Rally

Rally di Montecarlo – 1° giorno
Ogier vola, Loeb lo marca a vista

Michele Montesano La novantesima edizione del Rally di Montecarlo ha aperto ufficialmente una nuova era del WRC, quella del...

Leggi »
formula 1

L'Alpine turbolenta,
fra uscite e tensioni

Via Ciryl Abiteboul, che era team principal, via Remi Taffin, capo del reparto motori, via Marcin Budkwoski, nel 2021 diretto...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – Shakedown
Ogier - Loeb è subito duello

Michele Montesano Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno del debutto per le nuove Rally1. Come da tradizione è stato ...

Leggi »
formula 1

Gare sprint 2022 a rischio?
Manca l'intesa con tutti i team

Le gare sprint del sabato, nuovo pallino di Formula 1, quest'anno dovrebbero aumentare a 6. Dovrebbero, appunto, perché i...

Leggi »
Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
22 Mag [17:53]

Scandalo a Monza
Indagata la dirigenza dell'autodromo

Articolo tratto da Il Giorno

La Procura di Monza ha iscritto sette persone nel registro degli indagati a vario titolo per false fatturazioni, altri reati fiscali e turbativa d'asta in relazione alla gestione della Sias spa, la società che gestisce l'autodromo di Monza. Stamane gli uomini della Guardia di Finanza di Monza, su ordine del sostituto procuratore monzese Walter Mapelli, hanno perquisito gli uffici della Sias in autodromo e gli uffici e le abitazioni del direttore dell'autodromo Enrico Ferrari, del responsabile tecnico Giorgio Beghella Bartoli, del contabile Franco Becchere, del consulente Emanuele Vialardi, del presidente della 'ACP&Partners' che gestisce gli sponsor dell'autodromo, Marco Villa, del custode Davide Galbiati e del figlio Daniele.

I fatti contestati agli indagati si riferiscono ad un periodo dal 2007 al 2012. A presentare un esposto alla Procura di Monza sulla gestione della Sias (società pubblica in quanto posseduta dall'ACI) è stato il presidente del consiglio di amministrazione della Sias Paolo Guaitamacchi. Sotto accusa l'emissione di fatture per operazioni inesistenti per almeno un centinaio di migliaia di euro a favore di società compiacenti che avrebbero consentito alla Sias di giustificare i ricavi di vendite in nero di biglietti di gare minori e permesso nel contempo alle società compiacenti di evadere il Fisco; una scarsa trasparenza con arricchimento personale nella gestione della società e dei fornitori e una presunta gara d'appalto irregolare per i servizi di ristorazione all'interno dell'autodromo. Il custode e il figlio sono invece indagati di avere venduto nel 2007, in occasione della prevendita di biglietti per la gara Wtcc Gran Turismo, biglietti omaggio a 10 euro ciascuno.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone