formula 1

La F2 non conta più per salire in F1?
I team guardano ai test fatti in casa

C'è qualcosa che sta cambiando nell'attenzione che il Mondiale F1 pone verso i giovani che militano in Formula 2 o ca...

Leggi »
indycar

Iowa - Gara 2
Power vince, che paura per Ray Robb
Il video del crash nel giro finale

Marco CortesiIl team Penske ha messo a segno in Iowa uno 1-2 vincendo anche la seconda gara con Will Power. Una corsa senza g...

Leggi »
indycar

Iowa - Gara 1
Prima su ovale per McLaughlin

Prima vittoria su ovale per Scott McLaughlin all'Iowa Speedway nella prima corsa del weekend dell'IndyCar nella capit...

Leggi »
World Endurance

San Paolo – Gara
Vittoria del riscatto per Toyota

Michele Montesano Toyota torna a dominare la scena del FIA WEC. Dopo la cocente sconfitta della 24 Ore di Le Mans, la squadra...

Leggi »
Regional by Alpine

Mugello - Gara 2
Wharton regola Badoer

Sul circuito del Mugello, James Wharton ha messo a segno la sua prima vittoria nel campionato Regional by Alpine: prima di og...

Leggi »
F4 Italia

Mugello - Gara 3
La tripla... tripletta di Slater
Scopriamo chi è il talento inglese

Volto granitico, duro, che sarebbe perfetto per un film di Ken Loach nelle sue rappresentazioni della middle class britannica...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
14 Lug [15:03]

Mugello - Gara 2
Wharton regola Badoer

Dal Mugello - Giulia Rango - Dutch Photo

Sul circuito del Mugello, James Wharton ha messo a segno la sua prima vittoria nel campionato Regional by Alpine: prima di oggi, i suoi migliori risultati erano stati due terzi posti. La chiave per la vittoria è stata una partenza lampo, che gli ha permesso di superare Brando Badoer ancor prima di curva 1. L’italiano ha provato a contrattaccare, ma a fianco della sua vettura si è inserita quella di Rafael Camara, che con un sorpasso all’interno è riuscito a prendersi momentaneamente la seconda posizione. Infine, pochi giri dopo, Badoer ha risposto al brasiliano della Prema, superandolo e rimettendosi a caccia di Wharton.

Badoer ha provato a reggere il passo di Wharton, mantenendosi per molti giri sotto il gap di un secondo, ma nelle battute finali, l’australiano è riuscito ad allungare senza mai commettere un errore: una gara impeccabile. Per Badoer, che aveva tutte le carte in regola per sigillare la prima vittoria, è stata una doccia fredda. La sua non è stata una delle migliori partenze, e gli è costata cara.

Scivolato in un attimo da primo a terzo, si è subito messo all’opera per superare Camara, per poi avvicinarsi a Wharton, che però non gli ha concesso la minima chance di sorpasso. Tuttavia, non è tutto da buttare perché l’alfiere di Van Amersfoort colleziona il quinto secondo posto consecutivo: ammontano a 90 i punti nelle ultime 5 gare.

Il terzo gradino del podio è stato occupato da Rafael Camara, ma a motori spenti è stato retrocesso quinto dalla direzione gara. Nel finale, si è accesa una bella battaglia tra il brasiliano e Tuukka Taponen, entrambi del Ferrari Driver Academy e rispettivamente schierati da Prema e R-Ace. Durante il tentativo di sorpasso del finlandese, all'esterno, Camara lo ha accompagnato chiaramente oltre il cordolo. Taponen ha messo due ruote sull'erba, abilmente, con un bel controsterzo è riuscito a non finire in testacoda, ma è stato superato da Pedro Clerot, che lo seguiva.

A fine corsa, i commissari sportivi, visionate le immagini, hanno penalizzato Camara con due posizioni sull'ordine di arrivo. Da rilevare inoltre, che Taponen era partito ottavo, a causa di una penalità ricevuta dopo la qualifica 2, per aver ostacolato il giro di Michael Belov (Trident).

Notizia positiva, non si è verificato l'intervento di alcuna safety car, ma tanti sorpassi puliti. Zachary David (R-Ace) partiva ottavo ed ha chiuso sesto. Ivan Domingues ha compiuto una vera e propria impresa, dalla sedicesima alla settima posizione. Il portoghese di VAR nelle qualifica della mattinata sembrava essere molto veloce, ma negli ultimi minuti ha danneggiato l'ala anteriore ed è stato costretto a rientrare ai box, non riuscendo ad effettuare proprio l’ultimo e più importante tentativo.

Alessandro Giusti del team ART è passato da decimo a ottavo, mentre Ruiqi Liu del team Trident ha guadagnato tre posizioni, conquistando il punto della decima posizione. Noah Stromsted (RPM) ha tagliato il traguardo da nono. Gara difficile per Ugo Ugochukwu (Prema): l’americano dell’academy McLaren è scattato quinto e ha terminato al tredicesimo posto.

Valerio Rinicella (MP Motorsport) ha perso quattro posizioni, arrivando quindicesimo. Infine, Michael Belov (Trident) ad inizio gara è scalato dalla dodicesima alla diciassettesima piazza, ma è riuscito a limitare i danni raggiungendo nuovamente la dodicesima posizione. L’italiano Matteo de Palo (Saintéloc) ha chiuso il pomeriggio da diciottesimo, seguito da Nicola Lacorte (Trident) ventesimo e Giovanni Maschio (RPM) ventitreesimo.

Domenica 14 luglio 2024, gara 2

1 - James Wharton - Prema - 18 giri
2 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 0"967
3 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 11"067
4 - Tuukka Taponen - R-Ace - 11"721
5 - Rafael Camara - Prema - 10"533 ***
6 - Zachary David - R-Ace - 14"187
7 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 14"785
8 - Alessandro Giusti - ART - 15"683
9 - Noah Stromsted - RPM - 18"608
10 - Ruiqi Liu - Trident - 20"282
11 - Enzo Peugeot - Sainteloc - 23"941
12 - Michael Belov - Trident - 23"957
13 - Ugo Ugochukwu - Prema - 28"685
14 - Theophile Nael - Sainteloc - 29"372
15 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 30"944
16 - Nikita Bedrin - MP Motorsport - 31"557
17 - Enzo Deligny - R-Ace - 31"929
18 - Matteo De Palo - Sainteloc - 34"402
19 - Kanato Le - G4 Racing - 36"214
20 - Nicola Lacorte - Trident - 36"881
21 - Evan Giltaire - ART - 38"162
22 - Romain Andriolo - G4 Racing - 38"720
23 - Giovanni Maschio - RPM - 44"981
24 - Doriane Pin - Iron Dames - 45"548
25 - Edgar Pierre - RPM - 48"497
26 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 49"194
27 - Marta Garcia - Iron Dames - 50"741
28 - Lena Buhler - ART - 51"384
29 - Yaroslav Veselaho - ART - 56"266
30 - Alvaro Cho - G4 Racing - 1'03"745
31 - Yuja Gao - KIC - 1'04"222
32 - Alex Sawer - KIC - 1 giro

*** Penalizzato di 2 posizioni

Ritirato
Nandhavud Bhirombhakdi

Il campionato
1.Camara 179; 2.Taponen 150; 3.Badoer 118; 4.Wharton 81; 5.Giusti 74; 6.Clerot 61; 7.Domingues 59; 8.Giltaire 53; 9.Stromsted 46; 10.Deligny 37; 11.David 33; 12.Ugochukwu 27; 13.Belov 22; 14.Bilinski 20; 15.Peugeot 16; 16.Bedrin 18; 17.Nael 14; 18.De Palo 11; 19.Liu 3; 20.Bohra, Lacorte 1.

14 Lug [9:25]

Mugello - Qualifica 2
Prima pole di Badoer

Dal Mugello - Giulia Rango - Dutch Photo

La prima pole position di Brando Badoer nella Regional European by Alpine, arriva proprio su un circuito italiano. La pole di Badoer era nell’aria, dopo che in qualifica 1 ci è andato vicino, secondo solo a Tuukka Taponen, e nelle prove libere del venerdì è risultato il più veloce in entrambe le sessioni. Appartenente al gruppo A entrato in pista dopo il gruppo B, Badoer nella qualifica di stamattina ha segnato un tempo di 1’42’’292, superando quello di Wharton (primo del gruppo B) in 1’42’’382.

Negli ultimi due tentativi, momenti più caldi della sessione, l’italiano classe 2006 ha commesso anche un paio di errori, finendo per fare un’escursione sulla ghiaia, poi rientrando in pista. Ciò non è bastato per batterlo, nonostante Rafael Camara (nello stesso gruppo) ci sia andato molto vicino, registrando un 1’42’’335. Conquistata la prima pole position, ora Badoer è a caccia della prima vittoria: dopo tre secondi posti consecutivi tra Zandvoort e Budapest, a Mugello in gara 1 è arrivato nuovamente secondo, dietro a Tuukka Taponen, a cui inizialmente aveva messo pressione, prima di riscontrare un danno all’ala anteriore della sua vettura, che gli ha reso vita difficile.

James Wharton ha segnato il tempo più veloce nel gruppo B e partirà dalla prima fila, dietro Badoer. I compagni nel team Prema, Rafael Camara e Ugo Ugochukwu, a loro volta inizieranno la gara dalla terza e quinta piazzola. Niente da fare per Camara, che sembra essere un po’ sottotono questo weekend, rispetto ai primi appuntamenti. Il brasiliano, pur sempre leader della classifica generale, scatterà alle spalle di Wharton e non è da escludere che potrebbe unirsi alla lotta per la vittoria.

Quarto tempo per Pedro Clerot di Van Amersfoort, mentre il compagno Ivan Domingues è solo sedicesimo, nonostante sembrasse avere la velocità per stare ai vertici della classifica dopo il gran sabato disputato. Taponen, dopo la pole del sabato e la vittoria di gara 1, è risultato sesto in 1’42’’516. E’ seguito da Noah Stromsted (RPM), che ha commesso un errore all’ultimo tentativo, Zachary David, suo compagno in R-Ace, e dai francesi Enzo Peugeot (Saintéloc) e Alessandro Giusti (ART). Un fine settimana difficile per il team ART: Giusti appena in top ten, Evan Giltaire ventitreesimo e Yaroslav Veselaho penultimo.

Miglior posizionamento in qualifica della stagione per Valerio Rinicella, undicesimo, poco fuori dai primi dieci. Gli altri italiani, Giovanni Maschio e Matteo De Palo, partiranno rispettivamente dalla diciannovesima e ventesima piazza. Il toscano di Trident, Nicola Lacorte, è invece venticinquesimo. Per quanto riguarda il team Trident, un errore di Michael Belov e successivamente un blocco di Taponen (per questo penalizzato), non gli ha permesso di ottenere un risultato migliore della dodicesima posizione, mentre dietro di lui c’è il compagno di squadra Ruiqi Liu.

Domenica 14 luglio 2024, qualifica 2

1 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 1'42"292 - Gruppo A
2 - James Wharton - Prema - 1'42"382 - Gruppo B
3 - Rafael Camara - Prema - 1'42"335 - A
4 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 1'42"423 - B
5 - Ugo Ugochukwu - Prema - 1'42"399 - A
6 - Tuukka Taponen - R-Ace - 1'42"516 - B **
7 - Noah Stromsted - RPM - 1'42"500 - A
8 - Zachary David - R-Ace - 1'42"755 - B
9 - Enzo Peugeot - Sainteloc - 1'42"674 - A
10 - Alessandro Giusti - ART - 1'42"911 - B
11 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 1'42"809 - A
12 - Michael Belov - Trident - 1'42"919 - B
13 - Ruiqi Liu - Trident - 1'42"828 - A
14 - Nikita Bedrin - MP Motorsport - 1'42"945 - B
15 - Theophile Nael - Sainteloc - 1'42"839 - A
16 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 1'42"953 - B
17 - Enzo Deligny - R-Ace - 1'42"844 - A
18 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 1'43"204 - B
19 - Giovanni Maschio - RPM - 1'42"867 - A
20 - Matteo De Palo - Sainteloc - 1'43"214 - B
21 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 1'43"030 - A
22 - Kanato Le - G4 Racing - 1'43"640 - B
23 - Evan Giltaire - ART - 1'43"098 - A
24 - Romain Andriolo - G4 Racing - 1'43"892 - B
25 - Nicola Lacorte - Trident - 1'43"182 - A
26 - Alex Sawer - KIC - 1'44"210 - B
27 - Doriane Pin - Iron Dames - 1'43"859 - A
28 - Marta Garcia - Iron Dames - 1'44"629 - B
29 - Edgar Pierre - RPM - 1'43"883 - A
30 - Yuja Gao - KIC - 1'45"177 - B
31 - Alvaro Cho - G4 Racing - 1'44"025 - A
32 - Yaroslav Veselaho - ART - 1'45"475 - B
33 - Lena Buhler - ART - 1'44"369 - A

** 2 posizioni di penalità nella griglia di partenza di gara 2

13 Lug [14:48]

Mugello - Gara 1
Taponen domina su Badoer

Dal Mugello - Giulia Rango - Dutch Photo

E’ on fire Tuukka Taponen, che colleziona la terza vittoria consecutiva, quarta in totale, in una stagione che lo sta facendo sempre più protagonista. 31 sono le lunghezze che adesso lo separano da Rafael Camara, primo a 169 punti. Come nello scorso appuntamento a Budapest, anche al Mugello, il finlandese classe 2006 è riuscito a tramutare la pole position in vittoria, resistendo prontamente ai tentativi di sorpasso da parte di Brando Badoer.

Tentativi rivelatisi vani per l’italiano di Montebelluna, nonostante la prelibata occasione di sferrare l’attacco durante i primi giri, quando era molto vicino a Taponen, oppure quella alla ripartenza dopo la safety car. Nelle fasi finali della gara poi, il portacolori di R-Ace ha creato un gap di quasi quattro secondi sul secondo, assicurandosi il gradino più alto del podio.

Non è riuscito ad agguantare la vittoria, ma Badoer conferma il trend positivo, piazzandosi secondo per la quarta gara di fila. Al pilota di Van Amersfoort va dato merito soprattutto per la consistenza che ha avuto fino ad ora: nove corse disputate, nove volte a punti, raggiunge quota 100 lunghezze, che gli permettono di occupare la terza posizione in classifica generale.

Oltre ai 18 di Badoer, ad aumentare i punti guadagnati da VAR in un soleggiato sabato pomeriggio sul tracciato toscano, ci sono Ivan Domingues e Pedro Clerot, che hanno concluso subito dietro al compagno. I due si sono impegnati in una lotta bella e corretta, terminata con un grande sorpasso di Domingues sul brasiliano, avvenuto proprio negli ultimi giri e costruito grazie allo studio delle traiettorie compiute da Clerot. Ammonta a 45 lunghezze il bottino portato a casa dalla squadra olandese in gara 1.



Rafael Camara partiva quarto, e dopo essere stato impegnato nella battaglia con i piloti VAR, si è accodato a Domingues e Clerot, tagliando il traguardo da quinto. Da un vantaggio di 46 lunghezze, il leader vanta ora solo 31 punti in più, minacciato dall’avvicinamento di Taponen. Al contrario, il compagno in Prema James Wharton ha compiuto una bella rimonta: da undicesimo a settimo con sorpassi puliti. Infine, per il team italiano, Ugo Ugochukwu ha guadagnato un paio di posizioni dalla partenza, conquistando la decima piazza.

Punti importanti per Michael Belov, sesto alla bandiera a scacchi (partiva settimo), alla seconda apparizione con il team Trident in questa stagione dopo Budapest, dove ha preso provvisoriamente il posto di Roman Bilinski, ancora impegnato a recuperare da un infortunio. Nikita Bedrin (MP Motorsport), Noah Stromsted (RPM) insieme ad Ugochukwu chiudono la top dieci.

A qualche minuto dall’inizio, la gara è stata interrotta dall'ingresso in pista della safety car. Si è infatti verificato un contatto in rettifilo tra i due italiani Giovanni Maschio e Nicola Lacorte, col veneto del team RPM che ha tamponato il toscano di Trident danneggiando la sospensione anteriore sinistra. Senza controllo, dopo un lieve decollo, ha proseguito fino ad arenarsi nella ghiaia della successiva curva e chiamando la prima e unica safety-car. Lacorte ha terminato la gara in ventesima posizione.



Gli altri italiani, Valerio Rinicella e Matteo de Palo, hanno terminato la loro corsa rispettivamente in quindicesima e diciannovesima posizione. Da segnalare anche un contatto tra le due compagne di squadra di Iron Dames, Doriane Pin e Marta Garcia, mentre erano nelle ultime posizioni.

Sabato 13 luglio 2024, gara 1

1 - Tuukka Taponen - R-Ace - 17 giri
2 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 3"857
3 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 6"683
4 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 8"315
5 - Rafael Camara - Prema - 8"443
6 - Michael Belov - Trident - 9"564
7 - James Wharton - Prema - 11"612
8 - Nikita Bedrin - MP Motorsport - 13"002
9 - Noah Stromsted - RPM - 13"817
10 - Ugo Ugochukwu - Prema - 17"334
11 - Alessandro Giusti - ART - 18"681
12 - Zachary David - R-Ace - 19"980
13 - Ruiqi Liu - Trident - 20"319
14 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 23"812
15 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 26"197
16 - Enzo Peugeot - Sainteloc - 28"439
17 - Kanato Le - G4 Racing - 29"951
18 - Enzo Deligny - R-Ace - 31"107
19 - Matteo De Palo - Sainteloc - 31"125
20 - Nicola Lacorte - Trident - 32"944
21 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 33"453
22 - Evan Giltaire - ART - 33"984
23 - Theophile Nael - Sainteloc - 34"253
24 - Romain Andriolo - G4 Racing - 34"700
25 - Edgar Pierre - RPM - 35"097
26 - Doriane Pin - Iron Dames - 37"218
27 - Yaroslav Veselaho - ART - 38"861
28 - Alex Sawer - KIC - 39"467
29 - Alvaro Cho - G4 Racing - 52"506
30 - Yujia Gao - KIC - 56"796 *
31 - Marta Garcia - Iron Dames - 1'02"415

*  10" di penalità

Ritirati
Lena Buhler
Giovanni Maschio

Il campionato
1.Camara 169; 2.Taponen 138; 3.Badoer 100; 4.Giusti 70; 5.Wharton 56; 6.Giltaire, Domingues 53; 8.Clerot 46; 9.Stromsted 44; 10.Deligny 37; 11.Ugochukwu 27; 12.David 25; 13.Belov 22; 14.Bilinski 20; 15.Peugeot 16; 16.Bedrin 18; 17.Nael 14; 18.De Palo 11; 19.Liu 2; 20.Bohra, Lacorte 1.

13 Lug [9:16]

Mugello - Qualifica 1
Taponen in pole, Badoer secondo

Dal Mugello - Giulia Rango - Dutch Photo

Ora ammontano a tre le pole position di Tuukka Taponen nella stagione 2024 del campionato, con cui raggiunge Rafael Camara, che fino ad ora, in questa stagione, ha registrato lo stesso numero. Il finlandese di R-Ace GP riparte dal dominio all’Hungaroring dello scorso appuntamento, e lo fa con la terza pole di fila, battendo Brando Badoer.

Sul circuito toscano che ospita il quinto round del campionato Formula Regional by Alpine, l’italiano, figlio di Luca Baoder, è stato il più veloce in entrambe le sessioni di prove libere del venerdì. In questa qualifica, è arrivato primo nel suo gruppo (A) grazie al guizzo dell’ultimo tentativo, attraverso il quale si è imposto su Camara. Successivamente però, il suo tempo di 1’42’’454 è stato superato da Taponen (gruppo B) in 1’42’’331.

Buona qualifica per il team Van Amersfoort che, oltre a Badoer secondo, ha piazzato Pedro Clerot e Ivan Domingues rispettivamente terzo e quinto nella assoluta. A dividerli c’è il leader del campionato e portacolori del team Prema Rafael Camara, un giro completato in 1’42’’597, che tuttavia non è bastato ad impensierire Badoer durante la qualifica del gruppo A. I compagni in Prema, James Wharton e Ugo Ugochukwu, si trovano più distanti, in undicesima e dodicesima posizione. Wharton è stato rallentato nel suo giro finale da Alex Sawer.

Stromsted con RPM conquista la sesta piazzola, seguito da Michael Belov settimo con il team Trident dopo un errore nel giro finale e da un sorprendente Nandhavud Bhirombhakdi (KIC), il cui miglior piazzamento in griglia di partenza, fino a stamattina, era stato il diciannovesimo posto. Chiudono la top ten Nikita Bedrin (MP Motorsport), tra i più veloci nelle libere del venerdì, ed Enzo Peugeot di Saintéloc, piccolo errore nel finale come Theophile Nael, rimasto lontano dal vertice. Qualifica storta per il team ART, con Alessandro Giusti ed Evan Giltaire in posizioni anomale per lorol.

Staccati da Badoer gli altri italiani: Valerio Rinicella (MP Motorsport) sedicesimo, Nicola Lacorte (Trident) ventesimo, seguito subito dopo da Matteo de Palo (Saintéloc), e infine Giovanni Maschio (testacoda), che in gara 1 scatterà dalla ventiquattresima posizione.

Sabato 13 luglio 2024, qualifica 1

1 - Tuukka Taponen - R-Ace - 1'42"331 - Gruppo B
2 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 1'42"454 - Gruppo A
3 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 1'42"480 - B
4 - Rafael Camara - Prema - 1'42"597 - A
5 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 1'42"522 - B
6 - Noah Stromsted - RPM - 1'43"110 - A
7 - Michael Belov - Trident - 1'42"598 - B
8 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 1'43"291 - A
9 - Nikita Bedrin - MP Motorsport - 1'42"697 - B
10 - Enzo Peugeot - Sainteloc - 1'43"319 - A
11 - James Wharton - Prema - 1'42"698 - B
12 - Ugo Ugochukwu - Prema - 1'43"346 - A
13 - Zachary David - R-Ace - 1'42"854 - B
14 - Ruiqi Liu - Trident - 1'43"393 - A
15 - Alessandro Giusti - ART - 1'42"859 - B
16 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 1'43"490 - A
17 - Kanato Le - G4 Racing - B
18 - Enzo Deligny - R-Ace - 1'43"539 - A
19 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 1'43"129 - B
20 - Nicola Lacorte - Trident - 1'43"622 - A
21 - Matteo De Palo - Sainteloc - 1'43"269 - B
22 - Evan Giltaire - ART - 1'43"751 - A
23 - Romain Andriolo - G4 Racing - 1'43"737 - B
24 - Giovanni Maschio - RPM - 1'43"857 - A
25 - Alex Sawer - KIC - 1'44"054 - B **
26 - Edgar Pierre - RPM - 1'43"858 - A
27 - Yaroslav Veselaho - ART - 1'44"423 - B
28 - Doriane Pin - Iron Dames - 1'43"912 - A
29 - Yujia Gao - KIC - 1'45"213 - B
30 - Theophile Nael - Sainteloc - 1'43"918 - A
31 - Marta Garcia - Iron Dames - 1'45"275 - B
32 - Alvaro Cho - G4 Racing - 1'44"624 - A
33 - Lena Buhler - ART - 1'44"825 - A

** In seguito al cambio motore, Sawer partirà ultimo

12 Lug [15:28]

Mugello, libere 2
Badoer si conferma leader

Dal Mugello - Giulia Rango - Dutch Photo

La seconda sessione di prove libere della Regional by Alpine al Mugello, si è conclusa con Brando Badoer nuovamente al comando. Il veneto di VAR, che questo weekend sembra essere partito forte, ha completato il giro più veloce in 1’43’’613. I compagni di squadra Pedro Clerot e Ivan Domingues si sono piazzati rispettivamente terzo e quarto. A dividere la tripletta Van Amersfoort Racing è il pilota MP Motorsport Nikita Bedrin, terzo nella prima sessione di libere, che nel pomeriggio si è piazzato secondo in 1’43’’969.

Quinta, sesta e settima posizione sono occupate dal trio francese Theophile Nael, Enzo Peugeot (Saintéloc) e Alessandro Giusti (Art GP), che a lungo, nel corso della sessione, si sono sfidati per le prime posizioni. Michael Belov, portacolori del team Trident e sostituto dell’infortunato Roman Bilinski, ha siglato l’ottavo tempo, portandosi, come nelle libere 1, in top ten.

Bene Matteo de Palo: l’italiano, preceduto da Noah Stromsted, si è piazzato in decima posizione. Il gruppo italiano continua con Nicola Lacorte tredicesimo, poi Giovanni Maschio sedicesimo e Valerio Rinicella ventiduesimo.

I tre piloti del team Prema, Rafael Camara, James Wharton e Ugo Ugochukwu, insieme a Tuukka Taponen (pilota R-Ace e vincitore delle due gare all’Hungaroring), che nella prima sessione di libere occupavano le prime posizioni, non sono riusciti ad andare oltre l’1’45’’698 (tempo di Wharton, diciassettesimo), trovandosi nella seconda metà della classifica. Probabilmente, hanno scelto di concentrarsi sull’assetto delle vetture in gara, lasciando da parte la qualifica, su cui hanno lavorato nella mattinata.

Venerdì 12 luglio 2024, libere 2

1 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 1'43"613 - 19 giri
2 - Nikita Bedrin - MP Motorsport - 1'43"969 - 20
3 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 1'44"015 - 18
4 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 1'44"054 - 18
5 - Theophile Nael - Sainteloc - 1'44"140 - 18
6 - Enzo Peugeot - Sainteloc - 1'44"316 - 18
7 - Alessandro Giusti - ART - 1'44"317 - 16
8 - Michael Belov - Trident - 1'44"750 - 17
9 - Noah Stromstedt - RPM - 1'44"798 - 19
10 - Matteo De Palo - Sainteloc - 1'44"982 - 17
11 - Evan Giltaire - ART - 1'45"038 - 17
12 - Ruiqi Liu - Trident - 1'45"090 - 16
13 - Nicola Lacorte - Trident - 1'45"091 - 15
14 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 1'45"106 - 19
15 - Lena Buhler - ART - 1'45"365 - 17
16 - Giovanni Maschio - RPM - 1'45"558 - 19
17 - James Wharton - Prema - 1'45"698 - 23
18 - Rafael Camara - Prema - 1'45"869 - 21
19 - Enzo Deligny - R-Ace - 1'45"905 - 22
20 - Tuukka Taponen - Prema - 1'45"940 - 23
21 - Alex Sawer - KIC - 1'46"029 - 10
22 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 1'46"146 - 23
23 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 1'46"323 - 23
24 - Yaroslav Veselaho - ART - 1'46"368 - 17
25 - Edgar Pierre - RPM - 1'46"497 - 17
26 - Zachary David - R-Ace - 1'46"567 - 21
27 - Yujia Gao - KIC - 1'46"827 - 18
28 - Ugo Ugochukwu - Prema - 1'46"929 - 23
29 - Doriane Pin - Iron Dames - 1'47"069 - 25
30 - Kanato Le - G4 Racing - 1'47"317 - 19
31 - Romain Andriolo - G4 Racing - 1'47"431 - 21
32 - Marta Garcia - Iron Dames - 1'48"104 - 21
33 - Alvaro Cho - G4 Racing - 1'48"107 - 19

12 Lug [11:07]

Mugello, libere 1
Badoer fa gli onori di casa

Dal Mugello - Giulia Rango - Dutch Photo

Nella prima tappa italiana del calendario, quella del Mugello, è proprio il veneto Brando Badoer ad aprire le danze. Siglando il tempo più veloce in 1’42’’672, il portacolori di Van Amersfoort Racing è riuscito ad imporsi su Tuukka Taponen (R-Ace), che ha concluso la sessione in 1’42’’838. Non è un segreto che Badoer stia attraversando un periodo di forma: nelle ultime tre gare (la seconda a Zandvoort e le due di Budapest) ha collezionato 54 punti, occupando fermamente il secondo posto, in tutte e tre.

Il terzo tempo, quasi a sorpresa, è quello di Nikita Bedrin del team MP Motorsport in 1’43’’038. Il team non sta vivendo un momento felice e si trova attualmente ottavo con 15 punti, ma l’esperienza di Bedrin, frutto del lavoro con PHM Racing in Formula 3 (dove milita in 24esima posizione), è ciò che può permettere alla squadra olandese di risalire la china.

Segue James Wharton, australiano del team Prema, impegnato occasionalmente lo scorso fine settimana a Silverstone per la F3, dove ha sostituito Martinius Stenshorne nel team Hitech GP. Il compagno di squadra e leader del campionato Rafael Camara invece, è quinto. Anche nei test collettivi di giovedì 11 luglio, il brasiliano non è riuscito a segnare il miglior tempo (che nelle due sessioni è andato a Pedro Clerot e Tuukka Taponen), terminando la prima e la seconda sessione rispettivamente in terza e ottava posizione. Ha ancora una sessione di prove libere per trovare la quadra, prima della qualifica di sabato mattina, che scatterà alle 8:30.

Il sesto tempo è di Michael Belov, che sostituisce provvisoriamente in Trident l’ancora infortunato Roman Bilinski, acciaccato ma presente sul circuito toscano. Tra gli italiani, fatta eccezione di Badoer che si trova in cima alla classifica, troviamo Valerio Rinicella diciassettesimo, Nicola Lacorte diciannovesimo e Giovanni Maschio in venticinquesima piazza.

Rientra dopo l’infortunio rimediato a Spa-Francorchamps Dorian Pin, con Iron Dames, mentre la compagna Marta Garcia ha provocato una bandiera rossa a 7’ dalla fine, dopo essere uscita in curva 9. Una menzione speciale va ad Alvaro Cho, al debutto con G4 Racing dopo il passaggio di Carrasquedo in Eurocup-3.

Venerdì 12 luglio 2024, libere 1

1 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 1'42"672 - 17 giri
2 - Tuukka Taponen - R-Ace - 1'42"838 - 17
3 - Nikita Bedrin - MP Motorsport - 1'43"038 - 19
4 - James Wharton - Prema - 1'43"222 - 17
5 - Rafael Camara - Prema - 1'43"276 - 16
6 - Michael Belov - Trident - 1'43"346 - 15
7 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 1'43"383 - 17
8 - Alessandro Giusti - ART - 1'43"385 - 17
9 - Ugo Ugochukwu - Prema - 1'43"517 - 16
10 - Kanato Le - G4 Racing - 1'43"524 - 18
11 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 1'43"547 - 18
12 - Noah Stromstedt - RPM - 1'43"583 - 16
13 - Zachary David - R-Ace - 1'43"608 - 16
14 - Ruiqi Liu - Trident - 1'43"701 - 17
15 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 1'43"753 - 18
16 - Theophile Nael - Sainteloc - 1'43"782 - 15
17 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 1'43"813 - 18
18 - Enzo Deligny - R-Ace - 1'43"853 - 16
19 - Nicola Lacorte - Trident - 1'43"893 - 12
20 - Evan Giltaire - ART - 1'43"919 - 17
21 - Edgar Pierre - RPM - 1'43"930 - 18
22 - Enzo Peugeot - Sainteloc - 1'43"951 - 17
23 - Matteo De Palo - Sainteloc - 1'44"005 - 15
24 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 1'44"381 - 14
25 - Giovanni Maschio - RPM - 1'44"400 - 16
26 - Romain Andriolo - G4 Racing - 1'44"488 - 17
27 - Alex Sawer - KIC - 1'44"580 - 18
28 - Lena Buhler - ART - 1'44"662 - 16
29 - Doriane Pin - Iron Dames - 1'44"790 - 16
30 - Marta Garcia - Iron Dames - 1'45"089 - 13
31 - Alvaro Cho - G4 Racing - 1'45"304 - 17
32 - Yaroslav Veselaho - ART - 1'45"539 - 15
33 - Yuji Gao - KIC - 1'45"751 - 15

23 Giu [17:12]

Budapest - Gara 2
En plein per Taponen
Badoer ancora sul podio

Davide Attanasio - Dutch Photo Agency

Due pole, due vittorie, cinquanta punti nel sacco. Il fine settimana perfetto per Tuukka Taponen (R-Ace), come in gara 1 in testa dall'inizio alla fine. Con i suoi 113 punti ha consolidato la seconda posizione in classifica, a 46 punti dal leader Rafael Camara (Prema), sesto dopo aver tagliato in traguardo secondo per una manovra ritenuta irregolare sul compagno Ugo Ugochukwu, promosso così al terzo posto dietro un Brando Badoer (Van Amersfoort) formato deluxe.

La corsa è stata caratterizzata da un testacoda per Enzo Peugeot (Sainteloc) nel corso del primo giro, mentre poco dopo metà gara la safety-car è stata costretta a entrare in pista per un incidente in uscita da curva 3 tra Nicola Lacorte (Trident) e Marta Garcia (Iron Dames), con il primo che ha colpito la seconda valutando male la situazione.

Con la competizione ripresa a due minuti (e un giro) dalla fine, la ripartenza non ha sorriso a Camara, che - come già scritto - ha perso il secondo posto (e la striscia di podi) per un sorpasso non regolare su Ugochukwu, in quell'occasione superato dal lesto Badoer.

Da segnalare, sempre dopo la nuova bandiera verde, un super sorpasso di Alessandro Giusti (ART) su Enzo Deligny (R-Ace) all'esterno di curva 5 chiuso definitivamente alla sei. Tuttavia, il giovane pilota dell’academy Williams è stato penalizzato di due posti per aver effettuato la mossa fuori dal circuito.

Alessandro ha così concluso settimo, con Deligny - migliore dei rookie - quinto e alle spalle di James Wharton (Prema), che senza infamia e senza lode, ma con grande testa, ha rimpinguato una classifica fin qui non certo soddisfacente. Dietro Camara, sesto, hanno infine chiuso la zona punti Pedro Clerot (Van Amersfoort), un rinsavito Theophile Nael (Sainteloc) e Matteo De Palo (Sainteloc), costantemente il secondo degli italiani.

Domenica 23 giugno 2024, gara 2

1 - Tuukka Taponen - R-Ace - 17 giri in 32'55"356
2 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 2"061
3 - Ugo Ugochukwu - Prema - 4"272
4 - James Wharton - Prema - 5"204
5 - Enzo Deligny - R-Ace - 6"360
6 - Rafael Camara - Prema - 6"423 *
7 - Alessandro Giusti - ART - ***
8 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 6"684
9 - Theophile Nael - Sainteloc - 7"430
10 - Matteo De Palo - Sainteloc - 8"549
11 - Michael Belov - Trident - 9"107
12 - Zachary David - R-Ace - 10"905
13 - Evan Giltaire - ART - 11"186
14 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 11"898
15 - Noah Stromsted - RPM - 12"300
16 - Kanato Le - G4 Racing - 12"655
17 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 13"184
18 - Ruiqi Liu - Trident - 13"400
19 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 13"797
20 - Giovanni Maschio - RPM - 14"869
21 - Edgar Pierre - RPM - 15"146
22 - Alex Sawer - KIC - 17"095
23 - Jesse Carrasquedo - G4 Racing - 17"443
24 - Enzo Peugeot - Sainteloc - 18"792
25 - Lena Buhler - ART - 19"612
26 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 20"991 *
27 - Yujia Gao - KIC - 30"323 **
28 - Yaroslav Veselaho - ART - 41"404

* 5" di penalità
** 10" di penalità
*** arretramento di due posti per sorpasso effettuato fuori dal circuito

Ritirati
Isaac Barashi
Marta Garcia
Nicola Lacorte
Romain Andriolo

Il campionato
1.Camara 159 punti; 2.Taponen 113; 3.Badoer 82; 4.Giusti 70; 5.Giltaire 53; 6.Wharton 50; 7.Stromsted 42; 8.Domingues 38; 9.Deligny 37; 10.Clerot 34; 11.Ugochukwu 26; 12.David 25; 13.Bilinski 20; 14.Peugeot 16; 15.Bedrin, Nael 14; 17.De Palo 11; 18.Liu 2; 19.Bohra, Lacorte 1.

23 Giu [9:30]

Budapest - Qualifica 2
Due su due per Taponen

Davide Attanasio - Dutch Photo Agency

Non ce n'è per nessuno, né sull'asciutto, né sul bagnato. Nemmeno Rafael Camara (Prema) è riuscito a batterlo. Tuukka Taponen (R-Ace), zero pole position prima di questo fine settimana - il quarto del campionato Regional by Alpine - due su due sul circuito dell'Hungaroring. Sebbene il gruppo A, come nella giornata di ieri, sia risultato più rapido del gruppo B, il fatto che il finlandese della FDA fosse inserito nel secondo ha regalato qualche vantaggio ai colleghi inseriti nel medesimo raggruppamento del finnico.

A dimostrazione di ciò, se nel gruppo B a scendere sotto l'1'40" sono stati in tre, nel gruppo A - secondo a scendere in pista - ci sono riusciti in quattro. I nomi del gruppo B sono stati il poleman Taponen, Brando Badoer (Van Amersfoort) ed Enzo Deligny (R-Ace), mentre per quello che riguarda il gruppo A Camara, Ugo Ugochukwu (Prema), Alessandro Giusti (ART) e Pedro Clerot (Van Amersfoort) sono stati i soli a valicare quel limite.

Come anticipato, a differenza della prima qualifica la seconda si è svolta sotto un cielo coperto ma senza pioggia, con il circuito che si è andato man mano a riscaldare con il passare della sessione. Se si mettono insieme i tempi, sarà dunque una prima fila di lusso, con Taponen davanti a Camara: il primo e il secondo della classifica nonché i due membri dell'academy Ferrari. La seconda fila è composta da Badoer, che è riuscito a togliersi dalle sabbie mobili all'ultimo momento, e un Ugochukwu ben più convincente del solito.

In quinta e sesta posizione la coppia francese Deligny-Giusti, con il pilota dell'academy Williams dietro all'alfiere del team R-Ace. Un piccolo miglioramento anche per James Wharton (Prema), settimo a precedere Pedro Clerot (Van Amersfoort), campione della F4 brasiliana nel 2022. L'ultima fila della top dieci è stata ad appannaggio dell'ottimo Matteo De Palo (Sainteloc) e dell'unico vincitore di una corsa se si escludono Camara e Taponen: il campione della F4 francese Evan Giltaire (ART), che si trovava in ultima posizione nel proprio raggruppamento quando ha scalato la classifica con il cronometro fermo sullo zero.

Infine, ottima prestazione per Michael Belov (Trident), appena fuori dai dieci con il pluripenalizzato di gara 1 Zachary David (R-Ace) alle sue spalle. Risultati sottotono, tra gli altri, per Enzo Peugeot (Sainteloc) e Ivan Domingues (Van Amersfoort), mentre è da valutare come incoraggiante il ventiduesimo crono per Marta Garcia (Iron Dames).

Domenica 23 giugno 2024, qualifica 2

1 - Tuukka Taponen - R-Ace - 1'39"620 - Gruppo B
2 - Rafael Camara - Prema - 1'39"676 - Gruppo A
3 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 1'39"859 - GB
4 - Ugo Ugochukwu - Prema - 1'39"851 - GA
5 - Enzo Deligny - R-Ace - 1'39"977 - GB
6 - Alessandro Giusti - ART - 1'39"862 - GA
7 - James Wharton - Prema - 1'40"122 - GB
8 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 1'39"940 - GA
9 - Matteo De Palo - Sainteloc - 1'40"215 - GB
10 - Evan Giltaire - ART - 1'40"014 - GA
11 - Michael Belov - Trident - 1'40"241 - GB
12 - Zachary David - R-Ace - 1'40"090 - GA
13 - Enzo Peugeot - Sainteloc - 1'40"269 - GB
14 - Theophile Nael - Sainteloc - 1'40"092 - GA
15 - Noah Stromsted - RPM - 1'40"319 - GB
16 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 1'40"126 - GA
17 - Kanato Le - G4 Racing - 1'40"513 - GB
18 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 1'40"317 - GA
19 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 1'40"559 - GB
20 - Jesse Carrasquedo - G4 Racing - 1'40"354 - GA
21 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 1'40"652 - GB
22 - Marta Garcia - Iron Dames - 1'40"502 - GA
23 - Ruiqi Liu - Trident - 1'40"701 - GB
24 - Nicola Lacorte - Trident - 1'40"563 - GA
25 - Romain Andriolo - G4 Racing - 1'40"747 - GB
26 - Alex Sawer - KIC - 1'40"808 - GA
27 - Giovanni Maschio - RPM - 1'41"148 - GB
28 - Edgar Pierre - RPM - 1'40"840 - GA
29 - Lena Buhler - ART - 1'41"920 - GB
30 - Isaac Barashi - MP Motorsport - 1'41"399 - GA
31 - Yujia Gao - KIC - 1'41"959 - GB
32 - Yaroslav Veselaho - ART - 1'41"515 - GA

22 Giu [21:04]

Budapest, gara 1
Peugeot, De Palo e Nael
squalificati per irregolarità tecnica

Davide Attanasio

Le tre Sainteloc sono state escluse dall'ordine di arrivo di
gara 1 del Regional by Alpine a Budapest. Infatti, Enzo Peugeot, Matteo De Palo e Theophile Nael sono stati squalificati per "assenza delle viti di fissaggio del diffusore" delle loro Tatuus gestite dalla squadra francese. Ciò è vietato per conto del Regolamento Tecnico, alla pagina 02C "Diffuser" a proposito del Rilascio della Pubblicazione circa la Classificazione della Parti numero 6.0.0 02C. In particolare, mentre De Palo e Nael non hanno di che disperarsi (già fuori dai punti), a recriminare è Peugeot, che ha perso la sesta posizione e 8 punti preziosi, con la conseguente promozione in zona punti di Ivan Domingues (Van Amersfoort).

Sabato 22 giugno 2024, gara 1

1 - Tuukka Taponen - R-Ace - 19 giri in 32'30"547
2 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 4"177
3 - Rafael Camara - Prema - 4"594
4 - Alessandro Giusti - ART - 5"288
5 - Evan Giltaire - ART - 8"051
6 - James Wharton - Prema - 10"178
7 - Zachary David - R-Ace - 13"142 **
8 - Ugo Ugochukwu - Prema - 13"400
9 - Ruiqi Liu - Trident - 13"841
10 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 14"252
11 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 15"197
12 - Michael Belov - Trident - 15"522
13 - Nicola Lacorte - Trident - 16"215
14 - Enzo Deligny - R-Ace - 17"377 **
15 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 17"973
16 - Kanato Le - G4 Racing - 18"404
17 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 20"687
18 - Giovanni Maschio - RPM - 25"360
19 - Romain Andriolo - G4 Racing - 25"823
20 - Marta Garcia - Iron Dames - 26"459
21 - Edgar Pierre - RPM - 28"035
22 - Alex Sawer - KIC - 28"794
23 - Yaroslav Veselaho - ART - 32"264
24 - Jesse Carrasquedo - G4 Racing - 33"299
25 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 36"212
26 - Isaac Barashi - MP Motorsport - 40"988

** 10" di penalità (due penalità distinte di cinque secondi)

Ritirati
Noah Stromsted
Yujia Gao
Lena Buhler

Squalificati
Enzo Peugeot
Matteo De Palo
Theophile Nael

Il campionato

1.Camara 151 punti; 2.Taponen 88; 3.Badoer, Giusti 64; 5.Giltaire 53; 6.Stromsted 42; 7.Wharton, Domingues 38; 9.Clerot 30; 10.Deligny 27; 11.David 25; 12.Bilinski 20; 13.Peugeot 16; 14.Bedrin 14; 15.Naël 12; 16.Ugochukwu 11; 17.De Palo 10; 18.Liu 2; 19.Bohra, Lacorte 1.

PrevPage 1 of 10Next

News

Regional by Alpine
v

FirstPrevPage 1 of 4NextLast
FirstPrevPage 1 of 4NextLast
RS Racing