8 Mag [8:55]

Spa, gara: doppietta Peugeot, Audi battute

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
dall'inviato Alfredo Filippone

Un po’ a sorpresa, le Peugeot hanno dominato la gara a Spa, imponendosi nettamente alle Audi, che avevano impressionato in prova. All’apparente superiorità della R18 TDI, le vetture del Leone sembravano dover aggiungere lo svantaggio delle posizioni poco favorevoli sulla griglia (13, 18 e 50), frutto della sospensione della sesione di qualifica. Ma nel giro di pochi minuti la situazione si è capovolta: le tre Peugeot hanno rimontato subito nei primi giri, con Wurz all’attacco della pattuglia blu e incuneato dopo meno di mezz’ora fra Lotterer e Bernhard, coi quali ha messo in scena una bella lotta, mentre McNish aveva perso un po’ di tempo per un testacoda al primo giro e Bourdais e Montagny raggiungevano anch’essi la vetta.

Al 43esimo giro, poco prima del rifornimento, Wurz passava in testa e dopo il primo pit stop, i giochi erano praticamente fatti, con le tre 908 a guidare la gara e ad aumentare il vantaggio progressivamente. A parte i postumi di una leggera uscita di pista di Lamy alla quinta ora, le Peugeot non hanno avuto alcun problema, centrando una bella doppietta (e il quinto centro consecutivo a Spa) con Wurz-Gené-Davidson e Montagny-Sarrazin-Minassian davanti alle tre Audi (terza quella di Capello), mentre prima fra le LMP1 benzina risultava la Pescarolo di Tinseau-Jousse-Collard, sesta. Nono Belicchi su una Rebellion apparsa un po' opaca.

In LMP2, successo dell’Oreca Nissan del team TDS (Beche-Thiriet-Firth) dopo un bel duello con la vettura sorella di De Crem-Kraihamer (Boutsen Racing). Fra le Formula Le Mans, si è imposto Luca Moro, con Zhang e Marroc sulla vettura del team Hope, dopo un’ennesima grande gara del sardo. In GTE Am, hanno dominato per tutta la gara le F458 dell’AF Corse. Melo-Vilander erano avviati verso un meritato successo ma un drive-through per una bandiera gialla non rispettata e un guasto sul finale li hanno ritardati. Prontissima l’altra vettura del team piacentino, quella di Fisichella-Bruni, a raccogliere il trstimone e il successo mentre le Porsche sono apparse decisamente sotto tono. Fra le GTE Am, brillante successo della 911 IMSA di Narac-Armindo, che precedono la F430 dell’AF Corse affidata a Cioci-Perazzini-Lemeret.

Sabato 7 maggio 2011, gara

1. Gené/Wurz/Davidson (Peugeot 908) – Peugeot – 161 giri
2. Montagny/Sarrazin/Minassian (Peugeot 908) – Peugeot – 161 giri
3. Capello/Kristensen/McNish (Audi R18 TDI) – Audi – 160 giri
4. Bernhard/Dumas/Rockenfeller (Audi R18 TDI) – Audi – 159 giri
5. Fässler/Lotterer/tréluyer (Audi R18 TDI) – Audi – 158 giri
6. Collard/Tinseau/Jousse (Pescarolo Judd) – Pescarolo – 156 giri
7. Jani/Prost (Lola Toyota) – Rebellion – 156 giri.
8. Lamy-Bourdais-Pagenaud (Peugeot 908) – Peugeot – 155 giri
9. Belicchi/Boullion (Peugeot 908) – Peugeot – 155 giri
10. Lapierre/Duval/Panis (Peugeot 908 Hdi Fap) – Oreca – 152 giri
11. Beche/Thiriet/Firth (Oreca Nissan) – TDS – 150 giri
12. Kralhamer/De Crem (Oreca Nissan – Boutsen – 150 giri
13. Leventis/Watts/Kane (HPD ARX) – Strakka- 150 giri
14. Gates/Garofall/Phillipps (MG Lola) – RLR – 147 giri.
15. Mailleux-Ordóñez/Ayari (Oreca Nissan) – Signatech – 146 giri
16. Moro/Marroc/Zheng (Oreca) – Hope – 144 giri
17. Fisichella/Bruni (Ferrari F458) – AF Corse – 144 giri
18. Farnbacher/Simonsen (Ferrari F458) – Farnbacher – 144 giri
19. Priaulx/Alzen (BMW M3) – BMW – 144 giri
20. Shultis/Simon/Schell (Oreca) – Pegasus – 144 giri
21. Farfus/J.Müller (BMW M3) – BMW - 143 giri.
22. Delan/Hanckock (Aston Martin Vantage) – Jota – 141 giri
23. Goossens/Holzer (Porsche 911 RSR) – Prospeed- 141 giri
24. Julian/Zugel/Petersen (Oreca) – Genoa – 141 giri
25. Armindo/Narac (Porsche 911 RSR) –IMSA – 140 giri
26. Perazzini/Cioci/Lemeret (Ferrari F430) – AF Corse – 140 giri
27. Bornhauser/Canal/Gardel (Porsche 911 RSR) – 139 giri
28. Reid/Hammerson (Porsche 911 RSR) –Proton – 139 giri.
29. Melo/Vilander 5Ferrari F458) – AF Corse – 137 giri
30. Christodoulou/Hummel/Quailfe (Ferrari F430) – CRS – 137 giri
31. Felbermayr Jr/Miller (Porsche 911 RS R) – Felbermayr – 137 giri
32. Ehret/Lynn/Wells (Ferrari F430) – CRS – 137 giri
33. Broniszewski/Peter (Ferrari F458) – Kessel – 135 giri
34. Krohn/Jonsson (Ferrari F430) – Krohn – 134 giri
35. Barlesi/Da Rocha/Lafargue(Pescarolo Judd) – OAK – 134 giri .
36. Bell/Walker (Ferrari F458) – JMW – 132 giri
37. Frey/McIchtry/Rostan (Oreca Judd) – Race Performance – 132 giri

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone