formula 1

McLaren ritrova il 4° posto con un
grande Norris e un ritrovato Ricciardo

Sorpasso. La McLaren si riprende il quarto posto nella classifica costruttori ai danni della Alpine-Renault grazie a un clamo...

Leggi »
formula 1

Alonso diventa il pilota che
ha corso il maggior numero di GP

Trecentocinquanta. 350. La statistica relativa ai piloti che hanno disputato il maggior numero di Gran Premi nella storia del...

Leggi »
World Endurance

Cadillac affida la sua LMDh a Ganassi
Al via con Bamber, Lynn e Westbrook

Michele Montesano Cadillac ha rivelato la formazione con cui affronterà la stagione 2023 del FIA WEC. A gestire la Cadillac...

Leggi »
formula 1

Perez e la safety car a Singapore:
cosa lascia perplessi della direzione gara

Sergio Perez ha potuto festeggiare la sua quarta vittoria in Formula 1, con quella che lui stesso ha definito "la miglio...

Leggi »
GT World Challenge

Montmelò, gara
Marciello prende anche l’Endurance
Cairoli trascina Dinamic al successo

È stato un tripudio tricolore quello andato in scena a Montmelò, dove i piloti italiani sono stati grandi protagonisti del fi...

Leggi »
formula 1

Perez re dei circuiti cittadini
Doppio podio per la Ferrari

Ma chi c'era sulla Red Bull-Honda numero 11? Sergio Perez o Max Verstappen? No, nessun dubbio. A dominare un difficilissi...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
4 Ott [1:16]

WSK Open Cup a Lonato
Hernandez si impone nella Junior

Le condizioni meteo sono state finalmente perfette per la fase conclusiva della WSK Open Cup, nell’evento internazionale organizzato da WSK Promotion al South Garda Karting di Lonato con la partecipazione delle maggiori case costruttrici e i team più qualificati. Con 206 piloti al via da 48 nazioni, questa quinta edizione ha avuto tanti protagonisti internazionali, fra i quali anche diversi giovani talenti in lotta per la conquista dei titoli in palio nelle 4 categorie MINI, OKJ, OK e KZ2.

LE PREFINALI

OKJ
Nelle due Prefinali della OK-Junior si sono imposti i due vincenti delle manches di qualificazione, in Prefinale-A ha dominato il colombiano Salim Hanna Hernandez (Ricky Flynn/LN-Vortex-Vega), mentre la Prefinale-B è andata al tedesco Taym Saleh (KR Motorsport/KR-Iame). Fra gli emergenti ottimo terzo posto per l’italiano Iacopo Martinese (KR Motorsport/KR-Iame) al suo debutto nella Junior.

MINI
Arrivo in volata per la Prefinale-A della MINI con la vittoria del turco Iskender Zulfikari (BabyRace/Parolin-Iame-Vega) sull’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame). Nella Prefinale-B la vittoria è per Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing) sul tedesco Arjen Kraeling (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame).

KZ2
Nella Prefinale della KZ2 l’italiano Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing-Vega) riesce a spodestare il francese Emilien Denner (CPB Sport/Sodikart-TM Racing) dalla leadership di tutte le qualificazioni, terminato terzo nella Prefinale e preceduto anche dal francese Jeremy Iglesias (CRG Racing Team/CRG-TM Racing).

OK
Nella Prefinale della OK alcuni protagonisti delle qualificazioni sono subito incappati in incidenti, ad approfittarne è stato l’italiano Sebastiano Pavan (Forza Racing/Exprit-TM Racing-LeCont) vincitore in volata sul danese David Walther (Koski Motorsport/Tony Kart-Vortex). I due piloti vincenti nelle manches sono terminati al quinto posto Yuanpu Cui, al nono posto Alex Powell, ambedue con KR Motorsport su KR-Iame.

LE FINALI

Nella OKJ domina Hanna Hernandez
La Finale della OK-Junior è subito nelle mani è subito nelle mani del colombiano Salim Hanna Hernandez (Ricky Flynn/LN-Vortex-Vega), che si porta subito in testa e conclude con la vittoria davanti al brasiliano Miguel Costa (Sauber Academy/KR-Iame) che si installa in seconda posizione già a metà gara. Terzo conclude il tedesco Taym Saleh (KR Motorsport/KR-Iame), quarto il polacco Maciej Gladysz (Ricky Flynn/LN-Vortex), con l’israeliano Guy Elbag (Ward Racing/Tony Kart-Vortex) al quinto posto e il cinese Zhenrui Chi (Beyond Racing Team/KR-TM Racing) sesto per una penalizzazione inflitta allo svedese Elliot Kaczynski (Ward Racing/Tony Kart-Vortex).
Finale OK-Junior
Salim Hanna Hernandez (COL)
Miguel Costa (BRA)
Taym Saleh (DEU)

Nella MINI vince Zulfikari in volata
La MINI non si è davvero smentita per l’agonismo espresso dai tanti giovanissimi che affollano la categoria. Per la vittoria hanno lottato fino all’ultimo metro un bel nugolo di piloti, a spuntarla è stato il turco Iskender Zulfikari (BabyRace/Parolin-Iame-Vega) in volata su Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing) e sull’inglese Roman Kamyab, compagno di squadra di Zulfikari. Quarto, ma in testa nei primi giri, Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame), anche questi ottimo protagonista insieme all’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame). Sesto ha chiuso il romeno Bogdan Cosma Cristofor (BabyRace/Parolin-Iame).
Finale MINI
Iskender Zulfikari (TUR)
Vladimir Ivannikov
Roman Kamyab (GBR)

In KZ2 è Denner a ottenere il successo finale
Molto bella anche la finale della KZ2, dove il francese Emilien Denner (CPB Sport/Sodikart-TM Racing-Vega) è riuscito a riprendere il comando delle operazioni dopo pochi giri dal via quando ha potuto mettere a segno il sorpasso sull’italiano Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing), scattato molto bene dalla pole position. Con Denner e Palomba ad occupare le prime due posizioni, la lotta è rimasta per il terzo posto, ed ha riguardato il romeno Daniel Vasile (DR/DR-Modena Engines) e il francese Jeremy Iglesias (CRG Racing Team/CRG-TM Racing), con Vasile che è riuscito a concludere terzo resistendo bene agli attacchi di Iglesias. Al quinto e sesto posto si sono piazzati altri due piloti CRG, Viktor Gustavsson e Paavo Tonteri.
Finale KZ2
Emilien Denner (FRA)
Giuseppe Palomba (ITA)
Daniel Vasile (ROU)

In OK vittoria per il pilota della Lettonia Stolcermanis
Gran bella vittoria per il pilota della Lettonia Tomass Stolcermanis (Energy Corse/Energy-TM Racing-LeCont) che dalla seconda fila dello schieramento è riuscito subito a portarsi in testa alla gara e mantenere il comando fin sul traguardo. Alle spalle di Stolcermanis si è inserito lo svedese Oscar Pedersen (Ward Racing/Tony Kart-Vortex), con il brasiliano Gabriel Gomez (CRG Racing Team/CRG-Iame) terzo sul podio. Ha perso invece il quarto posto l’italiano Sebastiano Pavan (Forza Racing/Exprit-TM Racing) per una penalizzazione, quarto è così subentrato il giamaicano Alex Powell (KR Motorsport/ KR-Iame) dopo una bella rimonta, quinto l’americano Luis James Egozi (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), mentre il danese David Walther (Koski Motorsport/Tony Kart-Vortex) è scivolato indietro fino al sesto posto.
Finale OK
Tomass Stolcermanis (LVA)
Oscar Pedersen (SWE)
Gabriel Gomez (BRA)

1 Ott [20:35]

WSK Open Cup a Lonato
Tutti i risultati del sabato

Il sole è tornato a splendere sul circuito South Garda Karting di Lonato dopo la pioggia di venerdì, e le 36 manches di qualificazione si sono completate in perfetta regolarità per delineare i finalisti della fase conclusiva della quinta edizione della WSK Open Cup in svolgimento al South Garda Karting di Lonato. I maggiori protagonisti fra i 206 piloti provenienti da 48 nazioni sono quindi più che mai pronti alla sfida finale di domenica 2 ottobre, in diretta TV Streaming nel sito wsk.it e su Motorsport.tv dalle ore 10:50 per le Prefinali e dalle ore 14:00 per le 4 Finali che eleggeranno i campioni delle 4 categorie MINI, OKJ, OK e KZ2.

KZ2 – Nelle qualificazioni domina Denner
In KZ2 il francese Emilien Denner (CPB Sport/Sodikart-TM Racing-Vega) domina le qualificazioni, dal miglior tempo in prova all’en-plein di vittorie nelle tre manches della categoria. Alle spalle del francese si inserisce il vincitore dell’edizione 2019 e 2021, Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing), autore di ottimi piazzamenti. Ma anche altri validi protagonisti sono pronti a dar battaglia, come il francese Jeremy Iglesias (CRG Racing Team/CRG-TM Racing), il tedesco David Trefilov (Maranello SRP/Maranello-TM Racing), e gli altri due portacolori di CRG, lo svedese Viktor Gustavsson e il finlandese Paavo Tonteri. Tutti decisi a dar battaglia insieme ad altri pretendenti che per varie ragioni per ora sono rimasti attardati.
KZ2, classifica manches: 1. Denner penalità 0; 2. Palomba pen. 10; 3. Iglesias pen. 11; 4. Trefilov pen. 14; 5. Gustavsson pen. 18; 6. Tonteri pen. 21; 7. Stell pen. 27; 8. Putiatin pen. 28.

OK – Cui e Powell in evidenza
Nelle tre manches della OK prevale il cinese Yuanpu Cui (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont) grazie ad una vittoria e due piazzamenti, mentre il suo compagno di squadra, il finlandese Luka Sammalisto, dopo la pole position in prova, per un ritiro nella prima manche è rimasto relegato nelle retrovie anche nelle altre due manches. A risalire invece la classifica è l’altro portacolori di KR Motorsport, il giamaicano Alex Powell, che si piazza secondo dopo le manches. Bene anche lo svedese Oscar Pedersen (Ward Racing/Tony Kart-Vortex), terzo, e Anatoly Khavalkin (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) quarto con la vittoria nella terza manche. L’italiano Sebastiano Pavan (Forza Racing/Exprit-TM Racing) si conferma tra i migliori andando a conquistare la quinta posizione, davanti all’ettone Tomass Stolcermanis (Energy Corse/Energy-TM Racing).
OK, classifica manches: 1. Cui penalità 8; 2. Powell pen. 9; 3. Pedersen pen. 10; 4. Khavalkin pen. 12; 5. Pavan pen. 21; 6. Stolcermanis pen. 22; 7. Bianco pen. 24; 8. Walther pen. 26.

OKJ – Hanna Hernandez in prima posizione
Particolarmente interessante la OKJ, con 60 giovani emergenti e diversi in questa occasione al debutto nella categoria superiore provenienti dalla MINI. La migliore posizione dopo le manches è occupata dal colombiano Salim Hanna Hernandez (Ricky Flynn/LN-Vortex-Vega), seguito dal tedesco Taym Saleh (KR Motorsport/KR-Iame), ambedue con due vittorie, dal polacco Maciej Gladysz (Ricky Flynn Motorsport/LN) che aveva ottenuto la pole position e poi vincitore di una manche ma sempre fra i migliori, e poi dall’australiano Griffin Peebles (Koski Motorsport/Tony kart-Vortex) anche questi con due vittorie. Sono comunque diversi i pretendenti al successo.
OKJ, classifica manches: 1. Hanna Hernandez penalità 9; 2. Saleh pen. 9; 3. Gladysz pen. 10; 4. Peebles pen. 13; 5. Schaufler pen. 14; 6. Helias pen. 16; 7. Ageev 20; 8. Chi pen. 21.

MINI – Kamyab prevale su una moltitudine di giovanissimi
Nelle 15 manches degli 87 giovanissimi che hanno affollato la MINI, prevale l’inglese Roman Kamyab (BabyRace/Parolin-Iame-Vega) con 3 vittorie nelle manches, seguito a pari penalità dall’americano Jack Iliffe (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) con due vittorie. Ottimo il recupero dell’italiano Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame) con 2 vittorie, così come quello del suo compagno di squadra, il brasiliano Augustus Toniolo. Si confermano protagonisti anche l’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame), Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing), il turco Iskender Zulfikari (BabyRace/Parolin-Iame) e l’italiano Ludovico Busso (DR/DR-TM Racing) in evidenza fin dalle prove. Un ritiro pesa nella classifica del romeno Bogdan Cosma Cristofor (BabyRace/Parolin-Iame-Vega) che aveva ottenuto la pole position.
MINI, classifica manches: 1. Kamyab penalità 8; 2. Iliffe pen. 8; 3. Sala pen. 10; 4. Toniolo pen. 11; 5. Hoogendoorn pen. 15; 6. Ivannikov pen. 18; 7. Zulfikari pen. 20; 8. Busso pen. 23.

30 Set [21:52]

WSK Open Cup a Lonato
I risultati di venerdì

Al Circuito South Garda Karting di Lonato è arrivata la pioggia a rendere più difficile la prima parte del weekend dell’evento internazionale in prova unica della WSK Open Cup, rendendo ancora più complicato l’inizio di questa quinta edizione per gli oltre 200 piloti, in rappresentanza di 48 nazioni, impegnati nelle categorie MINI, OKJ, OK e KZ2. Dopo le prove libere della vigilia, venerdì la manifestazione è entrata subito nel vivo con le prove di qualificazione e le prime bagnatissime manches, con diverse conferme dei valori in campo e tanti protagonisti che si sono messi subito in evidenza, ma anche con qualche sorpresa per la capacità della guida sul bagnato.

KZ2 – A Denner il miglior tempo
Nella categoria più prestazionale della KZ2, non si è smentito il campione francese Emilien Denner (CPB Sport/Sodikart-TM Racing-Vega) che negli ultimi istanti ha realizzato la pole position in 1:02.049, con poco più di un decimo di vantaggio sul connazionale Jeremy Iglesias (CRG Racing Team/CRG-TM Racing), mentre leggermente più staccati si sono piazzati gli italiani Matteo Zanchi (Zanchi Motorsport/BirelART-TM Racing) a 0.787 e Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing) a 0.848, vincitore dell’edizione 2019 e 2021. L’altro portacolori di CRG, il finlandese Paavo Tonteri, ha staccato il quinto tempo a 1.288, il tedesco David Trefilov (Maranello SRP/Maranello-TM Racing) il sesto a 1.311. Solamente 13mo invece l’altro maggior protagonista della categoria, lo svedese Viktor Gustavsson in gara con CRG. La manche disputata è stata dominata da Emilien Denner con un gran vantaggio su Jeremy Iglesias, Matteo Zanchi, Giuseppe Palomba e Paavo Tonteri.

OK – Bel risultato di Sammalisto, sua la pole 
In OK ha sorpreso il finlandese Luka Sammalisto (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont), sul bagnato autore della pole position in 1:05.587, con 6 decimi di vantaggio sul compagno di squadra, il cinese Yuanpu Cui, e 0.698 sullo svedese Oscar Pedersen (Ward Racing/Tony Kart-Vortex). Buona prestazione anche per l’italiano Sebastiano Pavan con Forza Racing su Exprit-TM Racing con il quinto tempo a 0.771 e per il polacco Jan Przyrowski (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) a 0.992. La manche va a Cui. Nella manche di venerdì Luka Sammalisto è incappato in una uscita di pista, la vittoria è andata al suo compagno di squadra Yuanpu Cui davanti all’ettone Tomass Stolcermanis (Energy Corse/Energy-TM Racing) e a Oscar Pedersen.

OKJ – Gladysz il più veloce in prova
Nelle tre sessioni cronometrate della OK-Junior, il più veloce della Serie-3 e dell’assoluta si è rivelato il polacco Maciej Gladysz (Ricky Flynn Motorsport/LN-Vortex-Vega) in 1:05.638, già vincitore della WSK Open Cup nel 2020 nella MINI. Gladysz, nella foto Sporinphoto, ha preceduto il migliore della Serie-2, Peter Ageev (Leclerc by Lennox Racing/BirelART-TM Racing) in 1:05.823, e al migliore della Serie-1, l’inglese Lewis Wherrell (Forza Racing/Exprit-TM Racing) in 1:06.296. Buona anche la prestazione dell’austriaco Niklas Schaufler (DPK/KR-Iame) con il quarto tempo in 1:06.131, e dei due piloti del team Ricky Flynn, l’inglese Alfie Slater in 1:05.837 e del colombiano Hernandez Hanna in 1:06.399. Purtroppo è invece incappato in una esclusione l’olandese figlio d’arte René Lammers (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) con la conseguenza di dover partire nelle manches dal fondo dello schieramento.
Schaufler e Gladysz in risalto nelle manches. Le manches di venerdì hanno messo in risalto Niklas Schaufler su Maciej Gladysz e sul brasiliano Miguel Costa (Sauber Academy/KR-Iame).

MINI – Sull’asciutto svetta Bogdan Cosma Cristofor
Nelle quattro sessioni della MINI per definire le prove di qualificazione, solamente la prima sessione si è disputata con asfalto asciutto e ad approfittarne è stato il romeno Bogdan Cosma Cristofor (BabyRace/Parolin-Iame-Vega) che ha staccato il miglior tempo della Serie-1 e dell’assoluto in 53.550. Nelle altre tre sessioni, con asfalto bagnato, il migliore è stato l’italiano Ludovico Busso (DR/DR-TM Racing) nella Serie-2 in 1:11.857, a seguire i migliori tempi sono stati quelli dell’inglese Roman Kamyab (BabyRace/Parolin-Iame-Vega) più veloce nella Serie-3 in 1:11.919, e il polacco Bruno Gryc (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) in 1:12.167. Nelle manches di venerdì Ludovico Busso si è portato in testa alla classifica provvisoria grazie ad una vittoria e un secondo posto, davanti all’americano Jack Iliffe (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) e a Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame) ambedue con una vittoria.

3 Set [20:26]

La Conca, Super Cup by Mini
Martinese, dalla pole alla vittoria

E’ stata una gran bella manifestazione quella andata in scena sul Circuito Internazionale La Conca per la prima appassionante edizione della WSK Super Cup by MINI, primo evento dedicato esclusivamente ai protagonisti della più piccola categoria del karting. Il successo di questa nuova iniziativa voluta da WSK Promotion è stata avvalorata dalla presenza internazionale dei più qualificati team e da tante giovani promesse di ben 25 nazionalità.

Di ottimo livello la competitività espressa in tutte le fasi dell’evento, dalle prove di qualificazione alle manches, alle due Prefinali e alla spettacolare Finale che ha premiato il primo vincitore che va a inaugurare il nuovo palmares della WSK Super Cup by MINI, ovvero l’italiano Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame) dominatore della finale.

LE PREFINALI

PREFINALE-A. Dopo le 15 manches di qualificazione, nella fase finale di sabato 3 settembre è arrivato subito un primo colpo di scena nella Prefinale-A con il ritiro dell’italiano Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame), maggior protagonista del weekend fino a quel momento e che partirà settimo in Finale. Avvincenti gli ultimi giri di questa Prefinale, dove dopo diversi scambi di posizione l’ha spuntata il pilota della Repubblica Ceca Oliver Palocko (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame) sull’ucraino Olekasndr Legenkyi (Team Driver/KR-Iame) e sul tedesco Arjen Kraeling (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame). Quarto si è piazzato il brasiliano Augustus Toniolo (Team Driver/KR-Iame), dopo essere stato a lungo in testa, quinto il canadese Ilie Crisan (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame), sesto l’autore della pole position nelle prove, l’italiano Ludovico Busso (DR/DR-TM Racing).

PREFINALE-B. Nella Prefinale-B ha dominato il pilota di casa Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame), in evidenza per le sue continue rimonte dopo le non felici prove di qualificazione. Alle spalle di Martinese si è piazzato un altro protagonista del weekend, l’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/ Alonso Kart-Iame), davanti al turco Iskender Zulfikari (Team Driver/KR-Iame) in un weekend anche per lui vissuto sulle rimonte, e lo spagnolo Christian Costoya (Parolin Motorsport/Parolin-Tm Racing) che nell’ultimo giro ha dovuto cedere due posizioni. Quinto si è classificato l’inglese Roman Kamyab (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame), sesto l’americano Jack Iliffe (Parolin Motorsport/Parolin-Tm Racing).

LA FINALE

Domina Martinese, vincitore su Hoogendoorn e Costoya 
36 i finalisti sullo schieramento di partenza. A dominare la finale è l’italiano Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame), scattato in pole position e sempre in testa fin sul traguardo. Per le altre posizioni, gran duello concluso in volata con l’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/ Alonso Kart-Iame) che mantiene il secondo posto davanti allo spagnolo Christian Costoya (Parolin Motorsport/Parolin-Tm Racing) e al brasiliano Augustus Toniolo (Team Driver/KR-Iame). Quinto sul podio ha la soddisfazione di salire l’italiano Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame) dopo un recupero di due posizioni. Fra i migliori anche l’inglese Roman Kamyab (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame), sesto dopo una rimonta di 6 posizioni. A seguire, nella top-ten il canadese Ilie Crisan (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame), il ceco Oliver Palocko (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame), il turco Iskender Zulfikari (Team Driver/KR-Iame), l’americano Jack Iliffe (Parolin Motorsport/Parolin-Tm Racing).

3 Set [16:05]

La Conca, Super Cup by Mini
Tutti i risultati del venerdì

Il primo evento della WSK Super Cup by MINI è entrato nel vivo al Circuito Internazionale La Conca per questo originale appuntamento riservato ai giovanissimi della MINI con la disputa delle prove di qualificazione e le prime manches. Una manifestazione che si sta rivelando quanto mai interessante con la partecipazione dei più promettenti protagonisti della categoria di ben 25 nazionalità, in gara con i team più qualificati.

Busso, Sala e Hoogendoorn i più veloci nelle prove 
Nelle tre serie delle prove cronometrate del mattino, a balzare subito in evidenza sono stati l’italiano Ludovico Busso con il team DR su DR-TM Racing che ha ottenuto il miglior tempo assoluto nella Serie-3 con il tempo di 56.862, seguito dall’italiano Filippo Sala con il Team Driver su KR-Iame più veloce nella Serie-2 in 57.708, e dall’olandese Dean Hoogendoorn con Alonso Kart by Kidix su Alonso Kart-Iame con il miglior tempo nella Serie-1 in 58.515.

Nella Serie-1, alle spalle di Dean Hoogendoorn fra i migliori si sono inseriti l’italiano Paolo Tizzano (DK Racing/Parolin-Iame) a 0.097 e il panamense Gianmatteo Rousseau (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame) a 0.277. Nella Serie-2, Filippo Sala ha regolato il suo gruppo di rivali capitanati dall’ungherese Gaspar Benett (IPK Official Racing Team/IPK-TM Racing) a 0.407 e dall’ucraino Olekasndr Legenkyi (Team Driver/KR-Iame) a 0.454. Nella Serie-3, subito dopo il poleman assoluto Ludovico Busso si sono piazzati lo spagnolo Christian Costoya (Parolin Motorsport/Parolin-Tm Racing) a 0.193 e l’inglese Max Endacott (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame) a 0.661.

Nelle manches duello di testa fra Sala e Martinese
Le prime 12 manche di venerdì hanno indicato i maggiori protagonisti dell’evento, e nella prima giornata di gare è stato l’italiano Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame) a mettersi maggiormente in evidenza con un en-plein di 4 vittorie nelle sue 4 manches disputate. Molto bene anche il pilota di casa Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame), autore di continue rimonte con 3 vittorie e un secondo posto dopo un modesto sesto tempo in prova nella Serie-1. Fra i migliori anche il brasiliano Augustus Toniolo (Team Driver/KR-Iame) autore di bei recuperi e terzo nella classifica provvisoria.

Un po’ indietro nelle manches invece il poleman Ludovico Busso (Team DR/DR-TM Racing) che si è dovuto accontentare di piazzamenti. L’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/ Alonso Kart-Iame) ha raccolto una vittoria, un secondo e un terzo posto ma ha pesato in negativo per la sua classifica un nono posto nella sua seconda manche. Indietro anche lo spagnolo Christian Costoya (Parolin Motorsport/Parolin-Tm Racing) che ha accusato un ritiro nella sua ultima manches dopo due vittorie e un secondo posto che provvisoriamente lo avevano proiettato nelle prime posizioni assolute. Fra i vincitori delle manches di venerdì anche l’americano Keelan Harvick (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame).

La classifica provvisoria dopo le 12 manches di venerdì: 1. Sala penalità 0; 2. Martinese pen. 2; 3. Toniolo pen. 11; 4. Legenkyi pen. 12; 5. Harvick pen. 12; 6. Hoogendoorn pen. 14; 7. Zulfikari pen. 15; 8. Kraeling pen. 17

31 Ago [21:12]

De Donno (WSK) spiega la novità
della Super Cup by Mini a La Conca

Sono già scesi in pista La Conca per le prime prove libere i giovani piloti che in questo fine settimana daranno vita sul Circuito Internazionale alla prima edizione della WSK Super Cup by MINI, un evento inedito e interamente dedicato alla categoria della MINI che va a rappresentare il giusto epilogo per il successo riscontrato in questi ultimi anni. Alla vigilia dell’evento che si apre a La Conca giovedì 1° settembre per concludersi sabato 3 settembre, ecco il commento di presentazione di Luca De Donno, Presidente della WSK Promotion e ideatore di questo nuovo Trofeo:

“Si tratta di una manifestazione dedicata alla categoria dei più piccoli che, fin dal suo debutto oltre dieci anni fa nelle competizioni marchiate WSK Promotion, ha raccolto un consenso sempre maggiore. Oggi è, senza tema di smentita, il territorio ideale per muovere i primi passi nel grande mondo del karting internazionale. A questa classe, però, mancava qualcosa: serviva un evento dedicato in maniera esclusiva, senza la convivenza con le altre categorie, in tappa unica, capace di decretare ogni volta, ogni anno, dal 2022 in poi, il miglior pilota in campo internazionale. Ora quell’evento c’è, è la Super Cup by MINI. Nasce quindi un palcoscenico inedito e unico a livello mondiale, la massima competizione per la classe MINI, i suoi piloti, i suoi team e tecnici. La gara delle gare capace di decretare il campione dei campioni. Di taglia MINI, ma dal valore MAXI!”

Nel 2010, WSK Promotion introduce per la prima volta in una serie internazionale - la WSK Master Series - la categoria MINI: è subito un grande successo, con oltre 60 iscritti scesi in pista nel primo round ospitato al Circuito Internazionale di Siena. Da allora sono passati ben 12 anni e la MINI è diventata la porta d’accesso principale per i piloti di tutto il mondo che vogliono muovere i loro primi passi nel karting di vertice.

Tutte le manifestazioni WSK (la Champions Cup, la Super Master Series, la Euro Series, la Open Cup e la Final Cup) accolgono ogni anno centinaia di partecipazioni, oltrepassando in diversi appuntamenti singoli la quota dei 100 verificati. Proprio in questo contesto nasce la WSK Super Cup by MINI, l’appuntamento per eccellenza riservato ai piccoli, ma velocissimi, piloti di tutto il mondo che vogliono sfidarsi su un palcoscenico esclusivo e di caratura mondiale per decretare il migliore dei migliori.


2 Ago [12:01]

WSK Euro Series
Tutti risultati della domenica

Al Circuito Internazionale Napoli si è conclusa con un altro bel successo di partecipazione la WSK Euro Series, che nelle due prove di questa stagione disputate lo scorso 17 luglio a Lonato e in questo weekend di fine luglio a Sarno, ha visto raggiungere complessivamente un altro bel traguardo con circa 500 piloti iscritti provenienti da ben 52 nazioni. In gara le categorie KZ2, OK, OKJ e MINI, per uno spettacolo agonistico di alto livello e tanti protagonisti in lizza con le case ufficiali e i team internazionali più quotati per conquistare i titoli di categoria.

LE PREFINALI.
Dopo le manches eliminatorie di venerdì e sabato, la fase finale di domenica inizia con le Prefinali di ogni categoria.
Nella prefinale della KZ2 in questa occasione riesce ad imporsi l’italiano Danilo Albanese (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont) dopo il dominio di inizio weekend di Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing).
Nella OK, nella Prefinale-A si è confermato vincente il francese Enzo Deligny (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing-MG), nella Prefinale-B si è aggiudicato la gara il leader di classifica, il giapponese Kean Nakamura-Berta (KR Motorsport/KR-Iame).
Nella OK Junior la vittoria nella Prefinale-A va al polacco Maciej Gladysz (Ricky Flynn/LN-Vortex-Vega), già uscito vincente nelle manches, mentre nella Prefinale-B a imporsi è l’altro polacco leader di classifica Jan Przyrowski (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex).
Nella prefinale-A della MINI si impone l’italiano Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame-Vega), nella Prefinale-B in uno spettacolare arrivo in volata ha la meglio lo spagnolo Christian Costoya (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing).

LE FINALI
KZ2 – Albanese vince la finale, Palomba conquista il titolo.
Nella finale della KZ2 è andato tutto bene per Danilo Albanese (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont). Scattato in testa, il pilota italiano ha potuto allungare sugli inseguitori e andare così a tagliare vittorioso il traguardo. Al secondo posto si è inserito il finlandese Paavo Tonteri (CRG Racing Team/CRG-TM Racing), mentre l’italiano Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing), leader di classifica con un buon margine di punti dopo la sua vittoria nella scorsa gara di Lonato, ha guadagnato il terzo posto sul podio ma con la garanzia della conquista del titolo di KZ2. Lo scorso anno concluse terzo. Fra i migliori della finale anche lo svedese Noah Milell (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) con il quarto posto davanti al compagno di squadra, il francese Adrien Renaudin.
Finale KZ2
Danilo Albanese (ITA)
Paavo Tonteri (FIN)
Giuseppe Palomba (ITA)
Campionato WSK Euro Series - KZ2
Giuseppe Palomba (ITA) punti 141
Danilo Albanese (ITA) punti 127
Paavo Tonteri (FIN) punti 71

OK – Deligny a segno nella finale, Nakamura in campionato.
Il francese Enzo Deligny (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing-MG) ha completato il suo ottimo weekend conquistando la vittoria negli ultimi giri della finale davanti al finlandese Tuukka Taponen (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), mentre il giamaicano Alex Powell (KR Motorsport/KR-Iame) si è prodotto in una bella rimonta concludendo sul terzo gradino del podio. Su tutti però è stato l’altro pilota di KR Motorsport, il giapponese Kean Nakamura-Berta, grazie al quarto posto della finale a confermarsi in testa alla classifica di campionato di stretta misura su Deligny. Buono anche il quinto posto dell’inglese Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) al termine di un weekend in crescendo.
Finale OK
Enzo Deligny (FRA)
Tuukka Taponen (FIN)
Alex Powell (JAM)
Campionato WSK Euro Series - OK
Kean Nakamura-Berta (JPN) punti 146
Enzo Deligny (FRA) punti 133
Tuukka Taponen (FIN) punti 80

OK-Junior – Gladysz vince in duello in finale, ma il titolo va a Przyrowski.
Il duello che si è sviluppato per gran parte del weekend fra i due piloti polacchi Maciej Gladysz (Ricky Flynn/LN-Vortex-Vega) e il leader di classifica Jan Przyrowski (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), è proseguito anche in finale. Gladysz non ha avuto problemi ad aggiudicarsi la gara, mentre Przyrowski ha potuto controllare la situazione terminando alle spalle del connazionale ma con la certezza della conquista del titolo. Sul podio della finale è riuscito a terminare Nathan Tye (Sodikart/Sodikart-TM Racing) con un sorpasso all’ultimo giro sul tedesco Simon Rechenmacher (TB Racing Team/KR-Iame). Quinto si è piazzato l’altro protagonista del weekend Anatoly Khavalkin (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing).
Finale OKJ
Maciej Gladysz (POL)
Jan Przyrowski (POL)
Nathan Tye (GBR)
Campionato WSK Euro Series - OKJ
Jan Przyrowski (POL) punti 178
Maciej Gladysz (POL) punti 116
Kirill Kutskov punti 66

MINI – Sul filo di lana a Martinese la finale e il titolo.
E’ terminata sul filo di lana la gara finale della MINI, dopo una gran battaglia fra i due principali attori del weekend di Sarno che si erano divisi i successi nelle due prefinali: ovvero l’italiano Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame-Vega) e lo spagnolo Christian Costoya (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing), lo scorso anno vincitore del titolo. Ad aggiudicarsi la finale, e di conseguenza il campionato, è stato Martinese, in una gran volata finale vinta per 10 millesimi di secondo su Costoya. Sul podio della finale è salito con merito anche Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame), terzo sul traguardo, mentre Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing) ha chiuso con il quarto posto che gli ha consentito di conquistare il terzo posto in campionato. Buona la quinta posizione in finale per Filippo Pancotti (BabyRace/Parolin-Iame).
Finale MINI
Iacopo Martinese (ITA)
Christian Costoya (ESP)
Filippo sala (ITA)
Campionato WSK Euro Series - MINI
Iacopo Martinese (ITA) punti 144
Christian Costoya (ESP) punti 113
Vladimir Ivannikov punti 110

1 Ago [23:00]

WSK Euro Series a Sarno
Tutti i risultati del sabato

Il rinnovato tracciato del Circuito Internazionale Napoli di Sarno (Salerno) ha esaltato ancora una volta la competitività dei circa 240 piloti presenti nella seconda tappa conclusiva della WSK Euro Series, in un confronto altamente spettacolare nonostante la temperatura molto elevata. Le manches eliminatorie di sabato hanno contribuito a selezionare i maggiori protagonisti, e tutto è ormai pronto per la conclusione di domenica 31 luglio, per la fase finale e l’assegnazione dei 4 titoli in palio nelle categorie KZ2, OK, OKJ e MINI, da seguire in diretta TV streaming nel sito wsk.it e Motorsport.tv.

KZ2 – Dominio targato Palomba.
In KZ2 è il vincitore della prima prova di Lonato, l’italiano Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing-LeCont), ad aver dominato la prima parte del weekend di Sarno, dalla pole position in prova alle 3 vittorie in tutte e 3 le manches disputate. Il maggior rivale per ora è da individuare nel connazionale Danilo Albanese (KR Motorsport/KR-Iame), ma pronti a esprimersi ad alto livello sono anche il finlandese Paavo Tonteri (CRG Racing Team/CRG-TM Racing) e lo svedese Noah Milell (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), rispettivamente secondo e terzo nell’ultima manche di sabato.
Classifica dopo le manches: Palomba pen. 0; 2. Albanese pen. 8; 3. Milell pen. 11; 4. Tonteri pen. 13; 5. Vasile pen. 16; 6. Renaudin pen. 19; 7. Leuillet pen. 26; 8. Carbonnel pen. 28.

OK – Deligny davanti a tutti.
Nella OK al momento prevale il francese Enzo Deligny (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing-MG), inseguito dal finlandese Tuukka Taponen (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), il tedesco Douwe Dedecker (KR Motorsport/KR-Iame), il danese David Walther (Koski Motorsport/Tony Kart-Vortex), l’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn/LN-Vortex), il giamaicano Alex Powell (KR Motorsport/KR-Iame). Dopo il ritiro accusato nella prima manche, in recupero il leader di classifica, il giapponese Kean Nakamura-Berta (KR Motorsport/KR-Iame).
Classifica dopo le manches: 1. Deligny pen. 2; 2. Taponen pen. 6; 3. Dedecker pen. 8; 4. Walter pen. 9; 5. Slater pen. 9; 6. Powell pen. 15; 7. Turney pen. 16; 8. Stolcermanis pen. 18.

OKJ – Gladysz passa al comando.
Nella OKJ passa al comando il polacco Maciej Gladysz (Ricky Flynn/LN-Vortex-Vega), ma il leader di classifica Jan Przyrowski (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) recupera bene dopo il settimo tempo in prova e dopo le manches si porta al secondo posto. Fra i migliori anche l’inglese Nathan Tye (Sodikart/Sodikart-TM Racing) e Dmitry Matveev (Koski Motorsport/Tony Kart-Vortex). In evidenza Anatoly Khavalkin (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) che mette a segno 4 vittorie di manches, ma è solamente ottavo a causa di un ritiro.
Classifica dopo le manches: 1. Gladysz pen. 12; 2. Przrowski pen. 13; 3. Tye pen. 17; 4. Matveev pen. 18; 5. Kutskov pen. 20; 6. Bouzar pen. 22; 7. Rechenmacher pen. 24; 8. Khavalkin pen. 25.

MINI – Martinese e Costoya lotta serrata.
Nella MINI sono diversi I maggiori protagonisti, il duello di testa riguarda l’italiano Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame-Vega) e il vincitore della scorsa edizione, lo spagnolo Christian Costoya (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing). Ma tanti altri sono pronti a lottare per il vertice, come l’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/Alonso-Iame), l’altro italiano Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame), il leader di classifica Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing).
Classifica dopo le manches: 1. Martinese pen. 3; 2. Costoya pen. 3; 3. Sala pen. 9; 4. Hoogendoorn pen. 10; 5. Pancotti pen. 15; 6. Crisan pen. 15; 7. Palocko pen. 18; 8. Van Langendonck pen. 24.

30 Lug [13:41]

WSK Euro Series a Sarno
Tutti i risultati del venerdì

Sul Circuito Internazionale Napoli a Sarno (Salerno) è iniziata la seconda e decisiva prova della WSK Euro Series per l’assegnazione dei titoli 2022 nelle categorie KZ2, OK, OKJ e MINI, in un weekend condizionato dal gran caldo ma con un ottimo successo di partecipazione con 237 piloti provenienti da ben 51 paesi, praticamente in linea con i 244 piloti della prima prova di Lonato dello scorso 17 luglio.

Caratteristica di questa seconda prova il punteggio maggiorato rispetto all’apertura di Lonato, ovvero giochi quanto mai aperti in tutte le categorie. Al via tutti i leader di classifica: in KZ2 l’italiano Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing-LeCont), nella OK il giapponese Kean Nakamura-Berta (KR Motorsport/KR-Iame-MG), nella OK-Junior il polacco Jan Przyrowski (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), nella MINI Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing-Vega).

In prova Palomba il più veloce in KZ2. In KZ2 sul circuito di casa è il capoclassifica Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing-LeCont) a far segnare il miglior tempo in prova in 54.032, per appena 42 millesimi di secondo sul connazionale Danilo Albanese (KR Motorsport/KR-Iame), velocissimo anche nella scorsa gara di Lonato ma poi in finale sfortunato per un problema tecnico. Fra i più veloci di Sarno anche lo svedese Noah Milell (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) a 97 millesimi di secondo.

A Ippolito la pole position in OK. Nella OK il più veloce della Serie-1 è il danese David Walther (Koski Motorsport/Tony Kart-Vortex-MG) in 54.566, con 73 millesimi di secondo sul francese Enzo Deligny (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) e 0.157 sul capoclassifica, il giapponese Kean Nakamura-Berta (KR Motorsport/KR-Iame). Nella Serie-2 è però Paolo Ippolito (KR Motorsport/KR-Iame), abitualmente impegnato in KZ, a ottenere il miglior tempo assoluto in 54.470, con 21 millesimi sull’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn/LN-Vortex).

In OKJ Khavalkin in pole per due millesimi. Molto combattuta la pole position nella OK-Junior, dove a spuntarla per un soffio è stato Anatoly Khavalkin (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing-Vega) con il tempo di 56.390 realizzato nella Serie-1 e appena due millesimi di secondo più veloce del brasiliano Miguel Costa (Sauber Academy/KR-Iame) miglior crono nella Serie-2 in 56.392. Più indietro invece il leader provvisorio di classifica, il polacco Jan Przyrowski (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), settimo con il tempo di 56.589. Nella Serie-3 si è fatto valere il tedesco Simon Rechenmacher (TB Racing Team/KR-Iame) con il miglior tempo in 56.440.

Nella MINI Pancotti sul filo di lana. Nella MINI è il capoclassifica Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing-Vega) a ottenere la migliore prestazione in 1:03.622 nella Serie-1 con 9 millesimi sull’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/Alonso-Iame), me nella Serie-2 ancor meglio riesce a ottenere l’italiano Filippo Pancotti (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame) in 1:03.320. Un’ottima prestazione la realizza nella Serie-3 anche l’altro italiano Cristian Blandino (Amico/EKS-LKE) in 1:03.485, con 13 millesimi di secondo su Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame), ma il miglior tempo assoluto rimane a Filippo Pancotti.

Le manches di venerdì.
KZ2, la prima è di Palomba. E’ l’italiano Giuseppe Palomba a ottenere il successo nella prima manche della KZ2, (BirelART Racing/BirelART-TM Racing-LeCont), inseguito come un’ombra fin sul traguardo da Danilo Albanese (KR Motorsport/KR-Iame). Buon terzo posto per il finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), mentre il suo compagno di squadra lo svedese Noah Milell ha chiuso al quarto posto davanti all’altro pilota su Tony Kart, Lorenzo Camplese.

In OK vincono Dedecker e Deligny. La prima delle due manches della OK è andata al tedesco Douwe Dedecker (KR Motorsport/KR-Iame-MG), mentre il poleman Paolo Ippolito è terminato quarto. Da segnalare la gran rimonta di 16 posizioni del campione WSK Euro Series 2021, l’inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame), nono dopo essere partito dal fondo dello schieramento per l’annullamento dei suoi tempi di qualifica. Nella seconda manche è il francese Enzo Deligny (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) ad imporsi sull’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn/LN-Vortex).
Rechenmacher al comando nella OKJ.

Nella OKJ si rivela molto competitivo il tedesco Simon Rechenmacher (TB Racing Team/KR-Iame-Vega) al comando della graduatoria provvisoria insieme al tailandese Enzo Tarnvanichkul (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex). Un ritiro penalizza pesantemente invece Anatoly Khavalkin (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) che si era aggiudicato la prima manche della giornata. Fra i vincitori delle manches di venerdì si inserisce anche il polacco Maciej Gladysz (Ricky Flynn/LN-Vortex). In rimonta il polacco Jan Przyrowski (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex).

Grandi lotte nella MINI. A prevalere nella prima serie di manches sono l’italiano Iacopo Martinese (BabyRace Driver Academy/Parolin-Iame-Vega), il canadese Ilie Crisan Tristan (Alonso Kart by Kidix/Alonso-Iame), lo spagnolo Christian Costoya (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing), l’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/Alonso-Iame), il capoclassifica Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing), l’altro italiano Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame-Vega).

PrevPage 1 of 10Next

News

Karting
v

FirstPrevPage 1 of 2NextLast
FirstPrevPage 1 of 2NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone
gdlracinggdlhouse