30 Lug [13:57]

Finland - Finale
Toyota in trionfo grazie a Lappi

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Minghetti

Finisce come doveva finire. Il finland Rally 2017 è tutto nell’abbraccio tra Tommi Makinen ed Esapekka lappi al termine dell’ultima, velocissima, Power Stage. Affrontato con un po’ di patema dal leader della gara, causa una toccata galeotta nella piesse precedente, ‘ultimo impegno di giornata non regala sorprese e il ventiseienne di Pieksamaki può urlare tutta la sua gioia primo di trovarsi issato sul tettuccio della sua Yaris dall’incontenibile boss di Toyota Gazoo Racing. Tutt’attorno è un tripudio di bandiere finlandesi, e anche gli altri piloti della terra del sisu, fanno a gara per complimentarsi con il giovane connazionale, alla prima vittoria in carriera.

“È incredibile, che gara…” - così il vincitore che trova comunque il modo di ricordare chi lo ha voluto su quel sedile - “Per prima cosa voglio mandare un grande grazie a tutta la squadra. che mi ha messo a disposizione una vettura velocissima, sviluppata in così breve tempo, e a chi mi ha dato la chance di gareggiare. Io ho ancora poca esperienza rispetto a campioni affermato come Ogier e Latvala, e se nella gara di casa sono andato bene dovrò imparare molto in futuro…”.

Assolutamente scatenato, Tommi Makinen quasi strappa il microfono all’intervistatrice. Responsabile del progetto Toyota, con il sorriso dei gironi migliori, ci tiene a fa sapere alcune cose: “Mi ricordo ancora il sapore della mia prima vittoria iridata, e sono davvero felicissimo di aver dato questa possibilità ad un ragazzo veloce come Esapekka. Ma sono altrettanto contento di tutti i miei tre equipaggi, che hanno davvero compiuto una prestazione eccezionale. Peccato solo per Jari-Matti…”.

Tra tanti sorrisi, nel team Toyota solo Juho Hanninen non riesce a gioire completamente. Partito con alcuni secondi di vantaggio su Elfyn Evans, nell’ultima piesse non è riuscito a difendere il gruzzolo. Un secondo posto svanito che avrebbe potuto essere il punto di svolta di una stagione sin qui altalenante. Ma non deve rimproverarsi niente Hanninen, a batterlo è stato un Evans a tratti davvero incontenibile che, risolti i problemi di assetto accusati il primo giorno ha lottato da par suo per le posizioni del podio. Podio che in maniera rocambolesca ha mancato un altro giovanissimo come Suninen, che nel penultimo crono ha commesso un errore che gli è costato una trentina di secondi.
E così, al termine di una gara al solito incredibilmente veloce, con il sesto vincitore diverso in stagione, ci si ritrova con una classifica iridata inusuale con Thierry Neuville che ha agganciato in vetta Sébastien Ogier.

Proprio il leader di campionato ha dovuto mancare l’appuntamento dell’ultimo giorno. Vittima di un brutto incidente contro un albero nella mattinata di venerdì, Ogier ha dovuto prendere atto dello stato fisico del suo copilota Julien Ingrassia. Il violento contatto con un albero, infatti non ha solo messo KO la Fiesta del campione del mondo, ma anche il suo navigatore che, precauzionalmente ricoverato all’ospedale per un leggero stato commotivo ( con sintomi di mal di testa, nausea e vomito…), è stato poi dimesso ma con l’osservanza assoluta di due settimane di riposo. La premiata coppia si riformerà giusto in tempo per il prossimo Rally di Germania.

In WRC2 dominio assoluto di Jari Huttunen che ha terminato la gara davanti a tutti gli iscritti con vetture R5. Non iscritto al WRC2, Eric Camilli è infatti finito a oltre 10” dal giovane finlandese, mentre per il campionato il podio è stato appannaggio del francese Quentin Gilbert e dell’inglese Tom Cave. Assente nella giornata finale Fabio Andolfi (troppo danneggiata la sua Hyundai i20 per ripartire…), il meglio piazzato è così stato Simone Tempestini che ha terminato in quinta posizione. Bandiera a scacchi per Umberto Scandola ma in ultima posizione. Il veneto è ripartito la domenica, grazie al gran lavoro dei meccanici di S.A. Motorsport Italia, che hanno ricostruito il posteriore della sua Skoda dopo il botto del sabato mattina nella piesse di Paijala.

La classifica finale

1 - Lappi-Ferm (Toyota Yaris WRC '17) - 2.29’26”9
2 - Evans-Barritt (Ford Fiesta WRC '17) + 36”0
3 - Hanninen-Lindstrom (Toyota Yaris WRC '17) + 36”3
4 - Suninen-Markkula (Ford Fiesta WRC '17) + 1’01”5
5 - Breen-Martin (Citroen C3 WRC ’17) + 1’22”6
6 - Neuville-Gilsoul (Hyundai i20 WRC '17) + 1’33”1
7 - Tanak-Jarveoja (Ford Fiesta WRC '17) + 1’53”6
8 - Meeke-Nagle (Citroen C3 WRC '17) + 3’12”6
9 - Sordo-Marti (Hyundai i20 WRC '17) + 4’11”5
10 - Ostberg-Eriksen (Ford Fiesta WRC '17) + 4’21”2

Classifica Piloti
1.Ogier e Neuville 160; 3.Tanak 119; 4.Latvala 114; 5.Sordo 84; 6.Evans 79; 7.Breen 53; 7.Paddon 51; 9.Hanninen 47; 10.Meeke 30.

Classifica Costruttori
1.Ford M-Sport 285; 2.Hyundai Motorsport 251; 3.Toyota Gazoo Racing 193; 4.Citroen Total Abu Dhabi 135.

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone