formula 1

La McLaren sorprende:
a Montecarlo livrea Gulf

La McLaren sorprende tutti: al Gran Premio di Monaco correrà con un'inedita livrea arancio-azzurro Gulf, una delle più ic...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 3
Tramnitz prende il largo

1 - Tim Tranmitz - US Racing - 14 giri - 33'00"8222 - Oliver Bearman - VAR - 1"6683 - Vlad Lomko - US Racing - ...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 2
Tramnitz resiste a Browning

1 - Tim Tranmitz - US Racing - 14 giri - 33'51"4232 - Luke Browning - US Racing - 0"6873 - Kirill Smal - Prema ...

Leggi »
indycar

Indy Road - Gara
VeeKay si prende la prima vittoria

1 - Rinus VeeKay (Dallara-Chevy) - ECR - 86 giri2 - Romain Grosjean (Dallara-Honda) - Coyne - 4"9510 3 - Alex Palou (Dal...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Gara 1
Smal e Prema in solitaria

Victor Bernier e Luke Browning sono stati penalizzati di 1" dai commissari di gara per non aver rispettato i track limit...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet - Qualifica 1-2
Smal, Bearman e Tramnitz in pole

1 - Kirill Smal - Prema - 2'04"0952 - Tim Tranmitz - US Racing - 2'04"2303 - Oliver Bearman - VAR - 2'0...

Leggi »
PrevPage 1 of 7Next
9 Mag [11:35]

Montmelò - Gara 2
Saucy va in fuga

Da Montmelò - Mattia Tremolada - Actualfoto

Tre vittorie e tre pole position in quattro gare, è un vero e proprio dominio quello di Gregoire Saucy nella Formula Regional by Alpine. Anche nella seconda corsa di Montmelò il pilota svizzero del team ART è riuscito ad a conquistare il massimo dei punti, resistendo con una bella manovra alla brillante partenza di Alex Quinn, che lo affiancava in prima fila. Da quel momento è sembrato tutto in discesa per Saucy, che ha allungato sul rivale chiudendo con 2”5 di vantaggio sul traguardo. Secondo podio stagionale per Quinn (Arden), che riscatta così il ritiro di gara 2 a Imola, portandosi in terza posizione nella classifica di campionato alle spalle di Saucy e di Paul Aron. Sono già 28 i punti di vantaggio del battistrada nei confronti del pilota estone di Prema, beffato nel finale della corsa da uno scatenato Isack Hadjar (R-Ace), rivelazione di giornata.

Già velocissimo nella F3 Asia, il pilota francese fino a questo momento non era andato oltre il settimo posto, ma oggi è stato capace di compiere due sorpassi stupendi nei confronti di Gabriele Minì prima, e di Aron poi, indotto all’errore in curva 1 dopo un lungo assedio. Minì non è così riuscito a ripetere il podio conquistato nella prima manche, chiudendo comunque con un ottimo quinto posto davanti all’altra ART di Thomas Ten Brinke, sesto e terzo tra i rookie. 

Settimo William Alatalo (Arden), che conferma la propria striscia di piazzamenti consecutivi in zona punti, davanti a Patrik Pasma (KIC) e Zane Maloney (R-Ace). Chiude la top-10 Dino Beganovic di Prema, che ha resistito alla pressione di Andrea Rosso (FA Racing), portatosi undicesimo nel corso del primo passaggio guadagnando cinque posizioni. Ha invece chiuso quattordicesimo Pietro Delli Guanti di Monolite, che aveva sfiorato il primo punto stagionale nella corsa di ieri. Alle sue spalle ha chiuso un competitivo Axel Gnos di G4, tallonato per tutta la corsa da Francesco Pizzi (VAR).

Nel corso del primo giro ci sono stati due incidenti che hanno portato all’ingresso della safety car. Il primo ha visto coinvolti Jasin Ferati e Belén García. Il pilota di Monolite è stato costretto al ritiro, mentre la portacolori di G4 ha proseguito, rendendosi protagonista anche di un’escursione nella ghiaia nel finale. In curva 5 poi Franco Colapinto (MP Motorsport) ha tentato una manovra di sorpasso nei confronti di Ten Brinke, ma non si è accorto di avere al proprio fianco Hadrien David (R-Ace). Il contatto è stato inevitabile, e ha portato al ritiro di entrambi, oltre che di David Vidales di Prema e più tardi di Elias Seppanen di KIC, rimasti coinvolti nell'incidente.

Domenica 9 maggio 2021, gara 2

1 - Gregoire Saucy - ART - 32'14"737
2 - Alex Quinn - Arden - 2"555
3 - Isack Hadjar - R-Ace - 5"546
4 - Paul Aron - Prema - 9"323
5 - Gabriele Minì - ART - 10"422
6 - Thomas Ten Brinke - ART - 10"885
7 - William Alatalo - Arden - 11"550
8 - Patrik Pasma - KIC - 12"014
9 - Zane Maloney - R-Ace - 12"218
10 - Dino Beganovic - Prema - 13"865
11 - Andrea Rosso - FA Racing - 14"782
12 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 17"280
13 - Brad Benavides - DR Formula - 19"735
14 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 20"486
15 - Axel Gnos - G4 Racing - 22"235
16 - Francesco Pizzi - VAR - 22"494
17 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 23"292
18 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 23"643
19 - Alessandro Famularo - G4 Racing - 24"139
20 - Mari Boya - VAR - 24"864
21 - Lorenzo Fluxa - VAR - 25"240
22 - Nicola Marinangeli - Arden - 26"557
23 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 27"687
24 - Emidio Pesce - DR Formula - 31"165
25 - Tommy Smith - JD Motorsport - 33"195
26 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 34"654
27 - Lena Buhler - R-Ace - 35"906
28 - Nico Gohler - KIC - 37"879
29 - Belen Garcia - G4 Racing - 59"584

Ritirati
Elias Seppanen
David Vidales
Hadrien David
Jasin Ferati
Franco Colapinto

I‍l campionato
1.Saucy 85 punti; 2.Aron 57; 3.Quinn 48; 4.Minì 36; 5.Alatalo 32; 6.Vidales 31; 7.David, Hadjar  27; 9.Maloney 19; 10.Boya 15; 11.Ten Brinke 12; 12.Beganovic, Pasma 5,14.Bortoleto, Gohler 2; 16.Seppanen 1.

8 Mag [14:27]

Montmelò - Gara 1
Doppietta ART con Saucy-Minì

Da Montmelò - Mattia Tremolada - Actualfoto

Primo nelle libere, autore della pole position nei due turni di qualifiche e ora anche vincitore di gara 1. Gregoire Saucy era arrivato a Barcellona già in testa alla classifica di campionato, forte del successo ottenuto a Imola, e sul circuito di Montmelò ha allungato ulteriormente il proprio vantaggio, conquistando la seconda vittoria in tre gare. Dopo aver tenuto a bada allo spegnimento dei semafori il compagno di squadra in ART Gabriele Minì, Saucy si è involato verso la vittoria, gestendo alla perfezione anche le fasi di ripartenza dopo il regime di safety car.

Minì non è mai stato veramente in grado di impensierirlo, ma a propria volta ha potuto gestire agevolmente la seconda posizione, diventando il primo debuttante a salire sul podio in questa stagione. Terzo ha infatti chiuso Paul Aron, che diventa così il principale inseguitore di Saucy in classifica, scavalcando il compagno di squadra alla Prema David Vidales. Sono però già 15 le lunghezze di vantaggio del pilota svizzero nei confronti dell’estone, e addirittura 29 quelle su Vidales.

Il pilota spagnolo scattava dalla decima fila dopo una qualifica da dimenticare, ma già nel corso del primo giro è arrivato al contatto con Gabriel Bortoleto, finendo violentemente contro le barriere, mentre il brasiliano è riuscito a proseguire dopo un’escursione nella ghiaia. Quarta posizione per Alex Quinn, che ha anche tentato di sferrare l’attacco su Aron per il podio, ma senza successo. Al via entrambi avevano scavalcato Mari Boya, scivolato in quinta posizione dalla terza casella.

Sesto William Alatalo, sempre a punti in questo avvio di stagione, mentre settimo ha chiuso Isack Hadjar, protagonista di un bel sorpasso su Dino Beganovic. In evidente difficoltà, il pilota della Ferrari Driver Academy è poi stato scavalcato anche da Thomas Ten Brinke, e finendo nelle grinfie di Colapinto. Il pilota argentino è però arrivato lungo in curva 1, e rientrando in pista ha colpito Beganovic, rompendo la sospensione e costringendo la direzione gara a congelare la corsa con la safety car quando mancavano soltanto due giri al termine. Zane Maloney e Patrik Pasma hanno così completato la top-10, precedendo Pietro Delli Guanti, che ha sfiorato la zona punti con la monoposto del team Monolite.

Impressionante la rimonta di Hadrien David, che ha guadagnato ben 22 posizioni, chiudendo dodicesimo dopo essere partito dal fondo. Già nel corso del primo passaggio il pilota francese aveva recuperato dieci piazze, ma nonostante la lunga neutralizzazione, è riuscito a rimontare fino ad arrivare quasi in zona punti. Nel finale ha anche approfittato della confusione scatenata da Colapinto per scavalcare Andrea Rosso, tredicesimo sul traguardo. Un problema con la prima marcia ha attardato Francesco Pizzi, scivolato nelle retrovie in partenza, mentre sono finiti fuori fioco gli altri due piloti italiani, Nicola Marinangeli e Emidio Pesce.

Il pilota di Arden è stato colpito in fase di frenata da Kas Haverkort, danneggiando pesantemente la propria vettura, mentre anche il pilota olandese è stato costretto alla resa. Pesce si è invece fermato lungo la pista nel finale. Non ha preso il via Eduardo Barrichello, fermato da un problema tecnico nel giro di schieramento.

Sabato 8 maggio 2021, gara 1

1 - Gregoire Saucy - ART - 33'02"305
2 - Gabriele Minì - ART - 0"542
3 - Paul Aron - Prema - 1"756
4 - Alex Quinn - Arden - 3"201
5 - Mari Boya - VAR - 3"300
6 - William Alatalo - Arden - 6"229
7 - Isack Hadjar - R-Ace - 6"469
8 - Thomas Ten Brinke - ART - 6"835
9 - Zane Maloney - R-Ace - 7"205
10 - Patrik Pasma - KIC - 8"075
11 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 8"714
12 - Hadrien David - R-Ace - 8"971
13 - Andrea Rosso - FA Racing - 9"088
14 - Lorenzo Fluxa - VAR - 10"435
15 - Dino Beganovic - Prema - 11"606
16 - Brad Benavides - DR Formula - 12"137
17 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 13"285
18 - Elias Seppanen - KIC - 14"449
19 - Jasin Ferati - Monolite - 15"130
20 - Axel Gnos - G4 Racing - 18"602
21 - Francesco Pizzi - VAR - 19"036
22 - Tommy Smith - JD Motorsport - 20"114
23 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 20"681
24 - Nico Gohler - KIC - 22"155
25 - Lena Buhler - R-Ace - 23"156
26 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 25"574
27 - Belen Garcia - G4 Racing - 26"378

Ritirati
Franco Colapinto
Emidio Pesce
Alessandro Famularo
Kas Haverkort
Nicola Marinangeli
David Vidales

N‍on partito
E‍duardo Barrichello

I‍l campionato
1.Saucy 60 punti; 2.Aron 45; 3.Vidales 31; 4.Quinn 30; 5.David 27; 6.Alatalo, Minì 26; 8.Maloney 17; 9.Boya 15; 10.Hadjar 12; 11.Beganovic, Ten Brinke 4; 13.Bortoleto, Gohler 2; 15.Seppanen, Pasma 1.‍

7 Mag [16:56]

Montmelò - Qualifica 2
Saucy travolgente, Minì buon terzo

Da Montmelò - Mattia Tremolada - Actualfoto

C'è ancora Gregoire Saucy davanti a tutti nel secondo turno di qualifica della Formula Regional by Alpine a Montmelò. Il pilota svizzero ha dominato in lungo e in largo la giornata odierna, conquistando il miglior tempo nelle prove libere e nelle due sessioni di qualifiche, lasciando ai propri avversari soltanto le briciole. Nelle due gare di sabato e domenica avrà una ghiotta occasione di allungare sugli inseguitori, capitanati da un David Vidales opaco. Nel Q2 il pilota spagnolo del team Prema ha tentato di rimediare alla disastrosa diciannovesima posizione conquistata stamane, riportandosi nella prima parte dello schieramento con la decima piazza.

Saucy ha rifilato ben quattro decimi ad Alex Quinn e Gabriele Minì, beffato per appena otto millesimi. Il pilota del team ART può comunque ritenersi soddisfatto della propria prestazione, avendo collezionato un terzo e un secondo posto, oltre a due pole position tra i rookie. Tuttavia, al termine della qualifica Minì lamentava di non essere riuscito a sfruttare al meglio il maggiore grip che la pista offriva rispetto alle sessioni precedenti. Lo strapotere di ART è sottolineato anche dal settimo posto di Thomas Ten Brinke, due volte in top-10 al debutto stagionale dopo aver perso il primo appuntamento di Imola.

Paul Aron, quarto, ha replicato il risultato del Q1, confermandosi il migliore pilota di Prema, mentre Dino Beganovic ha chiuso undicesimo alle spalle di Vidales. In risalita Franco Colapinto, attardato nella prima sessione. Dopo aver saltato le gare di Imola il pilota argentino è consapevole di non poter permettersi di lasciare punti per strada. In top-10 anche le due R-Ace di Isack Hadjar, sesto, e Hadrien David, ottavo dopo aver riparato la perdita d'olio che lo costringerà a scattare dal fondo in gara 1. Nono invece ha chiuso Patrik Pasma di KIC.

Dodicesimo William Alatalo, che ha preceduto Pietro Delli Guanti, che è riuscito a migliorare di una posizione rispetto al Q1, avvicinandosi ulteriormente alla zona punti in vista delle gare. Francesco Pizzi e Andrea Rosso scatteranno appaiati dalla ottava fila, Nicola Marinangeli è ventitreesimo dopo essere stato tradito da una macchia d'olio nel Q1, e Emidio Pesce venticinquesimo. Disperso Mari Boya, ottimo terzo nella prima sessione ma solamente trentunesimo nel pomeriggio a causa del cedimento di un supporto dell'alettone anteriore.

Venerdì 7 maggio 2021, qualifica 2

1 - Gregoire Saucy - ART - 1'40"635
2 - Alex Quinn - Arden - 1'41"073
3 - Gabriele Minì - ART - 1'41"081
4 - Paul Aron - Prema - 1'41"306
5 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1'41"371
6 - Isack Hadjar - R-Ace - 1'41"426
7 - Thomas Ten Brinke - ART - 1'41"435
8 - Hadrien David - R-Ace - 1'41"548
9 - Patrik Pasma - KIC - 1'41"580
10 - David Vidales - Prema - 1'41"587
11 - Dino Beganovic - Prema - 1'41"603
12 - William Alatalo - Arden - 1'41"702
13 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1'41"711
14 - Zane Maloney - R-Ace - 1'41"813
15 - Francesco Pizzi - VAR - 1'41"824
16 - Andrea Rosso - FA Racing - 1'41"830
17 - Elias Seppanen - KIC - 1'41"989
18 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1'41"991
19 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1'42"077
20 - Axel Gnos - G4 Racing - 1'42"109
21 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1'42"266
22 - Brad Benavides - DR Formula - 1'42"322
23 - Nicola Marinangeli - Arden - 1'42"343
24 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1'42"378
25 - Emidio Pesce - DR Formula - 1'42"420
26 - Alessandro Famularo - G4 Racing - 1'42"476
27 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1'42"488
28 - Belen Garcia - G4 Racing - 1'42"692
29 - Jasin Ferati - Monolite - 1'42"797
30 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1'42"960
31 - Mari Boya - VAR - 1'42"977
32 - Lena Buhler - R-Ace - 1'43"069
33 - Nico Gohler - KIC - 1'43"318
34 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1'43"542

7 Mag [13:23]

Montmelò - Qualifica 1
Saucy in pole, Minì ottimo 2°

Da Montmelò - Mattia Tremolada - Actualfoto

Non accenna a rallentare il leader di campionato Gregoire Saucy, che dopo aver ottenuto il miglior tempo nella sessione di prove libere che ha aperto il secondo appuntamento della Formula Regional by Alpine a Montmelò, si è imposto anche nel primo turno di qualifica, firmando la seconda pole position stagionale in 1'41"667. Si è fermato a poco più di un decimo di distanza un ottimo Gabriele Minì, secondo e miglior rookie in classifica, andando a completare la doppietta del team ART. La squadra campione in carica della Formula Renault Eurocup ha anche piazzato Thomas Ten Brinke in decima posizione, a riprova dell'ottimo stato di forma di tutto il team.

Buon terzo sulla pista di casa Mari Boya, già in grande spolvero a Imola. Approdato alla corte di Van Amersfoort proprio alla vigilia del primo appuntamento della stagione, il pilota spagnolo è stato la vera sorpresa di questo avvio di campionato. Quarta e quinta posizione per Paul Aron (Prema) e Alex Quinn (Arden), due dei principali contendenti al titolo. Dino Beganovic è sesto con la seconda monoposto di Prema, mentre il vincitore della corsa inaugurale di Imola David Vidales non è andato oltre la diciannovesima posizione, e questo rischia di pesare duramente sulla sua situazione in classifica. Anche Hadrien David non può sorridere, essendo stato fermato da una perdita d'olio dopo pochi minuti.

La sessione del team R-Ace è stata tutt'altro che semplice, con Isack Hadjar autore a sua volta di una breve sosta non programmata, mentre Lena Buhler ha dovuto sostituire l'ala anteriore dopo aver creato scompiglio in pit lane alla bandiera verde. Hadjar e Zane Maloney sono comunque riusciti a portarsi nella top-10, chiudendo alle spalle di William Alatalo (Arden). Soltanto tredicesimo Franco Colapinto di MP, alla prima qualifica stagionale dopo aver saltato l'appuntamento di Imola. Il pilota argentino condividerà la settima fila della griglia con Pietro Delli Guanti (Monolite), autore di un'ottima crescita rispetto a Imola, nonostante sia stato rallentato dal traffico nel proprio giro migliore.

Andrea Rosso (FA Racing) è quindicesimo, mentre Francesco Pizzi ha chiuso due posizioni più indietro, lamentando problemi ai freni già riscontrati a Imola sulla monoposto di Van Amersfoort. Diciottesimo al debutto Alessandro Famularo con il team G4 Racing. Emidio Pesce e Nicola Marinangeli sono in ventiseiesima e ventisettesima piazza, con quest'ultimo attardato da problemi allo sterzo, che lo hanno anche portato a due uscite di pista.

Venerdì 7 maggio 2021, qualifica 1

1 - Gregoire Saucy - ART - 1'41"667
2 - Gabriele Minì - ART - 1'41"802
3 - Mari Boya - VAR - 1'41"936
4 - Paul Aron - Prema - 1'41"989
5 - Alex Quinn - Arden - 1'42"053
6 - Dino Beganovic - Prema - 1'42"163
7 - William Alatalo - Arden - 1'42"280
8 - Isack Hadjar - R-Ace - 1'42"335
9 - Zane Maloney - R-Ace - 1'42"351
10 - Thomas Ten Brinke - ART - 1'42"419
11 - Patrik Pasma - Arden - 1'42"434
12 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1'42"448
13 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1'42"449
14 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1'42"537
15 - Andrea Rosso - FA Racing - 1'42"782
16 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1'42"913
17 - Francesco Pizzi - VAR - 1'42"929
18 - Alessandro Famularo - G4 Racing - 1'42"934
19 - David Vidales - Prema - 1'42"943
20 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1'43"042
21 - Jasin Ferati - Monolite - 1'43"096
22 - Brad Benavides - DR Formula - 1'43"233
23 - Axel Gnos - G4 Racing - 1'43"344
24 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1'43"365
25 - Elias Seppanen - KIC - 1'43"396
26 - Emidio Pesce - DR Formula - 1'43"409
27 - Nicola Marinangeli - Arden - 1'43"417
28 - Belen Garcia - G4 Racing - 1'43"584
29 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1'43"643
30 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1'43"704
31 - Nico Gohler - KIC - 1'43"737
32 - Lena Buhler - R-Ace - 1'43"887
33 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1'44"008
34 - Hadrien David - R-Ace - no time

7 Mag [9:54]

Montmelò - Libere
Saucy si fa valere

Da Montmelò - Mattia Tremolada - Dutch Photo

S‍embra averci preso gusto Gregoire Saucy, che dopo aver conquistato la prima vittoria in carriera nella seconda corsa di Imola, prendendo anche la testa del campionato, si è confermato in prima posizione anche nell'unica sessione di prove libere del secondo appuntamento di Montmelò, dove la Formula Regional by Alpine accompagna nuovamente il mondiale di Formula 1. La categoria ha aperto il fine settimana, con la pista che andava migliorandosi giro dopo giro, tanto che i tempi dei primi dieci sono arrivati nel finale, appena prima che venisse esposta la bandiera rossa per l'incidente della debuttante Lena Buhler, arrivata lunga in curva 4.

Saucy ha preceduto di meno di un decimo Hadrien David, secondo con il team R-Ace davanti a Patrik Pasma, in cerca di riscatto dopo il doppio zero di Imola, che sicuramente non ci si attendeva dal pilota più esperto nella serie. Buon quarto William Alatalo, il migliore del team Arden davanti a Zane Maloney e al trio di Prema composto da Dino Beganovic, Paul Aron e David Vidales. In top-10 anche la terza monoposto di R-Ace di Isack Hadjar, oltre che Lorenzo Fluxa di VAR, veloce sulla pista di casa.

Undicesimo il primo dei piloti italiani Gabriele Minì, che nel finale ha scavalcato di pochi millesimi Andrea Rosso, che si era portato in testa alla classifica dopo aver montato gomma nuova, ma non è più riuscito a migliorare nelle battute conclusive, bloccato nel traffico delle 34 vetture presenti sul circuito catalano. Quattordicesimo Franco Colapinto, assente a Imola per la sovrapposizione con l'European Le Mans Series, di scena proprio a Barcellona. Per aver disputato una gara di un altro campionato su una pista inserita in calendario, il pilota argentino è stato costretto a saltare i primi dieci minuti di prove.

Per quanto riguarda gli altri piloti italiani, troviamo Francesco Pizzi (VAR) sedicesimo, Pietro Delli Guanti (Monolite) ventunesimo, Nicola Marinangeli (Arden) ventiquattresimo ed Emidio Pesce (DR Formula) ventottesimo. Il debuttante Alessandro Famularo è venticinquesimo, due posizioni dietro alla compagna di colori in G4 Belen Garcia, protagonista di un’ottima progressione rispetto al primo appuntamento di Imola. È tornato regolarmente in azione anche Thomas Ten Brinke, fermato dal Covid in Italia.

Venerdì 7 maggio 2021, libere

1 - Gregoire Saucy - ART - 1'41"288 - 15 giri
2 - Hadrien David - R-Ace - 1'41"342 - 14
3 - Patrik Pasma - KIC - 1'41"708 - 15
4 - William Alatalo - Arden - 1'41"713 - 15
5 - Zane Maloney - R-Ace - 1'41"812 - 14
6 - Dino Beganovic - Prema - 1'41"816 - 15
7 - Paul Aron - Prema - 1'42"006 - 14
8 - David Vidales - Prema - 1'42"077 - 14
9 - Isack Hadjar - R-Ace - 1'42"095 - 14
10 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1'42"108 - 15
11 - Gabriele Minì - ART - 1'42"209 - 15
12 - Andrea Rosso - FA Racing - 1'42"222 - 14
13 - Thomas Ten Brinke - ART - 1'42"239 - 15
14 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1'42"481 - 12
15 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1'42"530 - 13
16 - Francesco Pizzi - VAR - 1'42"604 - 14
17 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1'42"706 - 16
18 - Alex Quinn - Arden - 1'42"842 - 15
19 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1'42"855 - 15
20 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1'43"113 - 15
21 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1'43"346 - 15
22 - Mari Boya - VAR - 1'43"371 - 15
23 - Belen Garcia - G4 Racing - 1'43"536 - 15
24 - Nicola Marinangeli - Arden - 1'43"549 - 16
25 - Alessandro Famiularo - G4 Racing - 1'43"664 - 15
26 - Elias Seppanen - KIC - 1'43"736 - 14
27 - Axel Gnos - G4 Racing - 1'43"762 - 15
28 - Emidio Pesce - DR Formula - 1'43"953 - 13
29 - Brad Benavides - DR Formula - 1'44"001 - 14
30 - Nico Gohler - KIC - 1'44"094 - 16
31 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1'44"505 - 15
32 - Jasin Ferati - Monolite - 1'44"558 - 15
33 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1'44"574 - 16
34 - Lena Buhler - R-Ace - 1'44"826 - 12

18 Apr [13:11]

Imola - Gara 2
Saucy vince, Minì miglior rookie

Mattia Tremolada - Actualfoto

Prima vittoria nella serie e leadership di campionato. Il fine settimana di Imola, che ha dato il via alla Formula Regional European Championship by Alpine, rimarrà a lungo nei ricordi di Gregoire Saucy. Il ventunenne svizzero ha avuto una carriera particolare, iniziata nel 2016 proprio con le monoposto di Formula Renault nella serie francese semi-amatoriale VdeV. L'anno successivo è arrivato il primo approccio con l'Eurocup, ma dopo soli due appuntamenti Saucy ha preferito fare un salto indietro in F4, disputando due stagioni complete nel 2018 e nel 2019. Il 2020 ha segnato il ritorno nell'Eurocup con il team ART, in cui ha conquistato due podi e il settimo posto finale.

Nonostante la conferma nella forte squadra francese, in pochi avrebbero scommesso su una prestazione simile da parte di Saucy, che ha invece dimostrato fin dai test pre-stagionali di essere competitivo, conquistando pole e vittoria a Imola e lasciando il circuito che sorge sulle rive del Santerno da leader della classifica, forte di 35 punti contro i 31 di David Vidales e i 30 dell'ex compagno di squadra Paul Aron, secondo sul traguardo. Il pilota di Prema ha mantenuto la scia del rivale per tutta la corsa, ma non è mai stato in grado di impensierirlo.

Nuovamente sul podio il team R-Ace, ma questa volta con Zane Maloney. Al via di gara 1, il pilota delle Barbados, campione della F4 inglese nel 2019, ha bruciato la frizione ed è stato costretto al ritiro, mentre quest'oggi si è portato subito all'attacco di Aron con una partenza fulminea dalla quarta casella dello schieramento, approfittando anche dell'incertezza del compagno di squadra Hadrien David, che ha vanificato la prima fila conquistata nel Q1 scivolando in settima posizione.

William Alatalo, quinto, ha salvato il bilancio di Arden dopo che Alex Quinn è stato colpito alla Piratella da un tenace Dino Beganovic, che ha forzato troppo nel tentativo di difendere la quarta posizione, mettendo ko il rivale. Ad ereditare la prima posizione tra i debuttanti è così stato Gabriele Minì, bravo a sorpassare prima Isack Hadjar e poi il vincitore di gara 1 David Vidales, attardato da un errore nelle prime fasi. Si conferma in top-10 anche Mari Boya, ottavo per il team Van Amersfoort, mentre hanno conquistato i primi punti stagionali Oliver Goethe (MP) ed Elias Seppanen (KIC).

Lorenzo Fluxa, tredicesimo, ha avuto la meglio su Eduardo Barrichello e Brad Benavides, a lungo in lotta anche con Axel Gnos, bravo a difendersi dagli attacchi di Patrik Pasma nel finale. Poca fortuna per il resto dei piloti italiani, guidati da Francesco Pizzi in diciottesima posizione. Alle sue spalle ha chiuso Nicola Marinangeli, mentre un paio di errori hanno costretto Andrea Rosso in ventunesima posizione. Emidio Pesce ha tagliato la bandiera a scacchi ventiquattresimo dopo un passaggio ai box, mentre Pietro Delli Guanti è stato costretto al ritiro da un problema tecnico, dopo che Monolite aveva perso anche l'altro pilota Jasin Ferati, insabbiatosi in seguito ad un testacoda. Un contatto ha invece messo fuori gioco Nico Gohler e Alexandre Bardinon.

Aggiornamento

Eduardo Barrichello è stato penalizzato con un drive through, convertito in 25" da aggiungere al tempo finale di gara, per non aver rispettato la propria posizione in regime di safety car.

Domenica 18 aprile 2021, gara 2

1 - Gregoire Saucy - ART - 32’37”148
2 - Paul Aron - Prema - 1”134
3 - Zane Maloney - R-Ace - 1”606
4 - Hadrien David - R-Ace - 1”923
5 - William Alatalo - Arden - 3”038
6 - Gabriele Minì - ART - 3”893
7 - David Vidales - Prema - 4”357
8 - Mari Boya - VAR - 6”596
9 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 9”482
10 - Elias Seppanen - KIC - 10”181
11 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 10”946
12 - Isack Hadjar - R-Ace - 11”287
13 - Lorenzo Fluxa - VAR - 19”240
14 - Brad Benavides - DR Formula - 21”066
15 - Axel Gnos - G4 Racing - 22”390
16 - Patrik Pasma - KIC - 22”470
17 - Francesco Pizzi - VAR - 22”518
18 - Nicola Marinangeli - Arden - 23”392
19 - Dino Beganovic - Prema - 23”755
20 - Andrea Rosso - FA Racing - 24”020
21 - Tommy Smith - JD Motorsport - 24”301
22 - Belen Garcia - G4 Racing - 24”585
23 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 44”683*
24 - Emidio Pesce - DR Formula - 47”471
25 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1 giro

*25" di penalità 

Ritirati
Alexandre Bardinon
Nico Gohler
Alex Quinn
Pietro Delli Guanti
Jasin Ferati

G‍iro più veloce: David Vidales in 1'39"272

Il campionato
1.Saucy 35 punti; 2.Vidales 31; 3.Aron 30; 4.David 27; 5.Quinn, Alatalo 18; 7.Maloney 15; 8.Minì 8; 9.Hadjar 6; 10.Boya 5; 11.Beganovic 4; 12.Bortoleto, Goethe 2; 14.Seppanen 1

17 Apr [18:14]

Imola - Gara 1
Vidales e Prema dominano

Mattia Tremolada - Actualfoto

È iniziato nel segno di David Vidales e del team Prema il nuovo corso della Formula Regional by Alpine, campionato nato dall'unione della Formula Regional European e della Formula Renault Eurocup. Il pilota spagnolo era rimasto nascosto nel corso dei test pre-stagionali e anche i risultati deludenti nei due round disputati nella F3 Asia avevano fatto sorgere qualche dubbio circa le sue potenzialità. Ma sul circuito di Imola, che lo aveva visto debuttare in monoposto nella passata stagione cogliendo una perentoria doppietta, Vidales ha messo a tacere tutte le critiche, imponendosi con una gara perfetta e priva di sbavature.

Niente da fare per Alex Quinn di Arden, bravo a scavalcare Paul Aron al via. Il pilota inglese ha tenuto il passo del leader, ma non è mai parso realmente in grado di insidiarlo, accontentandosi della piazza d'onore davanti ad Hadrien David (R-Ace), che a sua volta ha avuto la meglio del pilota estone nel corso del primo giro. Un avvio complicato quello del portacolori di Prema, che ha così vanificato ogni possibilità di regalare alla squadra italiana la doppietta. Nel corso della gara Aron ha anche dovuto guardarsi dal poleman del Q1 Gregoire Saucy, velocissimo con la monoposto di ART.

Sesta posizione per William Alatalo (Arden), che grazie ad un ottimo scatto al via si è portato a ridosso della top-5 dalla nona casella della griglia. Alle sue spalle ha chiuso Isack Hadjar di R-Ace, primo tra i debuttanti davanti a Dino Beganovic. Proprio il pilota svedese del team Prema aveva conquistato una doppia pole position tra i rookie, ma è stato accompagnato fuori pista nel corso del primo giro, scivolando nono. Beganovic è riuscito poi a sorpassare Gabriel Bortoleto di FA Racing, e per poco non è riuscito nell'impresa anche ai danni dello stesso Hadjar, portato all'errore alla chicane Villeneuve.

Bortoleto ha comunque terminato la corsa in nona piazza, precedendo Mari Boya, decimo per il team VAR. Fuori dalla zona punti i primi due piloti italiani, Gabriele Minì e Andrea Rosso, che si sono anche trovati a duellare nelle prime fasi. Il pilota siciliano del team ART, scivolato dodicesimo in partenza, ha avuto la meglio, ma non ha trovato lo spunto necessario per scavalcare anche Boya. Rosso (FA Racing) invece nel finale ha risposto bene ad un attacco di Kas Haverkort, che è poi stato spedito contro il muro da Patrik Pasma, costringendo la direzione gara a far entrare in azione la safety car, che ha di fatto messo fine alle ostilità.

La vettura di sicurezza era entrata in azione già in due occasioni. Nel secondo passaggio, Nicola Marinangeli ha allungato la staccata del Tamburello all'esterno di Tommy Smith, ma ha esagerato finendo nella ghiaia ed insabbiandosi ha vanificato la bella partenza che lo aveva visto guadagnare quattro posizioni. Lo stesso pilota australiano di JD Motorsport è poi finito contro le protezioni all'uscita della Tosa dopo aver perso il controllo della propria vettura sull'erba. Fuori gioco anche Emidio Pesce, che si stava ben difendendo in quattordicesima piazza, così come Zane Maloney, fermato subito da un problema tecnico, e Brad Benavides, che ha saltato duramente su un dissuasore dopo aver perso il controllo in frenata.

Hanno invece tagliato il traguardo Pietro Delli Guanti di Monolite, buon sedicesimo, e Francesco Pizzi di VAR, diciottesimo. Bella rimonta da parte di Axel Gnos, che ha guadagnato nove posizioni dalla ventiseiesima casella per G4 Racing.

Sabato 17 aprile 2021, gara 1


1 - David Vidales - Prema - 16 giri in 34'48"848
2 - Alex Quinn - Arden - 0"202
3 - Hadrien David - R-Ace - 0"999
4 - Paul Aron - Prema - 1"714
5 - Gregoire Saucy - ART - 4"061
6 - William Alatalo - Arden - 4"668
7 - Isack Hadjar - R-Ace - 5"047
8 - Dino Beganovic - Prema - 5"501
9 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 5"775
10 - Mari Boya - VAR - 6"159
11 - Gabriele Minì - ART - 6"730
12 - Andrea Rosso - FA Racing - 6"983
13 - Patrik Pasma - KIC - 7"334
14 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 8"137
15 - Elias Seppanen - KIC - 9"877
16 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 10"158
17 - Axel Gnos - G4 Racing - 11"310
18 - Francesco Pizzi - VAR - 13"647
19 - Lorenzo Fluxa - VAR - 14"284
20 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 15"395
21 - Nico Gohler - KIC - 16"120
22 - Jasin Ferati - Monolite - 16"802
23 - Belen Garcia - G4 Racing - 17"415
24 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 20"239

Ritirati
Kas Haverkort
Emidio Pesce
Tommy Smith
Nicola Marinangeli
Brad Benavides
Zane Maloney

Giro più veloce: Hadrien David in 1'38"769

Il campionato
1.Vidales 25 punti; 2.Quinn 18; 3.David 15; 4.Aron 12; 5.Saucy 10; 6.Alatalo 8: 7.Hadjar 6; 8.Beganovic 4; 9.Bortoleto 2; 10.Boya 1.

17 Apr [13:38]

Imola - Qualifica 2
Prema... fila con Vidales e Aron

Mattia Tremolada

È arrivato puntuale il riscatto del team Prema nel secondo turno di qualifica del primo appuntamento della Formula Regional by Alpine, in programma a Imola a supporto della Formula 1. David Vidales e Paul Aron scatteranno infatti dalla prima fila nella gara inaugurale della stagione, prevista nel tardo pomeriggio. In mattinata, i due avevano firmato il terzo e il quarto tempo, seppur a posizioni invertite, ma nella seconda sessione, relativamente più tranquilla della prima, sono riusciti ad avere la meglio dei propri rivali diretti, guidati da Alex Quinn di Arden.

Il miglior rookie della Formula Renault Eurocup 2020 ha preceduto Hadrien David (R-Ace) e Gregoire Saucy (ART), che divideranno invece la prima fila nella gara di domani. Il pilota svizzero ha commesso un errore alla Variante Alta nel proprio giro migliore, perdendo oltre mezzo secondo e la possibilità di bissare la prima posizione ottenuta nel Q1. Si è confermato in pole tra i debuttanti Dino Beganovic (Prema), che come accaduto stamane ha battuto Isack Hadjar (R-Ace) e Gabriele Minì (ART), autore anche di una piccola escursione sulla ghiaia all'uscita della Rivazza. 

La decima posizione di Zane Maloney conferma il record di Prema e R-Ace, le uniche squadre in grado di piazzare tre vetture in top-10 in entrambe le sessioni. Undicesima posizione per Mari Boya (VAR), che ha preceduto il proprio sostituto in FA Racing Gabriel Bortoleto, mentre il suo compagno Andrea Rosso ha abbassato il proprio riferimento del Q1 di quasi un secondo, portandosi in tredicesima piazza. Accanto a lui scatterà Francesco Pizzi (VAR), che a sua volta ha dato un deciso colpo di reni dopo un primo turno da dimenticare. In grande difficoltà MP Motorsport, che senza il pilota di punta Franco Colapinto vede i propri portacolori Kas Haverkort e Oliver Goethe in quindicesima e diciassettesima posizione.

Ancora bene Emidio Pesce (DR Formula), diciottesimo davanti persino a Patrik Pasma (ventesimo con KIC), che lo scorso novembre aveva conquistato una pole e due vittorie proprio nell'appuntamento di Imola della Regional. Gli altri piloti italiani Pietro Delli Guanti (Monolite) e Nicola Marinangeli (Arden) sono ventiduesimo e ventitreesimo.

Sabato 17 aprile 2021, qualifica 2

1 - David Vidales - Prema - 1’37”860
2 - Paul Aron - Prema - 1’37”904
3 - Alex Quinn - Arden - 1’37”912
4 - Hadrien David - R-Ace - 1’37”958
5 - Gregoire Saucy - ART - 1’38”163
6 - Dino Beganovic - Prema - 1’38”296
7 - Isack Hadjar - R-Ace - 1’38”319
8 - Gabriele Minì - ART - 1’38”363
9 - William Alatalo - Arden - 1’38”393
10 - Zane Maloney - R-Ace - 1’38”468
11 - Mari Boya - VAR - 1’38”520
12 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1’38”595
13 - Andrea Rosso - FA Racing - 1’38”654
14 - Francesco Pizzi - VAR - 1’38”658
15 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1’38”693
16 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1’38”708
17 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1’38”827
18 - Emidio Pesce - DR Formula - 1’38”893
19 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1’38”904
20 - Patrik Pasma - KIC - 1’38”922
21 - Elias Seppanen - KIC - 1’38”964
22 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1’39”025
23 - Nicola Marinangeli - Arden - 1’39”245
24 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1’39”278
25 - Brad Benavides - DR Formula - 1’39”383
26 - Axel Gnos - G4 Racing - 1’39”616
27 - Nico Gohler - KIC - 1’39”760
28 - Jasin Ferati - Monolite - 1’39”772
29 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1’40”087
30 - Belen Garcia - G4 Racing - 1’40”414

17 Apr [10:35]

Imola - Qualifica 1
Saucy conquista la prima pole

Mattia Tremolada - Actualfoto

A farla da padrone nella prima sessione di qualifica della stagione della Formula Regional by Alpine sono stati i piloti più esperti della categoria, che sul difficile circuito del Santerno hanno guidato la classifica tenendo a bada i numerosi e temibili rookie provenienti dalla Formula 4. La pole position è andata al pilota svizzero Gregoire Saucy, confermato in ART per la seconda stagione consecutiva e al primo vero risultato di rilievo dopo il debutto in Formula Renault nel 2016 e tre annate in F4. Velocissimo già nei test pre-stagionali, Saucy ha confermato l'ottimo potenziale della squadra francese, ma è stato anche molto scaltro a trovare il giusto momento per spingere e segnare il miglior tempo.

Con trenta vetture in pista, infatti, riuscire a trovare spazio non è stato affatto semplice. Saucy ha fatto firmare il tempo di 1'38"139 quando mancavano quattro minuti al termine della sessione, pochi istanti prima dell'uscita di Dino Beganovic e del testacoda di Jasin Ferati, che ha costretto la direzione gara a sospendere la sessione con la bandiera rossa per recuperare la vettura del pilota svizzero. La qualifica è poi ripartita con 2'27" al termine, ma soltanto pochi piloti sono riusciti a migliorare nell'unico giro a disposizione. Tra questi c'è Hadrien David, bravo a portarsi in seconda piazza proprio sotto la bandiera a scacchi.

Anche il team R-Ace ha confermato il grande potenziale evidenziato nei test, piazzando tutte e tre le proprie vetture in top-10, con Zane Maloney quinto e Isack Hadjar ottavo. In seconda fila scatteranno invece le due Prema di Paul Aron e David Vidales, mentre il loro compagno di squadra Dino Beganovic è settimo e primo tra i debuttanti. Bene anche la Arden, con Alex Quinn sesto e William Alatalo undicesimo. In top-10 anche Gabriele Minì, che dopo aver battuto proprio il compagno Saucy nelle prove libere 2, è riuscito a centrare il podio tra i debuttanti, precedendo la rivelazione di giornata Mari Boya.

Salito per la prima volta sulla monoposto di Van Amersfoort nella giornata di ieri, il pilota spagnolo è stato subito tra i protagonisti. Sedicesimo Eduardo Barrichello di JD Motorsport, alla prima qualifica sul suolo europeo per lui che arriva dalla USF2000. Il figlio di Rubens, presente nel paddock di Imola, ha preceduto Axel Gnos di G4 Racing, autore di un'ottima progressione rispetto alle prove libere, nonostante un paio di controlli al limite e uno spettacolare 360° con tanto di un vistoso ritorno di fiamma. In difficoltà il resto della pattuglia tricolore, con Andrea Rosso diciottesimo per FA Racing, Emidio Pesce ventunesimo con DR Formula, Pietro Delli Guanti (Monolite) ventitreesimo dopo aver subito la cancellazione del proprio miglior tempo per track limits, Francesco Pizzi ventiquattresimo con VAR e Nicola Marinangeli ventottesimo con Arden.

Sabato 17 aprile 2021, qualifica 1


1 - Gregoire Saucy - ART - 1’38”139
2 - Hadrien David - R-Ace - 1’38”328
3 - Paul Aron - Prema - 1’38”347
4 - David Vidales - Prema - 1’38”522
5 - Zane Maloney - R-Ace - 1’38”534
6 - Alex Quinn - Arden - 1’38”724
7 - Dino Beganovic - Prema - 1’38”768
8 - Isack Hadjar - R-Ace - 1’38”816
9 - Gabriele Minì - ART - 1’38”926
10 - Mari Boya - VAR - 1’39”008
11 - William Alatalo - Arden - 1’39”073
12 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1’39”115
13 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1’39”138
14 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1’39”233
15 - Elias Seppanen - KIC - 1’39”435
16 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1’39”485
17 - Axel Gnos - G4 Racing - 1’39”490
18 - Andrea Rosso - FA Racing - 1’39”504
19 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1’39”550
20 - Brad Benavides - DR Formula - 1’39”593
21 - Emidio Pesce - DR Formula - 1’39”705
22 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1’39”753
23 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1’39”781
24 - Francesco Pizzi - VAR - 1’39”845
25 - Nico Gohler - KIC - 1’40”053
26 - Patrik Pasma - KIC - 1’40”101
27 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1’40”434
28 - Nicola Marinangeli - Arden - 1’40”745
29 - Jasin Ferati - Monolite - 1’41”088
30 - Belen Garcia - G4 Racing - 1’41”541

PrevPage 1 of 7Next

News

Regional by Alpine
v

FirstPrevPage 1 of 3NextLast
FirstPrevPage 1 of 3NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone