GT World Challenge

Spa - Ore 8 - La Ferrari comanda
Marciello problemi, Lambo crash

Da Spa - Massimo Costa

Notta assai movimentata alla 24 Ore di Spa. La Mercedes AKKA di Marciel...

Leggi »
Mondiale Rally

Italia Sardegna, finale
Sordo resiste e trionfa

Jacopo Rubino

Per il secondo anno consecutivo Dani Sordo trionfa al Rally d’Italia Sardegna: pilota Hyun...

Leggi »
PrecedentePagina 1 di 10Successiva
2 Ott [12:47]

Adria a rischio fallimento,
avviate le procedure giudiziarie

Il circuito di Adria appare in cattive acque e secondo quanto riporta Il Gazzettino, la procedura fallimentare è in atto: Ecco l'articolo apparso sul Gazzettino di Guido Fraccon.

"L’Adria International Raceway rischia il fallimento. L’immobiliare Darma Asset Management Sgr spa, società di gestione del risparmio con sede in Milano, già il 23 gennaio scorso, ha presentato dichiarazione di fallimento nei confronti di F&M, società proprietaria dell’autodromo di Adria. La procedura fallimentare al momento è in itinere. Per salvare F&M è in corso un concordato preventivo che ha interessato dapprima gli uffici del Tribunale di Roma che, con decreto del 24 giugno hanno dichiarato la continenza del procedimento di concordato e di quello pre fallimentare precedentemente promosso davanti al Tribunale di Rovigo, disponendo la trasmissione degli atti all’Ufficio giudiziario polesano. Commissari giudiziali sono stati nominati per Giovanni Tibaldo e Roberto Nevoni.  La situazione è ancora fluida dal momento che F&M, che ricordiamo ha la sua sede legale in Roma in via del Vascello 16, ha avuto tempo fino a fine agosto per depositare la proposta concordataria e il contestuale piano di rientro".
 
"I giudici del Tribunale di Rovigo, il presidente Paola Di Francesco ed i colleghi Francesco Bazzega e Elisa Romagnoli nel frattempo hanno ordinato a F&M di depositare un aggiornamento dei crediti, compresi quelli che si presume sorgeranno per effetto degli atti legalmente compiuti nel periodo di proroga, una relazione sull’attività finora compiuta ai fini della predisposizione della proposta e del piano, nonché un’aggiornata relazione relativa alla gestione finanziaria. Al tutto dovrà essere allegato l’elenco delle più rilevanti operazioni compiute, di carattere negoziale, gestionale, finanziario o solutorio con l’indicazione della giacenza di cassa e della liquidità disponibile sui conti correnti intestati".

24 Set [16:00]

Nasce Junior Racing Festival,
la Winter Series europea

È nato Junior Racing Festival, il primo campionato europeo invernale aperto a monoposto, GT e turismo. La serie si svolgerà a dicembre in Portogallo tra il circuito di Estoril e quello dell'Algarve. Ogni appuntamento sarà composto da sei giornate, di cui le prime quattro riservate alle prove libere che precederanno il weekend di gara vero e proprio. L'obiettivo dell'organizzatore è quello di permettere ai piloti europei di mantenersi in allenamento durante il periodo invernale, senza spostarsi in altri continenti in un momento in cui ci sono molte restrizioni riguardo alla possibilità di viaggiare.

La grande novità dello Junior Racing Festival, che annovera tra i propri partner Hankook Tire, Tatuus, AF-Tech e P1 Racing Fuels, è che le corse saranno aperte a telaisti e motoristi differenti, rompendo con la grande maggioranza dei campionati europei che ormai sono monomarca.

Le monoposto saranno divise in due classi, Formula 16 e Formula 18, equivalenti rispettivamente alle F4 e alle F3 Regional. Quattro i telai F4 che potranno essere utilizzati nella categoria minore, ovvero Dome F110, Tatuus F4-T1014, Mygale M14-F4 e Crawford F4-16, mentre i motori potranno essere Abarth, Ford, Renault Sport, Geely, Honda e TOM’S Toyota. Nella Formula 18 potranno partecipare i telai Tatuus F3 T-318 con le motorizzazioni Renault Sport, Alfa Romeo e Toyota Gazoo.

I piloti dovranno avere almeno 15 anni ed essere in possesso di licenza Internazionale A, B, C o Nazionale di grado A. Le iscrizioni chiudono il 1 novembre 2020. Il primo appuntamento è in programma dal 15 al 20 dicembre 2020 all'Estoril, mentre il secondo sarà a Portiamo dal 6 all'11 gennaio 2021.

20 Set [23:45]

Cena di compleanno in pista
a Vallelunga per Minardi

Gian Carlo Minardi e il motorsport costituiscono un connubio indissolubile e venerdì 18 settembre si è presentata anche l’occasione di festeggiare in pista il suo compleanno, il 73esimo, nel contesto dell’ACI Racing Weekend a Vallelunga. ACISport ha voluto infatti organizzare una serata singolare per il suo Presidente della Commissione Velocità, con una cena sulla griglia di partenza del circuito romano. Un’iniziativa a sorpresa per Gian Carlo Minardi, in una serata che ha visto presenti, tra gli altri, il Direttore della Direzione per lo sport automobilistico di ACI Marco Ferrari, il Direttore Generale di ACISport Marco Rogano, il direttore di gara Gianluca Marotta, il direttore di ACI Vallelunga Alfredo Scala, il Responsabile Sportivo e Logistico Pista Ciro Sessa. Sui maxischermi che solitamente trasmettono le immagini delle gare, ACISport ha mandato in programmazione per tutta la serata un filmato con le immagini più significative della carriera di Gian Carlo Minardi, che ha ricordato con i presenti i momenti immortalati nelle fotografie.
 
Gian Carlo Minardi è cresciuto in mezzo alle automobili: la sua famiglia ha gestito, infatti, una concessionaria Fiat dal 1927 al 1999. La passione per le corse gli fu trasmessa senza dubbio dal padre Giovanni che nel 1948 costruì la GM 75, una piccola biposto spinta da un motore 6 cilindri di 750 cc, progettato insieme all’ Ing. Oberdan Golfieri. Dopo una breve parentesi come pilota di corse in salita, una esperienza rallystica, alla guida di una Fiat 124, ed alcune partecipazioni a raduni per auto storiche, il giovane Minardi appende il casco al chiodo per occuparsi, su sollecitazione di amici, della nascente Scuderia del Passatore, team romagnolo che militava nelle formule minori. Dal 1972 al 1974 il team conquista ottimi risultati nella Formula Italia: il pilota Giancarlo Martini è vice-campione italiano nel ’72 e campione nel ’73.

Ribattezzato Scuderia Everest, il team partecipa al Campionato Europeo di Formula Due nel 1975 e nel 1976, con una March BMW. In queste stagioni debuttano con la Scuderia Everest Piloti come Martini, Leoni. Nel 1975, parallelamente, inizia una collaborazione con la Ferrari. La profonda stima e simpatia da parte del Commendatore Enzo Ferrari nei confronti di Gian Carlo Minardi si trasformò nell’affidamento alla Scuderia Everest di una Ferrari 312/B3 di F1 per svezzare giovani talenti dell’automobilismo italiano. Nel 1977 la Ferrari concede alla squadra faentina i motori Dino V6, che equipaggiano le Ralt F.2 prima e le Chevron nel 1978 poi. Piloti Brancatelli, Leoni, Guerra e De Angelis. Minardi diventa lui stesso costruttore nel 1979, dando vita al Minardi Team. Seguono quattro brillanti stagioni in Formula 2 caratterizzate da buoni piazzamenti e da una vittoria della gara europea a Misano nel 1981. Pilota Michele Alboreto.

Nel 1985 la Minardi fa il suo debutto in Formula Uno. Nel 1991 la Ferrari annuncia che avrebbe fornito alla Minardi i suoi motori V12. Era la prima volta che ad un team privato veniva concesso l’uso di motori “Ferrari” e non c’era da sorprendersi che la scelta fosse ricaduta su Minardi al quale Enzo Ferrari era legato da profonda simpatia. Nel 1994, per garantire la sopravvivenza del team, Minardi si accorda con la Scuderia Italia. Due anni dopo il pacchetto di maggioranza della società viene acquisito da Gabriele Rumi e Flavio Briatore. Gian Carlo Minardi lavora fianco a fianco con Gabriele Rumi nelle vesti di direttore generale del team fino alla fine della stagione 2000. Nel gennaio 2001 la maggioranza azionaria del Minardi Team passa all’australiano Paul Stoddart. Con la cessione a Red Bull avvenuta nel 2005, termina l’avventura di Gian Carlo Minardi in Formula 1, dopo 21 anni e 340 Gran Premi. Oggi Gian Carlo Minardi è il Presidente della Commissione Velocità in ACISport.

21 Lug [14:05]

Zanardi trasferito in un centro
di recupero e riabilitazione funzionale

Alex Zanardi è stato dimesso dall'ospedale di Siena e trasferito in altra struttura. Oggi è stato emesso il seguente comunicato. "La direzione sanitaria dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese comunica che in questi giorni si è concluso il programma di sedo-analgesia al quale era sottoposto l’atleta Alex Zanardi, ricoverato nella UOC Anestesia e Rianimazione DEA e dei Trapianti dallo scorso 19 giugno. Dopo la sospensione della sedazione, la normalità dei parametri cardio-respiratori e metabolici, la stabilità delle condizioni cliniche generali e del quadro neurologico hanno consentito il trasferimento del campione in un centro specialistico di recupero e riabilitazione funzionale. Alex Zanardi è stato quindi trasferito in data odierna in un’altra struttura".

Il direttore generale Valtere Giovannini ha commentato: "I nostri professionisti rimangono a disposizione di questa straordinaria persona e della sua famiglia per le ulteriori fasi di sviluppo clinico, diagnostico e terapeutico, come sempre accade in questi casi. Ringrazio di cuore l’équipe multidisciplinare che ha preso in cura Zanardi mettendo in campo una grande professionalità, riconosciuta a livello nazionale e non solo. L’atleta ha trascorso oltre un mese nel nostro ospedale: è stato sottoposto a tre delicati interventi chirurgici e ha mostrato un percorso di stabilità delle sue condizioni cliniche e dei parametri vitali che ha permesso la riduzione e sospensione della sedazione, e la conseguente possibilità di poter essere trasferito in una struttura per la necessaria neuro-riabilitazione. Concludo mandando un grande abbraccio alla famiglia di Alex, che ha dimostrato una forza straordinaria: una dote preziosa che dovrà essere compagna di viaggio fondamentale del nuovo percorso che inizia oggi".

PrecedentePagina 1 di 10Successiva

News

altre
v

PrimaPrecedentePagina 1 di 4SuccessivaUltima
PrimaPrecedentePagina 1 di 4SuccessivaUltima

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone