formula 1

Ben Sulayem investigato per
l'esito del GP di Jeddah 2023

Non c'è che dire, se i risultati in pista dei Gran Premi di F1 sono quanto meno scontati per via del dominio Red Bull, il...

Leggi »
World Endurance

Il BoP un male inevitabile nel WEC
purché usato nella giusta maniera

Michele Montesano - XPB Images Come prevedibile, a conclusione della 1812 km del Qatar si è tornato a parlare di BoP. Al di ...

Leggi »
formula 1

McLaren sotto le aspettative
Attesi importanti sviluppi

Massimo Costa - XPB Images La stagione 2023 per la McLaren si era conclusa in maniera brillantissima, con una seconda parte d...

Leggi »
World Endurance

Peugeot: oltre il danno la beffa
Squalificati Vergne-Müller-Jensen

Michele Montesano Dalla gioia di un podio tanto inseguito e finalmente alla portata, all’amara delusione della squalifica. C...

Leggi »
formula 1

Jos Verstappen attacca Horner
e terremota il team Red Bull

Chi ci legge da anni, conosce il nostro pensiero su Jos Verstappen, padre del pilota Max Verstappen. Un personaggio sempre&nb...

Leggi »
World Endurance

Lusail – Gara: dominio Porsche
Tripletta in Hypercar, vittoria in LMGT3

Michele Montesano La stagione 2024 del FIA WEC è iniziata nel segno della Porsche. Sempre al vertice, fin dalle prime sessio...

Leggi »
21 Ago [12:18]

Rally di Zlìn: 11° sigillo per Kopecky
Paddon campione nonostante il crash

Michele Montesano

Così come nella scorsa edizione, anche quest’anno il Barum Rally di Zlìn si è rivelato decisivo per l’assegnazione del titolo nel Campionato Europeo Rally. Nonostante il ritiro avvenuto nel corso delle PS10, la costanza messa in mostra durante l’intera stagione ha premiato Hayden Paddon e John Kennard (nella foto sotto). Grazie a un ruolino di marcia composto da una vittoria e cinque podi, l’equipaggio neozelandese della Hyundai BRC ha conquistato la settantesima edizione del FIA ERC con un rally d’anticipo. Paddon è inoltre diventato il primo pilota extraeuropeo a fregiarsi del titolo di campione nel vecchio continente.



Le strade asfaltate della Repubblica Ceca hanno creato non pochi grattacapi a Paddon che ha faticato molto nella tappa del sabato. Domenica il kiwi ha poi trovato il giusto assetto della sua i20N Rally2 risalendo in quinta posizione. Nonostante un approccio cauto, Paddon ha però commesso un errore nel corso della speciale di Halenkovice strappando la sospensione posteriore destra. Martins Sesks, unico contendente al titolo continentale, non è riuscito ad approfittarne chiudendo con un misero undicesimo posto.

La vittoria del Barum Rally di Zlìn è andata ancora una volta all’idolo locale Jan Kopecky (nella foto sotto). Navigato da Jan Hlousek, il ceco ha trionfato per l’undicesima volta sulle strade di casa precedendo di 14”4 l’ungherese Miklós Csomós, al suo primo podio nell’ERC. Vincendo la Power Stage finale, Simon Wagner è riuscito ad artigliare in extremis il gradino più basso del podio scalzando, per appena 2”9, il pilota di casa Adam Brezik arrivato largo ad un incrocio.



Quinto posto per Filip Mares che ha preceduto i connazionali Dominik Stritesky ed Erik Cais. Quest’ultimo, dopo aver subito una foratura nel corso della prima tappa, è stato tagliato subito fuori dalla lotta per la vittoria. Scivolato in dodicesima posizione, Cais si è rimboccato le maniche risalendo fino alla settima piazza. Il campione uscente Efren Llarena ha abdicato con un mesto ottavo posto, ma in generale l’intera stagione dello spagnolo è apparsa decisamente sotto le aspettative.

A completare la top 10 Mathieu Franceschi e il nostro Simone Tempestini autore di un finale in crescendo. Da sottolineare, inoltre, il dominio delle Skoda Fabia Rally2 mostrantesi veloci quanto affidabili sulle strade di casa. Le vetture ceche hanno infatti monopolizzato le prime posizioni, bisogna scendere fino al tredicesimo posto per trovare la Hyundai i20N di Joshua McErlean. Rally da dimenticare per Mads Østberg, costretto ad alzare bandiera bianca già nella tappa del sabato per un guasto alla trasmissione della sua Citroën C3.



Lotta ancora aperta per il titolo dell’Europeo Junior, con i giochi che si decideranno nell’ultimo atto stagionale in Ungheria. Timo Schulz, al volante dell’Opel Corsa Rally4, ha vinto il Barum Rally di Zlìn di classe ERC4 precedendo l’austriaco Fabian Zeiringer. Nonostante un problema ai freni, nella prima tappa, e noie al servosterzo nelle ultime speciali, Roberto Daprà è riuscito a salire sul terzo gradino del podio. Secondo nella classifica provvisoria, il portacolori dell’ACI Team Italia proverà l’assalto a Norbert Maior nel prossimo Rally d’Ungheria.

Domenica 20 agosto 2023, classifica finale (top 15)

1 - Kopecký-Hloušek (Škoda Fabia RS Rally2) - 1h53'18"5
2 - Csomós-Bán (Škoda Fabia RS Rally2) - 14"3
3 - Wagner-Winter (Škoda Fabia RS Rally2) - 48"2
4 - Březík-Krajča (Škoda Fabia RS Rally2) - 51"1
5 - Mareš-Bucha (Škoda Fabia RS Rally2) - 51"9
6 - Stříteský-Hovorka (Škoda Fabia RS Rally2) - 1'00"4
7 - Cais-Bacigál (Škoda Fabia RS Rally2) - 1'11"1
8 - Llarena-Fernandez (Škoda Fabia RS Rally2) - 1'33"6
9 - Franceschi-Malfoy (Škoda Fabia RS Rally2) - 1'48"7
10 - Tempestini-Itu (Škoda Fabia RS Rally2) - 3'03"9
11 - Sesks-Francis (Škoda Fabia RS Rally2) - 3'55"7
12 - Cvrček-Těšínský (Škoda Fabia RS Rally2) - 5'34"2
13 - McErlean-Fulton (Hyundai i20 N Rally2) - 5'35"1
14 - Jirásek-Machů (Škoda Fabia RS Rally2) - 6'16"8
15 - Jirovec-Jindra (Škoda Fabia RS Rally2) - 8'58"4

Il campionato
1.Paddon 163 punti; 2.Sesks 108; 3.Østberg 80; 4.Llarena 69; 5.Bonato 65; 6.Franceschi 63; 7.Heikkilä 49; 8.Mares 43; 9.Marczyk 40; 10.Wagner 38.