F4 Italia

Vallelunga - Gara 2
Ancora Slater

Da Vallelunga - Davide Attanasio - Foto SpeedyGara condotta dall'inizio alla fine, giro più veloce e vittoria per dispers...

Leggi »
24 ore le mans

Le Mans – Ore 10
Paura per Mancinelli, nuova safety car

Da Le Mans - Michele Montesano La safety car quest’anno è costretta a fare gli straordinari a Le Mans. Da poco riprese le ost...

Leggi »
24 ore le mans

Le Mans – Ore 8:30
Riprende la gara, Toyota davanti Porsche

Da Le Mans - Michele Montesano Poco dopo le otto sono riprese finalmente le ostilità in pista. L’intensa pioggia, che ha cond...

Leggi »
24 ore le mans

Le Mans – Ore 6
Toyota in testa tra pioggia e safety car

Da Le Mans - Michele Montesano Tutt’altro che clemente, il meteo non ha fatto sconti alla 92ª edizione delle 24 Ore di Le Man...

Leggi »
24 ore le mans

Le Mans – Ore 1
Kubica penalizzato, Toyota prima

Da Le Mans - Michele Montesano Il fascino di Le Mans si amplifica con il calare delle tenebre. La notte è senza dubbio una de...

Leggi »
24 ore le mans

Le Mans – Ore 23
Vanthoor a muro, prima Safety Car

Da Le Mans - Michele Montesano Finora era mancata all’appello ma, oltrepassata la sesta ora di gara, è entrata in pista la pr...

Leggi »
14 Mag [14:56]

Rally del Portogallo – Finale
Rovanperä vittoria e leadership

Michele Montesano

Kalle Rovanperä è tornato. Dopo un avvio di stagione sottotono, il campione in carica del WRC è riuscito finalmente a mettere tutti in riga nel Rally del Portogallo. Sugli sterrati lusitani il finlandese della Toyota, navigato dal fido Jonne Halttunen, ha ottenuto una vittoria dominante e mai messa in discussione. Non solo, il primo successo da iridato ha permesso a Rovanperä di conquistare anche la vetta del campionato. Infatti il Flying Finn ha capitalizzato al massimo l’assenza di Sebastien Ogier e il ritiro di Elfyn Evans, avvenuto nella tappa del venerdì, per rilanciarsi in classifica generale.

Costretto ad affrontare per secondo le speciali nella giornata del venerdì, Rovanperä ha saputo gestire al meglio lo svantaggio. Dopo aver accusato del sottosterzo sulla sua Yaris, il finnico ha modificato l’assetto della vettura cambiando letteralmente passo fino a conquistare la vetta del rally. Il campione in carica ha poi impresso un ritmo forsennato nella tappa del sabato blindando di fatto la vittoria. Mai domo, Rovanperä ha infine conquistato anche la Power Stage di Fafe incamerando ulteriori cinque punti. La stella finlandese è tornata a brillare, gli avversari sono avvisati.



Questa mattina un colpo di scena ha messo subito fuorigioco Thierry Neuville. All’avvio della PS di Paredes, il belga ha immediatamente riscontrato problemi sulla i20N non riuscendo a inserire la quarta marcia. Neuville, navigato da Martijn Wydaeghe, ha così perso il terzo posto scivolando in quinta posizione. A rallentare la gara dell’equipaggio Hyundai pare sia stato un problema al turbo, oltretutto già sostituito al termine della tappa di ieri. Dopo il ritiro in Croazia, è arrivato un altro duro colpo per Neuville che ha perso l’occasione per riacciuffare Ogier ed Evans in classifica generale.

Con il belga impegnato a portare a termine il Rally del Portogallo nonostante la i20N recalcitrante, è toccato a Dani Sordo ed Esapekka Lappi tenere alto il vessillo di Hyundai Motorsport. Lo spagnolo (nella foto sopra) ha mostrato un buon passo nell’arco del fine settimana siglando anche tre scratch, oltre a comandare brevemente la classifica generale. Sordo ha poi portato a termine la missione conquistando il secondo posto, suo miglior risultato di sempre nel Rally del Portogallo, precedendo di 25”6 Lappi. Proprio il finlandese ha festeggiato il suo secondo podio consecutivo con i colori Hyundai aiutando il team ad accorciare le distanze dalla Toyota nel campionato costruttori.



Fine settimana difficile per Ott Tänak (nella foto sopra). Dapprima rallentato da una gomma stallonata, l’estone è scivolato in fondo alla classifica. Ciò nonostante l’alfiere Ford ha cercato di risalire la china e, favorito dai ritiri altrui, è rientrato in top 5. Infine ha approfittato del guasto meccanico sulla Hyundai di Neuville per conquistare un’importante quarta piazza che, assieme al secondo posto nella Power Stage, lo proiettano al secondo posto in classifica assoluta. Da segnalare il rientro in gara da parte di Pierre-Louis Loubet che però non è riuscito a centrare la top 5 nell’ultima speciale di Fafe. Costretto ad alzare bandiera bianca il venerdì, Takamoto Katsuta ha sfruttato il Super Rally per rientrare 'in pista' e artigliare i due punti extra nella Power Stage conclusiva.



Finale al cardiopalma nel WRC2. La mattinata è iniziata con una doccia fredda per Oliver Solberg. Saldamente al comando di classe, il pilota del Toksport WRT al termine della Super Speciale di Lousada, l’ultima PS di ieri, si è esibito davanti al pubblico effettuando dei ‘doughnuts’. Tale manovra, non consentita dal regolamento, gli è costata una sanzione di un minuto e la prima posizione di classe. A ereditare la leadership è stato così il compagno di squadra Gus Greensmith (nella foto sopra).

A sua volta l’inglese nel primo passaggio di Fafe ha rotto il servosterzo della sua Skoda Fabia. Solberg ha provato a ricucire il distacco ma Greensmith, nonostante il danno meccanico, è riuscito a tenere duro vincendo il Rally del Portogallo per appena 1”2. Tripletta griffata tutta Toksport WRT nel WRC2 grazie al terzo posto conquistato da Andreas Mikkelsen.

Domenica 14 maggio 2023, classifica finale (top 15)

1 - Rovanpera-Halttunen (Toyota GR Yaris Rally1) - Toyota - 3:35:11.7
2 - Sordo-Carrera (Hyundai i20N Rally1) - Hyundai - 54"7
3 - Lappi-Ferm (Hyundai i20N Rally1) - Hyundai - 1'20"3
4 - Tanak-Jarveoja (Ford Puma Rally1) - M Sport - 2'04"1
5 - Neuville-Wydaeghe (Hyundai i20N Rally1) - Hyundai - 8'22"5
6 - Greensmith-Andersson (Skoda Fabia WRC2) - Toksport - 9'43"4
7 - Solberg-Edmondson (Skoda Fabia WRC2) - Toksport - 9'44"6
8 - Mikkelsen-Eriksen (Skoda Fabia WRC2) - Toksport - 10'26"4
9 - Rossel-Dunand (Citroen C3 WRC2) - PH Sport - 11'33"2
10 - Suninen-Markkula (Hyundai i20N WRC2) - Hyundai - 12'16"3
11 - Bulacia-Vallejo (Skoda Fabia WRC2) - Toksport - 12'50"7
12 - McErlean-Rowan (Hyundai i20N WRC2) - Ireland Rally - 14'51"7
13 - Fernandez-Rozada (Skoda Fabia WRC2) - Fernandez - 15'01"2
14 - Marczyk-Gospodarczyk (Skoda Fabia WRC2) - Marczyk - 15'15"4
15 - Fourmaux-Coria (Ford Fiesta WRC2) - M Sport - 16'26"5

Il campionato piloti
1.Rovanpera 93 punti; 2.Tanak 77; 3.Ogier 69; 4.Evans 69; 5.Neuville 68; 6.Lappi 46; 7.Sordo 35; 8.Breen 19; 9.Katsuta 18; 10.Loubet 14.

Il campionato costruttori
1.Toyota Gazoo 194 punti; 2.Hyundai 165; 3. M-Sport Ford 130.