16 Set [21:08]

Sandown, gara
Triple Eight cala la... tripletta

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Silvano Taormina

Non c'è stata storia quest'anno a Sandown. Una gara, il primo dei tre appuntamenti endurance, che ha visto il team Triple Eight Engineering dominare in lungo e largo. Il principale punto di forza? Innanzitutto i piloti. Whincup e Lowndes hanno messo sul piatto la loro esperienza, fondamentale in questo tipo di competizioni, entrambi ben coadiuvati dagli altrettanto esperti Dumbrell. Il leader del campionato Van Gisbergen ancora una volta ha sfoderato la sua grinta nei corpo a corpo facendo da traino al debuttante co-equiper Bamber. Poi c'è la competitività della Holden Commodore, in particolar modo sul dritto dove non conosce rivali. Una peculiarità che da qualche weekend a questa parte sta scatendo qualche leggero tono polemico dai competitors di casa Ford, in particolar modo quelli del DJR Penske.

Ma veniamo alla gara. Whincup e Dumbrell hanno praticamente avuto il comando sotto controllo per la maggior parte dei 161 giri disputati, fatta eccezione durante le finestre dei cambi gomma. Dumbrell ha preso il via, distanziando sin da subito gli inseguitori. Ben tre interventi della safety-car nella prima metà di gara non hanno per nulla intaccato la sua leadership. Una volta consegnata la vettura a Whincup, per l'eptacampione non si sono presentati particolari ostacoli nel compimento della propria missione fino alla bandiera a scacchi. La piazza d'onore è stata occupata a lungo da Lowndes e Richard, con quest'ultimo che ha preso il via. Solo nel finale si sono dovuti arrende all'arrembante rimonta di Van Gisbergne e Bamber.

Proprio il campione in carica del WEC, alla sua prima apparizzione nel Supercars, ha dato prova della propria classe rimontando dall'undicesima alla quarta posizione. Successivamente Van Gisbergen, presa in consegna la sua Commodore dal connazione, ha completato l'opera sopravanzando dapprima il rivale nella classifica piloti McLaughlin e poi il compagno di squadra Lowndes. Proprio giù dal podio ha concluso uno sconsolato McLaughlin, che nel finale si è anche dovuto guardare alle spalle da Reynolds, apparso scoraggiato dalla mancanza di competitività della sua Ford Falcon. Un altra bella rimonta l'hanno portata a compimento Pye e Luff, sesti dopo aver preso il via dal fondo dello schieramento. Solamente settimo Coulthard, in coppia con D'Alberto, che ormai sembra aver perso il treno della contesa per il titolo finale. A seguire la prima delle Nissan, quella di Kelly e Jacobson. A chiudere la top-ten Tander-Pither e Mostert-Moffat.

Dispersi i vincitori dello scorso anno Waters e Stanaway, entrambi lontani dalle posizioni che contano. Con il risultato di Sandown si compattano le prime posizioni in campionato. Whincup, ancora terzo, rosicchia un pò di punti al leader Van Gisbergen che a sua volta allunga su McLaughlin. Lowndes, con il terzo posto odierno, si mantiene nelle zone calde così come Reynolds. Adessso la concentrazione si sposta tutta sulla prestigiosa Bathurst 1000, in programma tra tre settimane a Mount Panorama.

Domenica 16 settembre, gara

1 - Whincup/Dumbrell (Holden Commodore) - Triple Eight - 161 giri in 3.17'28''620
2 - Van Gisbergen/Bamber (Holden Commodore) - Triple Eight - 6''831
3 - Lowndes/Richards (Holden Commodore) - Triple Eight - 8''257
4 - McLaughlin/Premat (Ford Falcon) - DJR Penske - 25''177
5 - Reynolds/Youlden (Holden Commodore) - Erebus - 27''750
6 - Pye/Luff (Holden Commodore) - WAU - 34''222
7 - Coulthard/D'Alberto (Ford Falcon) - DJR Penske - 38''734
8 - Kelly/Jacobson (Nissan Altima) - Kelly - 48''817
9 - Tander/Pither (Holden Commodore) - GRM - 51''814
10 - Mostert/Moffat (Ford Falcon) - Tickford - 58''183
11 - W. Davison/A. Davison (Ford Falcon) - 23Red - 58''270
12 - De Pasquale/Brown (Holden Commodore) - Erebus - 1 giro
13 - Waters/D. Russell (Ford Falcon) - Tickford - 1 giro
14 - Heimgartner/A. Russell (Nissan Altima) - Kelly - 1 giro
15 - Slade/Walsh (Holden Commodore) - BJR - 1 giro
16 - Courtney/Perkins (Holden Commodore) - WAU - 1 giro
17 - Winterbottom/Canto (Ford Falcon) - Tickford - 1 giro
18 - Golding/Muscat (Holden Commodore) - GRM - 1 giro
19 - Blanchard/Wood (Holden Commodore) - BJR - 1 giro
20 - Stanaway/Owen (Ford Falcon) - Tickford - 1 giro
21 - Hazelwood/Fullwood (Ford Falcon) - MSR - 1 giro
22 - Le Brocq/Webb (Holden Commodore) - Tekno 5 giri

Giro più veloce: Jamie Whincup 1'09''193

Ritirati
145° giro - Holdsworth/Bright
142° giro - Percat/Jones
134° giro - Caruso/Fiore
129° giro - De Silvestro/Rullo

Il campionato
1. Van Gisbergen 3054; 2. McLaughlin 2999; 3. Whincup 2716; 4. Lowndes 2487; 5. Reynolds 2435; 6. Coulthard 2114; 7. Kelly 2098; 8. Mostert 2048; 9. Pye 1906; 10. Sòade 1862.

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone