formula 1

Ben Sulayem investigato per
l'esito del GP di Jeddah 2023

Non c'è che dire, se i risultati in pista dei Gran Premi di F1 sono quanto meno scontati per via del dominio Red Bull, il...

Leggi »
World Endurance

Il BoP un male inevitabile nel WEC
purché usato nella giusta maniera

Michele Montesano - XPB Images Come prevedibile, a conclusione della 1812 km del Qatar si è tornato a parlare di BoP. Al di ...

Leggi »
formula 1

McLaren sotto le aspettative
Attesi importanti sviluppi

Massimo Costa - XPB Images La stagione 2023 per la McLaren si era conclusa in maniera brillantissima, con una seconda parte d...

Leggi »
World Endurance

Peugeot: oltre il danno la beffa
Squalificati Vergne-Müller-Jensen

Michele Montesano Dalla gioia di un podio tanto inseguito e finalmente alla portata, all’amara delusione della squalifica. C...

Leggi »
formula 1

Jos Verstappen attacca Horner
e terremota il team Red Bull

Chi ci legge da anni, conosce il nostro pensiero su Jos Verstappen, padre del pilota Max Verstappen. Un personaggio sempre&nb...

Leggi »
World Endurance

Lusail – Gara: dominio Porsche
Tripletta in Hypercar, vittoria in LMGT3

Michele Montesano La stagione 2024 del FIA WEC è iniziata nel segno della Porsche. Sempre al vertice, fin dalle prime sessio...

Leggi »
31 Ago [14:23]

Rally Friuli Venezia Giulia - Giorno 1
Campedelli-Rossetti: duello infuocato

Massimiliano Ruffini

Sfida all'ultimo decimo nella prima giornata di gara al Rally del Friuli Venezia Giulia. Simone Campedelli e Tania Canton (nella foto by M51) hanno guadagnato la leadership provvisoria dopo la tappa iniziale, grazie a tre vittorie parziali: due nell'insidiosa speciale di Valle e una nella prova spettacolo serale. A soli cinque decimi di distanza dal duo M-Sport ci sono però Luca Rossetti ed Eleonora Mori, capaci di recuperare (quasi) tutto lo svantaggio dai primi in una sola prova, la lunga e selettiva Malghe di Porzus. Soddisfatti i portacolori Ford e Citroen, entrambi decisi a darsi battaglia nella seconda tappa per portare a casa l'agognato successo al Rally del Friuli, crocevia importante per i destini del Tricolore 2019.

Nell'impegnativa giornata di sabato, caratterizzata da circa 120 chilometri cronometrati, punteranno a recuperare sul duo di testa anche Stefano Albertini e Giandomenico Basso. Il bresciano deve parte del suo ritardo a un'errore commesso nella prova di Porzus e, oltre a cercare di ridurre il distacco da chi lo precede, dovrà guardarsi le spalle dal suo inseguitore. Basso infatti ha pagato secondi preziosi, sia per un testacoda, sia per lo scarso feeling con il posteriore della vettura. Dopo i tanti interventi messi in atto nel parco assistenza, si vedrà se nella tappa conclusiva il veneto, leader del Tricolore, avrà lo spunto per recuperare su Campedelli e Rossetti.

Più distanti, ma non tagliati fuori dalla lotta per il podio, sono Andrea Crugnola, in difficoltà a seguito di modifiche non efficaci apportate alla sua Skoda, e Alessandro Perico, che deve recuperare il giusto ritmo dopo tanti mesi di inattività.
Tra le due ruote motrici, ottima la leadership provvisoria di Zannier-Marcuzzi, idoli locali e sempre efficaci con la loro Clio Williams. Alle loro spalle i primi di R2, Casella-Arlotta (208). Infine il Tricolore Junior: per ora al comando c'è Marco Pollara con 8 secondi di margine su Giuseppe Testa.

Classifica Dopo PS5
1. Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) in 28'13"6
2. Rossetti-Mori (Citroen Ds3 R5) a 0"5
3. Albertini-Fappani (Skoda Fabia R5) a 16"0
4. Basso-Granai (Skoda Fabia R5) a 17"0
5. Crugnola-Ometto (Skoda Fabia R5) a 32"0
6. Perico-Turati (Skoda Fabia R5) a 40"1
7. Michelini-Perna (Skoda Fabia R5) a 48"7
8. Zannier-Marcuzzi (Renault Clio Williams) a 2'36"3
9. Casella-Arlotta (Peugeot 208 R2) a 2'39"3
10. Rusce-Farnocchia (Skoda Fabia R5) a 2'42"4