World Endurance

A Interlagos arrivano i primi
aggiornamenti sulla Ferrari 499P

Michele Montesano - XPB Images Vettura che vince non si cambia, si evolve. Reduce dal trionfo della 24 Ore di Le Mans, la Fe...

Leggi »
formula 1

Nel 2025 restano sei
le Sprint Race in calendario

22 marzo - Shanghai3 maggio - Miami26 luglio - Spa18 ottobre - Austin8 novembre - San Paolo29 novembre - Lusail

Leggi »
formula 1

La rinascita della Mercedes W15
passa dalla sospensione anteriore

Michele Montesano - XPB Images La Formula 1 è fatta di piccoli dettagli. Basta un nulla, una regolazione errata o un aggiorn...

Leggi »
formula 1

Lawson a Silverstone con la Red Bull
E Perez comincia a tremare...

Domani, 11 luglio, Liam Lawson sarà a Silverstone per guidare la Red Bull RB20 di questa stagione. L'occasione che si pre...

Leggi »
formula 1

McLaren e Norris, ancora troppi
errori per poter pensare al Mondiale

Avere la monoposto attualmente più veloce del paddock F1, ma non riuscire mai a concretizzare il massimo risultato nei Gran P...

Leggi »
Rally

Rally d’Estonia
Linnamäe batte Virves al fotofinish

Michele Montesano È stato un duello intenso e incerto fino all’ultima curva quello che si è potuto apprezzare nel Rally d’Es...

Leggi »
17 Gen [17:40]

Dakar – 10ª tappa
Chicherit 1°, che duello tra Sainz e Loeb

Michele Montesano

Osservando la classifica finale della decima tappa della Dakar 2024, pare sia stata disegnata appositamente per gli outsider. Infatti nella prova ad anello, ricavata tra la sabbia e i duri sterrati attorno ad AlUla, a svettare è stato Guerlain Chicherit. Favorito dell’ordine di partenza, il francese dell’Overdrive Racing, navigato da Alex Winocq, è riuscito a imprimere subito il giusto ritmo. Supportato dal solido Toyota Hilux, Chicherit è stato imprendibile per tutti i 371 chilometri cronometrati della tappa. Inoltre, grazie al successo odierno, il francese è riuscito a risalire anche in top 5 nella classifica generale.

Doppietta sfiorata dal team Overdrive Racing per colpa di un limite di velocità infranto. A transitare sul traguardo di AlUla al secondo posto sono stati gli italiani Eugenio Amos e Paolo Ceci (nella foto sotto). Purtroppo l’equipaggio tricolore ha ricevuto una penalità di due minuti per non aver rispettato il limite di velocità di 50 km/h in un tratto del trasferimento. Tale sanzione ha visto scivolare Amos al quarto posto di tappa facendogli sfumare anche il suo primo podio nella Dakar.



Ad approfittarne sono stati Brian Baragwanath, al volante del Century CR6-T due ruote motrici, e l’ufficiale Toyota Benediktas Vanagas rispettivamente secondo e terzo di tappa. Quinta piazza per il due volte vincitore della 24 Ore di Le Mans Romain Dumas che ha preceduto il connazionale Mathieu Serradori. Reduce dal podio conquistato nella prova di ieri, il francese del team Century vede sempre più alla sua portata la quinta posizione in classifica generale.

Juan Cruz Yacopini, sesto con l’altro Hilux griffato Overdrive, ha avuto la meglio su Cristian Baumgart, quest'ultimo il più veloce tra i piloti al volante del Prodrive Hunter. A completare la top 10 Martin Prokop, sul Ford Raptor, e Guillame De Mevius. In lotta per il podio assoluto, il belga ha approfittato del dodicesimo posto del diretto rivale Lucas Moraes per accorciare ulteriormente il divario in classifica generale.



Decisamente più attardati i protagonisti della 46ª edizione della Dakar Carlos Sainz e Sebastien Loeb (nella foto sopra). Ciò nonostante, anche quest’oggi i due hanno dato vita a un’intensa battaglia. Partendo per primo, Loeb inizialmente ha perso terreno nei confronti dello spagnolo dell’Audi. Ma il nove volte iridato WRC è poi riuscito ad accorciare le distanze su Sainz, con quest’ultimo impegnato a sostituire una gomma bucata.

Il terreno accidentato ha costretto al secondo stop lo spagnolo, questa volta vittima di ben due forature. A corto di ruote di scorta, si è rivelato di fondamentale importanza l’aiuto del compagno di squadra Mattias Ekström. Sainz è così riuscito a ripartire chiudendo in ventiduesima posizione. Ma anche Loeb non è stato immune alle forature terminando sedicesimo dopo aver perso quindici minuti a causa di un martinetto idraulico rotto. Nulla è ancora scritto perché, a due tappe al termine della Dakar, a dividere Sainz e Loeb ci sono solamente tredici minuti.

Mercoledì 17 gennaio 2024, 10ª tappa (top 10)

1 - Chicherit-Winocq (Toyota Hilux) - Overdrive - 3h19'27"
2 - Baragwanath-Cremer (Century CR6-T) - Century - 5'43"
3 - Vanagas-Sikk (Toyota Hilux) - Toyota - 6'04"
4 - Amos-Ceci (Toyota Hilux) - Overdrive - 6'09"
5 - Dumas-Delfino (Toyota Hilux) - Rebellion - 7'12"
6 - Serradori-Minaudier (Century CR6-T) - Century - 10'03"
7 - Yacopini-Oliveras Carreras (Toyota Hilux) - Overdrive - 10'27"
8 - Baumgart-Andreotti (Prodrive Hunter) - X Rally - 11'21"
9 - Prokop-Chytka (Ford Raptor) - Orlen - 11'58"
10 - De Mevius-Panseri (Toyota Hilux) - Overdrive - 12'01"

La classifica auto generale (top 10)

1 - Sainz-Cruz (Audi E2) - Audi - 41h35'12"
2 - Loeb-Lurquin (Prodrive Hunter) - BRX - 13'22"
3 - Moraes-Monleon (Toyota Hilux) - Toyota - 1h02'44"
4 - De Mevius-Panseri (Toyota Hilux) - Overdrive - 1h27'09"
5 - Chicherit-Winocq (Toyota Hilux) - Overdrive - 1h47'55"
6 - Serradori-Minaudier (Century CR6-T) - Century - 1h48'59"
7 - Prokop-Chytka (Ford Raptor) - Orlen - 1h59'58"
8 - De Villiers-Murphy (Toyota Hilux) - Toyota - 2h17'20"
9 - Botteril-Cummings (Toyota Hilux) - Toyota - 2h24'26"
10 - Vanagas-Sikk (Toyota Hilux) - Toyota - 2h40'51"