24 Giu [12:00]

Valencia - Libere 1
Webber per dimenticare

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Massimo Costa

Con Valencia si conclude il trittico dei circuiti cittadini che la F.1 ha inserito in calendario nel periodo estivo. Un tracciato certamente non suggestivo come quello di Montecarlo, non divertente come quello di Montreal. Nella zona del porto della città spagnola, Mark Webber ebbe nel 2010 uno dei più brutti incidenti della sua carriera in F.1 quando in gara, per una incomprensione con Heikki Kovalainen, decollò sulla Lotus ricadendo a testa in giù, andando poi a sbattere con violenza contro le protezioni. Per dimenticare quel momento, Webber ha pensato bene di spingere a fondo fin da subito portando la sua Red Bull-Renault al primo posto nel primo turno di prove libere. Se l'è presa comoda Sebastian Vettel, solo 16°. Intanto Christian Horner, team principal Red Bull, ha espresso il suo disappunto per l'introduzione di nuove regole tecniche a campionato in corso.

Sessione non molto indicativa, con pista particolarmente sporca non essendoci stata, prima della F.1, nessuna altra prova delle categorie GP2 e GP3. Al secondo posto si è installato Vitaly Petrov con la Renault. Il team diretto da Eric Boullier ha nominato come team manager John Wickham, che molti ricorderanno come proprietario della Spirit F.2, e poi F.1, negli anni Ottanta mentre recentemente si era occupato della gestione della A1 Grand Prix. La Ferrari ha iniziato bene con Fernando Alonso terzo e Felipe Massa sesto. Dietro all'idolo spagnolo si è posizionato Lewis Hamilton, che ha voluto smentire una volta di più le voci di un suo passaggio alla Red Bull nel 2013.

Raggiunto da denuncia presentata al tribunale di Monaco di Baviera da Eric Lux (l'uomo di Genii Capital colpito al collo con un bicchiere a Shanghai, 24 punti rimediati) Adrian Sutil è parso sereno ed ha segnato l'ottavo tempo con la Force India-Mercedes. In ritardo la Mercedes, solo nona con Nico Rosberg mentre Jaime Alguersuari con la Toro Rosso è risultato decimo davanti a Michael Schumacher. Il giovane spagnolo è sotto osservazione per le recenti dichiarazioni di Helmut Marko che potrebbero far pensare a una sostituzione a breve. Daniel Ricciardo, terzo pilota Toro Rosso, ha guidato la vettura di Sebastien Buemi risultando ottimo dodicesimo se pensiamo che non aveva mai visto questo tracciato. Nico Hulkenberg ha sbattuto dopo appena sei giri con la Force India di Paul Di Resta mentre Karun Chandhok, con la Lotus di Jarno Trulli, per problemi al cambio ha fatto appena due tornate.

Nella foto, Mark Webber (Photo 4)

Venerdì 24 giugno 2011, libere 1

1 - Mark Webber (Red Bull RB7-Renault) - 1'40"403 - 22 giri
2 - Vitaly Petrov (Renault R31) - 1'41"227 - 20
3 - Fernando Alonso (Ferrari 150) - 1'41"239 - 22
4 - Lewis Hamilton (McLaren MP4/26-Mercedes) - 1'41"510 - 23
5 - Nick Heidfeld (Renault R31) - 1'41"580 - 24
6 - Felipe Massa (Ferrari 150) - 1'41"758 - 23
7 - Jenson Button (McLaren MP4/26-Mercedes) - 1'41"926 - 14.
8 - Adrian Sutil (Force India VJM04-Mercedes) - 1'41"955 - 20
9 - Nico Rosberg (Mercedes MGP W02) - 1'42"043 - 22
10 - Jaime Alguersuari (Toro Rosso STR6-Ferrari) - 1'42"216 - 29
11 - Michael Schumacher (Mercedes MGP W02) - 1'42"270 - 26
12 - Daniel Ricciardo (Toro Rosso STR6-Ferrari) - 1'42"412 - 27
13 - Rubens Barrichello (Williams FW33-Cosworth) - 1'42"704 - 23
14 - Sergio Perez (Sauber C30-Ferrari) - 1'42"738 - 20.
15 - Pastor Maldonado (Williams FW33-Cosworth) - 1'42"841 - 28
16 - Sebastian Vettel (Red Bull RB7-Renault) - 1'42"941 - 21
17 - Kamui Kobayashi (Sauber C30-Ferrari) - 1'43"201 - 18
18 - Nico Hulkenberg (Force India VJM04-Mercedes) - 1'43"769 - 7
19 - Heikki Kovalainen (Lotus T129-Renault) - 1'44"136 - 17
20 - Jerome D'Ambrosio (Virgin VR02-Cosworth) - 1'45"026 - 17
21 - Timo Glock (Virgin VR02-Cosworth) - 1'45"221 - 19.
22 - Vitantonio Liuzzi (Hispania F111-Cosworth) - 1'45"494 - 24
23 - Narain Karthikeyan (Hispania F111-Cosworth) - 1'46"926 - 27
24 - Karun Chandhok (Lotus T129-Renault) - No time - 2

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone