30 Set [18:43]

Endurance a Mortmelò
Vince Black Falcon, Marciello da urlo

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

E’ stata una rincorsa durata tutta la gara quella delle Mercedes di vertice nell’appuntamento finale dell’Endurance Blancpain in programma al Circuit de Barcelona-Catalunya. Sulla pista di Montmelò, la vettura partita in pole con Maro Engel ha dominato dall’inizio alla fine, mentre l’equipaggio Marciello-Juncadella-Vautier ha passato tutte e tre le ore a recuperare dopo una qualifica sfortunata che l’aveva portata a partire dal sesto posto. Raffaele Marciello è stato splendido nel primo stint, rimontando fino al terzo posto a suon di sorpassi, mentre Juncadella ha avuto la meglio dell’Aston Martin di Vaxiviere-Dennis-Thiim che si era installata seconda al via e, grazie alla velocità sul dritto, non permetteva a nessuno di passare.

Nel finale, grazie a numerose safety-car, virtuali e reali, Vautier ha avuto la chance di rimontare il distacco e si è lanciato all’inseguimento di Buurman, senza però riuscire a trovare lo slancio necessario ai re-start. Buurman, Engel e Luca Stolz hanno così conquistato la corona della serie Endurance, mentre Marciello ha incassato il titolo generale. È andato però vicinissimo a una tripletta che non era mai riuscita a nessuno, mostrando di essere meritatamente un punto di riferimento tra gli ufficiali di Stoccarda: solo lui è riuscito, su una pista non particolarmente idonea per i sorpassi, a trovare spazi con apparente facilità.

Alla fine, il terzo posto in recupero è andato alla Ferrari nei colori SMP Racing di Davide Rigon, Mikhail Aleshin e Miguel Molina. Lo spagnolo ha recuperato alla grande grazie alle caution finali, mentre, al quarto posto ha incredibilmente terminato la Jaguar di Fontana-Grenier-Zaugg, che grazie ad un pit-stop in Full Course Yellow si era anche trovata al comando. Il trio dell’Emil Frey Racing ha conquistato comodamente la Silver Cup in gara precedendo la Lambo di casa Ombra, e in campionato: si tratta dell'ultima corsa della Jaguar XKR, che dopo una lunghissima carriera terminerà l'omologazione alla fine del 2018.

Disdetta per l’Aston Martin dell’R-Motorsport. Dries Vanthoor, forse spazientito dalla velocità degli avversari sul rettilineo ha toccato la Vantage numero 76 costringendola ai box per 4 giri. Vanthoor è poi precipitato in classifica, venendo penalizzato per contatto evitabile. In difficoltà le Bentley (in tep-10 si sono visti solo Soulet, Abril e Soucek, e le BMW mentre dopo le difficoltà in qualifica, le Lamborghini ufficiali di casa Grasser hanno recuperato: il migliore è stato l’equipaggio di Ezequiel Perez Companc, Raffaele Giammaria e Marco Mapelli. Una penalità per un contatto (con la McLaren di West-Harris-Goodwin) ha portato nelle retrovie anche la Mercedes di Gotz-Buhk-Parente, partita quinta.

In categoria Pro-Am, successo in classifica, a dispetto dell’ottavo posto di Montmelò, per il trio di casa Strakka composto da Leventis-Buncombe-Williamson. Il successo in gara nella categoria è andato alla Lamborghini Huracan del team Lazarus, che ha completato un weekend di vertice dopo l’eccellente qualifica: al volante Fabrizio Crestani, Miguel Ramos e Giuseppe Cipriani. Nella categoria “AM” a prevalere è stata la Lamborghini del team Barwell di Richard Abra, Adrian Amstutz e Leo Matchiski.

Domenica 30 settembre 2018, gara

1 - Stolz/Buurman/Engel (Mercedes AMG GT3) – BlackFalcon - 91 giri
2 - Vautier/Juncadella/Marciello (Merceds AMG GT3) – AKKA - 1"733
3 - Rigon/Aleshin/Molina (Ferrari 488 GT3) – SMP Racing - 6"046
4 - Fontana/Grenier/Zaugg (Jaguar G3) – Emil Frey - 6"806
5 - PerezCompanc/Giammaria/Mapelli (Lamorghini Huracan) – GRT - 8"908
6 - Abril/Soucek/Soulet (Bentley Continental) – M Sport - 9"185
7 - Rowland/Vietoris/Fraga (Mercedes AMG GT3) – Strakka - 9"435
8 - Krohn/Sims/Eng (BMW M6) – Rowe - 11"109
9 - Klingmann/Catsburg/Blomqvist (BMW M6) – Rowe - 11"677
10 - Makowiecki/Dumas/Werner (Porsche 911) – Manthey - 13"131
11 - Schramm/Fjordbach/Schmidt (Audi R8) – Attempto - 13"838
12 - Frassineti/Monti/Rizzoli (Lamborghini Huracan) – Ombra - 14"468
13 - Caldarelli/Engelhart/Bortolotti (Lamborghini Huracan) – GRT - 15"173
14 - Bulatov/Korneev/Meadows (Mercedes-AMG GT3) – AKKA - 16"310
15 - Vanthoor/Mies/Riberas (Audi R8) – WRT - 16"576
16 - Szymkowiak/Manchester/Bastian (Mercedes AMG) – AKKA - 23"451
17 - Buhk/Parente/Goetz (Mercedes AMG GT3) – Strakka - 28"856
18 - Beretta/Mitchell/Kodric (Lamborghini Huracan) – Barwell - 35"568
19 - Baumann/Kirchhofer/Martin (Aston Martin V12) – R Motorsport - 39"124
20 - Cipriani/Ramos/Crestani (Lamborghini Huracan) – Lazarus - 56"597
21 - Pepper/Gounon/Kane (Bentley Continental) – M Sport - 1'26"087
22 - Al Harthy/McKay/Eastwood (Ason Martin V12) – TF Sport - 1 giro
23 - Mardenborough/Buncombe/Parry (Nissan GT-R) – RJN - 1 giro
24 - Rostan/Stievenart/Kelders (Audi R8) – Sainteloc - 1 giro
25 - Bontempelli/Cameron/Griffin (Ferrari 488) – AF Corse - 1 giro
26 - Barnicoat/Ledogar/Watson (McLaren 650S) – Garage 59 - 1 giro
27 - Salikhov/Mattschull/Keilwitz (Ferrari 488) – Rinaldi - 1 giro
28 - Santamato/Sowery (Lamborghini Huracan) – Lazarus - 1 giro
29 - Amstuz/Matchiski/Abra (Lamborghini Huracan) – Barwell - 1 giro
30 - Liebhauser/Scholze/Ludwig (Ferrari 488) – Rinaldi - 1 giro
31 - Forné/Stippler/Parhofer (Audi R8) – CarCollection’57”600 - 2 giri
32 - Haring/Brauner/Triller (Porsche 911) – Herberth - 2 giri
33 - Debard/Barthez (Merceds AMG) – AKKA - 2 giri
34 - Oeverhaus/Vinke/Walkenhorst (BMW M6) – Walkenhorst - 2 giri
35 - Al Faisal/Aguas/Lendoudis (Mercedes AMG) – Black Falcon - 2 giri
36 - Niederhauser/Marioneck/Siljrhaugh (Lambo Gallardo) – Reiter - 4 giri
37 - Harris/West/Goodwin (McLaren 650S) – Garage 59 - 4 giri
38 - Yoon/Ehret/Penttinen (Ferrari 488) – Rinaldi - 5 giri
39 - C.Buncombe/Leventis/Williamson (Mercedes AMG) – Strakka - 8 giri
40 - Vaxievere/Dennis/Thiim (Aston Martin V12) – R Motorsport - 11 giri
41 - Onslow-Cole/Vos (Mercedes AMG GT3) – Ram - 15 giri
42 - Noble/Sanchez/Moore (Nissan GTR) – RJN - 17 giri
43 - Pierce/Smith/Morris (Bentley Continental) – Parker - 27 giri
44 - Al Faisal/Haupt/Piana (Mercedes AMG) – Black Falcon - 27 giri
45 - Feller/Gachet/Haase (Audi R8) – Sainteloc - 28 giri


Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone