formula 1

FIA e F1, missione compiuta:
approvate le regole sui motori 2026

Finalmente. Dopo mesi, per non dire un paio d'anni, di trattative e discussioni, sono ufficialmente confermate le regole ...

Leggi »
formula 1

Misure anti porpoising dal 2023:
la delibera FIA con un compromesso

Nel Consiglio Mondiale di oggi, oltre ad approvare le power unit 2026, la FIA ha deliberato le misure in vigore dal 2023 cont...

Leggi »
formula 1

Verstappen non ha dubbi: "La Ferrari
più competitiva della mia Red Bull"

Il suo ruolino di marcia è impeccabile, la stagione 2022 è senza dubbio una delle migliori della sua carriera. Otto le vitto...

Leggi »
World Endurance

Ferrari prosegue i test della LMH
Cosa nasconde la livrea mimetica

Michele Montesano È un’estate intensa e priva di soste quella del reparto Ferrari Competizioni GT. Gli uomini di Maranello ...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Dino Beganovic
“Tanto lavoro con Prema dietro i miei successi”

Una partenza eccezionale, con sette podi nelle prime sette gare della stagione. Quello di Dino Beganovic, pilota della Ferrar...

Leggi »
Formula E

Vandoorne, l'ennesimo campione che
la F1 ha snobbato con troppa fretta

Nelson Piquet, Sebastien Buemi, Lucas Di Grassi, Jean-Eric Vergne (due volte), Antonio Felix Da Costa, Nyck De Vries, Stoffel...

Leggi »
21 Feb [16:45]

Extreme E a Neom
Il team di Rosberg riparte vincendo

Jacopo Rubino

La squadra campione in carica RXR, quella di Nico Rosberg, ha aperto la stagione 2022 della Extreme E vincendo il round inaugurale in Arabia Saudita: Johan Kristoffersson e la nuova compagna di equipaggio Mikaela Ahlin-Kottulinsky (nel 2021 con il team di Jenson Button) hanno prevalso nel deserto di Neom al termine di una Finale movimentata, addirittura interrotta da una bandiera rossa. A causarla, proprio la toccata della Ahlin-Kottulinsky ai danni di Tanner Foust, che aveva portato la debuttante McLaren a disputare la manche decisiva. L'americano, urtato, si è capottato ed è stato necessario uno stop; si è ripartiti per un ultimo decisivo giro, con ordine di partenza determinato dalla situazione precedente ai cambi pilota.

Al via libera Kristoffersson è riuscito a superare le due spagnole Cristina Gutiérrez e Laia Sanz, che aveva ereditato la prima posizione dal compagno Carlos Sainz, ma si è dovuta accontentare della piazza d'onore. A completare il podio, la Gutierrez con Sebastien Loeb, sul SUV elettrico schierato dal team X44 di Lewis Hamilton con cui, come in tutte le tappe del 2021, erano usciti in vetta dalle Qualifiche.

La coppia RXR, invece, questa volta ha staccato il "pass" per la Finale solo a tavolino: determinante la penalità in Semifinale 1 inflitta alla vettura Xite di Oliver Bennett e della nostra Tamara Molinaro, chiamata a sostituire Klara Andersson positiva al COVID-19. Bennet aveva infatti colpito una delle bandiere situate sul percorso.

In Finale c'era anche il team Ganassi con Sara Price e Kyle Leduc, quarti, mentre la McLaren, all'esordio off-road nella propria storia, ha terminato con la quinta posizione nonostante lo spettacolare crash di Foust, entrato nella frazione conclusiva aggiudicandosi la Crazy Race. La gara di ripescaggio ha visto Kevin Hansen rimediare un infortunio, tanto da trascorrere la notte in ospedale per controlli. Era andata male anche al fratello Timmy (Andretti), protagonista di un ribaltamento multiplo in Semifinale 2. Nasser Al Attiyah, re dell'ultima Dakar, alla "prima" da alfiere Cupra al fianco di Jutta Kleinschmidt si è arreso in Crazy Race, venendo classificato sesto.

Lunedì 21 febbraio 2022, Finale

1 - Kristoffersson/Ahlin-Kottulinsky - RXR - 27'08"453
2 - Sainz/Sanz - Sainz - 2"483
3 - Gutierrez/Loeb - X44 - 5"807
4 - LeDuc/Price - Ganassi - 25"202

Ritirati
Gilmour/Foust

Il campionato
1.RXR 30 punti; 2.Sainz 18; 3.X44 15; 4.Ganassi 12; 5.McLaren 10; 6.Xite 8; 7.Andretti 6; 8.Abt Cupra 4; 9.JBXE 2; 10.Veloce 1

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone