F4 Italia

Mugello - Qualifica 1
Bohra e Slater conquistano le pole

Prima la doppietta di US Racing, poi il pareggio del team Prema. E' finita 2 a 2, a decidere il tutto saranno i tempi sup...

Leggi »
World Endurance

A Interlagos arrivano i primi
aggiornamenti sulla Ferrari 499P

Michele Montesano - XPB Images Vettura che vince non si cambia, si evolve. Reduce dal trionfo della 24 Ore di Le Mans, la Fe...

Leggi »
formula 1

Nel 2025 restano sei
le Sprint Race in calendario

22 marzo - Shanghai3 maggio - Miami26 luglio - Spa18 ottobre - Austin8 novembre - San Paolo29 novembre - Lusail

Leggi »
formula 1

La rinascita della Mercedes W15
passa dalla sospensione anteriore

Michele Montesano - XPB Images La Formula 1 è fatta di piccoli dettagli. Basta un nulla, una regolazione errata o un aggiorn...

Leggi »
formula 1

Lawson a Silverstone con la Red Bull
E Perez comincia a tremare...

Domani, 11 luglio, Liam Lawson sarà a Silverstone per guidare la Red Bull RB20 di questa stagione. L'occasione che si pre...

Leggi »
formula 1

McLaren e Norris, ancora troppi
errori per poter pensare al Mondiale

Avere la monoposto attualmente più veloce del paddock F1, ma non riuscire mai a concretizzare il massimo risultato nei Gran P...

Leggi »
PrevPage 1 of 7Next
23 Giu [10:02]

Spa, gara 3
Caranta regola Stevenheydens

Massimo Costa - Foto KSP

Seconda vittoria stagionale per Jules Caranta nella F4 francese. Se a Nogaro si era imposto in gara 2, a Spa ha vinto la terza corsa, contraddistinta da due ingressi della safety-car, la seconda volta ha accompagnato le vetture fino al traguardo. Caranta partiva dalla seconda piazzola della prima fila, in pole Yani Stevenheydens, e alla chicane dopo il rettifilo del Kemmel ha passato di forza il belga salendo al comando che ha mantenuto fino alla bandiera a scacchi.

Stevenheydens ha tentato di avere la meglio sul rookie francese, ma non ce l'ha fatta e si è anche dovuto guardare dal solito Taito Kato, terzo dopo aver superato Chester Kieffer. nella seconda parte della gara. Il giapponese ha recuperato altri punti pesanti per il campionato che lo vede sempre primo, ora con 15 punti di vantaggio su Stevenheydens e 18 su Caranta, che entra di forza nella contesa per il titolo finale.

La prima safety-car è entrata per rimuovere la vettura di Frank Porte-Ruiz. Il pilota di Andorra è arrivato lungo alla variante finale che immette sul traguardo ed ha centrato Dylan Estre. Il francese è ripartito, poi sfortunatissimo, alla ripresa delle ostilità è stato mandato in testacoda alla Source da Alex O'Grady, poi ritiratosi.

La seconda safety-car, che di fatto ha chiuso la corsa, è stata causata da un contatto tra Gabriel Doyle-Parfait ed Arthur Dorison, entrambi finiti nella ghiaia dopo che il francese (sicuramente la grande delusione della stagione viste le aspettative) con una gomma forata per una toccata alla curva precedente è piombato sull'inglese.

Bella prestazione per Leonardo Megna che così a Spa cancella un fine settimana complicato. Il milanese partiva ventesimo e rapidamente è salito decimo per poi concludere ottavo ritrovando la zona punti, dopo i tre zero di Ledenon, come a Nogaro dove aveva terminato quarto e sesto nelle due gare disputate (la terza per forte pioggia era stata cancellata). Primi punti stagionali per i francesi Alexandre Munoz, nono, ed Enzo Caldaras, decimo.

Domenica 23 giugno 2024, gara 3

1 - Jules Caranta - 8 giri 25'11"122
2 - Yani Stevenheydens - 0"292
3 - Taito Kato - 1"034
4 - Chester Kieffer - 1"779
5 - Augustin Bernier - 1"910
6 - Rayan Caretti - 2"308
7 - Jason Leung - 2"706
8 - Leonardo Megna - 3"365
9 - Alexandre Munoz - 4"424
10 - Enzo Caldaras - 5"953
11 - Jules Roussel - 6"421
12 - Tom Le Brech - 6"680
13 - Karel Schulz - 10"364
14 - Edouard Borgna - 11"454
15 - Romeo Leurs - 13"837
16 - Paul Roques - 14"945
17 - Montego Maassen - 16"595
18 - Dylan Estre - 17"792
19 - Mathilda Paatz - 18"190
20 - Louis Schlesser - 24"473

Ritirati
Frank Porte Ruiz
Arjun Cheeda
Gabriel Doyle-Parfait
Arthur Dorison
Alex O'Grady

Il campionato
1.Kato 133; 2.Stevenheydens 117; 3.Caranta 115; 4.Kieffer 101; 5.Caretti 70; 6.Bernier 39; 7.Roussel 33; 8.Porte-Ruiz 27; 9.Megna 24; 10.O'Grady 22; 11.Leung 21; 12.Estre 13; 13.Dorison, Doyle-Parfait 5; 15.Schulz, Maassen 4; 17.Munoz 2; 18.Caldaras 1
 

22 Giu [18:10]

Spa, gara 2
Kato di rimonta, da settimo a primo
Estre terzo, poi penalizzato

Massimo Costa

Settimo al via, quinto al secondo giro, quarto al quinto passaggio, poi quando la pista nella zona di arrivo si è bagnata per una fitta pioggia, Taito Kato ha inizato una clamorosa rimonta che lo ha portato a raggiungere il leader Jules Roussel fino a superarlo. Il francese non si è dato per vinto, gli è rimasto incollato agli scarichi, ma non è riuscito a riprendere il comando della gara 2 a Spa. Kato ha così conquistato la seconda vittoria nella F4 francese dopo quella ottenuta nella terza corsa di Ledenon e allunga ulteriormente nella classifica generale che lo vede primo grazie anche a una serie di piazzamenti notevole.

Kato è al debutto nelle monoposto, scelto dalla Honda come giovane da allevare e portato in Europa, nel campionato della FFSA Academy come già accaduto con altri piloti giapponesi del marchio che in F1 ha collezionato mondiali con la Red Bull negli ultimi anni. Se a Ledenon a seguire Kato c'era Shinji Nakano, pilota di F1 nella metà degli anni Novanta, a Spa si è presentato un colosso del motorsport mondiale, Takuma Sato, tante stagioni nel Mondiale e vincitore della 500 Miglia di Indianapolis. Davanti a sì tanta attenzione, Kato sta ripagando alla grande la fiducia che la Honda gli sta concedendo. E la corsa del pomeriggio di sabato, è stata a dir poco eccezionale per lui.

Importante risultato per Roussel, anche lui rookie, al primo podio stagionale dopo aver conseguito come migior risultato un quinto posto nella gara 3 di Ledenon. Il francese è stato solido in ogni situazione, solo a Kato ha ceduto il passo. Notevole anche la rimonta di Dylan Estre (fratello di Kevin autore della pole ala 24 Ore di Le Mans), 11esimo in partenza, ottavo nelle prime fasi, poi abile nel guadagnare posizioni quando ha cominciato a piovere nel primo settore fino a prendersi il terzo posto.

Augustin Bernier ha occupato la seconda piazza nei primi giri e nella battaglia finale con Estre, Yani Stevenheydens, Chester Kieffer e Jules Caranta è scivolato quarto. Gabriel Doyle-Parfait ha orgoglosamente difeso la seconda posizione fino alle battute conclusive, ma ha perso il passo proprio negli ultimi chilometri chiudendo nono, fuori dai punti che in gara 2 premiano i primi otto. Leonardo Megna, unico italiano nel campionato, da 19esimo era risalito 13esimo nel primo giro, poi ha visto il traguardo da 15esimo. Peccato per Rayan Caretti, urtatosi con Frank Porte-Ruiz dopo il Kemmel al primo giro.

Aggiornamento penalità
Dylan Estre, terzo al traguardo, è stato penalizzato di 5". Di conseguenza, il francese scivola al decimo posto finale, uscendo dalla zona punti. La coppa del terzo classificato va così ad Augustin Bernier.

Sabato 22 giugno 2024, gara 2

1 - Taito Kato - 10 giri 24'06"213
2 - Jules Roussel - 0"285
3 - Augustin Bernier - 1"630
4 - Yani Stevenheydens - 1"841
5 - Chester Kieffer - 2"173
6 - Jules Caranta - 3"276
7 - Alex O'Grady - 3"666
8 - Gabriel Doyle-Parfait - 4"276
9 - Jason Leung - 5"029
10 - Dylan Estre - 6"070 **
11 - Karel Schulz - 6"614
12 - Arthur Dorison - 8"982
13 - Romeo Leurs - 11"827
14 - Edouard Borgna - 13"767
15 - Leonardo Megna - 14"920
16 - Alexandre Munoz - 16"477
17 - Louis Schlesser - 22"176
18 - Tom Le Brech - 22"380
19 - Arjun Cheeda - 24"900
20 - Mathilda Paatz - 32"346
21 - Montego Maassen - 37"906

** 5" di penalità
 
Ritirati
Paul Roques
Rayan Caretti
Frank Porte-Ruiz
Enzo Caldaras

Il campionato
1.Kato 118 punti; 2.Stevenheydens 98; 3.Kieffer, Caranta 89; 5.Caretti 62; 6.Roussel 36; 7.Bernier 28; 8.Porte-Ruiz 27; 9.O'Grady 22; 10.Megna 20; 11.Leung 15; 12.Estre 13; 13.Dorison 5; 14.Schulz, Maassen 4; 16.Doyle-Parfait 3.

22 Giu [11:46]

Spa, gara 1
Kieffer si ripete, Kato allunga

Da Spa - Mattia Tremolada - Foto KSP

Dopo un avvio promettente a Nogaro, con un decimo e un quinto posto, a partire dalla tappa di Ledenon Chester Kieffer ha decisamente cambiato passo, candidandosi come uno dei grandi protagonisti della Formula 4 francese. Nel secondo appuntamento sono infatti arrivate una sorprendente pole, una vittoria e un secondo posto. Risultati che il portacolori del Lussemburgo, seguito dall’ex pilota Stephane Daoudi nel ruolo di coach per la scuola Winfield, ha confermato a Spa-Francorchamps.

Dalla terza casella della griglia, Kieffer ha approfittato del duello tra il poleman Yani Stevenheydens e Jules Caranta per portarsi in prima posizione. Caranta, infatti, aveva beffato Stevenheydens al via. Al termine del secondo passaggio quest'ultimo ha cercato di riscavalcarlo al Bus Stop con una manovra goffa, spedendo in difficoltà Caranta e rimediando 10” di penalità. Il pilota belga ha poi cercato per tutta la corsa di riprendere Kieffer, ma quest’ultimo ha risposto splendidamente a suon di giri veloci, tenendo a bada il rivale.

Kieffer ha così conquistato il secondo successo stagionale, che lo rilancia alla grande in ottica campionato. Stevenheydens ha tagliato il traguardo al secondo posto, ma ha ceduto una posizione a Taito Kato in virtù della penalità di tempo rimediata. Il giapponese ha così allungato nella classifica di campionato, portandosi a 101 punti, 12 in più del belga. Quarto invece Caranta, la cui gara è stata condizionata dalla manovra di Stevenheydens, che lo ha fatto precipitare fuori dal podio.

Ancora brillante Rayan Caretti, buon quinto davanti a Frank Porte Ruiz e Alex O’Grady. Bene anche Jules Roussel, capace nelle ultime battute di sorprendere prima Augustin Bernier (partito male dalla quinta casella) e poi Gabriel Doyle-Parfait. Fuori dalla zona punti Dylan Estre, tallonato da Arthur Dorison. Peccato per Leonardo Megna, colpito da Tom Le Brech nel tentativo di rimonta dalla decima fila della griglia. Entrambi sono stati costretti ad una sosta ai box, ripartendo in fondo al gruppo. Mathilda Paatz è invece andata a picchiare all’uscita del tornanti Bruxelles nel corso dell’ultimo passaggio.

Penalizzati Roussel e Leung

Oltre alla penalità inflitta a Stevenheydens, anche Roussel e Jason Leung sono stati puniti dai commissari. Il pilota francese, ottavo al traguardo, ha ricevuto 3” di penalità per aver completato un sorpasso fuori dai limiti del tracciato. Roussel è così scivolato in decima piazza, alle spalle di Doyle-Parfait e Bernier. 10” invece sono stati aggiunti al tempo finale di gara di Leung, reo di aver causato un contatto. Il pilota canadese è così precipitato da 14esimo a 17esimo.

Sabato 22 giugno 2024, gara 1

1 - Chester Kieffer - 9 giri
2 - Taito Kato - 2”410
3 - Yani Stevenheydens - 10”528*
4 - Jules Caranta - 11”006
5 - Rayan Caretti - 11”760
6 - Frank Porte Ruiz - 14”409
7 - Alex O'Grady - 19”036
8 - Gabriel Doyle-Parfait - 20”236
9 - Augustin Bernier - 20”892
10 - Jules Roussel - 22”258**
11 - Dylan Estre - 22”922
12 - Arthur Dorison - 24”555
13 - Enzo Caldaras - 34”562
14 - Romeo Leurs - 35”198
15 - Alexandre Munoz - 35”495
16 - Karel Schulz - 36”591
17 - Jason Leung - 44”834*
18 - Paul Roques - 51”733
19 - Louis Schlesser - 57”047
20 - Arjun Chheda - 1’02”030
21 - Montego Maassen - 1’04”602
22 - Tom Le Brech - 2’21”300
23 - Leonardo Megna - 2’22”257
24 - Mathilda Paatz - 1 giro

**3” di penalità
*10” di penalità

Ritirato
Edouard Borgna

Il campionato
1.Kato 101 punti; 2.Stevenheydens 89; 3.Caranta 85; 4.Kieffer 83; 5.Caretti 62; 6.Porte-Ruiz 27; 7.Roussel 21; 8.Megna, O'Grady 20; 10.Bernier 19; 11.Leung 15; 12.Estre 13; 13.Dorison 5; 14.Schulz, Maassen, Doyle-Parfait 4.

21 Giu [18:48]

Spa, qualifica
Pole casalinga per Stevenheydens

Da Spa - Mattia Tremolada - Foto KSP

Doppia pole position per Yani Stevenheydens sulla pista di casa di Spa-Francorchamps. Il pilota belga è stato il miglior interprete di una qualifica complicatissima, condizionata da una fine ma insistente pioggia che ha costretto i 25 protagonisti della serie a montare le gomme da bagnato poco prima del via. Sull’asfalto umido Stevenheydens è riuscito ad imporsi con due giri velocissimi, basti pensare che il suo secondo miglior riferimento gli avrebbe comunque consentito di scattare davanti a tutti.

Niente da fare per un comunque tenace Jules Caranta, bravo ad avere la meglio di Chester Kieffer e di Taito Kato nelle battute conclusive. Questo quartetto sta emergendo in maniera sempre più decisa come quello di testa, monopolizzando le prime due file dello schieramento per gara 1 e gara 3. La seconda corsa vedrà invece Jules Roussel scattare davanti a Gabriel Doyle-Parfait, mentre Rayan Caretti e Alex O’Grady saranno alle loro spalle. Bene Augustin Bernier e Frank Porte Ruiz, autori del quinto e sesto tempo.

Fuori dalla top-10 Dylan Estre, che ha preceduto Karel Schulz. Turno complicato per il figlio d’arte Louis Schlesser, 16esimo davanti ad Arthur Dorison, mentre con il 19esimo tempo ha chiuso Leonardo Megna. Da segnalare l'uscita di Montego Maassen dopo pochi minuti dal via, con il pilota tedesco che non è riuscito a far segnare nemmeno un crono valido.

Venerdì 21 giugno 2024, qualifica

1 - Yani Stevenheydens - 2’38”356
2 - Jules Caranta - 2’38”546
3 - Chester Kieffer - 2’38”668
4 - Taito Kato - 2’38”789
5 - Augustin Bernier - 2’39”743
6 - Frank Porte Ruiz - 2’39”829
7 - Alex O'Grady - 2’39”905
8 - Rayan Caretti - 2’40”112
9 - Gabriel Doyle-Parfait - 2’40”241
10 - Jules Roussel - 2’40”273
11 - Dylan Estre - 2’40”486
12 - Karel Schulz - 2’40”608
13 - Enzo Caldaras - 2’40”879
14 - Romeo Leurs - 2’40”920
15 - Jason Leung - 2’41”119
16 - Louis Schlesser - 2’41”383
17 - Arthur Dorison - 2’41”427
18 - Tom Le Brech - 2’41”527
19 - Leonardo Megna - 2’41”759
20 - Alexandre Munoz - 2’41”814
21 - Mathilda Paatz - 2’41”844
22 - Edouard Borgna - 2’42”652
23 - Arjun Chheda - 2’42”785
24 - Paul Roques - 2’42”810
25 - Montego Maassen - nessun tempo

21 Giu [13:10]

Spa, libere
Porte Ruiz prende la testa

Da Spa - Mattia Tremolada

Dopo un turno extra di test di 30 minuti che ha ufficialmente aperto le danze alle ore 9, la Formula 4 francese è tornata in azione in tarda mattinata con la sessione di prove libere del terzo appuntamento di Spa-Francorchamps. Vincitore della corsa con griglia invertita a Ledenon, Frank Porte Ruiz è ripartito con il piede giusto, svettando con il riferimento di 2’24”072.

Il pilota di Andorra non è però riuscito a migliorare il tempo di Taito Kato, che ha fermato il cronometro in 2’23”788 nei test. Il pilota giapponese, seguito da Takuma Sato nel ruolo di coach per Honda, ha chiuso con un ottimo secondo tempo nelle libere, precedendo il rivale al titolo Jules Caranta. Quest’ultimo insegue infatti il leader a -10 lunghezze, una in meno di Yani Stevenheydens, che sulla pista di casa è risultato quinto.

Bene anche Karel Schulz, quarto, mentre il poleman di Ledenon Chester Kieffer continua a sorprendere al sesto posto, dopo aver chiuso secondo nei test. In top-10 anche il trio francese composto da Dylan Estre, Jules Roussel e Augustin Bernier, mentre l’indiano Arjun Chheda è risultato buon nono. Un problema elettrico ha rallentato Leonardo Megna, costretto ad una lunga sosta ai box, mentre Mathilda Paatz non è nemmeno riuscita a compiere un giro cronometrato per un guasto simile.

Venerdì 21 giugno 2024, libere

1 - Frank Porte Ruiz - 2’24”072 - 12 giri
2 - Taito Kato - 2’24”176 - 12
3 - Jules Caranta - 2’24”230 - 12
4 - Karel Schulz - 2’24”300 - 12
5 - Yani Stevenheydens - 2’24”355 - 12
6 - Chester Kieffer - 2’24”786 - 13
7 - Dylan Estre - 2’25”144 - 13
8 - Jules Roussel - 2’25”150 - 12
9 - Arjun Chheda - 2’25”257 - 12
10 - Augustin Bernier - 2’25”414 - 12
11 - Alex O'Grady - 2’25”469 - 12
12 - Enzo Caldaras - 2’25”646 - 12
13 - Romeo Leurs - 2’25”686 - 12
14 - Rayan Caretti - 2’25”700 - 12
15 - Jason Leung - 2’25”701 - 12
16 - Montego Maassen - 2’25”747 - 12
17 - Alexandre Munoz - 2’25”760 - 12
18 - Arthur Dorison - 2’25”992 - 11
19 - Paul Roques - 2’26”074 - 12
20 - Tom Le Brech - 2’26”161 - 12
21 - Gabriel Doyle-Parfait - 2’26”276 - 11
22 - Edouard Borgna - 2’26”320 - 12
23 - Leonardo Megna - 2’26”385 - 9
24 - Louis Schlesser - 2’27”110 - 13
25 - Mathilda Paatz - nessun tempo

12 Mag [9:47]

Ledenon - Gara 3
Il Giappone lancia Kato

Massimo Costa - KSP Foto

Prima vittoria e leadership nel campionato. Taito Kato lascia Ledenon con il sorriso stampato sul suo volto. Vincitore della Honda Racing School nel 2023, il 16enne giapponese è stato spedito in Francia per partecipare al campionato nazionale della F4, un percorso che già avevano fatto nel 2020 Ayumu Iwasa, vincitore del titolo (poi divenuto pilota Red Bull ed ora impegnato nella Super Formula dopo due ottime stagioni in F2 e al recente GP di Suzuka al volante della Racing Bulls F1 il venerdì) e Ren Sato, anch'egli in Super Formula.

Kato, che vive da solo a Le Mans e passa il suo tempo nella Academy FFSA (in pista è seguito dall'ex F1 Shinji Nakano), è partito dalla pole grazie al miglior secondo crono realizzato in qualifica ed ha sempre occupato la prima posizione. Jules Caranta, al suo fianco in prima fila, non è scattato bene venendo superato da Chester Kieffer (seconda fila) e Yani Stevenheydens, partito come una molla dalla quinta piazzola.

Kato e Kieffer hanno duellato a lungo, poi negli ultimi giri il vincitore di gara 1 ha mollato la presa lasciando il giapponese libero verso il suo primo successo in formula che lo fa balzare in testa alla classifica generale. Punti importanti anche per Kieffer, salito quarto in campionato.

Terza posizione per Caranta che ha avuto la meglio su Stevenheydens. Leggermente staccati dal duo di testa, anche il rookie francese e il belga hanno dato vita a una lunga battaglia finché Caranta ha compiuto un magistrale sorpasso sul rivale, quarto all'arrivo e ora secondo in campionato con un punto di vantaggio sullo stesso Caranta e a 9 lunghezze da Kato. Jules Roussel, partito dalla seconda fila, ha occupato costantemente il quinto posto.

Augustin Bernier ha tagliato il traguardo in sesta posizione facendo gara solitaria davanti a Rayan Caretti e Alex O'Grady. Gli ultimi punti della Top 10 sono andati ai francesi Arthur Dorison e Dylan Estre, che hanno combattuto per tutti i 16 giri. Leonardo Megna, 17esimo in griglia, aveva subito recuperato due posizioni, poi un contatto con Karel Schulz lo ha fatto scendere 20esimo. Rimboccatesi le maniche, è risalito 16esimo. Ritirato nel finale Frank Porte-Ruiz, vincitore di gara 2, mentre occupava la nona posizione.

Domenica 12 maggio 2024, gara 3

1 - Taito Kato - 16 giri
2 - Chester Kieffer - 1"178
3 - Jules Caranta - 3"506
4 - Yani Stevenheydens - 4"609
5 - Jules Roussel - 7"564
6 - Augustin Bernier - 11"067
7 - Rayan Caretti - 15"687
8 - Alex O'Grady - 18"543
9 - Arthur Dorison - 23"348
10 - Dylan Estre - 24"889
11 - Montego Maassen - 27"092
12 - Enzo Caldaras - 27"272
13 - Louis Schlesser - 28"736
14 - Gabriel Doyle-Parfait - 29"256
15 - Jason Leung - 31"847 **
16 - Leonardo Megna - 34"336
17 - Edouard Borgna - 35"141
18 - Arjun Chheda - 41"242
19 - Romeo Leurs - 42"827
20 - Tom Le Brech - 43"610
21 - Paul Roques - 46"059
22 - Alexandre Munoz - 47"116

Ritirati
Frank Porte-Ruiz
Karel Schulz
Mathilda Paatz

** Penalizzato di 5"

Il campionato
1.Kato 83; 2.Stevenheydens 74; 3.Caranta 73; 4.Kieffer 58; 5.Caretti 52; 6.Megna, Roussel 20; 8.Porte-Ruiz 19; 9.Bernier 17; 10.Leung 15; 11.O'Grady 14; 12.Estre 13; 13.Dorison 5; 14.Schulz, Maassen 4.

11 Mag [16:52]

Ledenon - Gara 2
La prima volta di Porte-Ruiz

Da Ledenon - Massimo Costa

E' il giorno dei piccoli Stati nella F4 francese. La prima gara disputata questa mattina è infatti stata vinta dal debuttante Chester Kieffer, proveniente dal Lussemburgo. La seconda corsa invece, ha segnato la prima vittoria in formula di Frank Porte-Ruiz, nativo di Andorra. Con lo schieramento invertito in base ai primi dieci di gara 1, il 17enne alla sua seconda stagione nella categoria, è partito dalla posizione del poleman ed ha sempre tenuto il comando nonostante alle sue spalle si sia presentato aggressivo Yani Stevenheydens, quarto in griglia e abile nel passare subito i rookie Montego Maassen (figlio d'arte) ed Alex O'Grady.

Dopo un periodo di safety-car per il contatto innescato da Gabriel Doyle-Parfait, salito sulla Mygale di Arthur Dorison, Porte-Ruiz ha condotto con estrema sicurezza lasciando a un paio di secondi Stevenheydens. Per il ragazzo di Andorra, molto conosciuto dalle sue parti per i tutorial sulla guida che posta su Instagram, non ci sono stati problemi per prendersi la sua prima vittoria. Lo scorso anno, aveva chiuso il campionato 23esimo. C'è un altro aspetto curioso che riguarda Frank: il suo casco, è una "copia" di quello del mitico campione del mondo James Hunt, nero con sui lati il proprio nome.

Con il secondo posto, Stevenheydens passa a condurre la classifica generale di campionato con 5 punti di vantaggio sulla coppia Jules Caranta e Taito Kato. Partito ottavo, il giovane francese ha terminato sesto mentre il giapponese supportato dalla Honda (lo segue in pista l'ex F1 Shinji Nakano) da nono è risalito quinto con grinta. Primo podio e primi punti per Alex O'Grady, irlandese, volto nuovo della categoria, bravo a tenere il terzo posto dagli attacchi del sempre più sorprendente Rayan Caretti, ancora protagonista e quarto all'arrivo da sesto in griglia.

L'emozione di partire in prima fila ha giocato un brutto scherzo a Maassen, scattato lentamente e subito sceso quinto e solo 11esimo al traguardo. Settimo il vincitore di gara 1 Kieffer, che partiva decimo. Leonardo Megna, 19esimo sullo schieramento per una qualifica poco felice, ha concluso 14esimo e rimane sesto in campionato.

Sabato 11 maggio 2024, gara 2

1 - Frank Porte-Ruiz - 14 giri
2 - Yani Stevenheydens - 2"063
3 - Alex O'Grady - 3"751
4 - Rayan Caretti - 4"483
5 - Taito Kato - 4"936
6 - Jules Caranta - 5"179
7 - Chester Kieffer - 6"881
8 - Augustin Bernier - 7"956
9 - Karel Schulz - 11"742
10 - Dylan Estre - 12"261
11 - Montego Maassen - 12"988
12 - Jason Leung - 15"496
13 - Enzo Caldaras - 15"747
14 - Leonardo Megna - 16"398
15 - Jules Roussel - 16"957
16 - Louis Schlesser - 20"440
17 - Mathilda Paatz - 20"760
18 - Tom Le Brech - 24"065
19 - Edouard Borgna - 25"508
20 - Arjun Chheda - 27"750
21 - Paul Roques - 32"431
22 - Alexandre Munoz - 58"730
23 - Romeo Leurs - 1'21"193

Ritirati
Arthur Dorison
Gabriel Doyle-Parfait

Il campionato
1.Stevenheydens 62; 2.Caranta, Kato 57; 4.Caretti 46; 5.Kieffer 40; 6.Megna 20; 7.Porte-Ruiz 19; 8.Leung 15; 9.Estre 12; 10.Roussel, O'Grady 10; 12.Bernier 9; 13.Schulz, Maassen; 15.Dorison 3.

11 Mag [10:45]

Ledenon - Gara 1
Kieffer contiene Kato

Da Ledenon - Massimo Costa - Foto KSP

E' stata una gara estremamente combattuta quella della F4 francese che aperto il sabato sul circuito di Ledenon. Grandi protagonisti, il poleman Chester Kieffer e Taito Kato. Il lussemburghese e il giapponese supportato dalla Honda hanno fin da subito spiinto fortissimo creando un gap notevole sul terzo, inizialmente Julien Caranta. Kato ha tentato in mille modi di superare Kieffer, abile nel chiudere ogni varco giro dopo giro.

Soltanto la safety-car, intervenuta nel finale per una uscita di Dylan Estre, ha ricompattato il gruppo, ma l'esito finale non è cambiato. Kieffer ha vinto la sua prima gara in F4, ovviamente primo tra i debuttanti, facendo suonare l'inno del Lussemburgo, sicuramente una novità per quanto riguarda le gare in monoposto. Kato si conferma un osso duro per tutti, anch'egli al debutto in formula.

Caranta, che rimane leader del campionato, non ha resistito all'attacco di Yani Stevenheydens. Il belga partiva settimo e al primo giro era già quarto alle spalle del giovane francese. Già al secondo passaggio, Stevenheydens ha superato Caranta, ma non è mai stato in grado di avvicinare il duo di testa. Anzi, si è dovuto guardare da Caranta che gli si è incollato all'ala posteriore per tutto il resto della gara. Buona prestazione per Rayan Caretti, quinto al traguardo. In partenza (da quinto), è stato passato da Julien Roussel, che però ha risuperato poco dopo.

Alle loro spalle non sono mancati i duelli, notevole il recupero di Arthur Dorison, da 15esimo al via a nono. Il primo giro è costato il ritiro al debuttante Alexandre Munoz, urtatosi con Arjun Chheda. Estre si è ritrovato una gomma forata da Jason Leung ed è dovuto rientrare ai box. Poi, successivamente, è uscito alla curva 2 chiamando la safety-car. Leonardo Megna da 20esimo è rapidamente salito 15esimo, per poi concludere 16esimo.

Sabato 11 maggio 2024, gara 1

1 - Chester Kieffer - 15 giri
2 - Taito Kato - 1"456
3 - Yani Stevenheydens - 1"753
4 - Jules Caranta - 2"102
5 - Rayan Caretti - 4"143
6 - Jules Roussel - 4"707
7 - Augustin Bernier - 5"162
8 - Frank Porte Ruiz - 5"461
9 - Arthur Dorison - 6"081
10 - Jason Leung - 8"744
11 - Alex O'Grady - 8"914
12 - Enzo Caldaras - 9"316
13 - Gabriel Doyle-Parfait - 9"623
14 - Karel Schulz - 10"353
15 - Montego Maassen - 11"568
16 - Leonardo Megna - 11"642
17 - Louis Schlesser - 11"772
18 - Romeo Leurs - 14"967
19 - Edouard Borgna - 15"987
20 - Paul Roques - 16"549
21 - Mathilda Paatz - 17"463

Ritirati
Tom Le Brech
Arjun Chheda
Dylan Estre
Alexandre Munoz

Il campionato
1.Caranta 52 punti; 2.Kato 51; 3.Stevenheydens 50; 4.Kieffer, Caretti 38; 6.Megna 20; 7.Leung 15; 8.Estre 12; 9.Roussel 10; 10.Bernier 8; 11.Schulz, Maassen, Porte-Ruiz 4; 14.Dorison 3.

10 Mag [16:52]

Ledenon - Qualifica
Kieffer, un rookie in pole

Da Ledenon - Massimo Costa - Foto KSP

Chester Kieffer è il poleman del secondo appuntamento stagionale della F4 francese in scena a Ledenon. Alla sua prima stagione in monoposto, dopo una lunga esperienza maturata nel karting (il lussemburghese ha già 17 anni), sembra apprendere i "segreti" della categoria molto in fretta. Decimo e quinto nelle prime due gare di Nogaro, Kieffer nel finale della qualifica sul non facile tracciato transalpino, si è fatto largo migliorandosi costantemente fino a siglare il tempo decisivo di 1'20"001. Nella giornata di giovedì, dedicata ai test collettivi, Kieffer aveva concluso sesto nel compendio generale dei tempi delle cinque sessioni, lasciando intendere di potersela giocare per un posto nelle prime file.

La qualifica aveva visto protagonisti assoluti nella parte finale Taito Kato e Jules Caranta. Il giapponese pupillo della Honda, aveva segnato il crono di 1'20"346 venendo superato dal francese con 1'20"299. Caranta si è ulteriormente migliorato con 1'20"127, Kato si è avvicinato con 1'20"239, ma a sorprenderli è stato Kieffer che dopo un buon 1'20"304 che lo aveva portato in terza posizione, ha tolto tre decimi chiudendo in 1'20"001. Kato allora, non si è dato per vinto portandosi sull'1'20"085 che gli ha permesso di scalvacare Caranta, rimasto fermo sul precedente crono.

Kieffer ha così potuto festeggiare la sua prima pole alla seconda partecipazione in un evento di Formula 4 battendo Kato e Caranta. Curiosamente, in cima alla classifica si era portato Karel Schulz con 1'18"761, un tempone esagerato in quanto lo poneva davanti a Kieffer di ben 1"2. Dopo attenta verifica, gli è stato cancellato e il francese col casco che ricorda il compianto pilota di F1 Ronnie Peterson, è stato retrocesso 19esimo.

Quarto posto per un ottimo Jules Roussel, quarto in gara 1 a Nogaro, il quale ha concluso davanti al sempre più sorprendente Rayan Caretti, thailandese. Augustin Bernier, il più veloce nel turno libero del mattino, ha terminato sesto davanti a Yani Stevenheydens. Dominatore della giornata dei test collettivi di giovedì oltre che poleman e vincitore di gara 1 a Nogaro, il belga si è dovuto accontentare del settimo posto. Qualifica negativa per Leonardo Megna, 20esimo, che non ha ripetuto il buon risultato di Nogaro quando si era qualificato ottavo e quello dei test di giovedì, che lo avevano visto quinto assoluto.

Venerdì 10 maggio 2024, qualifica

1 - Chester Kieffer - 1'20"001
2 - Taito Kato - 1'20"085
3 - Jules Caranta - 1'20"127
4 - Jules Roussel - 1'20"264
5 - Rayan Caretti - 1'20"433
6 - Augustin Bernier - 1'20"460
7 - Yani Stevenheydens - 1'20"463
8 - Alex O'Grady - 1'20"475
9 - Montego Maassen - 1'20"559
10 - Frank Porte Ruiz - 1'20"594
11 - Dylan Estre - 1'20"667
12 - Jason Leung - 1'20"752
13 - Gabriel Doyle-Parfait - 1'20"765
14 - Arjun Chheda - 1'20"873
15 - Arthur Dorison - 1'20"891
16 - Enzo Caldaras - 1'20"982
17 - Edouard Borgna - 1'20"986
18 - Alexandre Munoz - 1'21"058
19 - Karel Schulz - 1'21"151
20 - Leonardo Megna - 1'21"196
21 - Louis Schlesser - 1'21"257
22 - Mathilda Paatz - 1'21"405
23 - Paul Roques - 1'21"764
24 - Romeo Leurs - 1'21"804
25 - Tom Le Brech - 1'21"845

10 Mag [10:10]

Ledenon, libere
Bernier precede Kato

Da Ledenon - Massimo Costa - Foto KSP

La F4 francese approda sul tortuoso circuito di Ledenon per il secondo appuntamento stagionale. Dopo il weekend pasquale di Nogaro, dove è stata cancellata una gara per l'intensa pioggia, a Ledenon un bel sole ha accolto il paddock della categoria. Giovedì si sono disputate cinque sessioni da trenta minuti, di test collettivi che hanno visto dominatore incontrastato Yani Stevenheydens, vincitore della prima corsa di Nogaro e penalizzato nella seconda, che lo aveva visto tagliare per primo il traguardo, per partenza (leggermente) anticipata. Il successo era andato così al rookie Jules Caranta, balzato in cima alla classifica di campionato.

E proprio i debuttanti hanno dettato legge nel turno libero di stamane. Augustin Bernier ha segnato il primo tempo in 1'19"767 precedendo Taito Kato, il giapponese spinto dalla Honda che a Nogaro ha conquistato due podi, secondo a 39 millesimi. Poi, un altro rookie, Chester Kieffer e Caranta. Il primo dei "ripetenti" è Frank Porte Ruiz, quinto davanti a Karel Schulz e a Stevenheydens. Il belga, dopo 5 giri è uscito di pista provocando l'unica bandiera rossa della sessione. Leonardo Megna, che nella classifica assoluta dei test di giovedì era risultato ottimo quinto, ha ottenuto il 19esimo tempo causa un problema ad un disco dei freni posteriori. Noie anche per Jules Roussel, ai box fin dai primi minuti del turno.

Da segnalare l'assenza di Pacome Weisenburger mentre ha debutatto Alexandre Munoz che a Nogaro non aveva potuto gareggiare in quanto non era ancora 15enne.

Venerdì 10 maggio 2024, libere

1 - Augustin Bernier - 1'19"767 - 15 giri
2 - Taito Kato - 1'19"806 - 15
3 - Chester Kieffer - 1'19"870 - 16
4 - Jules Caranta - 1'19"916 - 15
5 - Frank Porte Ruiz - 1'20"011 - 14
6 - Karel Schulz - 1'20"207 - 14
7 - Yani Stevenheydens - 1'20"291 - 5
8 - Enzo Caldaras - 1'20"373 - 15
9 - Rayan Caretti - 1'20"488 - 14
10 - Montego Maassen - 1'20"525 - 13
11 - Dylan Estre - 1'20"558 - 14
12 - Jason Leung - 1'20"588 - 14
13 - Arjun Chheda - 1'20"656 - 15
14 - Louis Schlesser - 1'20"679 - 15
15 - Jules Roussel - 1'20"685 - 7
16 - Alexandre Munoz - 1'20"714 - 13
17 - Arthur Dorison - 1'20"717 - 15
18 - Gabriel Doyle-Parfait - 1'20"800 - 15
19 - Leonardo Megna - 1'20"816 - 14
20 - Mathilda Paatz - 1'21"117 - 14
21 - Tom Le Brech - 1'21"185 - 14
22 - Alex O'Grady - 1'21"501 - 15
23 - Edouard Borgna - 1'21"809 - 15
24 - Paul Roques - 1'22"528 - 14
25 - Romeo Leurs - 1'22"706 - 14

PrevPage 1 of 7Next

News

F4 French
v

FirstPrevPage 1 of 2NextLast
FirstPrevPage 1 of 2NextLast