6 Ago [8:30]

Road America, gara
Seconda di fila per Bennett/Braun

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

Seconda vittoria consecutiva per il team CORE nell’IMSA 2018. La scuderia di Jon Bennett ha trionfato nell’appuntamento di Road America grazie ad una strategia conservativa. Mentre tutti si sono trovati nel finale a dover effettuare degli “splash”, Colin Braun, che ha messo a segno uno stint magistrale, si è mantenuto a distanza risparmiando benzina, ma senza perdere troppo terreno. Risultato? Uno dopo l’altro, gli avversari si sono dovuti fermare, e il texano ha tagliato per primo il traguardo. A completare una doppietta tutta per le vetture dell’Oreca ci hanno pensato Gohikberg-Simpson, mentre la Cadillac di Nasr-Curran si è piazzata terza, mantenendo la testa della classifica. Quarta l’altra Cadillac by Dallara che aveva comandato i giochi, quella di Van Der Zande-Taylor, seguita dall’Acura di Cameron-Montoya.

Anche tra le GT, il carburante ha avuto un impatto nel finale. La BMW di Connor de Philippi è infatti rimasta a secco al penultimo giro, lasciando la strada spianata al quarto successo consecutivo per una Ford GT, segnatamente quella di Ryan Briscoe e Richard Westbrook. In lotta sin da subito c’è stato anche l’esemplare gemello, ma Joey Hand e Dirk Muller si sono dovuti ritirare per un problema a una sospensione. Seconda si è piazzata la Corvette di Gavin-Milner, che stanno facendo di tutto per tenere aperti i giochi in graduatoria, mentre la prima Porsche all’arrivo, quarta, è stata quella di Laurens Vanthoor e Earl Bamber.

Prima vittoria dell’anno e con una Porsche invece in GT Daytona per Christina Nielsen, che con una strategia a doppio cambio pilota ha permesso a Patrick Long di spingere per gran parte della corsa. Al secondo posto il duo Lamborghini composto dal Sellers-Snow, mentre in terza posizione, podio per Alessandro Pier Guidi, per l’occasione sostituto del convalescente Alessandro Balzan.

Domenica 6 agosto 2018, gara

1 - Bennett/Braun (ORECA LMP2) - CORE autosport - 69 giri in 2.40’44”562
2 - Goikhberg/Simpson (ORECA LMP2) - JDC-Miller - 2”389
3 - Nasr/Curran (Cadillac DPi) - AXR - 2”397
4 - Van Der Zande/Taylor (Cadillac DPi) - Taylor - 10”753
5 - Cameron/Montoya (Acura DPi) - Acura Team Penske - 17”056
6 - van Overbeek/Derani (Nissan DPi) - ESM - 21”512
7 - Albuquerque/Barbosa (Cadillac DPi) - AXR - 23”862
8 - Bomarito/Tincknell (Mazda DPi) - Team Joest - 32”276
9 - Sharp/Dalziel (Nissan DPi) - ESM - 33”229
10 - Castroneves/Taylor (Acura DPi) - Team Penske - 33”983
11 - Jarvis/Nunez (Mazda DPi) - Team Joest - 34”619
12 - Trummer/Alon (ORECA LMP2) - JDC-Miller - 1 giro
13 - Briscoe/Westbrook (Ford GT) - Ganassi - 3 giri
14 - Gavin/Milner (Corvette C7R) - Corvette - 3 giri
15 - Magnussen/Garcia (Corvette C7R) - Corvette - 3 giri
16 - Vanthoor/Bamber (Porsche 911 RSR) - Porsche - 3 giri
17 - Tandy/Pilet (Porsche 911 RSR) - Porsche - 3 giri
18 - Long/Nielsen (Porsche 911 GT3 R) - Wright - 3 giri
19 - Sellers/Snow (Lamborghini Huracan GT3) - Miller - 3 giri
20 - MacNeil/Pier Guidi (Ferrari 488 GT3) - Scuderia Corsa - 3 giri
21 - Foley/Palttala (BMW M6 GT3) - Turner Motorsport - 3 giri
22 - Keating/Bleekemolen (Mercedes-AMG GT3) - Riley - 3 giri
23 - Baumann/Marcelli (Lexus RC F GT3) - 3GT - 3 giri
24 - Legge/Parente (Acura NSX GT3) - Shank - 3 giri
25 - Marks/Aschenbach (Acura NSX GT3) - Shank - 3 giri
26 - Potter/Lally (Audi R8 LMS GT3) - Magnus Racing - 4 giri
27 - Sims/De Phillippi (BMW M8 GTE) - RLL - 5 giri
28 - Hand/Mueller (Ford GT) - Ganassi - 6 giri
29 - Piovanetti/Negri Jr (Ferrari 488 GT3) - 6 giri
30 - Krohn/Edwards (BMW M8 GTE) - RLL - 17 giri
31 - Saavedra/Yacaman (Ligier LMP2) - PR1 - 22 giri
32 - Lindsey/Bergmeister (Porsche 911 GT3 R) - 30 giri

Ritirati
Hawksworth/Heinemeier Hansson (Lexus RC F GT3)

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone