formula 1

Mercedes, power unit aggiornata:
l'obiettivo è maggiore affidabilità

Jacopo Rubino

Nei test invernali la Mercedes è apparsa velocissima, ma con un potenziale tallone ...

Leggi »
Mondiale Rally

Annunciata la prima bozza di calendario
Entra l'Estonia, Sardegna in novembre

Mattia Tremolada

Dopo una lunga serie di cancellazioni è finalmente arrivata una prima bozza del nuovo cale...

Leggi »
PrecedentePagina 1 di 10Successiva
1 Lug [10:59]

Gomme Hankook, batterie Williams:
novità per le Gen 3 di Formula E

Jacopo Rubino

Gomme Hankook, batterie Williams: ci sono due grandi novità nel pacchetto tecnico della prossima generazione di vetture Formula E, che sarà introdotta dal campionato 2022-2023. A sorpresa il produttore coreano di pneumatici è stato scelto dalla FIA per sostituire la Michelin, che ha equipaggiato le monoposto della serie elettrica sin dall'edizione inaugurale 2014-2015, oltre ad essere sempre stata un partner significativo a livello promozionale. La Williams, attraverso la sua divisione Advanced Engineering, torna coinvolta dopo l'esperienza del primo ciclo tecnico. Le batterie delle attuali auto "Gen 2" sono invece realizzate dalla McLaren.

Hankook, a livello di motorsport internazionale, si è distinta in questi anni come fornitore del DTM e in precedenza della vecchia F3 europea. In Formula E, come Michelin, progetterà un tipo di coperture adatto a qualsiasi condizione meteo. I pneumatici, viene anticipato, "presenteranno una resistenza al rotolamento molto ridotta, in grado di migliorare l'efficienza dei veicoli elettrici. Inoltre, offriranno prestazioni durature e conterranno materiali di origine biologica e gomma sostenibile".

Williams Advanced Engineering, come detto, si è aggiudicata il bando per le batterie delle future Gen 3, con cui la Formula E programma un altro importante salto velocistico: la potenza massima salirà fino a 350 kilowatt in qualifica, pari a circa 480 cavalli, e 300 in gara, contro gli attuali 250 e 220. La rigenerazione in frenata, tra asse anteriore e posteriore, crescerà fino a 600 kilowatt, mentre oggi è di 250 kw grazie al solo retrotreno. Le batterie saranno inoltre predisposte per la cosiddetta "ricarica veloce", che dovrebbe portare al ritorno delle soste ai box.

"Siamo orgogliosi di essere stati nominati come fornitori, essendo stati parte integrante del campionato fin dall'inizio", ha dichiarato Craig Wilson, direttore generale dell'azienda britannica. "Potremo dare un valore aggiunto a livello di densità energetica, efficienza termica, prestazioni generali e affidabilità".

20 Giu [10:43]

Il prossimo calendario Formula E:
tutti gli appuntamenti saranno nel 2021

Jacopo Rubino

Viene identificato formalmente come "2020-2021", ma il prossimo campionato di Formula E in realtà sarà articolato tutto nel nuovo anno: la partenza è prevista per il 16 gennaio con l'appuntamento di Santiago del Cile, che ha ottenuto la conferma da parte delle autorità locali. Con questo spostamento in avanti i team avranno più tempo per prepararsi, dopo l'emergenza Coronavirus che ha fatto slittare ad agosto la fine dell'edizione attuale. Il calendario, provvisorio, è stato annunciato dopo il Consiglio Mondiale della FIA.

La serie elettrica, che diventerà ufficialmente un "World Championship", dopo la tappa cilena sarà in azione a Mexico City il 13 febbraio. Per la tappa di Diriyah in Arabia Saudita, che accoglierà una doppia gara il 26-27 febbraio, esiste la possibilità di un format in notturna, utilizzando un impianto di luci artificiali. Dopodiché si andrà nella città cinese di Sanya il 13 marzo. Per il blocco asiatico si nota l'uscita di scena di Hong Kong, complici probabilmente le tensioni politiche vissute dalla metropoli nei mesi recenti.

Il round italiano di Roma, già
rinnovato fino al 2025 grazie all'accordo con la giunta comunale, è previsto invece per il 10 aprile, seguito da Parigi e Montecarlo.

Il 23 maggio la Formula E disputerà il suo primo EPrix a Seoul: la capitale coreana doveva fare il suo esordio già in questa stagione, ma la pandemia COVID-19 ha modificato i piani. L'altra novità doveva essere la trasferta di Jakarta, che per ora non è in elenco: rimane una data da assegnare, quella del 5 giugno, ma l'evento in Indonesia aveva già avuto una gestazione travagliata. Si chiuderà con Berlino (19 giugno), New York (10 luglio) e il "double header" di Londra il 24-25 luglio.

Il calendario 2020-2021 della Formula E

16 gennaio – Santiago (Cile)
13 febbraio – Mexico City (Messico)
26 febbraio – Ad Diriyah (Arabia Saudita)
27 febbraio – Ad Diriyah (Arabia Saudita)
13 marzo – Sanya (Cina)
10 aprile – Roma (Italia)
24 aprile – Parigi (Francia)
8 maggio – Montecarlo (Monaco)
23 maggio – Seoul (Corea del Sud)
5 giugno – Da confermare
19 giugno – Berlino (Germania)
10 luglio – New York (USA)
24 luglio – Londra (Gran Bretagna)
25 luglio – Londra (Gran Bretagna)

19 Giu [10:08]

Audi sceglie il campione DTM Rast:
sostituirà Abt nel finale di stagione

Jacopo Rubino

Audi ha scelto René Rast: sarà il campione in carica del DTM a sostituire Daniel Abt per il finale di stagione della Formula E 2019-2020, con le sei gare in programma a Berlino nel mese di agosto. Per prepararsi al meglio, a inizio luglio il 34enne tedesco guiderà per la prima volta la e-tron FE06, nei test privati sul circuito del Lausitzring a cui parteciperà anche il compagno di squadra Lucas Di Grassi.

Rast non sarà un esordiente assoluto nella serie elettrica: nel 2016, proprio nell'ePrix di Berlino, fece un'apparizione una-tantum con il Team Aguri. È stata la sua unica esperienza agonistica in monoposto dal 2004, quando era impegnato nella Formula BMW ADAC. Dall'anno successivo Rast si è infatti specializzato nelle ruote coperte, diventando un nome di riferimento nel panorama GT. Già arruolato come pilota ufficiale Audi, si è aggiudicato due titoli DTM in appena 3 campionati completi.

"Ho seguito per parecchio tempo la Formula E da vicino e sono impaziente di affrontare questa nuova sfida: oltre alla velocità pura, è una questione di efficienza, gestione della batteria e di strategia. Il tutto su stretti circuiti cittadini che rendono il tutto più movimentato", ha commentato Rast. "Ma con i test di luglio e l'esperienza al simulatore, cercherò di essere il più preparato posssibile al mio arrivo a Berlino. Con sei gare in nove giorni, potrò imparare in fretta".

E chissà che non sia una prova generale in vista dell'edizione 2020-2021, considerando che Audi si ritirerà dal DTM a fine anno. I ben informati, del resto, sono certi che la sospensione di Abt per la farsa nel torneo virtuale (si è fatto sostituire in una gara da un sim racer professionista) porterà al definitivo appiedamento.

17 Giu [10:50]

Ad agosto 6 gare a Berlino in 9 giorni:
ecco il finale della Formula E 2019-2020

Jacopo Rubino

6 gare ad agosto concentrate in nove giorni, tutte sul circuito di Berlino: è questo il piano d'emergenza con cui la Formula E concluderà la stagione 2019-2020, che a causa della pandemia da Coronavirus è rimasta in sospeso dall'appuntamento di Marrakech del 29 febbraio. Dopo varie ipotesi contemplate, come l'utilizzo di circuiti permanenti, si è scelto di fare base nella capitale tedesca, in un'area comunque circoscritta come quella dell'ex aeroporto di Tempelhof, ovviamente a porte chiuse e con un protocollo dedicato.

"Non ci saranno più di 1000 persone in loco", spiega la FIA, "e per evitare grandi assembramenti le procedure amministrative, i briefing con team e piloti o le convocazioni dai commissari saranno svolte in videoconferenza".

Sportivamente parlando, le 6 manches saranno divise in tre coppie, con tre configurazioni differenti del tracciato per garantire maggiore varietà alla competizione. Si partirà con le gare infrasettimanali di mercoledì 5 e giovedì 6 agosto, poi si correrà ancora sabato 8 e domenica 9, quuindi la "doppietta" finale di mercoledì 12 e giovedì 13.

Si ripartirà con Antonio Felix da Costa in vetta alla classifica generale con 67 punti: il portoghese della DS Techeetah aveva vinto proprio l'ultimo round andato in scena in Marocco. Mitch Evans (Jaguar), trionfatore in Messico, lo insegue a quota 56, terzo Alexander Sims (BMW) a 46 lunghezze.

Il calendario aggiornato della Formula E 2019-2020

22 novembre 2019 - Diriyah
23 novembre 2019 - Diriyah
18 gennaio 2020 - Santiago
15 febbraio 2020 - Mexico City
29 febbraio 2020 - Marrakech

5 agosto 2020 - Berlino (layout 1)
6 agosto 2020 - Berlino (layout 1)
8 agosto 2020 - Berlino (layout 2)
9 agosto 2020 - Berlino (layout 2)
12 agosto 2020 - Berlino (layout 3)
13 agosto 2020 - Berlino (layout 4)

8 Giu [18:36]

Wehrlein lascia la Mahindra,
già definito il futuro in Porsche?

Jacopo Rubino

Colpo di scena nel mercato della Formula E. Pascal Wehrlein lascia la Mahindra con effetto immediato e sembra pronto a passare alla Porsche per la prossima stagione. Il pilota tedesco, nel pomeriggio odierno, ha fatto un primo annuncio attraverso il proprio profilo Instagram: "Da oggi non sono più parte del team Mahindra. Il mio obiettivo era concludere il campionato, ma l'attuale situazione non lo ha consentito. Non posso dire molto sul mio futuro, ma vi terrò informati".

Qualora l'edizione 2019-2020 dovesse ripartire e concludersi, dopo lo stop per il Coronavirus, Wehrlein non sarà quindi in griglia in attesa di ripresentarsi per la campagna 2020-2021. Secondo The Race, con Porsche è già arrivata la firma dopo le trattative imbastite nelle scorse settimane: l'ex F1 sostituirebbe Neel Jani, le cui prestazioni nella serie elettrica non hanno convinto.

Wehrlein ha esordito in Formula E a inizio 2019, conquistando come miglior risultato un secondo posto. Il suo "congedo" da alfiere dell'indiana Mahindra è avvenuto con il torneo virtuale concluso appena ieri, in cui ha perso il titolo nell'ultima manche in favore di Stoffel Vandoorne, portacolori Mercedes di cui è stato membro nel programma junior per la Formula 1.

Non si esclude che il contratto con la casa di Stoccarda possa aprire a un successivo impegno di Wehrlein nelle corse di durata: Porsche sta infatti valutando i regolamenti LMDh, per rientrare nel WEC e lottare per la vittoria assoluta.

7 Giu [18:02]

Formula E virtuale a Berlino:
Toccata Vandoorne-Wehrlein, titolo al belga

Jacopo Rubino

Stoffel Vandoorne è il vincitore del torneo virtuale di Formula E, organizzato per colmare il vuoto dello stop causato dall'emergenza Coronavirus. Grazie alla finalissima con doppi punti, effettuata sul circuito di Berlino, il belga è riuscito a contro-sorpassare in classifica generale Pascal Wehrlein, dominatore della corsa disputata ieri a New York. Decisivo l'episodio che li ha visti coinvolti al primo giro, con il tedesco mandato in testacoda proprio dal portacolori Mercedes, ma in maniera incolpevole. Il contatto è stato infatti innescato da una toccata di Sebastien Buemi, a sua volta urtato da Edoardo Mortara. Cose che capitano, nel gruppone, ancor di più in queste sfide online.

Precipitato nelle retrovie, Wehrlein ha poi recuperato fino alla dodicesima piazza, ma non poteva certo bastare per aggiudicarsi il titolo: con Vandoorne "comodo" secondo alle spalle del poleman Oliver Rowland, al portacolori della Mahindra serviva almeno chiudere quarto.

Rowland, come detto, è partito davanti a tutti e ha condotto i giochi senza difficoltà fino al traguardo. Il britannico della Nissan ha ripetuto il precedente successo ottenuto proprio sul tracciato dell'ex aeroporto di Tempelhof, evidentemente congeniale per la sua guida simulata. A completare il podio Maximilian Gunther, l'altro contendente in lotta per il titolo alla vigilia. Le sue chances erano minime, ma la sua prova odierna è stata di valore per aver recuperato terreno dopo un lungo in curva 1 dovuto al corpo a corpo con lo stesso Mortara, poi buon quarto. Con questo risultato, Rowland ha addirittura strappato a Gunther il terzo posto in graduatoria, aiutato dai doppi punti.

Quinto Buemi, seguito da James Calado (Jaguar), Nyck De Vries (Mercedes) e Felipe Massa (Venturi). Da segnalare la presenza al via di una ragazza, Alice Powell, che nella line-up Virgin ha sostituito Robin Frijns chiudedendo 20esima: abbastanza perché la 27enne inglese proveniente dalla W Series non fosse la prima eliminata. E ora si attende che la Formula E torni in azione nella realtà per dare un epilogo all'edizione 2019-2020.

Domenica 7 giugno 2020, gara virtuale

1 - Oliver Rowland - Nissan - 15 giri
2 - Stoffel Vandoorne - Mercedes - 1"796
3 - Maximilian Gunther - BMW Andretti - 4"239
4 - Edoardo Mortara - Venturi - 10"240
5 - Sebastien Buemi - Nissan e.dams - 13"085
6 - James Calado - Jaguar - 13"120
7 - Nyck De Vries - Mercedes - 15"427
8 - Felipe Massa - Venturi - 22"342
9 - Kelvin van der Linde - Audi Abt - 29"629
10 - André Lotterer - Porsche - 31"507
11 - Antonio Felix da Costa - DS Techeetah - 36"019
12 - Pascal Wehrlein - Mahindra - 39"428

Eliminati
Alexander Sims
Jean-Eric Vergne
Brendon Hartley
Sam Bird
Sam Dejonghe
Ma Qinghua
Lucas Di Grassi
Alice Powell
Oliver Turvey
Joel Eriksson
Neel Jani
Mitch Evans

Il campionato virtuale
1.Vandoorne 154 punti; 2.Wehrlein 130; 3.Rowland 122; 4.Gunther 118; 5.Mortara 59; 6.Frijns 50; 7.Calado 41; 8.Jani 35; 9.Felix da Costa 30; 10.Buemi, Muller 29

6 Giu [18:34]

Formula E virtuale a New York:
Wehrlein domina gara 1, torna leader

Jacopo Rubino

La Formula E virtuale entra per il suo ultimo round, diviso su doppia gara come nella realtà: la manche del sabato sul circuito di New York è stata dominata da Pascal Wehrlein, che si riprende così la vetta della classifica generale. Il tedesco della Mahindra passa da -1 a +12 su Stoffel Vandoorne, grazie anche al punto bonus della pole-position, e dopo aver condotto dall'inizio alla fine. La gara conclusiva di domani, però, mette in palio doppio punteggio e la situazione può ribaltarsi ancora.

Vandoorne, vincitore 6 giorni fa, questa volta si è dovuto accontentare della quarta posizione. Meno incisivo del solito in qualifica, quinto, il belga della Mercedes nelle fasi iniziali ha messo a segno un doppio sorpasso all'interno su Oliver Rowland e Maximilian Gunther, ma poi si è visto risuperare dal britannico.

Il britannico della Nissan alla fine ha chiuso in piazza d'onore, infilando in extremis l'esordiente Kelvin van der Linde. Il sudafricano, già nel ruolo di riserva e pilota al simulatore, è stato scelto da Audi per sostituire Daniel Abt (sospeso dopo la farsa dell'evento di Berlino) e si è rivelato subito fortissimo: molto di più del suo predecessore, almeno online. Partito secondo, solo nel finale van der Linde ha ceduto a Rowland, autore di un attacco di "cattiveria".

Terminando quinto, Gunther è quasi fuori dalla lotta per il titolo Race at Home: lo tiene in gioco il punteggio raddoppiato di gara 2. L'alfiere BMW paga le battute a vuoto incassate nelle sfide recenti, che hanno vanificato le sue vittorie iniziali. Alle sue spalle hanno chiuso le Venturi di Felipe Massa ed Edoardo Mortara: il brasiliano ha dato vita alla sua miglior prestazione nella Formula E in versione digitale.

Subito eliminato Sebastien Buemi: terzo in griglia, lo svizzero si è ritrovato in fondo dopo essere stato stretto alla partenza fra Vandoorne e Gunther, in testacoda e colpito da molti avversari nel gruppone.

Sabato 6 giugno 2020, gara 1 virtuale

1 - Pascal Wehrlein - Mahindra - 15 giri
2 - Oliver Rowland - Nissan e.dams - 3"616
3 - Kelvin van der Linde - Audi Abt - 3"796
4 - Stoffel Vandoorne - Mercedes - 4"214
5 - Maximilian Gunther - BMW Andretti - 6"232
6 - Felipe Massa - Venturi - 11"960
7 - Edoardo Mortara - Venturi - 12"555
8 - Antonio Felix da Costa - DS Techeetah - 22"918
9 - Robin Frijns - Virgin - 23"037
10 - Oliver Turvey - NIO - 25"830
11 - Neel Jani - Porsche - 27"106
12 - Mitch Evans - Jaguar - 30"123

Eliminati
Alexander Sims
Sam Bird
James Calado
Ma Qinghua
Jean-Eric Vergne
André Lotterer
Joel Eriksson
Lucas Di Grassi
Nyck De Vries
Brendon Hartley
Jerome D'Ambrosio
Sebastien Buemi

Il campionato virtuale
1.Wehrlein 130 punti; 2.Vandoorne 118; 3.Gunther 83; 4.Rowland 76; 5.Frijns 50; 6.Jani 35; 7.Mortara 33; 8.Felix da Costa 30; 9.Calado 25; 10.Turvey 23

PrecedentePagina 1 di 10Successiva

News

Formula E
v

PrimaPrecedentePagina 1 di 3SuccessivaUltima
PrimaPrecedentePagina 1 di 3SuccessivaUltima

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone