14 Nov [19:47]

Test a Valencia, 1° giorno
Viñales al top con il telaio 2016

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Jacopo Rubino

Arrivederci 2017, benvenuto 2018. A Valencia la MotoGP è già tornata in pista per i tradizionali test post Gran Premio, assaggio di quella che sarà la prossima stagione. A prendersi la foto di copertina di questa prima giornata è stato Maverick Viñales: disperso nel weekend insieme alla Yamaha, sul finire di sessione lo spagnolo ha siglato il miglior tempo in 1'30"189, utilizzando il telaio 2016 dopo aver saggiato un'aerodinamica inedita e decisamente vistosa. Suo anche il maggior numero di giri percorso, ben 80.

La casa del Diapason è ancora alla ricerca della giusta alchimia, sperimentando varie configurazioni di telaio e propulsore, visto che la M1 in versione 2017 ha creato non pochi grattacapi durante l'anno. Per adesso è però piaciuta a Johann Zarco, portacolori Tech 3 che domenica ha sfiorato la prima vittoria nella top class. Il francese ha terminato secondo, a due decimi esatti dal compagno di marca, mentre al terzo posto c'è il fresco iridato Marc Marquez, a lungo leader provvisorio. L'alfiere Honda è stato l'ultimo a uscire dai box, e in mattinata si è messo in mostra con un altro dei suoi salvataggi acrobatici. Ormai, una specialità. Venendo agli aspetti tecnici, Marquez e Dani Pedrosa (undicesimo) hanno potuto saggiare la specifica 2018 della RC213V, che porta numerosi cambiamenti.

Quarto crono per Valentino Rossi, protagonista al mattino di un brutto crash in curva 10 che ha praticamente distrutto la sua moto. Per fortuna il Dottore non ha patito conseguenze fisiche, per poi tornare regolarmente in sella e mettersi dietro Jack Miller: l'australiano ha fatto il suo esordio sulla Ducati del team Pramac, precedendo l'Aprilia di Aleix Espargaro e le Desmosedici ufficiali di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo. A completare la top 10, Pol Espargaro sulla KTM e Cal Crutchlow.

Tra le altre novità, c'è Scott Redding quindicesimo sull'Aprilia, mentre fra i rookies il più veloce è stato il giapponese Takaaki Nakagami, nuova recluta LCR. Dietro di lui il nostro Franco Morbidelli, campione in carica della Moto2, con la Honda targata Marc VDS. La squadra belga, con Thomas Luthi infortunato e costretto ad essere soltanto spettatore, ha avuto in prestito da HRC il collaudatore Takumi Takahashi.

Da segnalare anche le cadute di Xavier Simeon, al debutto con Avintia, di Karel Abraham e soprattutto di Alvaro Bautista, con un po' di spavento per la dinamica causata da un presunto guasto tecnico. L'iberico è stato condotto in ospedale per controlli precauzionali, che hanno scongiurato infortuni. Grande assente, invece, la Suzuki: Andrea Iannone e Alex Rins hanno dovuto dare forfait per colpa di virus gastrointestinale che ha colpito anche altri membri della squadra. La speranza è che possano essere in azione domani.

Martedì 14 novembre 2017, 1° giorno

1 - Maverick Viñales (Yamaha) - Yamaha - 1'30"189 - 80 giri
2 - Johann Zarco (Yamaha) - Tech 3 - 1'30"389 - 53
3 - Marc Marquez (Honda) - Honda - 1'30"501 - 70
4 - Valentino Rossi (Yamaha) - Yamaha - 1'30"519 - 63
5 - Jack Miller (Ducati) - Pramac - 1'30"635 - 57
6 - Aleix Espargaro (Aprilia) - Gresini - 1'30"756 - 51
7 - Andrea Dovizioso (Ducati) - Ducati - 1'30"850 - 50
8 - Jorge Lorenzo (Ducati) - Ducati - 1'31"059 - 48
9 - Pol Espargaro (KTM) - KTM - 1'31"166 - 56
10 - Cal Crutchlow (Honda) - LCR - 1'31"259 - 55
11 - Dani Pedrosa (Honda) - Honda - 1'31"328 52
12 - Bradley Smith (KTM) - KTM - 1'31"415 - 53
13 - Tito Rabat (Ducati) - Avintia - 1'31"673 - 70
14 - Danilo Petrucci (Ducati) - Pramac - 1'31"721 - 46
15 - Scott Redding (Aprilia) - Gresini - 1'32"075 - 64
16 - Karel Abraham (Ducati) - Aspar - 1'32"445 - 66
17 - Takaaki Nakagami (Honda) - LCR - 1'32"723 - 76
18 - Franco Morbidelli (Honda) - Marc VDS - 1'32"762 7- 8
19 - Takumi Takahashi (Honda) - Marc VDS - 1'33"569 - 55
20 - Xavier Simeon (Ducati) - Avintia - 1'34"242 - 43
21 - Alvaro Bautista (Ducati) - Aspar - senza tempo
22 - Andrea Iannone (Suzuki) - Suzuki - senza tempo
23 - Alex Rins (Suzuki) - Suzuki - senza tempo