29 Dic [16:26]

Anteprima Dakar 2018
Sfida a due ruote motrici, ma…

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Minghetti

Il debutto delle ostilità della Dakar numero 40 è previsto per sabato 6 gennaio, quando moto, auto e camion iscritti scatteranno al via per la prima tappa Lima-Pisco: il prologo di 31 chilometri. Dal Perù all’Argentina passando per la Bolivia, 8793 chilometri di percorso con la metà di tratti a cronometro, che come al solito metteranno a dura prova la resistenza di uomini e mezzi.

La novità per l’edizione 2018, non è certo sul ruolo dei favoriti, con i nuovi 3008 DKR maxi del team Total Peugeot una spanna sopra tutti, a cominciare da Stéphane Peterhansel che, con tredici vittorie (sei in moto e sette con le auto), è ormai una leggenda vivente. A cercare di sbarrare il passo alle auto del team francese quest’anno ci saranno tre nuovissimi esemplari di Mini John Cooper del team tedesco X-Raid (nella foto). Tre Buggy a trazione posteriore appositamente voluto dal manager Sven Qaundt. I tre nuovissimi esemplari saranno portati in gara da Mikko Hirvonen, Bryce Menzies e Yazeed Al-Rajhi, mentre altre tre Mini in vecchia configurazione saranno affidati a Orlando Terranova, Jakub Przygonski, Joan “Nani” Roma e Boris Garafulic.

Ma se la probabile sfida sarà proprio tra i modelli a due ruote motrici, non sarà assolutamente da prendere sottogamba la presenza minacciosa delle Toyota Hilux che, grazie al requilibrio di prestazioni tra 2 e 4 ruote e Diesel e benzina, hanno beneficiato di un po’ di potenza in più e qualche chilo in meno. Affidate le vetture le vetture a Nasser Al-Attiyah, Giniel De Villiers, e Bernard ten Brinke, la squadra sudafricana ha anche giocato su un ripensamento della geometria e il disegno della vettura con nuove sospensioni posteriori indipendenti e lo spostamento del motore V8 più vicino all’abitacolo.

“LA FIA ha lavorato per cercare di equilibrare le performance delle auto turbodiesel e quelle V8 atmosferiche come la nostra” - ha affermato Glyn Hall, team principal del Toyota Gazoo Racing SA - “Anche se nessuna squadra sarà soddisfatta delle regole, noi pensiamo che questi cambiamenti ci possano offrire delle migliori chance per la Dakar che andiamo ad affrontare.

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone