10 Gen [20:54]

Dakar - Stage 5
Anche Loeb si ritira

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

Continua a macinare chilometri e… triturare concorrenti la Dakar 2018. In una delle edizioni più dure che si ricordino nei tempi recenti, la classica sudamericana oggi ha visto finire fuori combattimento Sebastien Loeb.

La quinta tappa, da San Juan de Marcona e Arequipa, nell’ultimo giorno prima del passaggio dal Perù alla Bolivia, è stata fatale all’alsaziano, anzi più al coequipier Daniel Elena, che dopo un atterraggio pesante ha patito problemi al coccige tali da richiedere assistenza medica. Approfittando anche del fatto che Carlos Sainz abbia perso molto tempo nelle dune, arrivando staccato di 18 minuti e ora a -31 in generale, Stephane Peterhansel è lanciatissimo verso la sua quattordicesima affermazione.

Unico a tenersi (di poco) sotto ai cinque minuti di divario è stato Bernhard Ten Brinke, primo rappresentante Toyota, mentre sempre su una Hi-Lux 4WD, Giniel De Villiers al terzo posto ha perso oltre 12 minuti. La top-5 è stata completata da Sainz e Nasser Al-Attiyah che, come de Villiers, ieri è stato colpito da forature a ripetizione.

Undicesimo posto di frazione per Eugenio Amos, poco distante da Cyril Despres, rientrato in corsa oggi. Il pilota lombardo è settimo, e continua ad essere in piena lotta per le prime posizioni. Davanti a lui in classifica c’è la Peugeot privata di Khalid Al Qassimi, mentre ottava è la Mini privata di Kuba Przygonski. Poco fuori dalla top-10 si è visto Peter Van Merksteijn, vincitore di Le Mans 2008 e titolare dell’omonimo team di rally.

Tra le moto, la vittoria di tappa è andata al rimontante Joan Barreda Bort che si è imposto con la sua Honda su Matthias Walkner (KTM) e sul compagno di marca Kevin Benavides. Staccato di oltre 10 minuti Adrien Van Beveren, e la classifica è incredibilmente corta con tre piloti (Van Beveren, Benavides e Walkner) racchiusi in poco più di un minuto e Barreda tutt’altro che fuori gioco a -7. Anche Pablo Quintanilla, che con la prima Husqvarna ha perso terreno, si trova a poco più di 16 minuti.

Auto
1 - Peterhansel-Cottret (Peugeot 3008 DKR) - 3.34’58”
2 - Sainz-Cruz (Peugeot 3008 DKR) + 31’16”
3 - Ten Brinke-Perrin (Toyota Hi-Lux) + 1.15’16”
4 - Al-Attiyah-Baumel (Toyota Hi-Lux) + 1.23’21”
5 - De Villiers-Von Zitzewitz (Toyota Hi-Lux) + 1.34’34”
6 - Al Qassimi-Panseri (Peugeot 3008 DKR) + 1.46’48”
7 - Amos-Delaunay (2WD) + 2.01’57”
8 - Prygonski-Colsoul (Mini Cooper 4WD) + 2.16’43”
9 - Prokop-Tomanek (Ford F150 Evo) + 2.17’27”
10 - Sireyjol-Beguin (LCR30) + 2.58’22”

Moto
1 – Adrien Van Beveren (Yamaha) - 11.03’23”
2– Kevin Benavides (Honda) + 1’00”
3 – Matthias Walkner (KTM) + 1’14”
4 - Joan Barreda Bort (Honda) + 7’33”
5 - Xavier De Soultrait (Yamaha) + 7’42”
6 -Toby Price (KTM) + 10’39”
7 – Antoine Meo (KTM) + 12’12”
8 - Gerard Guell (KTM) - 15’24”
9 – Pablo Quintanilla (Husqvarna) + 16’12”
10 - Ricky Brabec (Honda) +25’48

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone