9 Ott [11:32]

Liepaja - A Gryazin la vittoria
a Kajetanowicz il terzo titolo

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Il russo, che ha compiuto 20 anni sabato, ha ottenuto il primo successo assoluto e in Classe FIA ERC Junior Under 28 Championship battendo Kalle Rovanperä per 18″5 dopo due giorni di grande battaglia.
“E’ andato tutto bene ed è un bellissimo regalo di compleanno per me – ha detto il pilota della Sports Racing Technologies, che con la sua ŠKODA Fabia R5 è diventato il settimo pilota diverso a vincere nell’ERC quest’anno – Tutta la gara è andata bene, in alcuni punti ero al limite. Kalle è stato velocissimo e io mi sono divertito in una bella lotta”.
Vincendo il titolo in FIA ERC Junior Under 27 Championship, Ingram si è invece aggiudicato i 100.000€ di premio per iscriversi alla stagione 2018 del FIA ERC Junior Under 28 per guidare una R5.
Il ragazzo dell’Opel Rallye Junior Team aveva perso il titolo di categoria lo scorso anno, ma ora avrà l’occasione d’oro per crescere, proprio seguendo gli obiettivi della serie.

“Ho vinto la mia prima gara in Lettonia quattro anni fa e da allora le ho provate tutte per vincere il titolo – ha dichiarato l’inglese, che si è confermato Campione anche in Classe ERC3 – Ho lavorato tantissimo ogni giorno per raggiungere questo traguardo, l’impegno di quattro anni ha pagato. Ora avrò il bottino migliore per puntare a crescere, comincerò subito a parlare con le persone coinvolte nell’ERC per capire cosa fare il prossimo anno”.
Tibor Érdi Jr si è invece assicurato la corona in Classe ERC2 battendo Zelindo Melegari, mentre Reinis Nitišs si è portato a casa la vittoria di categoria. Il Castrol Ford Team Turkey ha invece sconfitto l’ACCR Czech Team vincendo il titolo ERC riservato ai team.
Kajetan Kajetanowicz e Jarek Baren si portano a casa la terza corona continentale consecutiva sfruttando il ritiro di Bruno Magalhães, nella “Liepāja City Stage” di sabato. Dopo una notte passata in ospedale, il portoghese è stato dimesso nonostante qualche botta e ferita riportata nell’incidente che lo ha messo fuori causa.

La classifica finale
1. Gryazin-Fedorov (Skoda Fabia R5) - 1’19”22
2. Rovanpera-Halttunen (Ford Fiesta R5) + 18”5
3. Habaj-Dymurski (Ford Fiesta R5) + 2’52”8
4. Suarez-Carrera (Peugeot 208 T16 R5) + 3’00”9
5. von Thurn und Taxis-Degandt (Skoda Fabia R5) + 5’32”3
6. Nitiss-Neiksans (Mitsubishi Lancer Evo IX) + 6’15”1
7. Vaskys-Paskevicius (Mitsubishi Lancer Evo IX) + 8’17”9
8. Kristenssen-Appelskog (Opel Adam R2) + 8’22”7
9. Erdi-Papp (Mitsubishi Lancer Evo IX) + 8’30”5
10. Ingram-Whittock (Opel Adam R2) + 8’55”3

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone