28 Feb [15:44]

Al Sakhir - 2° giorno
Perez comanda, Red Bull terza

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

Termina con Sergio Perez sempre in vetta il sesto giorno di prove della Formula 1 in Bahrain (il secondo di questa settimana). Il messicano della Force India ha mantenuto il crono fatto segnare in mattinata in condizioni di qualifica (e supersoft) precedendo per pochissimo Fernando Alonso il quale, oltre a restare performante, ha completato 109 passaggi. La notizia del pomeriggio è però il terzo posto di Daniel Ricciardo, finalmente riuscito a “spremere” la propria Red Bull portandosi a meno di due decimi di distacco dalla vetta.

x

Le preoccupazioni per le squadre spinte dai motori Renault non sono comunque finite: sia sulla Lotus sia sulla Caterham si sono verificati principi d’incendio, l’ultimo dei quali - sull’auto di Ericsson - ha costretto all’esposizione delle bandiere rosse. Anche alla stessa Red Bull non sono mancati intoppi dato che sulla RB10, sempre afflitta da problemi di temperature, si sono rivisti degli sfoghi “d’emergenza” sulle pance.

Alle spalle di Ricciardo si ha chiuso Felipe Massa, che dopo una giornata dedicata alle simulazioni di gara ha ritoccato il proprio tempo sul finale precendendo Jenson Button. Il britannico della McLaren è ritornato in pista dopo un lungo stop anche se non si è detto soddisfatto del lavoro completato, mentre Jules Bianchi ha ulteriormente abbassato la performance della mattinata con la Marussia. Anche considerando che si è trattato di una simulazione di qualifica, il crono non è niente male rispetto non solo agli arci-rivali della Caterham ma anche all’anno precedente.

x

Settimo piazzamento per Lewis Hamilton con tanto di un guasto al cambio che l’ha costretto a tornare definitivamente ai box dopo 89 giri. In Mercedes hanno comunque completato una simulazione di gara, prima di continuare con dei long-run fino al momento dello stop. Il gruppo di Toto Wolff ha anche accelerato il passo in condizioni di alto carico di carburante. Jean-Eric Vergne, con la Toro Rosso, è riuscito a tenere alle sue spalle Esteban Gutierrez, mentre Lotus e Caterham hanno visto il fondo della classifica.

In ultimo, da registrare la riunione del FIA Strategy group che, oltre a respingere la proposta della Renault di far slittare i termini per il congelamento tecnico dei motori, ha rigettato l’idea di Bernie Ecclestone di estendere i doppi punteggi agli ultimi tre GP.

Photo 4

Venerdi 28 febbraio 2014, 2° giorno

1 - Sergio Perez (Force India VJM07-Mercedes) - 1'35"570 - 95 giri
2 - Fernando Alonso (Ferrari F14T) - 1'35"634 - 109
3 - Daniel Ricciardo (Red Bull RB10-Renault) - 1'35"743 - 52
4 - Felipe Massa ((Williams FW36-Mercedes) - 1'36”692 - 92
5 - Jenson Button (McLaren MP4/29-Mercedes) - 1'36"901 - 39
6 - Jules Bianchi (Marussia MR03-Ferrari) - 1'38"198 - 67
7 - Lewis Hamilton (Mercedes W05) - 1'39"041 - 89
8 - Jean-Eric Vergne (Toro Rosso STR9-Renault) - 1'39"636 - 61
9 - Esteban Gutierrez (Sauber C33-Ferrari) - 1'39"976 - 94
10 - Pastor Maldonado (Lotus E22-Renault) - 1'41'762 - 31
11 - Marcus Ericsson (Caterham CT05-Renault) - 1'42"516 - 55

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone