29 Apr [12:44]

Lo studio FIA: alla pari
i motori Mercedes, Ferrari e Renault

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Jacopo Rubino - Photo4

Le power unit di Mercedes, Ferrari e Renault sono ormai allo stesso livello: questo è il responso della FIA, che dallo scorso anno ha perseguito (in accordo coi motoristi) la convergenza prestazionale. Secondo la Federazione, alla terza gara del campionato 2017, ci sarebbero solo tre decimi di differenza fra i tre propulsori in un ipotetico giro sul circuito di Barcellona. Lo studio è stato condotto per comprendere se i cambi regolamentari introdotti sullo sviluppo tecnico, abbandonando il sistema a gettoni, abbiano in effetti portato a un maggiore equilibrio rispetto al dominio Mercedes avuto fra il 2014 e il 2016.

"C'è stata una metodologia molto dettagliata per simulare questi risultati, su dati che soltanto noi abbiamo a disposizione", ha spiegato il direttore di gara Charlie Whiting. "Il sistema era stato approvato da tutti i motoristi, derivando dalla simulazione che quello sarebbe un giro cronometrato a Barcellona. Questo vale in ogni caso soltanto per le power unit, e le migliori tre sono comprese in tre decimi".

Il verdetto, comunicato durante il meeting a Parigi dello Strategy Group, non ha convinto la Red Bull spinta dal V6 di casa Renault, pur marchiato TAG-Heuer. Whiting è stato però chiaro: "La metodologia è stata concordata e non possiamo rinegoziarla, ma era in vigore da più di un anno. Tutti sapevano esattamente cosa sarebbe stato fatto, i risultati sono questi".

Resta ovviamente fuori dalla convergenza la Honda. La unità che spinge la McLaren continua ad accusare problemi di affidabilità (gli ultimi ancora in Russia) e performances inferiori rispetto alla concorrenza. Negli ultimi giorni si è parlato di possibili aiuti al costruttore giapponese, attraverso deroghe regolamentari e una consulenza ingegneristica da parte della stessa Mercedes. Whiting, comunque, ha sottolineato come l'indagine non avesse questo scopo: "Non si trattava di aiutare nessuno, solo di stabilire se le misure adottate abbiano funzionato".

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone