formula 1

Sochi - Libere 2
Bottas si conferma, McLaren cresce

Massimo Costa - XPB Images

E' sempre Mercedes a Sochi. Valtteri Bottas si è confermato in ...

Leggi »
Mondiale Rally

Evans rimane calmo
"Il mio approccio non cambia"

Mattia Tremolada

Nonostante sia tornato in testa al mondiale con soli due appuntamenti al termine della ...

Leggi »
PrecedentePagina 1 di 10Successiva
19 Ago [11:51]

Formula E, mercato piloti caldo:
Mahindra con Sims, lascia D'Ambrosio

Jacopo Rubino

Continuano i cambiamenti sulla griglia di Formula E: in Mahindra si accasa Alexander Sims, che di comune accordo ha lasciato la BMW e sostituirà idealmente Pascal Wehrlein, già passato alla Porsche. Non solo, perché il marchio indiano ha annunciato la separazione da Jerome D'Ambrosio dopo due stagioni. L'erede del belga verrà annunciato "a tempo debito", come chiarito dal team principal Dilbagh Gill. Fra i candidati c'è Alex Lynn, scelto per rimpiazzare Wehrlein nelle gare di Berlino disputate ad agosto, e subito capace di ottenere buoni risultati, specialmente in qualifica.

Sims ha esordito nella serie elettrica 2018-2019, cogliendo una vittoria in gara 2 a Diriyah, tappa di apertura del calendario 2019-2020. "C'è stato moltissimo da imparare, è una disciplina completamente diversa. Ora userò l'esperienza per aiutare Mahindra. È una bella opportunità poter far crescere il pacchetto in vista di grandi risultati", ha commentato il 32enne inglese, che su BMW ha invece aggiunto: "Mi ha permesso di diventare pilota professionista e di affrontare un cammino di cui sono davvero grato".

Il suo rapporto con la casa tedesca è nato infatti nel 2013, attraverso il programma GT, evolvendosi nella promozione a vero e proprio factory driver nel 2016. Come spiegato da The Race, Sims per il resto del 2020 rimane comunque alfiere dell'Elica in ambito Gran Turismo (disputando ad esempio la 24 Ore del Nurburgring), ed è possibile che lo stesso accada nel 2021.

BMW, quindi, a sua volta ha un sedile vacante al fianco di Maximilian Gunther, che in contemporanea è stato confermato per la Season 7, sulla scia dei due successi festeggiati nell'edizione appena conclusa.

14 Ago [10:03]

Wehrlein nuovo alfiere Porsche,
è arrivata la conferma ufficiale

Jacopo Rubino

Pascal Wehrlein è ufficialmente un pilota Porsche: la casa di Stoccarda ha atteso la chiusura della stagione 2019-2020 per annunciare l'ingaggio del pilota tedesco, che dal prossimo campionato affiancherà André Lotterer sostituendo Neel Jani. Wehrlein ha saltato le gare a Berlino per la
risoluzione anticipata del rapporto con la Mahindra, insieme a cui ha esordito nella categoria, avvenuta a giugno quando ormai era già emersa l'intesa raggiunta insieme a Porsche.

"È un'opportunità fantastica, ho sempre seguito la storia di questo marchio nel motorsport. Ora non vedo l'ora di conoscere la squadra e iniziare il lavoro il più presto possibile", ha commentato Wehrlein.

Nel suo curriculum spicca ovviamente il titolo DTM 2015, ottenuto a 20 anni: nessuno ci è riuscito così giovane. Sostenuto dalla Mercedes, Wehrlein è stato poi alfiere in Formula 1 di Manor (2016) e Sauber (2017), prima di separarsi dalla Stella e intraprendere appunto l'avventura in Formula E, raccogliendo fin qui una pole-position e un piazzamento a podio.

"Pascal ha maturato grande esperienza in varie categorie, riuscendo sempre a brillare", ha ricordato Fritz Enzinger, capo del reparto corse. "Con lui e André avremo due piloti di primo livello per il Mondiale 2020-2021". Lo svizzero Jani, alfiere Porsche sin dal 2014 nel WEC con un titolo e una vittoria alla 24 Ore di Le Mans, nella serie elettrica non ha certo brillato ma resterà in famiglia, come confermato da Enzinger: "Lo vedremo presto in azione su altri progetti sportivi di cui sono molto soddisfatto".

14 Ago [9:14]

Massa si separa da Venturi,
probabile addio alla Formula E

Jacopo Rubino

Le strade di Felipe Massa e della Venturi si separano: dopo due stagioni l'avventura del brasiliano in Formula E sembra quindi destinata a concludersi. L'annuncio è arrivato subito dopo la bandiera a scacchi dell'ultima gara 2019-2020 a Berlino, epilogo di un campionato in cui Massa è riuscito ad entrare in zona punti solo due volte. Come si legge su The Race, esisteva un'opzione per rinnovare il contratto nella Season 7, che non è stata però esercitata.

"Lasciare un team non è una decisione facile da prendere. Queste due stagioni ci hanno insegnato molto, e sfortunatamente per vari motivi non abbiamo ottenuto quanto speravamo", ha spiegato l'ex ferrarista, che con Venturi aveva intrapreso una nuova esperienza agonistica dopo la carriera in Formula 1. Il suo momento più alto nella serie elettrica rimane il podio dello scorso anno a Montecarlo, E-Prix di casa sia per la scuderia, monegasca, sia per lui stesso, residente da tempo proprio nel Principato.

"Nonostante tutto, è stato molto divertente e auguro alla squadra il meglio per il futuro. A tempo debito annuncerò i miei prossimi piani", ha aggiunto il paulista. Insieme al ruolo da pilota, Massa da fine 2017 ha intrapreso un pecorso "dirigenziale" diventando presidente CIK-FIA, la divisione dedicata al karting della Federazione Internazionale dell'Automobile.

"Felipe ha portato molto alla squadra. Avere uno del suo profilo, calibro ed esperienza ha dato un grosso aiuto nella crescita. Ho enorme rispetto nei suoi confronti, è stato bello lavorare ancora insieme", ha commentato la team principal Susie Wolff, che in Williams F1 è stata tester mentre Massa era titolare.

13 Ago [20:11]

Berlino 3 - Gara 2
Vandoorne e Mercedes in trionfo

Jacopo Rubino

Formula 1... o Formula E? Si chiude con una doppietta Mercedes l'edizione 2019-2020 della serie elettrica, ma qui la casa tedesca ha ottenuto la sua prima vittoria in assoluto, proprio a chiusura della stagione d'esordio: il trionfo nell'ultima gara a Berlino è di Stoffel Vandoorne, partito dalla pole-position, e a rendere il quadretto perfetto ci ha pensato Nyck De Vries in piazza d'onore. Non solo, perché il belga, con un incredibile salto dal nono posto in graduatoria, si è addirittura laureato vicecampione.

La corsa è stata divertente, su due fronti: da un lato, anche calcolatrice alla mano, c'era curiosità di scoprire chi avrebbe terminato secondo in classifica generale, dall'altro teneva banco la lotta di tappa che ha visto Sebastien Buemi battagliare in mezzo alle due Mercedes. Non sono mancati gli scambi di posizione, ad esempio nelle fasi di Attack Mode, ma nel finale Vandoorne è riuscito a costruire un piccolo margine di sicurezza. Buemi, invece, ha perso un po' di ritmo permettendo a De Vries di attaccare. Senza il sorpasso, sarebbe stato lo svizzero della Nissan a prendersi medaglia d'argento, come nella scorsa stagione.

Ci è andato vicino il campione uscente Jean-Eric Vergne, risalito di forza fino alla settima posizione: il francese, 21esimo in griglia, era fra i "big" penalizzati dalle condizioni della pista sfavorevoli in Q1. Ha mancato l'obiettivo per un punto. Poteva farcela Lucas Di Grassi, sesto, che ha lottato in una specie di monomarca Audi contro Robin Frijns (poi ritirato in un contatto col brasiliano) e Sam Bird, portacolori del team satellite Virgin. L'inglese ha avuto la meglio, quinto, e si congeda così per prepararsi al passaggio in Jaguar. Quarto René Rast con l'altra e-tron ufficiale, che dimostra di avere tutte le carte in regola per un futuro in pianta stabile nella categoria, lui che ormai è uno specialista delle ruote coperte fra GT e DTM.

Il neo-campione Antonio Felix da Costa è giunto nono, davanti al nostro Edoardo Mortara. Maximilian Gunther è scivolato di nuovo indietro quando è stato accompagnato verso il muretto da Frijns arrivato lungo. Ko Oliver Rowland che scattava ultimo: vincitore della manche di ieri, il britannico ha perso l'opportunità di essere vicecampione. La volata ha premiato Vandoorne, nella giornata della Mercedes.

Giovedì 13 agosto 2020, gara 2

1 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - Mercedes - 36 giri 47'22"107
2 - Nyck De Vries (Mercedes) - Mercedes - 1"340
3 - Sébastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 2"841
4 - René Rast (Audi) - Audi Abt - 3"580
5 - Sam Bird (Audi) - Virgin - 8"710
6 - Lucas Di Grassi (Audi) - Audi Abt - 11"593
7 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - 12"895
8 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 14"719
9 - Antonio Felix da Costa (DS) - DS Techeetah - 15"304
10 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 16"154
11 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 16"348
12 - Maximilian Gunther (BMW) - BMW Andretti - 17"798
13 - Alexander Sims (BMW) - BMW Andretti - 22"229
14 - Andre Lotterer (Porsche) - Porsche - 23"893
15 - Neel Jani (Porsche) - Porsche - 24"888
16 - Felipe Massa (Mercedes) - Venturi - 25"577
17 - Tom Blomqvist (Jaguar) - Jaguar - 25"992
18 - Jerome d'Ambrosio (Mahindra) - Mahindra - 30"485
19 - Sergio Sette Camara (Penske) - Dragon - 31"453
20 - Daniel Abt (NIO) - NIO - 38"071
21 - Oliver Turvey (NIO) - NIO - 39"694
22 - Nico Muller (Penske) - Dragon - 1'11"178

Giro più veloce: Nico Muller 1'17"469

Ritirati
34° giro - Robin Frijns
26° giro - Oliver Rowland

Il campionato
1.Felix da Costa 158 punti; 2.Vandoorne 87; 3.Vergne 86; 4.Buemi 84; 5.Rowland 83; 6.Di Grassi 77; 7.Evans 71; 8.Lotterer 71; 9.Gunther 69; 10.Bird 62

13 Ago [15:32]

Berlino 3 - Qualifica 2
Di Vandoorne la prima pole Mercedes

Jacopo Rubino

L'ultima pole-position della Formula E 2019-2020 se la prende Stoffel Vandoorne: sarà lui a partire davanti a tutti nella gara finale di Berlino. Il belga ci era già riuscito lo scorso anno nel round di Hong Kong, con la squadra satellite HWA, ma quella di oggi è la prima pole ufficialmente marchiata Mercedes nella serie elettrica, in cui la casa della Stella ha esordito in questa stagione.

Vandoorne aveva chiuso terzo nei gruppo eliminatori, ma con il tempo di 1'15"468 in Superpole è riuscito a scavalcare René Rast e Sebastien Buemi che sono scesi in pista dopo di lui: lo svizzero della Nissan completerà la prima fila, staccato di 59 millesimi, il portacolori Audi aprirà la seconda affiancato dall'altra Mercedes di Nyck De Vries. Anzi, le "EQ Silver Arrow 01" in top 6 sono state addirittura 3, considerando quella del team Venturi guidata dal nostro Edoardo Mortara, sesto dietro un'altra vettura clienti, l'Audi targata Virgin di Robin Frijns.

Le condizioni del circuito di Tempelhof, utilizzato come ieri nella nuova versione "tortuosa" da 2505 metri, hanno penalizzato molto i piloti in Q1 che hanno aperto la strada: sono tutti relegati nelle ultime 7 posizioni, con Maximilian Gunther 18esimo davanti al neocampione Antonio Felix da Costa. In mezzo a loro è rimasto suo malgrado Nico Muller, che girava in Q4, ed è addirittura ultimo il vincitore di ieri Oliver Rowland.

L'inglese è balzato secondo in classifica generale con 83 punti, contro gli 80 di Jean-Eric Vergne, che scatterà 21esimo. Rischiano di concludere entrambi a secco, situazione che aiuterebbe Rowland a diventare vicecampione. In lizza ci sono anche Mitch Evans e André Lotterer appaiati a quota 71, ma pure loro sono chiamati alla rimonta: il neozelandese della Jaguar dalla 23esima casella, l'alfiere della Porsche dalla 20esima. Il favorito per la medaglia d'argento potrebbe rivelarsi così Buemi, ora ottavo a 68 lunghezze: con un primo o secondo posto potrebbe realizzare il colpaccio. E persino Vandoorne, già salito da 59 a 62 con la pole odierna, può sperare nell'impresa.

Giovedì 13 agosto 2020, Superpole

1 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - Mercedes - 1'15"468
2 - Sebastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 1'15"527
3 - René Rast (Audi) - Audi - 1'15"720
4 - Nyck De Vries (Mercedes) - Mercedes - 1'15"738
5 - Robin Frijns (Audi) - Virgin - 1'15"867
6 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 1'16"055

Giovedì 13 agosto 2020, qualifica 2

1 - Sebastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 1'15"660 - Q2
2 - René Rast (Audi) - Audi - 1'15"688 - Q3
3 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - Mercedes - 1'15"717 - Q2
4 - Nyck De Vries (Mercedes) - Mercedes - 1'15"729 - Q3
5 - Robin Frijns (Audi) - Virgin - 1'15"793 - Q2
6 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 1'15"848 - Q3
7 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 1'15"851 - Q3
8 - Neel Jani (Porsche) - Porsche - 1'15"861 - Q3
9 - Sergio Sette Camara (Penske) - Dragon - 1'15"904 - Q4
10 - Lucas Di Grassi (Audi) - Audi - 1'15"915 - Q2
11 - Felipe Massa (Mercedes) - Venturi - 1'15"937 - Q4
12 - Tom Blomqvist (Jaguar) - Jaguar - 1'15"958 - Q4
13 - Oliver Turvey (NIO) - NIO - 1'15"958 - Q4
14 - Sam Bird (Audi) - Virgin - 1'16"002 - Q2
15 - Alexander Sims (BMW) - BMW Andretti - 1'16"028 - Q2
16 - Jerome D'Ambrosio (Mahindra) - Mahindra - 1'16"057 - Q3
17 - Daniel Abt (NIO) - NIO - 1'16"109 - Q4
18 - Maximilian Gunther (BMW) - BMW Andretti - 1'16"134 - Q1
19 - Antonio Felix da Costa (DS) - DS Techeetah - 1'16"176 - Q1
20 - André Lotterer (Porsche) - Porsche - 1'16"317 - Q1
21 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - 1'16"393 - Q1
22 - Nico Muller (Penske) - Dragon - 1'16"409 - Q4
23 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 1'16"449 - Q1
24 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 1'16"993 - Q1

12 Ago [20:21]

Berlino 3 - Gara 1
Prima vittoria elettrica di Rowland

Jacopo Rubino

Per Oliver Rowland è il giorno della prima vittoria in Formula E: l'inglese ci è riuscito nel penultimo E-Prix a Berlino, disputato sul circuito nell'inedita configurazione più tortuosa da 2505 metri. Al termine di una gara impeccabile, partendo dalla pole-position, l'inglese schizza da nono a secondo in classifica generale e in vista di domani ha buone possibilità di laurearsi vicecampione. In piazza d'onore ha terminato un solido Robin Frijns, che sulla distanza non ha però impensierito la Nissan al comando, terzo un sorprendente René Rast, che dimostra di aver preso rapidamente le misure alla serie elettrica.

Il campione in carica DTM, scelto da Audi per sostituire il silurato Daniel Abt in questo "showdown" che chiude stagione 2019-2020, ha centrato il suo primo podio nella categoria battendo le due Porsche: quella di Neel Jani, poi sesto dietro anche ad Alex Lynn, e soprattutto quella di André Lotterer. Il tre volte vincitore alla 24 Ore di Le Mans, settimo in griglia, è apparso da subito in grande spolvero e nel finale ha dato vita a un bel duello con il connazionale. Entusiasmante il loro ruota a ruota nelle ultimissime curve, molto "duro" ma giudicato ok dai commissari, in cui Rast ha avuto la meglio.

Nelle retrovie, i big hanno cercato di recuperare dopo la brutta (o per alcuni disastrosa) qualifica: solo Mitch Evans, Stoffel Vandoorne e Sebastien Buemi hanno raggiunto la zona punti, settimo, nono e decimo. Bravo soprattutto lo svizzero, che scattava 23esimo. Niente da fare per neocampione Antonio Felix da Costa, che non ha neanche raggiunto il traguardo per uno spegnimento improvviso, e per l'altra DS Techeetah di Jean-Eric Vergne. Il francese ha scontato un drive-trough per "overcooling", un raffreddamento della batteria eccessivo compiuto nel pre-gara dai meccanici. Pessimo Lucas Di Grassi, che ha rimediato una foratura urtando lo stesso Da Costa, al quale ha chiuso la porta con troppa cattiveria, e poi 5" di penalità in quanto ritenuto colpevole del contatto. Non solo: il brasiliano nelle fasi iniziali ha tamponato Maximilian Gunther, provocandone il ritiro per i danni avuti al retrotreno.

Ottavo Edoardo Mortara, con la Mercedes clienti del team Venturi, hanno invece perso un po' di terreno Tom Blomqvist, nuovo alfiere Jaguar che ha già sorpreso entrando in Superpole, e Felipe Massa, 13esimo.

Mercoledì 12 agosto 2020, gara 1

1 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 36 giri 47'28"880
2 - Robin Frijns (Audi) - Virgin - 1"903
3 - René Rast (Audi) - Audi Abt - 7"490
4 - Andre Lotterer (Porsche) - Porsche - 7"863
5 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 11"441
6 - Neel Jani (Porsche) - Porsche - 12"922
7 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 14"106
8 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 17"134
9 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - Mercedes - 18"949
10 - Sebastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 19"731
11 - Alexander Sims (BMW) - BMW Andretti - 23"331
12 - Tom Blomqvist (Jaguar) - Jaguar - 24"807
13 - Felipe Massa (Mercedes) - Venturi - 27"775
14 - Nyck De Vries (Mercedes) - Mercedes - 28"723
15 - Sergio Sette Câmara (Penske) - Dragon - 31"132
16 - Jerome d'Ambrosio (Mahindra) - Mahindra - 31"524
17 - Nico Muller (Penske) - Dragon - 34"14
18 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - 34"986
19 - Oliver Turvey (NIO) - NIO - 44"377
20 - Sam Bird (Audi) - Virgin - 46"591
21 - Lucas Di Grassi (Audi) - Audi Abt - 1'15"119

Giro più veloce: Lucas DI Grassi 1'17"232

Ritirati
36° giro - Antonio Felix da Costa
34° giro - Daniel Abt
5° giro - Maximilian Gunther

Il campionato
1.Felix da Costa 156 punti; 2.Rowland 83; 3.Vergne 80; 4.Evans 71; 5.Lotterer 71; 6.Gunther 69; 7.Di Grassi 69; 8.Buemi 68; 9.Vandoorne 59; 10.Frijns 58

12 Ago [15:35]

Berlino 3 - Qualifica 1
Rowland in pole fra le sorprese

Jacopo Rubino

I titoli 2019-2020 di Formula E sono già assegnati ad Antonio Felix da Costa e alla DS Techeetah, ma la quinta delle sei gare a Berlino può diventare imprevedibile. La qualifica ha mostrato distacchi minimi, su un circuito dal layout inedito, più tortuoso, e una griglia piena di sorprese. In pole c'è Oliver Rowland, ma in fondo partiranno i primi 4 della classifica generale: lo stesso da Costa, Jean-Eric Vergne, Lucas Di Grassi e Sebastien Buemi, dopo il "pasticcio" strategico in Q1. Temporeggiando troppo per uscire, hanno infatti preso bandiera a scacchi senza nemmeno aver iniziato il proprio tentativo. Da Costa e Di Grassi si sono addirittura toccati, mentre si contendevano la posizione.

Festeggia invece Rowland, che in Superpole ha siglato il decisivo 1'15"955 con la Nissan, ma non è l'unico: al suo fianco in prima fila ci sarà Robin Frijns, poi nomi inaspettati come Neel Jani, Tom Blomqvist e René Rast, che in Q4 sono stati avvantaggiati dall'evolversi della pista per centrare una prestazione di spicco.

Il campione DTM è stato addirittura il più rapido nei gruppi eliminatori, in 1'15"993, ma in Superpole non è riuscito a ripetersi e ha chiuso quarto. Grande anche l'esordio di Tom Blomqvist come portacolari Jaguar, subentrato a James Calado impegnato nel WEC, mentre Jani è entrato in top 6 per la prima volta da quando è in Formula E. Lynn ha terminato ottimo quinto, ma l'ingresso alla fase finale l'aveva già conquistato nei giorni precedenti, dimostrando un rapido adattamento alla Mahindra.

André Lotterer con l'altra Porsche ha mancato la Superpole per pochi millesimi, superato dal compagno Jani, e partirà settimo davanti a Felipe Massa, al rookie Sergio Sette Camara (anche lui in Q4) e al nostro Edoardo Mortara. Ancora sottotono Sam Bird, 16esimo, sarà dura anche per la coppia Mercedes con Stoffel Vandoorne e Nyck De Vries 18esimo e 19esimo. Maximilian Gunther e Mitch Evans, gli unici della Q1 ad aver marcato un riferimento, sono scivolati poi 13esimo e 14esimo, separati da 1 millesimo. Il tedesco della BMW dovrà anche scontare un arretramento di 3 caselle, come penalità per aver tamponato domenica scorsa Oliver Turvey.

Quanto alle modifiche sul tracciato nell'ex aeroporto di Tempelhof, per oggi e domani la lunghezza è cresciuta da a 2355 a 2505 metri, ma soprattutto ci sono 6 curve in più fra il secondo e il terzo settore. Per un confronto, i crono sono saliti di circa 10" rispetto al disegno tradizionale utilizzato nelle manche dell'8 e 9 agosto.

Mercoledì 12 agosto 2020, Superpole

1 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 1'15"955
2 - Robin Frijns (Audi) - Virgin - 1'16"004
3 - Neel Jani (Porsche) - Porsche - 1'16"052
4 - René Rast (Audi) - Audi Abt - 1'16"127
5 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 1'16"192
6 - Tom Blomqvist (Jaguar) - Jaguar - 1'16"529

Mercoledì 12 agosto 2020, qualifica 1

1 - René Rast (Audi) - Audi Abt - 1'15"993 - Q4
2 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 1'16"158 - Q3
3 - Robin Frijns (Audi) - Virgin - 1'16"187 - Q3
4 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 1'16"191 - Q2
5 - Tom Blomqvist (Jaguar) - Jaguar - 1'16"226 - Q4
6 - Neel Jani (Porsche) - Porsche - 1'16"234 - Q4
7 - André Lotterer (Porsche) - Porsche - 1'16"241 - Q2
8 - Felipe Massa (Mercedes) - Venturi - 1'16"251 - Q3
9 - Sergio Sette Camara (Penske) - Dragon - 1'16"292 - Q4
10 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 1'16"296 - Q3
11 - Nico Muller (Penske) - Drago - 1'16"327 - Q4
12 - Oliver Turvey (NIO) - NIO - 1'16"328 - Q4
13 - Maximilian Gunther (BMW) - BMW Andretti - 1'16"394 - Q1
14 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 1'16"395 - Q1
15 - Alexander Sims (BMW) - BMW Andretti - 1'16"449 - Q2
16 - Sam Bird (Audi) - Virgin - 1'16"524 - Q2
17 - Jerome D'Ambrosio (Mahindra) - Mahindra - 1'16"539 - Q3
18 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - 1'16"646 - Q2
19 - Nyck De Vries (Mercedes) - 1'16"755 - Q2
20 - Daniel Abt (NIO) - NIO - 1'16"868 - Q3
21 - Lucas Di Grassi (Audi) - Audi Abt - s.t. - Q1
22 - Antonio Felix da Costa (DS) - DS Techeetah - s.t. - Q1
23 - Sebastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - s.t. - Q1
24 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - s.t. - Q1

10 Ago [17:51]

Blomqvist sostituisce Calado,
Jaguar cambia per le due gare finali

Jacopo Rubino

Per le ultime due gare della stagione 2019-2020 di Formula E, Tom Blomqvist subentra a James Calado al volante della Jaguar: un avvicendamento di cui si attendeva solo la conferma definitiva, visto l'impegno di Calado nel Mondiale Endurance a Spa con la Ferrari ufficiale del team AF Corse. Il pilota inglese, con la corsa di domenica, ha perciò concluso (almeno per adesso) l'avventura nella serie elettrica. In vista del prossimo campionato la Jaguar ha infatti già ingaggiato il connazionale Sam Bird, "strappato" alla Virgin.

Blomqvist, alla vigilia dello showdown in Germania, è stato inizialmente arruolato come riserva dopo il passaggio di Alex Lynn a titolare Mahindra, in sostituzione di Pascal Wehrlein. L'anglo-svedese torna ora sulla griglia della Formula E dopo essere stato alfiere BMW per una parte dell'edizione 2017-2018, quando si utilizzava ancora la precedente generazione di vetture. Ora lo attende una sfida impegnativa, considerando gli avversari già "rodati" da quattro E-Prix in cinque giorni sul circuito dell'ex aeroporto di Tempelhof. Lui, nel frattempo, ha lavorato al simulatore della squadra.

"Ha un duro compito davanti, ma è pronto. La sua precedente esperienza nella categoria gli darà una mano", ha affermato fiducioso il responsabile della squadra James Barclay, che ha ringraziato inoltre Calado per quanto fatto durante l'anno "in circostanze incredibilmente difficili", vista l'emergenza Coronavirus. "È un grande professionista e gli auguro di far bene a Spa nel Mondiale Endurance".

9 Ago [20:11]

Berlino 2 - Gara 2
Da Costa campione, vince Vergne

Jacopo Rubino

Antonio Felix da Costa ha conquistato il titolo 2019-2020 di Formula E: ci è riuscito con la piazza d'onore nel quarto E-Prix di Berlino, al primo matchpoint disponibile. Il portoghese fa seguito nell'albo d'oro al compagno Jean-Eric Vergne, proprio nel giorno in cui il francese ha ritrovato la vittoria. Un perfetto passaggio di consegne all'interno della DS Techeetah, che si conferma sul trono della serie elettrica per la seconda stagione consecutiva. Le ultime due sfide sul circuito del vecchio aeroporto di Tempelhof, in programma mercoledì e giovedì, saranno quindi una passerella.

Guardando a come sono andate le cose, oggi da Costa si sarebbe laureato campione persino con uno zero: Maximilian Gunther, che era il principale inseguitore in classifica a 68 lunghezze di ritardo, è uscito di scena dopo appena tre curve, tamponando Oliver Turvey e venendo penalizzato sulla griglia della prossima manche. L'incidente ha richiesto inoltre l'ingresso della safety-car. Lucas Di Grassi, che partiva da -76 punti, ha recuperato chiudendo buon sesto. Ma nemmeno il quinto posto gli sarebbe bastato a tenere aperti i giochi. Anzi, ora è proprio Vergne ad essere diventato secondo in graduatoria, ribadendo la forza del team DS Techeetah.

La scuderia franco-cinese sul traguardo ha fatto 1-2, confermando il risultato della qualifica, però con due scambi di posizione in mezzo: al giro 14 da Costa si è preso la vetta provvisoria, al giro 30 ha ridato strada a Vergne che si è riportato davanti in modo definitivo. Manovre figlie di un gioco di squadra, ma con un occhio agli specchietti, perché in scia viaggiavano anche le Nissan di Oliver Rowland e Sebastien Buemi, assieme alla Mercedes Nyck De Vries. Le maglie del quintetto si sono allargate un po' solo nelle fasi finali, con Rowland costretto a gestire di più la batteria. A prendersi il gradino più basso del podio è stato così Buemi, mentre all'ultimissima tornata De Vries ha strappato all'inglese Rowland anche la quarta piazza. Nel frattempo non è mancata qualche goccia di pioggia, che non ha influenzato comunque le prestazioni in modo significativo.

Settimo Mitch Evans con la Jaguar, seguito da André Lotterer risalito dalla nona fila al volante della Porsche. In top 10 anche Alex Lynn con la Mahindra e Felipe Massa, a lungo in bagarre, mentre Sam Bird e Stoffel Vandoorne hanno pagato le qualifiche negative e non sono riusciti ad agganciare la zona punti. Ottavo in griglia, ha perso terreno René Rast, 16esimo sull'altra Audi ufficiale. Sfortunato Robin Frijns, nemmeno partito a causa di problemi tecnici.

Domenica 9 agosto 2020, gara 2

1 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - 37 giri 46'24"803
2 - Antonio Felix da Costa (DS) - DS Techeetah - 0"497
3 - Sebastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 1"392
4 - Nyck De Vries (Mercedes) - Mercedes - 3"791
5 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 5"018
6 - Lucas Di Grassi (Audi) - Audi Abt - 9"805
7 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 14"814
8 - Andre Lotterer (Porsche) - Porsche - 15"755
9 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 21"001
10 - Felipe Massa (Mercedes) - Venturi - 22"809
11 - Sam Bird (Audi) - Virgin - 22"911
12 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - Mercedes - 23"388
13 - Alexander Sims (BMW) - BMW Andretti - 23"575
14 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 23"889
15 - Jerome D’Ambrosio (Mahindra) - Mahindra - 23"914
16 - René Rast (Audi) - Audi Abt - 24"381
17 - James Calado (Jaguar) - Jaguar - 26"600
18 - Daniel Abt (NIO) - Porsche - 29"121
19 - Neel Jani (Porsche) - Porsche - 29"527
20 - Nico Muller (Penske) - Dragon - 34"431
21 - Sergio Sette Camara (Penske) - Dragon - 36"315
22 - Oliver Turvey (NIO) - NIO - 1'01"473

Giro più veloce: Sam Bird 1'08"556

Ritirati
1° giro - Maximilian Gunther

Non partito
Robin Frijns

9 Ago [15:34]

Berlino 2, qualifica 2
Vergne in pole, Da Costa secondo

Jacopo Rubino

Jean-Eric Vergne ci riprova, replicando la pole-position conquistata ieri: il campione in carica partirà davanti anche nella gara di oggi, la quarta di 6 nel mega-finale in Germania della Formula E 2019-2020, la seconda sul circuito tradizionale. Al suo fianco scatterà Antonio Felix da Costa, compagno di squadra in DS Techeetah, che ha tra le mani la concreta possibilità di aggiudicarsi il titolo già al termine di questa giornata, ereditando il trono proprio da Vergne. Di sicuro, è un'altra dimostrazione di superiorità della scuderia franco-cinese.

Vergne in Superpole è stato l’ultimo a scendere in pista: nei gruppi eliminatori è stato il più veloce… a pari merito con Oliver Rowland 1’06”484. Entrambi erano inseriti nella Q2, ma come da regolamento la discriminante è l’aver siglato il tempo per prima. Da Costa, al via in Q1, ha realizzato quello che è diventato il sesto crono e si è garantito l’accesso alla fase finale per pochissimo, visto che più tardi Alex Lynn è rimasto alle sue spalle per 33 millesimi. Nella sfida decisiva il pilota lusitano ha marcato il suo 1'06"247, battendo nell’ordine Sebastien Buemi, Felipe Massa, Nyck De Vries e Rowland che hanno girato dopo di lui. Non Vergne, che ha avuto la meglio in 1’06”107. La seconda fila sarà tutta Nissan, con Rowland davanti a Buemi, poi ci saranno la Mercedes ufficiale di De Vries (autore di un bloccaggio in frenata) e quella clienti del team Venturi guidata da un buon Massa.

Notte fonda per il vincitore di ieri, Maximilian Gunther della BMW, che scatterà appena 21esimo alle spalle di Stoffel Vandoorne, altro deluso della sessione. Entrambi hanno pagato l'aver girato nel primo gruppo, dal quale il solo da Costa è riuscito ad accedere alla Superpole. E come dicevamo, sembra ancora più probabile che possa aggiudicarsi già oggi il titolo della serie elettrica: per tenere aperto il discorso Gunther dovrebbe “rubargli” almeno 8 punti. Dovrà parecchio darsi da fare anche Lucas Di Grassi, 12esimo, anche lui al via in Q1, ma il brasiliano è sotto dal leader di ben 76 lunghezze.

Grande prova dell’altro alfiere Audi, il quasi debuttante René Rast, ottavo davanti a Jerome D’Ambrosio e a Robin Frijns, che ha chiuso la corsa di ieri in seconda piazza. Ancora indietro Sam Bird, 17esimo, non ha brillato nemmeno André Lotterer alle sue spalle.

Domenica 9 agosto 2020, Superpole

1 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - 1'06"107
2 - Antonio Felix da Costa (DS) - DS Techeetah - 1'06"247
3 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 1'06"552
4 - Sebastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 1'06"564
5 - Nyck De Vries (Mercedes) - Mercedes - 1'06"597
6 - Felipe Massa (Mercedes) - Venturi - 1'06"777

Domenica 9 agosto 2020, qualifica 2

1 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - 1'06"484 - Q2
2 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 1'06"484 - Q2
3 - Nyck De Vries (Mercedes) - Mercedes - 1'06"575 - Q3
4 - Felipe Massa (Mercedes) - Venturi - 1'06"674 - Q3
5 - Sebastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 1'06"700 - Q2
6 - Antonio Felix da Costa (DS) - DS Techeetah - 1'06"708 - Q1
7 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 1'06"741 - Q4
8 - René Rast (Audi) - Audi Abt - 1'06"754 - Q4
9 - Jerome D'Ambrosio (Mahindra) - Mahindra - 1'06"778 - Q3
10 - Robin Frijns (Audi) - Virgin - 1'06"818 - Q2
11 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 1'06"859 - Q1
12 - Lucas Di Grassi (Audi) - Audi Abt - 1'06"866 - Q1
13 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 1'06"870 - Q3
14 - James Calado (Jaguar) - Jaguar - 1'06"904 - Q3
15 - Nico Muller (Penske) - Dragon - 1'06"940 - Q4
16 - Alexander Sims (BMW) - BMW Andretti - 1'06"951 - Q2
17 - Sam Bird (Audi) - Virgin - 1'06"953 - Q2
18 - André Lotterer (Porsche) - Porsche - 1'07"036 - Q1
19 - Oliver Turvey (NIO) - NIO - 1'07"038 - Q4
20 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - Mercedes - 1'07"064 - Q1
21 - Maximilian Gunther (BMW) - BMW Andretti - 1'07"103 - Q1
22 - Neel Jani (Porsche) - Porsche - 1'07"119 - Q4
23 - Daniel Abt (NIO) - NIO - 1'07"351 - Q4
24 - Sergio Sette Camara (Penske) - Dragon - 1'07"492

PrecedentePagina 1 di 10Successiva

News

Formula E
v

PrimaPrecedentePagina 1 di 4SuccessivaUltima
PrimaPrecedentePagina 1 di 4SuccessivaUltima

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone