16 Set [20:17]

Roma Capitale - 1. giorno
Lukyanuk sbaglia, Bouffier leader

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Minghetti

È stata una giornata sofferta la prima tappa del rally di Roma Capitale. Con una prova sospesa dopo il passaggio dei primi due concorrenti (colpa del gran busso di von Thurn und Taxis, che ha bloccato la strada con la sua Skoda…) e altri minuti persi per strada causa il posizionamento degli spettatori presenti e varie ed eventuali, il ritardo a sera è lievitato fino ad ad oltrepassare i 30 minuti sulla tabella di marcia (molto) teorica per finire con la sospensione caotica, con tanto di bandiere rosse, anche dell’ultima prova speciale.

A movimentare la giornata in testa è stato Alexey Lukyanuk (nella foto) che, a dispetto di condizioni fisiche ancora non perfette, non smetta mai di interpretare le gare al massimo delle sue possibilità. Purtroppo il pilota moscovita ha ancora una volta pagato la sua generosità e, davanti a tutti dopo cinque prove speciali, all’ultimo appuntamento di giornata stacca una ruota e saluta la compagnia.

A prendere così le redini della gara è stato Bryaan Bouffier che, vincendo proprio la piesse Greci-Pico stacca di sette secondi Kajto Kajetanowicz, mentre Magalhaes, terzo, ha dovuto lottare per sistemare al meglio una vettura che nelle prime battute non lo aveva soddisfatto. Il portoghese, ancora in lotta per il titolo dovrà però cambiare passo se vorrà cercare di andare a mettere pressione sul polacco leader di campionato.

Così in attesa di classifiche tutte da interpretare, visti i tempi imposti che i commissari dovranno assegnare ai piloti nell’ultima prova speciale, rimane che segnalare che Zelindo Melegari, in lotta per il campionato Produzione, ha dovuto abbandonare in tutta fretta il campo di gara per l’improvviso lutto che lo ha ha colpito. Nella notte, infatti, è venuto a mancare il padre.

La classifica dopo il 1. giorno

1. Bouffier-Panseri (Ford Fiesta R5) - 56’41”14
2. Kajetanowicz-Baran (Ford Fiesta R5) + 7”0
3. Magalhaes-Magalhaes (Skoda Fabia R5) + 25”5
4. Grzyb-Wrobel (Skoda Fabia R5) + 36”9
5. Habaj-Dymursku (Ford Fiesta R5) + 1’02”8

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone