29 Lug [18:36]

Spa, gara: doppietta BMW
Vincono Blomqvist-Krognes-Eng

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Da Spa - Antonio Caruccio – Foto Speedy

Blomqvist/Krognes/Eng si aggiudicano la vittoria della 70esima storica edizione della 24 Ore di Spa-Francorchamps. La BMW M6, che già si era imposta nella qualifica di giovedì, ha tenuto un ottimo passo per tutta la corsa, andando a precedere in una bellissima doppietta per i bavaresi la vettura di casa Rowe di Sims/Klingmann/Catsburg. Quella per mano del team Walkenhorst è un’affermazione storica, perché rappresenta quella di una struttura “privata” del costruttore di Monaco, che ha goduto tuttavia di un grande appoggio della Casa per questa maratona tra le Ardenne. Un successo arrivato dopo un giorno di avversità e peripezie, tra cui una bandiera rossa nella notte per un brutto incidente tra una Lamborghini e la Bentley del Parker Racing.

L'Audi, sempre una garanzia, si è presa il terzo e quarto posto con i team Land e Sainteloc, che invece lo scorso anno si era aggiudicato la corsa. È clamorosamente mancata nella lotta di vertice la Mercedes, che invece sulla carta era attesa tra le protagoniste. Quinta posizione per il team Black Falcon, mentre c’è rammarico per la sesta posizione della vettura del team AKKA che, insieme a Daniel Juncadella e Tristan Vautier annoverava anche Raffaele Marciello. Tanti inconvenienti sulla AMG GT3 dell’italiano, soprattutto al cambio, che con la sesta bloccata ha costretto l’equipaggio della squadra francese a correre in condizioni menomate. Proprio quando questi problemi sono iniziati, una cambiata irregolare del pilota italiano ha provocato un tamponamento a catena che ha coinvolto anche la McLaren #58 e la Lamborghini #63.

Protagoniste nelle prove, con anche la pole position arrivata dopo la squalifica dell’Audi di Vanthoor, le Aston Martin si sono perse in gara, con la nona posizione finale che non ripaga le aspettative del team R-Performance. Equivale ad una vittoria il settimo posto assoluto della Nissan GT-R che ha sfruttato il trio Ordonez/Buncombe/Parry per cogliere uno dei migliori risultati dell’ultimo anno a Spa. Un incidente al mattino tra Soucek e Laurens Vanthoor ha messo fuori dai giochi la Bentley e la Porsche. Vittoria della Ferrari di Rinaldi, nella Pro-Am, mentre Lamborghini si è aggiudicata la classe Silver Cup grazie al team Ombra, e la Am con Barwell.

Domenica 29 luglio 2018, gara

1 – Blomqvist-Krognes-Eng (BMW M6) – Walkenhorst – 511 giri 24.01’34”979
2 – Sims-Klingmann-Catsburg (BMW M6) – Rowe – 10”408
3 – K.Van der Linde-S.Van der Linde-Schmidt (Audi R8) – Land – 37”941
4 – Vervisch-Haase-Winkelhock (Audi R8) – Sainteloc – 53''645
5 - Buurman-Stolz-Engel (Mercedes) – Black Falcon – 1’17”916
6 – Juncadella-Vautier-Marciello (Mercedes) – AKKA – 1 giro
7 - Ordonez-Buncombe-Parry (Nissan GT-R) – RJN – 1 giro
8 – Rast-Muller-Frijns (Audi R8) – WRT – 2 giri
9 - Vaxiviere-Dennis-Thiim (Aston Martin) – R Motorsport – 3 giri
10 - Rigon-Aleshin-Molina (Ferrari 488) – SMP Racing – 3 giri
11 - Buhk-Gotz-Parente (Mercedes AMG) - Strakka - 3 giri
12 - Paffett-Mortara-Van der Zande (Mercedes) - Mann - 4 giri
13 - Klien-Costa-Seefried (Lexus) - Frey - 4 giri
14 - Companc-Giammaria-Mapelli (Lamborghini) - Grasser - 5 giri
15 - Mattschull-Salikhov-Perel-Kellwitz (Ferrari 488) - Rinaldi - 5 giri
16 - Petrov-Bulatov-Meadows (Mercedes) - SMP/AKKA - 6 giri
17 - Leventis-Buncombe-Williamson-Fumanelli (Mercedes) - Strakka - 7 giri
18 - Frassineti-Rizzoli-Monti-Ling (Lamborghini) - Ombra - 7 giri
19 - Beretta-Kodric-Mitchell-Breukers (Lamborghini) - Barwell - 7 giri
20 - Habul-Konrad-Schneider-Jager (Mercedes) - HTP - 8 giri
21 - Cameron-Mastronardi-Griffin-Scott (Ferrari 488) - AF - 8 giri
22 - Ledogar-Barnicoat-Pla (McLaren) - Garage 59 - 8 giri
23 - Haupt-Piana-Al Faisal-Metzger (Mercedes) - Black Falcon - 10 giri
24 - Kaffer-Schramm-Schmid (Audi R8) - Attempto - 10 giri
25 - Kane-Pepper-Gounon (Bentley) - M Sport - 12 giri
26 - Hommerson-Machiels-Bertolini-Cioci (Ferrari 488) - AF - 12 giri
27 - Machitski-Amstutz-Abra-Kujala (Lamborghini) - Barwell - 15 giri
28 - Fontana-Zaugg-Grenier (Jaguar) - Frey - 15 giri
29 - Dumas-Makowiecki-Werner (Porsche) - Manthey - 18 giri
30 - Costantini-Di Folco-Debs-Delhez (Lamborghini) - Target - 20 giri
31 - Lendoudis-S.Al Faisal-Aguas-Cole (Mercedes) - Black Falcon - 21 giri
32 - Patrese-Depailler-Baguette-Guerrieri (Honda) - Honda - 21 giri
33 - Yoluc-Burke-Hankey-Rosenqvist (Mercedes) - RAM - 22 giri
34 - Yoon-Ehret-Sultanov-Boulle (Ferrari) - Rinaldi - 23 giri
35 - Baumann-Kirchhofer-Martin (Aston Martin) - R Motorsport - 26 giri
36 - Teo-Tjiptobiantoro-Colombo-Cressoni (Ferrari 488) - T2 - 29 giri
37 - Moore-Sanchez-Witt-Walkinshaw (Nissan GT-R) - RJN - 29 giri
38 - Walkenhorst-Oeverhaus-Buchardt-Vinke (BMW M6) - Walkenhorst - 33 giri
39 - Haring-Brauner-Triller-Renauer (Porsche) - Herberth - 36 giri
40 - Riberas-Mies-D.Vanthoor (Audi R8) - WRT - 55 giri
41 - Pappas-J.Bleekemolen-Lieb-Miller (Porsche) - Black Swan - 64 giri
42 - West-Goodwin-Harris-Watson (McLaren) - Garage 59 - 120 giri
43 - Paque-Paisse-Wilwert-Petit (Porsche) - Speedlover - 121 giri
44 - P.Schothorst-S.Schothorst-Green (Audi R8) - Attempto - 127 giri
45 - Verbergt-Wauters-Dejonghe-Van Dierendonck (Aston Martin) - Brussells - 135 giri
46 - Perez-Giraudi-Spinelli-Altoè (Lamborghini) - Antonelli - 137 giri
47 - Haryanto-Josephsohn-Caccia-Bovy (Lamborghini) - GDL - 147 giri

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone