/Guedes (Lamborghini Huracan) – Barwell – 1'56”869
22. fila
Lendoudis/AlFasail/Aguas (Mercedes AMG) – Black Falcon – 1'56”877
Beaubelique/Ricci/Jamin (Mercedes AMG) – AKKA – 1'56”977
23. fila
Yoon/Ehret/Penttinen (Ferrari 488) – Rinaldi – 1'57”049
Oeverhaus/Vinke/Buchrdt (BMW M6) – Walkenhorst – 1'57”061
24. fila
Forné/Stippler/Hansch (Audi R8) – CarCollection – 1’57”600
Rostan/Stievenart/Kelders (Audi R8) – Sainteloc – 1'57”845
25. fila
Haring/Brauner/Triller (Porsche 911) – Herberth – 1'57”874
Santamato/Leo/Gattuso (Lamborghini Huracan) – Lazarus – 1'56”378
26. fila
C.Buncombe/Leventis/Williamson (Mercedes AMG) – Strakka – 1'56”495

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone