formula 1

Imola - Piastri penalizzato
Le Ferrari in seconda fila

Era nell'aria e puntualmente è arrivata. Oscar Piastri ha rovinato la sua eccezionale prestazione in qualifica, che lo av...

Leggi »
formula 1

Imola - Qualifica
Verstappen non fa prigionieri

Max Verstappen e la Red Bull erano in difficoltà fino al terzo turno libero di questa mattina. Stavano lavorando sodo in base...

Leggi »
indycar

Indy 500, Qualifica 1
Dominio del team Penske

Team Penske mostruoso nel primo giorno di qualifica per la Indy 500. Le tre vetture del Capitano, dopo tre anni di qualifiche...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 2
Weerts-Vanthoor fendono la notte

Michele Montesano - Foto Speedy BMW ha proseguito a dettare legge a Misano. Anche con il calare della notte la M4 GT3 si...

Leggi »
GT2 Europe

Misano – Gara 1
Gorini-Tamburini nel segno del Tridente

Michele Montesano - Foto Speedy Maserati ha vinto la gara di casa a Misano del Fanatec GT2 European Series. Leonardo Gorini e...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 1
Rossi e Martin concedono il bis

Michele Montesano - Foto Speedy A meno di un anno di distanza, Valentino Rossi e Maxime Martin sono tornati sul gradino più ...

Leggi »
18 Feb [13:50]

Rally di Svezia – Finale
Lappi, vittoria del riscatto sulla neve

Michele Montesano

Hyundai continua a dominare in questo primo scorcio stagionale del WRC. Dopo la vittoria conquistata a Montecarlo, il costruttore coreano si è ripetuto anche sulle nevi del Rally di Svezia. Se sulle strade monegasche era stato Thierry Neuville ad aprire il campionato, questa volta a far saltare il banco nella fredda Svezia sono stati Esapekka Lappi e Janne Ferm. Un risultato straordinario per la coppia finlandese che arriva a distanza di quasi sette anni dal loro primo, e finora unico, centro iridato, conquistato in Finlandia nel 2017 al volante della Toyota Yaris WRC+.

Vittoria del riscatto per Lappi, quest’anno costretto a dividere la terza i20N Rally1 con Andreas Mikkelsen e Dani Sordo. Titolare la scorsa stagione, il finlandese è stato messo in panchina da Hyundai per fare spazio a Ott Tänak. Se la velocità non è mai mancata, Lappi nelle ultime stagioni è stato troppo incline all’errore. Ma quest’oggi il finnico ha risposto alle critiche nel migliore dei modi: salendo sul gradino più alto del podio nella sua prima apparizione stagionale. Oltre alla bravura nel gestire al meglio il difficile fine settimana svedese, il Flying Finn (nella foto sotto) questa volta ha avuto anche la fortuna dalla sua parte.



Infatti le speciali del Rally di Svezia si sono rivelate quasi subito indigeste per Tänak e Kalle Rovanperä. Sia l’estone che il campione del mondo in carica, alla sua prima prova stagionale visto il suo impegno part-time, sono finiti contro un banco di neve nella PS di Floda del venerdì mattina uscendo subito di scena. A ereditare il comando è stato un velocissimo Takamoto Katsuta. Il nipponico della Toyota, decisamente a suo agio sulle veloci quanto difficili speciali scandinave, ha dato vita a un intenso duello proprio conto Lappi.

Katsuta non è però riuscito a concretizzare l’opportunità di conquistare la sua prima affermazione nel WRC, facendosi dapprima sfilare da Lappi per poi finire il Rally di Svezia contro un cumulo di neve nella speciale di Sarajöliden del sabato mattina. Con il giapponese fuori dai giochi, il finlandese della Hyundai si è visto spalancarsi le porte verso la vittoria. Solo al comando, Lappi ha gestito il suo vantaggio fin sotto il traguardo della Power Stage conclusiva di Umeå conquistando il suo secondo sigillo iridato.



Lotta intensa anche per il secondo gradino del podio che ha visto contrapposti Adrien Fourmaux ed Elfyn Evans (nella foto sopra). Tra le sorprese più positive del fine settimana svedese, il francese di Ford M-Sport ha messo in mostra una prestazione superba. Costante quanto veloce, Fourmaux è risalito pian piano in classifica fino a issarsi al secondo posto. L’alfiere Ford ha poi saputo imprimere il giusto ritmo, firmando la sua prima Prova Speciale nel WRC, per difendersi da Evans e conquistare la seconda piazza al termine della tappa del sabato.

Sotto consiglio degli uomini M-Spsort, Fourmaux ha poi preferito non forzare la mano domenica cedendo il posto a un arrembante Evans. Penalizzato dall’ordine di partenza nella giornata del venerdì, il gallese della Toyota ha cercato di non perdere troppo terreno. Infatti, con il nuovo sistema di punteggio, Evans ha spinto per accaparrarsi la vittoria della tappa domenicale conquistando ulteriori punti bonus. Solamente una toccata contro un banco di neve nella speciale di Umeå non gli ha consentito di conquistare anche la Power Stage. Prestazione da incorniciare per Fourmaux che ha così conquistato il suo primo podio in carriera nel WRC.



Quarto al traguardo, Neuville è uscito dal Rally di Svezia ancora al comando della classifica iridata. Costretto a partire per primo il venerdì, il belga ha poi dovuto fare i conti con noie al propulsore della sua i20N Rally1, ricevendo anche una penalità di quaranta secondi per essere arrivato in ritardo al controllo orario. Scivolato in quattordicesima posizone, Neuville ha dato vita a un intenso recupero arrivando a un passo dal podio. Non solo, il belga è riuscito a chiudere la tappa della domenica al terzo posto conquistando ulteriori punti bonus.

Usciti troppo presto dalla lotta per la vittoria, Rovanperä e Tänak hanno cercato di recuperare terreno nel “Super Sunday”. In particolare il due volte iridato è riuscito a conquistare la Power Stage di Umeå ottenendo il secondo posto nella tappa domenicale. Vincitore un anno fa proprio sulle strade svedesi con la Ford Puma Rally1, Tänak questa volta si è dovuto accontentare della quarta piazza domenicale.



Trionfo nel WRC2 per Oliver Solberg ed Elliot Edmondson. L’equipaggio del Toksport WRT ha letteralmente dominato nell’arco del weekend portando la Skoda Fabia Rally2 in top 5 assoluta. Fin dalle prime battute, Solberg ha fatto l’andatura lasciando solamente le briciole agli avversari. Al termine di un intenso duello, Sami Pajari è riuscito a battere per soli due secondi e mezzo Georg Linnamäe, quest’ultimo autore di una bella rimonta dopo aver commesso un testacoda nella giornata del sabato. A seguire i due finlandesi Roope Korhonen e Mikko Heikkilä, rispettivamente ottavo e nono assoluto.

Missione compiuta per Lorenzo Bertelli e Simone Scattolin. Ritornati a lottare nel WRC a un anno esatto di distanza dall’ultima apparizione in Svezia, gli italiani hanno piazzato la Toyota Yaris ufficiale in decima posizione assoluta. Dopo un avvio guardingo per riprendere confidenza con la vettura, Bertelli ha poi iniziato a firmare tempi interessanti risalendo la classifica fino a conquistare la quinta posizione finale tra le Rally1.

Domenica 18 febbraio 2024, classifica finale (top 15)

1 - Lappi-Ferm (Hyundai i20N Rally1) - Hyundai - 2h33'04"9
2 - Evans-Martin (Toyota GR Yaris Rally1) - Toyota - 29"6
3 - Fourmaux-Coria (Ford Puma Rally1) - M Sport - 47"9
4 - Neuville-Wydaeghe (Hyundai i20N Rally1) - Hyundai - 1'46"3
5 - Solberg-Edmondson (Skoda Fabia WRC2) - Toksport - 5'04"2
6 - Pajari-Malkonen (Toyota GR Yaris WRC2) - Printsport - 6'23"9
7 - Linnamae-Morgan (Toyota GR Yaris WRC2) - Linnamae - 6'26"4
8 - Korhonen-Viinikka (Toyota GR Yaris WRC2) - Korhonen - 6'48"1
9 - Heikkilä-Temonen (Toyota GR Yaris WRC2) - Heikkilä - 7'25"7
10 - Bertelli-Scattolin (Toyota GR Yaris Rally1) - Toyota - 7'37"7
11 - Joona-Hussi (Skoda Fabia WRC2) - Joona - 8'02"8
12 - Lindolm-Hamalainen (Hyundai i20N WRC2) - Hyundai - 9'23"8
13 - Reiersen-Karlsson (Skoda Fabia WRC2) - Reiersen - 10'29"5
14 - Sołowow-Baran (Skoda Fabia WRC2) - Printsport - 14'41"3
15 - Yamamoto-Salminen (Toyota GR Yaris WRC2) - Toyota - 15'20"2

Il campionato piloti
1.Neuville 48 punti; 2.Evans 45; 3.Fourmaux 29; 4.Ogier 24; 5.Tanak 21; 6.Lappi 19; 7.Katsuta 12; 8.Rovanpera 11; 9.Mikkelsen 6; 10.Munster 1.

Il campionato costruttori
1.Toyota Gazoo 87 punti; 2.Hyundai 87; 3.M-Sport Ford 47.