formula 1

La McLaren sorprende:
a Montecarlo livrea Gulf

La McLaren sorprende tutti: al Gran Premio di Monaco correrà con un'inedita livrea arancio-azzurro Gulf, una delle più ic...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 3
Tramnitz prende il largo

1 - Tim Tranmitz - US Racing - 14 giri - 33'00"8222 - Oliver Bearman - VAR - 1"6683 - Vlad Lomko - US Racing - ...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 2
Tramnitz resiste a Browning

1 - Tim Tranmitz - US Racing - 14 giri - 33'51"4232 - Luke Browning - US Racing - 0"6873 - Kirill Smal - Prema ...

Leggi »
indycar

Indy Road - Gara
VeeKay si prende la prima vittoria

1 - Rinus VeeKay (Dallara-Chevy) - ECR - 86 giri2 - Romain Grosjean (Dallara-Honda) - Coyne - 4"9510 3 - Alex Palou (Dal...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 1
Smal e Prema in solitaria

Victor Bernier e Luke Browning sono stati penalizzati di 1" dai commissari di gara per non aver rispettato i track limit...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Qualifica 1-2
Smal, Bearman e Tramnitz in pole

1 - Kirill Smal - Prema - 2'04"0952 - Tim Tranmitz - US Racing - 2'04"2303 - Oliver Bearman - VAR - 2'0...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
25 Apr [17:11]

Test a Montmelò - 6° turno
Viscaal e Trident chiudono le prove

Massimo Costa

La lunga tre giorni di test della Formula 2 a Montmelò si è conclusa con il miglior tempo di Bent Viscaal del team Trident nella sesta sessione. Pomeriggio che, come al solito, è stato dedicato ai long run e tempi superiori ai 2" rispetto al miglior crono assoluto di questi test collettivi ottenuto stamane da Felipe Drugovich in 1'27"945. Viscaal infatti, si è posto in cima alla classifica con il tempo di 1'30"280 precedendo un consistente Matteo Nannini di HWA Racelab (1'30"346) e il compagno di squadra Marino Sato, terzo in 1'30"943. Notevole la progressione di Alessio Deledda, quarto per HWA Racelab in 1'32"183. La Formula 2 tornerà in pista il weekend del 22 maggio a Montecarlo per il secondo appuntamento stagionale dopo la prima tappa disputata a Sakhir.

Domenica 25 aprile 2021, 6° turno

1 - Bent Viscaal - Trident - 1'30"280 - 30 giri
2 - Matteo Nannini - HWA Racelab - 1'30"346 - 59
3 - Marino Sato - Trident - 1'30"943 - 22
4 - Alessio Deledda - HWA Racelab - 1'32"183 - 55
5 - Marcus Armstrong - Dams - 1'33"199 - 44
6 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'33"271 - 47
7 - Roy Nissany - Dams - 1'33"529 - 55
8 - Robert Shwartzman - Prema - 1'33"572 - 50
9 - Liam Lawson - Hitech - 1'33"782 - 24
10 - Oscar Piastri - Prema - 1'33"816 - 57
11 - Theo Pourchaire - ART - 1'34"308 - 49
12 - Ralph Boschung - Campos - 1'34"502 - 57
13 - Gianluca Petecof - Campos - 1'34"515 - 43
14 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'34"540 - 37
15 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'34"693 - 43
16 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 1'34"709 - 45
17 - Juri Vips - Hitech - 1'34"883 - 45
18 - Dan Ticktum - Carlin - 1'35"075 - 44
19 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 1'35"088 - 54
20 - Christian Lundgaard - ART - 1'35"106 - 50
21 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'35"120 - 44
22 - David Beckmann - Charouz - 1'35"310 - 60

25 Apr [12:58]

Test a Montmelò - 5° turno
Drugovich si prende la pole

Massimo Costa

Mattinata intensa per la F2 sul circuito di Montmelò. Il quinto turno dell'ultima giornata dei test collettivi, ha proposto una sorta di qualifica e a spuntarla è stato il sempre più convincente Felipe Drugovich del team Virtuosi. Poco proficuo nel primo appuntamento stagionale di Sakhir, solo un nono posto in gara 3, il brasiliano ha strappato la "pole" con 1'27"945, unico a scendere sotto l'1'28" e capace di realizzare il miglior riferimento nel terzo settore in 29"551. Ma velocissimo è stato anche il rookie Oscar Piastri, che si è issato in seconda posizione con la monoposto del team Prema ottenendo il tempo di 1'28"105.

Terzo Christian Lundgaard (ART) che era stato il leader del primo giorno di test. Il danese Junior Alpine ha concluso in 1'28"285 precedendo Liam Lawson, secondo tra i debuttanti, e Juri Vips, entrambi del team Hitech e Junior Red Bull. Buon sesto Theo Pourchaire con la seconda Dallara schierata dalla ART, poi Robert Shwartzman, pupillo del Ferrari Driver Academy e in forza al team Prema. Bene la Trident, ottava con Bent Viscaal, e anche Roy Nissany, undicesimo dopo il buon sesto crono di ieri. Positivo allenamento per Alessio Deledda che ha completato 37 giri, solo 6 passaggi invece per Matteo Nannini.

Domenica 25 aprile 2021, 5° turno

1 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 1'27"945 - 21 giri
2 - Oscar Piastri - Prema - 1'28"105 - 23
3 - Christian Lundgaard - ART - 1'28"285 - 43
4 - Liam Lawson - Hitech - 1'28"422 - 39
5 - Juri Vips - Hitech - 1'28"433 - 25
6 - Theo Pourchaire - ART - 1'28"484 - 44
7 - Robert Shwartzman - Prema - 1'28"491 - 31
8 - Bent Viscaal - Trident - 1'28"736 - 38
9 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'28"737 - 35
10 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 1'28"755 - 24
11 - Roy Nissany - Dams - 1'28"906 - 33
12 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'28"972 - 35
13 - Gianluca Petecof - Campos - 1'28"973 - 29
14 - Ralph Boschung - Campos - 1'28"992 - 21
15 - Dan Ticktum - Carlin - 1'28"993 - 36
16 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'29"032 - 35
17 - Marino Sato - Trident - 1'29"182 - 51
18 - Marcus Armstrong - Dams - 1'29"678 - 31
19 - David Beckmann - Charouz - 1'29"744 - 38
20 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'30"166 - 36
21 - Alessio Deledda - HWA Racelab - 1'32"096 - 37
22 - Matteo Nannini - HWA Racelab - no time - 6

24 Apr [17:39]

Test a Montmelò - 4° turno
Doppietta ceca con Charouz

Massimo Costa

Come storicamente accade sui circuiti spagnoli, il pomeriggio non è mai il momento migliore per cercare il tempo di giornata nel corso dei test delle varie categorie. Questa regola non scritta, coinvolge anche la F2. Di conseguenza, ci si dedica per lo più ai long-run, qualcuno tenta comunque anche la prestazione. Nel quarto turno, il team Charouz ha messo a segno una doppietta con David Beckmann e Guilherme Samaia, primo e secondo con i tempi di 1'29"384 e 1'29"510, lontano dall'1'28"280 di Richard Verschoor realizzato al mattino e che rimane la pole dei primi due giorni. Tra l'altro, l'olandese di MP Motorsport si è confermato al vertice anche nella quarta sessione ottenendo la terza prestazione in 1'29"951. Buon guizzo di Gianluca Petecof (Campos), quarto in 1'30"684 davanti al connazionale Felipe Drugovich. Settima posizione per Matteo Nannini. La sessione è finita con un paio di minuti di anticipo per la bandiera rossa sventolata per lo stop nel primo settore di Alessio Deledda.

Sabato 24 aprile 2021, 4° turno

1 - David Beckmann - Charouz - 1'29"384 - 37 giri
2 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'29"510 - 36
3 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'29"951 - 35
4 - Gianluca Petecof - Campos - 1'30"684 - 45
5 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 1'30"837 - 59
6 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'30"928 - 33
7 - Matteo Nannini - HWA Racelab - 1'31"033 - 40
8 - Christian Lundgaard - ART - 1'33"557 - 61
9 - Ralph Boschung - Campos - 1'34"356 - 41
10 - Robert Shwartzman - Prema - 1'34"363 - 44
11 - Theo Pourchaire - ART - 1'34"497 - 59
12 - Liam Lawson - Hitech - 1'34"658 - 49
13 - Juri Vips - Hitech - 1'34"668 - 51
14 - Bent Viscaal - Trident - 1'34"711 - 43
15 - Roy Nissany - Dams - 1'34"806 - 59
16 - Oscar Piastri - Prema - 1'34"907 - 41
17 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 1'35"052 - 55
18 - Marino Sato - Trident - 1'35"196 - 45
19 - Marcus Armstrong - Dams - 1'35"270 - 50
20 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'35"278 - 39
21 - Dan Ticktum - Carlin - 1'35"607 - 39
22 - Alessio Deledda - HWA Racelab - 1'36"174 - 43

24 Apr [12:46]

Test a Montmelò - 3° turno
Verschoor segna il miglior crono

Massimo Costa

Terzo turno di sorprese a Montmelò nella seconda giornata dei test collettivi F2. Richard Verschoor si è impossessato della "pole" provvisoria con il tempo di 1'28"280, abbassando di ben 1"3 il crono realizzato ieri da Christian Lundgaard. L'olandese schierato da MP Motorsport ha fatto suo il record nel terzo settore. Buona prova per Ralph Boschung del team  Campos che ha colto la seconda prestazione in 1'28"474 mentre terzo ha terminato Felipe Drugovich del team Virtuosi, che ha realizzato il tratto più rapido nel secondo settore. Lundgaard, leader della prima giornata, è risultato nono in 1'28"805 con la piccola soddisfazione di avere percorso il primo settore più veloce di tutti.

Buone notizie per la Trident arrivano da Bent Viscaal, quinto in 1'28"675, appena 5 millesimi dietro a Marcus Armstrong della Dams. Bene anche Roy Nissan, compagno del neozelandese del Ferrari Driver Academy, ottimo sesto. L'israeliano si è fatto perdonare l'uscita di pista del secondo turno. Non ha cercato la prestazione il team Prema, chiudono la classifica gli italiani Matteo Nannini ed Alessio Deledda di HWA Racelab.

Sabato 24 aprile 2021, 3° turno

1 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'28"280 - 28 giri
2 - Ralph Boschung - Campos - 1'28"474 - 32
3 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 1'28"544 - 45
4 - Marcus Armstrong - Dams - 1'28"670 - 35
5 - Bent Viscaal - Trident - 1'28"675 - 39
6 - Roy Nissany - Dams - 1'28"698 - 36
7 - Theo Pourchaire - ART - 1'28"766 - 48
8 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'28"801 - 41
9 - Christian Lundgaard - ART - 1'28"805 - 49
10 - Liam Lawson - Hitech - 1'28"810 - 40
11 - Juri Vips - Hitech - 1'28"872 - 53
12 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 1'28"880 - 50
13 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'28"884 - 32
14 - Gianluca Petecof - Campos - 1'28"929 - 37
15 - Dan Ticktum - Carlin - 1'29"012 - 34
16 - Oscar Piastri - Prema - 1'29"059 - 25
17 - Marino Sato - Trident - 1'29"175 - 32
18 - Robert Shwartzman - Prema - 1'29"260 - 24
19 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'30"125 - 49
20 - David Beckmann - Charouz - 1'30"194 - 44
21 - Matteo Nannini - HWA Racelab - 1'30"855 - 27
22 - Alessio Deledda - HWA Racelab - 1'32"721 - 26

23 Apr [17:51]

Test a Montmelò - 2° turno
Lundgaard si ripete al top

Massimo Costa

Christian Lundgaard, ancora lui. Anche nel secondo turno della prima giornata dei test F2 a Montmelò, il danese del team ART ha conquistato la vetta della classifica ottenendo il tempo di 1'29"827, due decimi e mezzo rispetto al miglior crono segnato al mattino di 1'29"594. Lundgaard, che nel primo appuntamento stagionale di Sakhir ha concluso in zona punti in gara 1 con un sesto posto e in gara 2 con una seconda posizione ed occupa la settima piazza in classifica generale, ha avuto la meglio sul brillante Richard Verschoor di MP Motorsport, secondo in 1'30"165.

Buona prestazione per Theo Pourchaire (ART), miglior rookie con 1'30"167, poi Marcus Armstrong del team Dams, ma a oltre 4 decimi dal francese. Il team Trident ritrova Bent Viscaal in undicesima posiizione, sedicesimo invece Marino Sato. Vicini in casella i due piloti Prema, Oscar Piastri e Robert Shwartzman, dodicesimo e tredicesimo. Alcuni piloti, come denotano i tempi finali, hanno svolto soltanto dei long-run come Matteo Nannini, ventesimo, ed Alessio Deledda, compagni in HWA Racelab, diciassettesimo con soli 7 giri compiuti. Incidenti per Lirim Zendeli e Roy Nissany.

Venerdì 23 aprile 2021, 2° turno

1 - Christian Lundgaard - ART - 1'29"827 - 45 giri
2 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'30"165 - 45
3 - Theo Pourchaire - ART - 1'30"167 - 42
4 - Marcus Armstrong - Dams - 1'30"617 - 46
5 - Liam Lawson - Hitech - 1'30"739 - 41
6 - Ralph Boschung - Campos - 1'30"755 - 41
7 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'30"767 - 6
8 - David Beckmann - Charouz - 1'30"824 - 31
9 - Juri Vips - Hitech - 1'30"956 - 39
10 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 1'31"075 - 43
11 - Bent Viscaal - Trident - 1'31"198 - 36
12 - Oscar Piastri - Prema - 1'31"350 - 24
13 - Robert Shwartzman - Prema - 1'31"440 - 23
14 - Gianluca Petecof - Campos - 1'31"532 - 40
15 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'31"575 - 31
16 - Marino Sato - Trident - 1'34"503 - 40
17 - Alessio Deledda - HWA Racelab - 1'34"629 - 7
18 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 1'34"783 - 51
19 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'35"511 - 47
20 - Matteo Nannini - HWA Racelab - 1'35"787 - 35
21 - Dan Ticktum - Carlin - 1'35"865 - 46
22 - Roy Nissany - Dams - 1'36"166 - 14

23 Apr [12:45]

Test a Montmelò - 1° turno
Lundgaard traccia la via

Massimo Costa

Saranno tre intense giornate di test quelle che la F2 sosterrà nel weekend sul circuito di Montmelò. Certamente inusuale per la categoria svolgere prove collettive dal venerdì alla domenica, come se si trattasse di un fine settimana di gare. Ma la data iniziale, in mezzo alla settimana, è stata spostata per recuperare i test della F3 nelle stesse giornate e permettere ai team che sono impegnati in entrambe le categorie di ridurre i costi di trasferta. Tra l'altro, la F2 sostiene questi test dopo aver disputato la prima prova stagionale in Bahrain.

Il primo turno ha visto emergere Christian Lundgaard, il danese del team ART che è parte del programma Junior Alpine. Il suo tempo, 1'29"594, è stato avvicinato da Felipe Drugovich, del team Virtuosi, secondo a 178 millesimi. Il brasiliano ha siglato i migliori tre settori della sessione. A seguire, le due monoposto del team Hitech con Juri Vips terzo e Liam Lawson quarto. Un buon risultato per i due giovani piloti Junior Red Bull. Quinto e primo dei rookie, Lirim Zendeli di MP Motorsport.

Nella top 10 il campione F3 dello scorso anno, Oscar Piastri, nono con la vettura della Prema che vede Robert Shwartzman ventunesimo. Il team Trident ha Marino Sato e Bent Viscaal in quattordicesima e quindicesima posizione, incredibilmente con lo stesso tempo: 1'30"727. Matteo Nannini, che mercoledì e giovedì ha partecipato ai test F3, è diciottesimo con HWA Racelab. Chiude la classifica Alessio Deledda.

Venerdì 23 aprile 2021, 1° turno

1 - Christian Lundgaard - ART - 1'29"594 - 34 giri
2 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 1'29"772 - 26
3 - Juri Vips - Hitech - 1'29"988 - 26
4 - Liam Lawson - Hitech - 1'30"006 - 26
5 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'30"078 - 39
6 - Guan Yu Zhou - Virtuosi - 1'30"083 - 27
7 - Marcus Armstrong - Dams - 1'30"158 - 26
8 - Ralph Boschung - Campos - 1'30"259 - 31
9 - Oscar Piastri - Prema - 1'30"425 - 21
10 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'30"519 - 40
11 - Dan Ticktum - Carlin - 1'30"598 - 34
12 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'30"674 - 31
13 - Roy Nissany - Dams - 1'30"723 - 26
14 - Marino Sato - Trident - 1'30"727 - 19
15 - Bent Viscaal - Trident - 1'30"727 - 33
16 - Theo Pourchaire - ART - 1'30"738 - 33
17 - Gianluca Petecof - Campos - 1'30"882 - 30
18 - Matteo Nannini - HWA Racelab - 1'30"953 - 30
19 - David Beckmann - Charouz - 1'30"973 - 32
20 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'31"305 - 31
21 - Robert Shwartzman - Charouz - 1'31"435 - 27
22 - Alessio Deledda - HWA Racelab - 1'37"100 - 7

28 Mar [14:06]

Sakhir - Gara 3
Zhou, vittoria e leadership

Mattia Tremolada

Anche la main race della Formula 2 a Sakhir ha regalato grande spettacolo, nonostante, a differenza delle sprint race, la griglia di partenza fosse stata decisa dal risultato della qualifica. A spuntarla è stato il poleman Guanyu Zhou, che nel finale ha dovuto resistere al ritorno di Dan Ticktum, protagonista anche di un contatto che ha messo fuori gioco un brillante Oscar Piastri. Grazie a questo successo, che somma al podio di gara 2 e al settimo posto della manche inaugurale, il pilota dell'Alpine Academy lascia Sakhir al primo posto nella classifica di campionato.

Partito con la mescola di gomme più dura, Zhou in avvio è stato costretto a cedere il passo ai piloti che hanno scelto le gomme morbide, scivolando in quinta posizione prima del pit stop obbligatorio. Anche in questo caso, a cambiare le sorti della gara è stato l’ingresso della safety car, avvenuto al diciassettesimo giro in seguito al ritiro di Gianluca Petecof, a cui è scoppiato l’estintore al termine del rettifilo principale. Chi non aveva ancora effettuato la sosta, come Piastri, Marcus Armstrong, Richard Verschoor e Matteo Nannini, ha tratto un grande vantaggio, guadagnando diverse posizioni.

Armstrong si è così trovato in testa alla ripartenza, ma è stato subito scavalcato da Piastri e Verschoor, con quest’ultimo che sfruttando la mescola più morbida ha preso la leadership. La fuga del rookie olandese non è durata a lungo, e il pilota di MP Motorsport è stato ripreso da Zhou, che nel frattempo è risalito di forza dalla sesta piazza, agguantando la vetta al ventottesimo passaggio. Verschoor è scivolato in quarta posizione, mentre alle spalle del leader Ticktum è andato all’attacco di Piastri in curva 1, chiudendo la porta in faccia al pilota australiano nella piega successiva. Inevitabile il contatto, in cui Piastri ha avuto la peggio, girandosi e spegnendo il motore.

Un vero peccato per il pilota Prema, velocissimo nel weekend d’esordio in F2. Con un po’ di prudenza avrebbe potuto conquistare punti pesanti in ottica campionato, agguantando una sicura top-5, che sarebbe stata la terza consecutiva. Discorso simile per Liam Lawson, che se non fosse stato centrato da Felipe Drugovich in gara 2, avrebbe potuto chiudere tutte e tre le manche sul podio. Per il pilota neozelandese c’è comunque una buona seconda piazza in classifica, a soli 11 punti di ritardo da Zhou, e davanti al collega in Red Bull Jehan Daruvala, l’unico pilota ad essere sempre arrivato in zona punti oltre allo stesso Zhou.

Settima posizione finale per Robert Shwartzman, bravo a risalire dalla diciassettesima piazza in cui era scivolato a metà gara. A complicare le cose per il pilota russo un drive through, comminatogli dopo aver tamponato Roy Nissany al primo giro, facendolo carambolare contro l’incolpevole Lirim Zendeli. Per l’israeliano è arrivato il ritiro, mentre il pilota tedesco di MP ha potuto proseguire, ma attardato rispetto al resto del gruppo. Top-10 anche per Theo Pourchaire, Drugovich e Nannini, che dopo averla sfiorata in gara 2, è riuscito a centrare la zona punti per la prima volta in stagione.

Pioggia di penalità per diversi piloti, che non hanno rispettato la velocità imposta in regime di safety car. 5” sono stati aggiunti al tempo di Juri Vips, Christian Lundgaard, Drugovich e Marino Sato, mentre Bent Viscaal ne ha visti sommare 10”. Ritiro nelle prime fasi per Alessio Deledda, già messo ko dal cedimento del semiasse nella giornata di ieri.‍

Domenica 28 marzo 2020, gara 3

1 - Guanyu Zhou - Virtuosi - 32 giri in 1h02'27"858
2 - Dan Ticktum - Carlin - 0"482
3 - Liam Lawson - Hitech - 2"950
4 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 4"095
5 - Marcus Armstrong - DAMS - 9"792
6 - Jehan Daruvala - Carlin - 11"926
7 - Robert Shwartzman - Prema - 12"159
8 - Theo Pourchaire - ART - 18"479
9 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 19"764*
10 - Matteo Nannini - HWA - 19"852
11 - David Beckmann - Charouz - 20"905
12 - Christian Lundgaard - ART - 21"256*
13 - Juri Vips - Hitech - 27"385*
14 - Marino Sato - Trident - 28"826*
15 - Ralph Boschung - Campos - 31"535
16 - Guilherme Samaia - Charouz - 40"620
17 - Bent Viscaal - Trident - 48"452**
18 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'01"952 

*5" di penalità 
**10" di penalità 

Ritirati
Oscar Piastri
Gianluca Petecof 
Alessio Deledda
Roy Nissany

Giro più veloce: Robert Shwartzman in 1'46"380

Il campionato
1.Zhou 41; 2.Lawson 30; 3.Daruvala 28; 4.Piastri 21; 5.Ticktum 19; 6.Verschoor 18; 7.Lundgaard, Shwartzman 16; 9.Beckmann 12; 10.Armstrong 10; 11.Pourchaire 8; 12.Zendeli, Drugovich 2; 14.Sato, Nannini 1.‍‍‍

27 Mar [23:17]

Restituita la seconda
posizione a Lundgaard

Mattia Tremolada

La prima giornata della stagione 2021 di Formula 2 è stata carica di emozioni per Christian Lundgaard. Dopo aver chiuso sesto in gara 1, il pilota danese ha lottato per le posizioni di testa nella seconda corsa, ma ha ricevuto 10" di penalità in seguito ad un contatto con Lirim Zendeli, il quale ha avuto la peggio forando la posteriore destra. Lundgaard ha poi scontato la sanzione durante il pit stop effettuato al sedicesimo giro, quando la safety car è entrata in pista per permettere ai commissari di recuperare la monoposto di Liam Lawson. Lundgaard ha così perso la posizione nei confronti di Oscar Piastri, che proprio grazie a questo sorpasso si è poi aggiudicato la vittoria, mentre il compagno di squadra Theo Pourchaire ha preferito effettuare il pit stop il giro successivo piuttosto che restare bloccato dietro al pilota danese.

L‍a direzione gara però non si è accorta della manovra del team ART e a fine gara ha erroneamente sommato i 10" di penalità al tempo di Lundgaard, facendolo scivolare nono e fuori dalla zona punti, tra l'incredulità del pilota e della squadra. Dopo aver constatato che la sanzione era stata effettivamente scontata nella maniera corretta, al portacolori dell'Alpine Academy è stato restituito il podio e i 12 punti meritatamente guadagnati. Guanyu Zhou scivola in terza posizione, mentre Jehan Daruvala perde la leadership di campionato ai danni di Piastri. Anche Richard Verschoor, Pourchaire, David Beckmann, Marino Sato e Matteo Nannini arretrano di una posizione, con l'italiano costretto a cedere il primo punticino guadagnato nella serie.

Sabato 27 marzo 2020, gara 2

1 - Oscar Piastri - Prema - 23 giri in 46'19"610
2 - Christian Lundgaard - ART - 0"774
3 - Guanyu Zhou - Virtuosi - 2"076
4 - Jehan Daruvala - Carlin - 2"494
5 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 2"966
6 - Theo Pourchaire - ART - 3"759
7 - David Beckmann - Charouz - 6"387
8 - Marino Sato - Trident - 8"096
9 - Matteo Nannini - HWA - 9"733
10 - Marcus Armstrong - DAMS - 12"180
11 - Guilherme Samaia - Charouz - 12"442
12 - Bent Viscaal - Trident - 16"744
13 - Gianluca Petecof - Campos - 17"569
14 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 24"547*
15 - Roy Nissany - DAMS - 27"471
16 - Juri Vips - Hitech - 36"980**
17 - Ralph Boschung - Campos - 48"466

*10" di penalità
**5" di penalità 

Ritirati
Alessio Deledda
Liam Lawson
Lirim Zendeli
Dan Ticktum
Robert Shwartzman

Giro più veloce: Ralph Boschung in 1'45"507

Il campionato
1.Piastri 21; 2.Daruvala 20; 3.Lundgaard, Zhou 16; 5.Lawson 15; 6.Beckmann 14; 7.Shwartzman 8; 8.Verschoor 6; 9.Pourchaire 4; 10.Zendeli 2; 11. Sato, Ticktum 1.‍‍

27 Mar [18:48]

Sakhir - Gara 2
Piastri nella lotta tra i piloti Alpine

Mattia Tremolada

È stata una gara 2 decisamente divertente e movimentata quella della Formula 2 a Sakhir, dove ha debuttato il nuovo format di tre gare che verrà utilizzato anche nel FIA Formula 3. La griglia di partenza è stata composta dall'inversione dei primi dieci classificati della prima corsa, e questo ha portato tanti protagonisti diversi ad alternarsi nelle prime posizioni, con un'agguerrita battaglia tra i tre piloti dell'Alpine Academy che ha animato le fasi finali. Ad uscirne vincitore è stato Oscar Piastri, campione in carica di F3 e nel 2019 vincitore della Formula Renault Eurocup, che emula così il rivale Liam Lawson, a sua volta in arrivo dalla terza serie e vincitore questa mattina di gara 1.

I colpi di scena non sono mancati già a partire dalla prima curva, in cui è avvenuto il contatto tra Robert Shwartzman e Dan Ticktum, risultato fatale per entrambi. Il pilota inglese ha tentato l'incrocio di traiettoria ai danni di Juri Vips e Lirim Zendeli, che scattavano dalla prima fila, ma ha trovato sulla propria linea Shwartzman, andato all'attacco di Christian Lundgaard dopo una brillante partenza dalla settima casella e i due sono così finiti ko. Dopo aver resistito all'assalto di Zendeli, Vips ha comandato il gruppo fino al quinto passaggio, quando Guanyu Zhou è riuscito a superarlo, aiutato anche dalla scelta di partire con le gomme morbide, l'unico insieme a Marcus Armstrong.

A cambiare le sorti della gara è stato un contatto avvenuto nel corso del quindicesimo giro tra Lawson e Felipe Drugovich, che stavano lottando per la terza posizione con Christian Lundgaard, che ha costretto la direzione gara a chiamare la safety car, in modo da poter rimuovere la vettura del vincitore di gara 1. La maggior parte dei protagonisti ha optato per fermarsi ai box e montare le gomme morbide, mentre Zhou, Drugovich e Armstrong sono restati in pista. Alla ripartenza questi ultimi sono scivolati nelle retrovie, mentre il pilota cinese ha resistito stoicamente grazie ad una migliore gestione dei propri pneumatici, cedendo il passo solo ai due colleghi in Alpine Piastri e Lundgaard all'ultimo giro.

È stato costretto ad alzare bandiera bianca Vips, rallentato da un problema tecnico che non gli consentiva di scalare marcia mentre occupava la seconda piazza ed era pronto a sferrare l'attacco a Zhou, cedendo il ruolo di antagonista a Piastri. Il pilota australiano ha preceduto sul traguardo Lundgaard, che nelle fasi iniziali aveva avuto un contatto con Zendeli, venendo penalizzato duramente dalla direzione gara con 10". Il team ART ha scontato la penalità durante il pit stop, ma essendo stato effettuato in regime di safety car non è stato ritenuto valido e i 10" sono stati aggiunti al tempo finale di gara di Lundgaard, raddoppiando di fatto la sanzione.

Sul terzo gradino del podio è così salito Jehan Daruvala, che si porta al comando nella classifica di campionato. Splendida rimonta da parte di Richard Verschoor, quarto dopo essere partito dall'ultima posizione a causa del contatto con Ticktum in gara 1. In top-5 anche un altro rookie, Theo Pourchaire, risalito dalla diciannovesima casella. Bene anche David Beckmann e Marino Sato, che hanno preceduto in zona punti Matteo Nannini, bravo a centrare subito l'ottavo posto alla seconda gara in F2. Costretto invece al ritiro nel finale per un guasto al semiasse Alessio Deledda, che aveva anche preso il via dalla pit lane.

Sabato 27 marzo 2020, gara 2

1 - Oscar Piastri - Prema - 23 giri in 46'19"610
2 - Guanyu Zhou - Virtuosi - 2"076
3 - Jehan Daruvala - Carlin - 2"494
4 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 2"966
5‍ - Theo Pourchaire - ART - 3"759
6 - David Beckmann - Charouz - 6"387
7 - Marino Sato - Trident - 8"096
8 - Matteo Nannini - HWA - 9"733
9 - Christian Lundgaard - ART - 10"774*
10 - Marcus Armstrong - DAMS - 12"180
11 - Guilherme Samaia - Charouz - 12"442
12 - Bent Viscaal - Trident - 16"744
13 - Gianluca Petecof - Campos - 17"569
14 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 24"547*
15 - Roy Nissany - DAMS - 27"471
16 - Juri Vips - Hitech - 36"980
17 - Ralph Boschung - Campos - 48"466

*10" di penalità 

Ritirati
Alessio Deledda
Liam Lawson
Lirim Zendeli
Dan Ticktum
Robert Shwartzman

Giro più veloce: Ralph Boschung in 1'45"507

Il campionato
1.Daruvala 22; 2.Piastri 21; 3.Zhou 18; 4.Lawson 15; 5.Beckmann 14; 6.Shwartzman, Verschoor 8; 8.Pourchaire 6; 9.Lundgaard 4; 10.Zendeli, Sato 2; 12.Ticktum, Nannini 1.‍

PrevPage 1 of 10Next

News

FIA Formula 2
v

FirstPrevPage 1 of 2NextLast
FirstPrevPage 1 of 2NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone