formula 1

Schumacher-Mazepin anche nel 2022,
la Haas conferma i suoi piloti

Mick Schumacher e Nikita Mazepin saranno i piloti Haas anche nel campionato di Formula 1 2022: l'ufficialità è arrivata a...

Leggi »
formula 1

Ibrido aggiornato sulla Ferrari,
ma Leclerc in Russia parte dal fondo

Charles Leclerc potrà contare su una potenza extra a partire dal Gran Premio di Russia di questo weekend. La Ferrari del mone...

Leggi »
formula 1

Il weekend di Monaco "normalizzato":
dal 2022 basta prove libere al giovedì

Anche le tradizioni non sono per sempre, e nel 2022 in Formula 1 ne sparirà una tipica del Gran Premio di Monaco: il weekend ...

Leggi »
formula 1

Honda al massimo fino alla fine:
da Spa batterie evolute per la Red Bull

Il mantra lo conosciamo da mesi: la Honda lascerà la Formula 1 a fine stagione, ma sta dando sempre il massimo per uscire di ...

Leggi »
formula 1

Whitmarsh torna in Formula 1:
ruolo dirigenziale in Aston Martin

Martin Whitmarsh rientra nel giro della Formula 1, e lo fa con il team Aston Martin: sarà responsabile della nuova divisione ...

Leggi »
F3 FIA Asia

È pronto il calendario 2022
Cinque eventi tra Yas Marina e Dubai

La bella e avvincente stagione 2021 della F3 Asia organizzata dalla Top Speed dell'italiano Davide De Gobbi è alle spalle...

Leggi »
3 Nov [10:54]

Sepang - Qualifica
Marquez mattatore su pista umida

Jacopo Rubino

L'acquazzone sceso durante la FP4 ha prolungato l'attesa per scoprire il poleman della MotoGP a Sepang: dopo oltre un'ora di ritardo sul programma, per far sì che la pista si andasse ad asciugare, a festeggiare è stato Marc Marquez. Domani, per la settima volta quest'anno, lo spagnolo già campione 2018 partirà davanti a tutti dopo aver mostrato di nuovo le proprie capacità. "Oggi ho sfruttato uno dei miei principali punti di forza: adattarmi in fretta alle condizioni", ha infatti ricordato in conferenza stampa.

Già al primo tentativo in Q2, del resto, il portacolori della Honda ha piazzato un 2'12"161 con cui ha fatto il vuoto dietro di sé, trovando subito il limite di aderenza. Poi, la scivolata: rientrato ai box, Marquez è ripartito ma il suo tempo è rimasto fuori portata per tutti, con Johann Zarco (Tech 3) che alla fine ha chiuso secondo a ben 548 millesimi di ritardo.

Ad avvicinarsi di più poteva essere il nostro Andrea Dovizioso, vincitore qui delle ultime due edizioni, ma il ducatista nel suo ultimo giro è caduto a sua volta in curva 9, e dovrà accontentarsi della quinta posizione. A precederlo, altri due italiani: Valentino Rossi, che completa la prima fila con la Yamaha ufficiale, e Andrea Iannone quarto in sella alla Suzuki.

Bene anche la coppia Pramac formata da Jack Miller e Danilo Petrucci, rispettivamente sesto e settimo, con il pilota umbro che aveva occupato provvisoriamente il secondo posto. La delusione viene invece da Maverick Vinales: tornato al successo domenica scorsa a Phillip Island, l'iberico ha faticato in condizioni miste terminando appena undicesimo. Davanti a lui anche i connazionali Alex Rins e Alvaro Bautista (che ha passato la Q1 insieme all'Aprilia di Aleix Espargaro) e Dani Pedrosa, segnando un netto contrasto rispetto alle buone prove libere sull'asciutto.

Jorge Lorenzo ha dato di nuovo forfait. Nonostante il tentativo fatto ieri, il maiorchino non ha ancora recuperato dall'infortunio al polso rimediato in Thailandia. La decisione, arrivata in mattinata, ha portato il collaudatore Michele Pirro a prendere i comandi della sua Desmosedici: il meteo non ha però aiutato il pugliese, quarto in Q1 e quindi 14esimo in griglia.

Sarà 19esimo Franco Morbidelli, mentre l'idolo di casa Hafizh Syahrin non ha sfruttato il fattore campo chiudendo da fanalino di coda il primo segmento. La Q1 ha visto a terra Bradley Smith e Thomas Luthi, sfortunato invece Jordi Torres, che tradito dalla pioggia in FP4 è caduto fratturandosi un dito: per questo l'alfiere Avintia (sostituto di Tito Rabat) ha dovuto saltare la qualifica e sarà operato. È andata meglio allo stesso Vinales e a Karel Abraham, che per una sorte simile non hanno rimediato conseguenze fisiche.

Proprio la minaccia di altri rovesci piovesi ha inoltre convinto i commissari ad anticipare di due ore la tabella di domani: per questo motivo lo start della MotoGP sarà alle 13:00 locali, le 6:00 italiane.

Sabato 3 novembre 2018, qualifica

1 - Marc Marquez (Honda) - Honda - 2'12"161
2 - Johann Zarco (Yamaha) - Tech 3 - 2'12"709
3 - Valentino Rossi (Yamaha) - Yamaha - 2'13"009
4 - Andrea Iannone (Suzuki) - Suzuki - 2'13"097
5 - Andrea Dovizioso (Ducati) - Ducati - 2'13"183
6 - Jack Miller (Ducati) - Pramac - 2'13"274
7 - Danilo Petrucci (Ducati) - Pramac - 2'13"413
8 - Alex Rins (Suzuki) - Suzuki - 2'13"463
9 - Alvaro Bautista (Ducati) - Nieto - 2'14"185 - Q1
10 - Dani Pedrosa (Honda) - Honda - 2'14"443
11 - Maverick Viñales (Yamaha) - Yamaha - 2'14"856
12 - Aleix Espargaro (Aprilia) - Gresini - 2'15"340 - Q1
13 - Scott Redding (Aprilia) - Gresini - 2'13"786 - Q1
14 - Michele Pirro (Ducati) - Ducati - 2'13"823 - Q1
15 - Xavier Simeon (Ducati) - Avintia - 2'13"971 - Q1
16 - Pol Espargaro (KTM) - KTM - 2'14"132 - Q1
17 - Bradley Smith (KTM) - KTM - 2'14"332 - Q1
18 - Thomas Luthi (Honda) - Marc VDS - 2'14"843 - Q1
19 - Franco Morbidelli (Honda) - Marc VDS - 2'14"994 - Q1
20 - Stefan Bradl (Honda) - LCR - 2'15"364 - Q1
21 - Karel Abraham (Ducati) - Nieto - 2'15"679 - Q1
22 - Takaaki Nakagami (Honda) - LCR - 2'16"558 - Q1
23 - Hafizh Syahrin (Yamaha) - Tech 3 - 2'16"825 - Q1
24 - Jordi Torres (Ducati) - Avintia - s.t.