formula 1

Sochi - Libere 2
Bottas si conferma, McLaren cresce

Massimo Costa - XPB Images

E' sempre Mercedes a Sochi. Valtteri Bottas si è confermato in ...

Leggi »
Mondiale Rally

Evans rimane calmo
"Il mio approccio non cambia"

Mattia Tremolada

Nonostante sia tornato in testa al mondiale con soli due appuntamenti al termine della ...

Leggi »
PrecedentePagina 1 di 10Successiva
21 Set [13:58]

WSK Euro Series a Lonato
Antonelli, Spina, Lammers i campioni

Conclusione emozionante e difficilmente prevedibile nel suo epilogo per la WSK Euro Series, nei sei giorni consecutivi che hanno visto disputarsi il doppio round sul Circuito South Garda Karting di Lonato, fino al gran finale di domenica 20 settembre con le gare conclusive del Round 2 e del Round 3 delle categorie KZ2, OK, OK-Junior e MINI dopo il primo Round svolto lo scorso 12 luglio a Sarno. A Lonato le otto finali di domenica hanno completato l’intenso programma che ha visto una presenza complessiva di 226 piloti sugli oltre 240 iscritti provenienti da 34 paesi, al termine di ben 80 gare fra le manches e le Prefinali dei giorni precedenti necessarie per la definizione dei finalisti, e lo spettacolo agonistico finale è stato davvero notevole, con tanti campioni alla ribalta.

Alla fine il successo e i titoli di categoria sono andati in KZ2 a Riccardo Longhi (BirelART/BirelART-TM Racing-Vega), nella OK ad Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont), vincitore anche del Campionato Italiano ACI Sport, in OK-Junior a Alfio Andrea Spina (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), anche questi vincitore del titolo italiano della categoria, quindi nella MINI René Lammers (Baby Race/Parolin-Iame-Vega). Questi i campioni, ma le battaglie in pista hanno visto tanti protagonisti con risultati di assoluto rilievo.

KZ2 - A Longhi il titolo
In KZ2 le vittorie sono andate nel Round 2 all’olandese Marijn Kremers (BirelART Racing/Ricciardo-TM Racing) davanti ai due italiani Riccardo Longhi e a Matteo Viganò (Leclerc by Lennox/BirelART-TM Racing), mentre nel Round 3 è stato Alex Irlando (BirelART Racing/BirelART-TM Racing) ad aggiudicarsi il successo davanti all’olandese Bas Lammers (Sodikart/Sodikart-TM Racing) e all’altro alfiere di BirelART l’italiano Giuseppe Palomba. Proprio Palomba è stato il rivale più accreditato per la conquista del titolo, ma Longhi grazie ai punti acquisiti già fin dal primo round di Sarno insieme a quelli di Lonato, nonostante l’11mo posto nell’ultima finale, ha potuto vincere il titolo con 5 punti di vantaggio.
Classifica finale di campionato: 1. Longhi punti 242; 2. Palomba 237; 3. Irlando 199; 4. Torsellini 176; 5. Kremers 134; 6. Lammers 120; 7. Albanese 111; 8. Viganò 110; 9. Camplese 101; 10. Iglesias 94.

OK - Ad Antonelli il titolo WSK e quello italiano 
Nella OK maggior protagonista si è rivelato l’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame) che con la vittoria nella finale del Round 2 ha potuto ipotecare pesantemente il titolo di categoria, conquistando fra altro proprio nel Round 2 il titolo in palio per il Campionato Italiano ACI Sport. Suoi maggiori avversari si sono rivelati l’inglese Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) e il finlandese Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame), che nel secondo round sono andati a podio alle spalle di Antonelli. Nella finale del Round 3 Antonelli si è dovuto accontentare della quarta piazza, qui il successo l’ha ottenuto Joe Turney davanti al russo Nikita Bedrin (Ward Racing/Tony Kart-Vortex), con Juho Michael Valtanen ancora a podio con il terzo posto. Antonelli ha avuto comunque la soddisfazione del titolo concludendo con 28 punti di vantaggio sugli avversari.
Classifica finale di campionato: 1. Antonelli punti 299; 2. Valtanen 271; 3. Turney 261; 4. Bedrin 170; 5. Coluccio 156; 6. Gray 154; 7. Wharton 99; 8. Camara 97; 9. Wurz 96; 10. Van T Hoff 78.

OKJ - Spina vince la WSK e l'italiano 
Percorso in crescendo quello compiuto dall’italiano Alfio Andrea Spina (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) nel doppio round di Lonato, dove si è presentato da protagonista dopo la sua vittoria nella prima prova di Sarno. Spina, nella foto, è riuscito a far valere la sua performance proprio nelle fasi finali del doppio appuntamento di Lonato, vincendo il Round 2 che gli ha regalato anche il titolo valido per il Campionato Italiano ACI Sport, e poi il secondo posto nel Round 3 che gli ha confermato la leadership nella WSK Euro Series. Anche a Lonato sono stati diversi i rivali di Spina particolarmente competitivi, fra i quali il figlio d’arte Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame) secondo e terzo nelle due finali, l’inglese Coskun Irfan (Ricky Flynn Motorsport/Kosmic-Vortex) terzo nel Round 2, e l’altro inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame) vincitore dell’ultima finale nel Round 3.
Classifica finale di campionato: 1. Spina punti 302; 2. Badoer 218; 3. Cepil 211; 4. Lindblad 208; 5. Taponen 157; 6. Irfan 122; 7. Dodds 118; 8. Slater 115; 9. Ugochukwu 93; 10. Keeble 83.

MINI - Il campione è il figlio d'arte Lammers
Competitività altissima anche nella categoria più piccola, la MINI, dove alla fine ha prevalso fra tanti avversari di rilievo l’olandese René Lammers (Baby Race/Parolin-Iame) autore di un secondo posto nel Round 2, ma soprattutto della vittoria colta al termine di una bella volata nel Round 3. Proprio il successo ottenuto nell’ultima decisiva finale ha permesso al giovane Lammers (figlio dell’ex pilota F1) di agguantare il titolo ai danni del giapponese Kean Nakamura Berta (Team Driver/KR-Iame) che si era rivelato fra i maggiori candidati al successo finale. Nel Round 2 era stato proprio Nakamura a ottenere la vittoria davanti a Lammers e all’americano Kai Sorensen (Parolin Racing Team/Parolin-TM Racing), nel Round 3 Lammers ha vinto la gara finale sui due portacolori del Team Driver, lo sloveno Mark Kastelic e l’italiano Antonio Apicella, con l’altro alfiere del Team Driver, Nakamura, quarto e in campionato scavalcato appunto da Lammers.
Classifica finale di campionato: 1. Lammers punti 295; 2. Nakamura 278; 3. Przyrowsky 216; 4. Kastelic 182; 5. Sorensen 173; 6. Costoya 153; 7. Apicella 145; 8. Saeter 123; 9. Egozi 93; 10. Cardenas 66.

20 Set [1:42]

WSK Euro Series a Lonato
Tutti i risultati delle Pre Finali

E’ il momento del grande rush finale per la WSK Euro Series al Circuito South Garda Karting, domenica 20 settembre saranno infatti le doppie finali del Round 2 e del Round 3 a eleggere i vincitori del campionato organizzato da WSK Promotion per le categorie internazionali KZ2, OK, OKJ e MINI, compreso il titolo per il Campionato Italiano ACI Sport OK e OKJ a seguito dell’ordine d’arrivo del Round 2 delle due categorie.
 
I protagonisti delle Prefinali
Per tutti i protagonisti l’ultimo scoglio da superare sono state le doppie Prefinali di sabato, con 8 Prefinali per il Round 2 e altrettante per il Round 3, ovvero Prefinale A e Prefinale B per ognuna delle quattro categorie. Importante il punteggio assegnato per ogni Prefinale, che è andato a incrementare quello acquisito nelle manche di Lonato e del primo Round di Sarno dello scorso 12 luglio. I primi 17 classificati di ognuna delle due Prefinali di categoria andranno a formare i 34 finalisti di domenica per KZ2, OK, OKJ e MINI. Ecco i vincitori di tutte le Prefinali di sabato:

ROUND 2 PREFINALI
OKJ Prefinale A: 1. Ugo Ugochukwu (Sauber Karting Team/KR-Iame-Vega); 2. Alfio Andrea Spina (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega).
OKJ Prefinale B: 1. Brando Badoer (KR Motorsport/KA-Iame-Vega); 2. Harley Keeble (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega).

OK Prefinale A: 1. Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-LeCont); 2. Maya Weug (BirelART-BirelART-TM Racing-LeCont).
OK Prefinale B: 1. Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont); 2. Charlie Wurz (Exprit Racing/Exprit-Vortex-LeCont).

MINI Prefinale A: 1. Kai Sorensen (Parolin Racing Kart/Parolin-TM Racing-Vega); 2. Cristian Costoya Sanabria (CRG/CRG-TM Racing-Vega).
MINI Prefinale B: 1. René Lammers (Baby Race/Parolin-Iame-Vega); 2. Marcus Saeter (Revolution Motorsport/Energy-TM Racing-Vega).

KZ2 Prefinale A: 1. Riccardo Longhi (BirelART/BirelART-TM Racing-Vega); 2. Giuseppe Palomba (BirelART/BirelART-TM Racing-Vega).
KZ2 Prefinale B: Marijn Kremers (BirelART/Ricciardo-TM Racing); 2. Mirko Torsellini (KR Motorsport/KR-Iame-Vega).

ROUND 3 PREFINALI
OKJ Prefinale A: 1. Igor Cepil (KR Motorsport/KR-Iame-Vega); 2. Rafael Modonese (Leclerc by Lennox/BirelART-TM Racing-Vega).
OKJ Prefinale B: 1. Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame); 2. Maxwell Oliver Doods (Parolin Racing Kart/Parolin-TM Racing-Vega).

OK Prefinale A: 1. Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame); 2. Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex).
OK Prefinale B: 1. Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame-LeCont); 2. Luigi Coluccio (Kosmic Racing/Kosmic-Vortex-LeCont).

MINI Prefinale A: 1. René Lammers (Baby Race/Parolin-Iame-Vega); 2. Kai Sorensen (Parolin Racing Kart/Parolin-TM Racing-Vega).
MINI Prefinale B: 1. Antonio Apicella (Team Driver/KR-Iame-Vega); 2. Mark Kastelic (Team Driver/KR-Iame-Vega.

KZ2 Prefinale A: 1. Mirko Torsellini (KR Motorsport/KR-Iame-Vega); 2. Giuseppe Palomba (BirelART/BirelART-TM Racing-Vega).
KZ2 Prefinale B: 1. Alex Irlando (BirelART/BirelART-TM Racing-Vega); 2. Bas Lammers (Sodikart/Sodikart-TM Racing-Vega).

Le classifiche provvisorie di campionato dopo le Prefinali di sabato 19 settembre.
Campionato OKJ: 1. Cepil punti 176; 2. Spina 172; 3. Taponen 123; 4. Badoer 123; 5. Lindblad 113; 6. Slater 100; 7. Doods 88; 8. Ugochukwu 87.
Campionato OK: 1. Valtanen punti 191; 2. Antonelli 189; 3. Gray 151; 4. Turney 131; 5. Coluccio 91; 6. Camara 87; 7. Bedrin 85; 8. Wharton 74.
Campionato MINI: 1. Nakamura punti 168; 2. Lammers 165; 3. Przyrowsky 151; 4. Costoya 146; 5. Sorensen 133; 6. Kastelic 102; 7. Saeter 96; 8. Apicella 90.
Campionato KZ2: 1. Longhi 187; 2. Palomba 172; 3. Irlando 120; 4. Torsellini 116; 5. Camplese 84; 6. Iglesias 83; 7. Albanese 76; 8. Renaudin 69.

19 Set [16:09]

WSK Euro Series a Lonato
Antonelli insegue Turney

L’intenso programma di gare e spettacolo della WSK Euro Series al South Garda Karting di Lonato è avviato verso la fase conclusiva con le manches di qualificazione del terzo round. Le classifiche provvisorie dopo il primo appuntamento di Sarno dello scorso 12 luglio avevano visto al comando in KZ2 l’italiano Riccardo Longhi di BirelART Racing, nella OK l’inglese Oliver Gray del Team Leclerc by Lennox Racing, nella OK-Junior il ceco Igor Cepil del team KR Motorsport, nella MINI il giapponese Kean Nakamura-Berta del Team Driver Racing Kart. Ma nel doppio appuntamento di Lonato può succedere di tutto, anche perché i punteggi sono in crescendo rispetto al primo round di Sarno.
 
KZ2: due vittorie Giuseppe Palomba (BirelART/BirelART-TM Racing-Vega), una vittoria Marijn Kremers (BirelART/Ricciardo-TM Racing), Danilo Albanese (KR Motorsport/KR-Iame), Alex Irlando (BirelART/BirelART-TM Racing-Vega), Stan Pex (KR Motorsport/KR-TM Racing).
Classifica provvisoria manches: 1. Palomba, 2. Albanese, 3. Irlando, 4. Renaudin, 5. Iglesias, 6. Torsellini, 7. Ippolito, 8. Lammers, 9. Milell, 10 Tonteri.

OK: due vittorie Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame), una vittoria Luigi Coluccio (Kosmic Racing/Kosmic-Vortex-LeCont), Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), Nikita Bedrin (Ward Racing/Tony Kart-Vortex),
Classifica provvisoria manches: 1. Turney, 2. Antonelli, 3. Bedrin, 4. Valtanen, 5. Morgatto, 6. Wharton, 7. Camara, 8. Coluccio, 9. Gray, 10. Andreasson.

OKJ: tre vittorie Ugo Ugochukwu (Sauber Karting/KR-Iame-Vega), una vittoria Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame), Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame).
Classifica provvisoria manches: 1. Ugochukwu, 2, Lindblad, 3. Irfan, 4, Spina, 5. Dodds, 6. Tsolov, 7. Al Dhaheri, 8. Rinicella, 9. Keeble, 10. Taponen.

MINI: due vittorie Kean Nakamura-Berta (Team Driver/KR-Iame-Vega), una vittoria James Egozi (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), Christian Costoya Sanabria (CRG/CRG-TM Racing), Jan Przyrowsky (AV Racing/Parolin-TM Racing), Antonio Apicella (Team Driver/KR-Iame), René Lammers (Baby Race/Parolin-Iame), Mark Kastelic (Team Driver/KR-Iame).
Classifica provvisoria manches: 1. Nakamura, 2. Przyrowsky, 3. Kastelic, 4. Costoya, 5. Apicella, 6. Egozi, 7. Cardenas, 8. Lammers, 9. Sorensen, 10. Peebles.
 

18 Set [10:34]

WSK Euro Series a Lonato
Nella Junior lotta tra Cepil e Badoer

Al South Garda Karting si sta sempre di più delineando il percorso conclusivo della WSK Euro Series 2020 nel grande evento del doppio Round 2&3 che dovrà definire i finalisti fra i 226 piloti da 34 paesi per l’assegnazione dei titoli di categoria KZ2, OK, OKJ e MINI, oltre all’altro titolo in palio, quello di Campione Italiano ACI Sport per le due categorie OK e OKJ. La lunga maratona di Lonato ha intanto attribuito giovedì 17 settembre i primi punteggi del Round 2 per i migliori che si sono classificati al termine delle manches disputate fra mercoledì e giovedì, da venerdì fino a sabato mattina saranno le manches del Round 3 ad attribuire altri punteggi. Sabato pomeriggio i finalisti si metteranno in gioco per le Prefinali, mentre domenica 20 settembre andrà in scena il gran finale.

In KZ2 il leader è Longhi
Per il secondo round della WSK Euro Series, in KZ2 per ora ha centrato l’en-plein Riccardo Longhi (BirelART/BirelART-TM Racing-Vega), vincitore di tutte e 4 le manches alle quali ha partecipato. Due i successi per Marijn Kremers con il Team BirelART su Ricciardo Kart-TM Racing e due i successi per Paolo Ippolito (CRG/CRG-TM Racing) sul quale incide però un ritiro. Una vittoria è andata a Matteo Viganò (Leclerc by Lennox/BirelART-TM Racing) e un’altra a Giuseppe Palomba (BirelART/BirelART-TM Racing) che si porta in alto in classifica grazie alla continuità delle sue prestazioni. Nella generale la leadership provvisoria è quindi di Longhi, seguito da Kremers e da Palomba. Al quarto posto si è inserito Stan Pex (KR Motorsport/KR-TM Racing). Viganò è quinto.
KZ2 Manche qualificazione Rd2: 1. Longhi; 2. Kremers; 3. Palomba; 4. Pex Stan; 5. Viganò; 6. Iglesias; 7. Albanese; 8. Torsellini; 9. Denner; 10. Pex Jorrit.

Nella OK comanda Turney, ma attenti a Wharton 
Nelle manche della categoria OK un primo parziale mancato risultato pesa moltissimo sulla classifica provvisoria dell’australiano James Wharton (Parolin Racing/Parolin-TM Racing-LeCont), che può vantare due successi nelle ulteriori due manches, ma è 11mo nella generale. Il leader provvisorio è il poleman Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) con un successo, seguito da Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame) con un’altra vittoria, quindi Rafa Camara (Forza Racing/Exprit-TM Racing) e quarto Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame) con un successo. Matheus Morgatto (BirelART/BirelArt-TM Racing) è quinto.
OK Manche qualificazione Rd2: 1. Turney; 2. Valtanen; 3. Camara; 4. Antonelli; 5. Morgatto; 6. Van Hoepen; 7. Revesz; 8. Wurz; 9. Paparo; 10. Bedrin.

Cepil e Badoer ai primi due posti in OKJ
In OKJ ottime le prestazioni dei due compagni di squadra Igor Cepil e del poleman Brando Badoer, ambedue con il team KR Motorsport su KR-Iame-Vega, ciascuno con due vittorie e in prima e seconda posizione nella generale provvisoria. Con ottimi piazzamenti seguono Ugo Ugochukwu (Sauber Karting/KR-Iame) e Harley Keeble (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex). Molto bene anche Alfio Andrea Spina, quinto con il suo nuovo team Tony Kart.
OKJ Manche qualificazione Rd2: 1. Cepil; 2. Badoer; 3. Ugochukwu; 4. Keeble; 5. Spina; 6. Tsolov; 7. Ho; 8. Kucharczyk; 9. Rinicella; 10. Stenshorne.

Nella MINI sale Sorensen, scende Nakamura
Nella MINI Kean Nakamura-Berta (Team Driver/KA-Iame-Vega), dopo la pole position in prova, vince tre manche, ma per un ritiro precipita al nono posto nella generale. Al comando delle manche si porta Kai Sorensen (Parolin Racing/Parolin-TM Racing) in rimonta dalle qualifiche, davanti a Andres Cardenas (Energy Corse/Energy-TM Racing) con una vittoria e a Christian Costoya Sanabria (CRG/CRG-TM Racing) con due vittorie. Bene anche René Lammers (Baby Race/Parolin-Iame), quarto in gran recupero.
MINI Manche qualificazione Rd2: 1. Sorensen; 2. Cardenas; 3. Costoya; 4. Lammers; 5. Hideg; 6. Saeter; 7. Pesl; 8. Nijs; 9. Nakamura; 10. Olivieri.

13 Lug [12:43]

WSK Euro Series a Sarno
Spina vince la OK Junior

Il weekend di Sarno per la prima prova della WSK Euro Series edizione 2020 si è concluso con un eccellente spettacolo in pista per questo primo appuntamento disputato nel dopo-Covid sul Circuito Internazionale Napoli. Nonostante il gran caldo, la competitività è stata elevata in tutte le categorie, KZ2, OK, OK-Junior e MINI. Circa 180 i piloti provenienti da 32 nazioni, con un bel numero di campioni internazionali in pista a cominciare da coloro che si sono aggiudicati i titoli nella WSK Super Master Series di appena una settimana fa ad Adria. A Sarno, dopo le combattute manche di qualificazione, sono state le Prefinali e le Finali di domenica a premiare i più forti di questa prima prova della WSK Euro Series, che vedrà poi la sua conclusione il 20 settembre sul Circuito South Garda Karting di Lonato.

LE PREFINALI DI SARNO
Sono stati i piloti della MINI ad aprire le Prefinali della giornata conclusiva di Sarno, per definire le griglie di partenza delle finali. In Prefinale-A si è confermato vincente il giapponese Kean Nakamura Berta (Team Driver Racing Kart/KR-Iame-Vega), mentre nella Prefinale-B il successo è andato al giovane spagnolo Christian Cotoya Sanabria (CRG-TM Racing-Vega), quarto al termine delle manches.

Nella OKJ della Prefinale-A ha avuto la meglio il ceco Igor Cepil (KR Motorsport/KR-Iame-Vega), mentre il suo compagno di squadra Brando Badoer è scivolato quinto dopo aver prevalso nelle manches e aver condotto in testa nei primi giri. Nella Prefinale-B si è imposto il finlandese Tuuka Taponen (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega).
Nella Prefinale di KZ2 il successo è andato all’italiano Riccardo Longhi (BirelArt Racing/BirelArt-TM Racing-Vega), davanti al vincitore di Adria il finlandese Simo Puhakka (Tony Kart racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega) e all’altro pilota BirelArt Giuseppe Palomba.

Nella OK in Prefinale-A è stato l’inglese Oliver Gray (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-LeCont) ad aggiudicarsi il successo, in Prefinale-B ha vinto il finlandese Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame-LeCont), mentre l’altro protagonista, l’inglese Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-LeCont), è stato costretto al ritiro per un contatto proprio con Valtanen.

LE FINALI

DOMINIO DI LONGHI IN KZ2
In KZ2 è stato Riccardo Longhi (BirelArt Racing/BirelArt-TM Racing-Vega) a prendersi le maggiori soddisfazioni vincendo anche la finale dopo essersi imposto in Prefinale. Una bella vittoria quella del pilota italiano che è rimasto sempre in testa fin sul traguardo, dove ha preceduto il francese Adrien Renaudin (Sodikart/Sodikart-TM Racing-Vega) passato secondo dopo i primi giri di gara. In terza posizione ha concluso l’altro italiano in forza a BirelArt, Giuseppe Palomba, secondo dopo il via e poi terzo fino alla bandiera a scacchi. Il finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), che scattava dalla prima fila, al momento del via ha perso diverse posizioni ma poi ha recuperato fino al quarto posto, concludendo davanti al francese Jeremy Iglesias (Formula K Racing Team/Fomula K-TM Racing-Vega) e all’altro pilota di BirelArt Alex Irlando.
FINALE KZ2: 1. Longhi; 2. Renaudin; 3. Palomba; 4. Puhakka; 5. Iglesias; 6. Irlando; 7. Camplese; 8. Gustafsson; 9. Nomblot; 10. Putyatin.

GRAY VINCE IN OK
Dopo un iniziale vantaggio del finlandese Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame-LeCont), l’inglese Oliver Gray (Leclerc By Lennox Racing/Birel Art-TM Racing-LeCont) ha preso le redini del comando e ha mantenuto la prima posizione fino al traguardo. Alle sue spalle nelle ultime battute di gara è riuscito a concludere in seconda posizione l’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont), mentre il finlandese Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame-LeCont) si è dovuto accontentare del terzo posto. L’olandese Dilano Vant Hoff (Forza Racing/Exprit-TM Racing-LeCont) ha concluso quarto davanti al brasiliano Matheus Morgatto (Parolin Racing Kart/Parolin-TM Racing-LeCont) e all’inglese Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy/KR-Iame-LeCont).
FINALE OK: 1. Gray; 2. Antonelli; 3. Valtanen; 4. Vant Hoff; 5. Morgatto; 6. Barnard; 7. Coluccio; 8. Trulli; 9. Ten Brinke; 10. Marti.

NELLA OKJ RIMONTA E VITTORIA DI SPINA
Nella OK-Junior in testa alla finale è ben presto riuscito a portarsi l’italiano Alfio Andrea Spina (KR Motorsport/KR-Iame-Vega), autore anche questi di una serie di rimonte per un ritiro in un contatto in una manche. Una volta al comando, Spina ha condotto con autorità la finale fino a tagliare il traguardo davanti al compagno di squadra, il ceco Igor Cepil, e al finlandese Tuuka Taponen (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega). Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame-Vega) è riuscito a risalire di posizioni e proprio nel finale di gara è andato a conquistare la quarta posizione ai danni dell’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn Motorsport/Kosmic-Vortex-Vega).
FINALE OKJ: 1. Spina; 2. Cepil; 3. Taponen; 4. Badoer; 5. Slater; 6. Lindblad; 7. Gubenko; 8. Tsolov; 9. Irfan; 10. Gowda.

LA MINI PARLA GIAPPONESE CON NAKAMURA
La finale della MINI ha vissuto sul duello fra il giapponese Kean Nakamura Berta (Team Driver Racing Kart/KR-Iame-Vega) e il russo Dmitry Matveev (Energy Corse/Energy-TM Racing-Vega), con quest’ultimo che era riuscito a passare in testa poco dopo i primi giri di gara, recuperando innumerevoli posizioni nel weekend per non aver disputato le prove di qualificazione. Proprio nell’ultimo giro è stato però Nakamura a riuscire a conquistare la prima posizione e vincere in volata su Metveev. Terzo si è piazzato il polacco Jan Przyrowsky (AV Racing/Parolin-TM Racing-Vega) dopo aver occupato a lungo la seconda posizione. Fra i migliori anche il francese Guillaume Bouzar (Parolin Racing/Parolin-TM Racing-Vega), quarto sul traguardo davanti all’olandese Thijs Keeren (Pantano Team/KR-Iame-Vega). Un fuoripista a inizio gara ha tolto dai probabili protagonisti lo spagnolo Christian Cotoya Sanabria (CRG-TM Racing-Vega) che era scattato dalla prima fila.
FINALE MINI: 1. Nakamura; 2. Matveev; 3. Przyrowsky; 4. Bouzar; 5. Keeren; 6. Monza; 7. Saeter; 8. Kastelic; 9. Outran; 10. Sorensen

12 Lug [0:41]

WSK Euro Series a Sarno
Spina si fa vedere in OKJ

E’ ormai tutto pronto a Sarno per disputare la fase finale di questa avvincente prima prova della WSK Euro Series sul Circuito Internazionale Napoli, nelle quattro categorie KZ2, OK, OKJ e MINI nel bel confronto fra i circa 180 piloti provenienti da 32 paesi, che segnano un altro bel successo di partecipazione alla ripresa dell’attività agonistica in Italia nel dopo-Covid, ad appena una settimana di distanza dalla conclusione della WSK Super Master Series. Dopo le “bollenti” manches di qualificazione di venerdì e sabato nel gran caldo di Sarno, si è definita la selezione dei finalisti che domenica 12 luglio sono chiamati a sfidarsi nel consueto e collaudato format della giornata conclusiva 

TUTTO APERTO IL DUELLO IN KZ2
In KZ2 l’ascesa di Matteo Viganò (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-Vega), mattatore nelle prime due manches, si è bruscamente interrotta con un ritiro nella terza e ultima manche dopo i primi 6 giri, lasciando il testimone per una importante vittoria al finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), in gran forma anche a Sarno dopo essersi aggiudicato la settimana scorsa il titolo nella WSK Super Master Series. Molto buono anche il momento dei due piloti italiani di BirelArt, Riccardo Longhi e Giuseppe Palomba, alquanto regolari e sempre nelle prime posizioni. Nel duello fra i protagonisti su Tony Kart e BirelArt, sta cercando di inserirsi anche il francese Adrien Renaudin su Sodikart, autore della pole position in prova, insieme al suo connazionale Jeremy Iglesias su Formula K.
Classifica delle manches: 1. Puhakka; 2. Longhi; 3. Palomba; 4. Renaudin; 5. Irlando; 6. Iglesias; 7. Viganò; 8. Mollo; 9. Marseglia; 10. Camplese.

NELLA OK ANTONELLI IN PROGRESSIONE
Nella OK colpo di reni dell’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont), andato a segno soprattutto in chiusura di giornata sabato, con due vittorie e un secondo posto. L’inglese Oliver Gray (Leclerc By Lennox Racing/Birel Art-TM Racing-LeCont) si conferma vincente con ben tre successi di manche, insieme al finlandese Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame-LeCont) autore di due successi, il brasiliano Rafa Camara (Forza Racing/Exprit/TM Racing-LeCont) con un successo, l’inglese Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-LeCont) e l’altro inglese Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy/KR-Iame-LeCont) ambedue autori di una vittoria di manche. Ottimi piazzamenti per il figlio d’arte Enzo Trulli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont).
Classifica delle manches: 1. Gray; 2. Valtanen; 3. Barnard; 4. Turney; 5. Antonelli; 6. Trulli; 7. Ravenscroft; 8. Coluccio; 9. Vant Hoff; 10. De Haan.

NELLA JUNIOR SVETTA TAPONEN
Nella OKJ a contrastare l’italiano figlio d’arte Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame-Vega), in evidenza in prova con la pole position e nelle manches di venerdì con una vittoria, nelle manches di sabato ci ha pensato soprattutto il finlandese Tuuka Taponen (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), sugli allori con tre vittorie. Badoer comunque si è confermato ottimo protagonista piazzandosi alle spalle di Taponen in tutte e tre le manches di sabato. Fra i migliori della giornata di sabato anche l’altro italiano in forza a KR Motorsport, Alfio Andrea Spina con una vittoria da aggiungere al successo di venerdì, e l’altro compagno di squadra il ceco Igor Cepil con altre due vittorie. Fra i migliori si è confermato anche l’americano Ugo Ugochukwu, anche questi in forza con KR Motorsport. Fra i vincitori di manche, anche l’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn Motorsport/Kosmic-Vortex-Vega).
Classifica delle manches: 1. Badoer; 2. Taponen; 3. Cepil; 4. Slater; 5. Kucharczyk; 6. Ugochukwu; 7. Powell; 8. Spina; 9. Gowda; 10. Dedecker.

NAKAMURA LEADER NELLA MINI. Nella MINI trasferta sofferta per il campione della WSK Super Master Series, il russo Dmitry Matveev (Energy Corse/Energy-TM Racing-Vega), senza tempo in prova e costretto a grandi rimonte dal fondo dello schieramento, con la soddisfazione di una vittoria nell’ultima manche di sabato. Sugli allori invece il giapponese Kean Nakamura Berta (Team Driver Racing Kart/KR-Iame-Vega), vincitore di tre manche e un secondo posto alle spalle dello spagnolo Christian Cotoya Sanabria (CRG-TM Racing-Vega). Vincenti anche l’americano James Egozi (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), l’olandese René Lammers (Baby Race/Parolin-TM Racing-Vega), il polacco Jan Przyrowsky (AC Racing/Parolin-TM Racing-Vega), l’italo-asiatico Tiziano Monza (Team Driver/KR-TM Racing-Vega), il polacco Maciej Gladysz (Parolin/Parolin-TM Racing-Vega).
Classifica delle manches: 1. Nahamura; 2. Przyrowsky; 3. Gladysz; 4. Costoya; 5. Lammers; 6. Egozi; 7. Bouzar; 8. Helias; 9. Paniccia; 10. Nijs.

10 Lug [20:34]

WSK Euro Series a Sarno
Badoer e Antonelli al vertice

E’ iniziata nel segno dello spettacolo la prima prova della WSK Euro Series a Sarno, con 180 piloti sul Circuito Internazionale Napoli impegnati nelle categorie KZ2, OK, OKJ e MINI, pronti ad aggiudicarsi questo primo round di stagione della Euro Series che per molti ha anche il sapore di rivalsa rispetto a quanto espresso la settimana scorsa ad Adria nella conclusione della WSK Super Master Series. Le prove di qualificazione di venerdì e le prime manche dell’intenso weekend di Sarno, hanno già indicato i maggiori candidati al successo, ma il percorso è ancora lungo prima di arrivare alla fase finale di domenica 12 luglio, che andrà in onda Live Streaming nel sito www.wskarting.it.

IN KZ2 VIGANO’ SUBITO IN AUGE
In KZ2 è Matteo Viganò, con il telaio BirelArt firmato dal pilota F1 Charles Leclerc per il team Lennox, ad essersi messo in mostra nella prima manche della categoria, vincendo sui due portacolori della squadra ufficiale BirelArt Riccardo Longhi e Giuseppe Palomba. Quarto si è piazzato il vincitore della recente WSK Super Master Series il finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), davanti al compagno di squadra di Viganò, lo svedese Viktor Gustafsson, e al poleman delle prove, Adrien Renaudin (Sodikart/Sodikart-TM Racing-Vega) al quale è mancata una buona partenza.

IL GIOVANE BADOER VINCENTE IN OKJ
In OK-Junior il figlio d’arte Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame-Vega), nella foto, si conferma fra i più veloci. In prova l’italiano è il migliore della propria Serie-1, poi si aggiudica la manche di venerdì. Gli altri vincitori delle altre manche: i suoi compagni di squadra, l’italiano Alfio Andrea Spina e l’americano Ugo Ugochukwu, oltre all’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn Motorsport/Kosmic-Vortex-Vega). Autore di due piazzamenti il vincitore della WSK Super Master Series l’inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame-Vega).

TANTI PROTAGONISTI IN OK
Nella OK l’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont) si fa valere in prova con il miglior crono della Serie 2, ma nella manche si piazza terzo alle spalle dell’inglese Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-LeCont) e del finlandese Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame-Le Cont). Fra i protagonisti l’inglese Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy/KR-Iame-LeCont) vincitore di una manche, e l’autore della pole position nella Serie 1 l’inglese Oliver Gray (Leclerc By Lennox Racing/Birel Art-TM Racing-Le Cont). Buona una manche anche per l’italiano figlio d’arte Enzo Trulli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont), terzo in una manche. Valtanen si è poi aggiudicato l’ultima manche della giornata davanti a Barnard e Luigi Coluccio (Kosmic Racing Dep/Kosmic-Vortex-LeCont).

DOPPIETTA DI NAKAMURA NELLA MINI
Nella MINI come al solito il risultato è particolarmente incerto. Nelle quattro manches della giornata di venerdì una doppietta la conquista il giapponese Kaen Nakamura Berta (Team Driver Racing Kart/KR-Iame-Vega), altre vittorie per il polacco Jan Przyrowsky (AC Racing/Parolin-TM Racing-Vega) e per l’altro figlio d’arte René Lammers (Baby Race/Parolin-TM Racing-Vega). Il russo Dmitry Matveev (Energy Corse/Energy-TM Racing-Vega), vincitore della WSK Super Master Series, è costretto a gran rimonte per aver avuto problemi nelle prove di qualificazione

7 Lug [12:29]

WSK Super Master Series
Bedrin e Lindblad campioni OK e OKJ

La WSK Super Master Series si è conclusa ad Adria Karting Raceway con le due ultime prove in rapida sequenza, terzo e quarto round che hanno anche caratterizzato per la prima volta con un format innovativo una settimana intera di karting internazionale. Il karting targato WSK post Covid-19 è ripartito bene, con team e piloti provenienti da 34 paesi che hanno onorato ancora una volta questa competizione internazionale e che quest’anno ha visto laurearsi campioni in KZ2 il finlandese Simo Puhakka, nella OK il russo Nikita Bedrin, nella OKJ l’inglese Arvid Lindblad, nella MINI il russo Dmitry Matveev.

In KZ2 il finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega) ha portato a termine un weekend perfetto, recuperando bene nel Round 3 dalle prove di qualificazione per andare a vincere Prefinale e Finale, e duplicare poi il doppio successo finale anche nella Prefinale e Finale del Round 4. Suo maggior avversario si è rivelato Giuseppe Palomba (BirelArt Racing/BirelArt-TM Racing-Vega), leader in classifica fino al Round 3, ma il pilota italiano niente ha potuto per contrastare l’ascesa di Puhakka terminando secondo in campionato. Per Puhakka è il primo titolo conquistato nella WSK Super Master Series dopo il secondo posto ottenuto sempre in KZ2 nel 2015.
Classifica Campionato: 1. Puhakka 295; 2. Palomba 267; 3. Federer 195; 4. Longhi 176; 5. Irlando 169.

Nella OK è stato il russo Nikita Bedrin (Ward Racing/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) a imporsi nella doppia tappa di Adria raccogliendo un risultato pieno sia nel Round 3 che nel Round 4. I punti guadagnati in Prefinale e Finale nei due eventi di Adria lo hanno proiettato in testa alla classifica facendogli riscattare in pieno un inizio di stagione che era stato invece avaro di risultati. Nel gran finale di Adria si erano proposti validi avversari l’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-Bridgestone) leader di classifica nel Round 3 e lo spagnolo Pedro Hiltbrand (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Bridgestone), ma i due antagonisti sono usciti di scena nell’ultima decisiva finale, Antonelli per un contatto di gara, Hiltbrand per un forte dolore alle costole. E’ il primo titolo di Bedrin conquistato nella WSK Super Master Series dopo un secondo posto nella MINI del 2017.
Classifica Campionato: 1. Bedrin 311; 2. Antonelli 280; 3. Hiltbrand 254; 4. Turney 243; 5. Bernard 222.

In OKJ il ruolino di marcia dell’inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame-Vega) è stato sempre molto elevato, con doppie vittorie in Prefinale e Finale sia a Lonato che nel terzo round di Adria Round 3, oltre alla vittoria nella Prefinale di Adria Round 4. Nella lotta per il successo nell’ultima finale si è accontentato del terzo posto alle spalle dei suoi due compagni di squadra, l’americano Ugo Ugochukwu e l’italiano Alfio Andrea Spina. Fra i migliori anche il polacco Karol Pasiewicz (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega) e l’italiano Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame-Vega) che hanno occupato rispettivamente la seconda e terza posizione in campionato. Per Lindblad è il primo titolo conquistato nella WSK Super Master Series. Lo scorso anno in OKJ si piazzò secondo nella WSK Champions Cup.
Classifica Campionato: 1. Lindblad 398; 2. Pasiewicz 260; 3. Badoer 248; 4. Spina 246; 5. Ugochukwu 243.

Nella MINI ad Adria ha continuato a ottenere un’ottima prestazione il russo Dmitry Matveev (Energy Corse/Energy-TM Racing-Vega), che si è confermato fra i maggiori protagonisti aggiudicandosi il titolo grazie ai punti ottenuti nelle due precedenti prove di Adria e Lonato e quelli conquistati con la vittoria nel terzo round di Adria e la seconda posizione nel quarto round alle spalle dell’altro protagonista del campionato, il giapponese Kean Nakamura Berta (Team Driver Racing Kart/KR-Iame-Vega), secondo in classifica generale. Anche quest’anno il livello di competitività è stato molto elevato, anche se ad Adria non sono potuti essere presenti alcuni che si erano messi in evidenza nella prima parte della stagione, il russo Gerasim Skulanov (Formula K Serafini/IPK-TM Racing) e i due piloti in forza a Parolin Racing Kart, il russo Anatholy Khavalkin e il pilota degli Emirati Arabi Rashid Al Dhaeri. Nel 2019 Matveev aveva vinto la WSK Final Cup e si era piazzato secondo nella WSK Open Cup.
Classifica Campionato: 1. Matveev; 2. Nakamura; 3. Gladysz; 4. Skulanov; 5. Lammers.

5 Lug [13:47]

WSK Super Master Series
Antonelli leader della OK

Sul circuito di Adria Karting Raceway è iniziata la fase finale di questa avvincente WSK Super Master Series che alla ripartenza del dopo Covid-19 ha proposto un’intera settimana di gare per il terzo e quarto round a conclusione del campionato targato WSK Promotion. Sabato 4 luglio si sono svolte le Prefinali e Finali di tutte e quattro le categorie KZ2, OK, OKJ e MINI per il terzo appuntamento della serie, che ha assegnato altri punti “pesanti” in classifica in vista del rush finale di domenica 5 luglio per la quarta e ultima prova dell’edizione 2020 WSK Super Master Series.

PREFINALI
Nelle due Prefinali di ogni categoria i successi sono andati in KZ2 rispettivamente all’italiano Matteo Viganò (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-Vega) e al finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), in OK al russo Nikita Bedrin (Ward Racing/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) e all’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-Bridgestone), in OK-Junior l’altro italiano Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame-Vega) e l’inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame-Vega), nella MINI l’olandese Rene Lammers (Baby Race Driver Academy/Parolin-TM Racing-Vega) e l’australiano Griffin Peebles (AV Racing/Parolin-TM Racing-Vega).

FINALI
PUHAKKA IN KZ2 VINCE IL ROUND 3 E INSIDIA PALOMBA
In KZ2 è stato il finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega) a dominare la scena poco dopo aver superato Paolo Ippolito (CRG-TM Racing-Vega) che era riuscito ad inserirsi in testa. Dal quarto giro Puhakka non ha più lasciato il comando della gara, inseguito sul traguardo al termine dei 20 giri di gara da un rimontante Stan Pex (KR Motorsport/KR-TM Racing-Vega) e da un altrettanto ottimo Matteo Viganò (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-Vega) che sono andati a guadagnare il podio. Ippolito ha terminato in quarta posizione davanti a Giuseppe Palomba (BirelArt Racing/BirelArt-TM Racing-Vega) che mantiene la testa della classifica con 40 punti di vantaggio su Puhakka. Buona anche la prova di Riccardo Longhi (BirelArt Racing/BirelArt-TM Racing-Vega) in sesta posizione davanti allo svedese Vikctor Gustafsson (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-Vega) e al francese Adrien Renaudin, primo dei piloti Sodikart.
KZ2, la classifica di campionato: 1. Palomba punti 183; 2. Puhakka 143; 3. Viganò 102; 4. Irlando 96; 5. Pex Stan 85.

ANTONELLI NUOVO LEADER NELLA OK
Nella OK il russo Nikita Bedrin (Ward Racing/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) si è confermato maggior interprete della categoria andando a vincere con autorità anche la finale dopo essersi imposto nella Prefinale-A. Un bel salto in classifica lo ha messo a segno però l’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-Bridgestone), l’altro brillante protagonista della categoria che dopo aver vinto la Prefinale-B è andato a conquistare in Finale un ottimo secondo posto che lo ha proiettato in testa al campionato. Fra i migliori anche l’inglese Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy/KR-Iame-Bridgestone) che con il terzo posto sul podio ha potuto confermarsi fra i più veloci del weekend. Lo spagnolo Pedro Hiltbrand (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) nonostante un bel recupero dalle prove di qualificazione, ha dovuto accontentarsi del quarto posto finale che lo conferma secondo in campionato, a 8 punti da Antonelli. Finale sfortunata invece per l’inglese Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Bridgestone) costretto ad un contatto che lo ha relegato 29mo perdendo così la testa della classifica, ora è terzo staccato di 27 punti.
OK, la classifica di campionato: 1. Antonelli punti 203; 2. Hiltbrand 195; 3. Turney 176; 4. Barnard 171; 5. Bedrin 158.

IN OKJ LINDBLAD SEMPRE PIU’ LEADER
Nella OK-Junior l’inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame-Vega) si è confermato in testa al campionato grazie ad una vittoria ineccepibile sull’altrettanto veloce e compagno di squadra Brando Badoer, che è rimasto sempre in scia al leader della gara concludendo al secondo posto. Sul podio ha concluso Karol Pasiewicz (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), mentre in quarta posizione si è piazzato l’altro polacco Tymoteusz Kucharczyk (BirelArt Racing/RK-TM Racing-Vega). Sfortunato Alfio Andrea Spina, che non ha potuto incrementare la posizione in classifica per essere stato costretto ben presto al ritiro dopo essersi messo in mostra in Prefinale con un quarto posto .
OKJ, la classifica di campionato: 1. Lindblad punti 276; 2. Badoer 198; 3. Pasiewicz 186; 4. Kucharczyk 143; 5. Spina 135.

NELLA MINI MATVEEV LANCIATO VERSO IL TITOLO
Nella MINI a decidere il podio di questa finale è stato l’ultimo giro, in un arrivo in volata fra i tre piloti maggiori protagonisti. Il russo Dmitry Matveev (Energy Corse/Energy-TM Racing-Vega) è restato in testa nei primi giri della finale, ma nella seconda parte della gara si è visto sfilare dal polacco Jan Przyrowsky (AV Racing/Parolin-TM Racing-Vega). Nell’ultimo gito Matveev è riuscito a riportarsi in testa con un attacco vincente, e ad approfittarne della bagarre è stato anche il veloce giapponese Kean Nakamura Berta (Team Driver Racing Kart/KR-Iame-Vega) che a sua volta è riuscito a superare Przyrowsky soffiandogli anche la seconda posizione. Przrowsky si è quindi piazzato terzo, davanti a Antonio Apicella (Apicella/Energy-Iame-Vega) e il polacco Maciej Gladysz (Parolin/Parolin-TM Racing-Vega). Con questa vittoria Matveev è passato in testa al campionato.
MINI, la classifica di campionato: 1. Matveev punti 227; 2. Skulanov 188; 3. Nakamura 118; 4. Przyrowsky 107; 5. Khavalkin 101

PrecedentePagina 1 di 10Successiva

News

Karting
v

PrimaPrecedentePagina 1 di 2SuccessivaUltima
PrimaPrecedentePagina 1 di 2SuccessivaUltima

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone