formula 1

McLaren ritrova il 4° posto con un
grande Norris e un ritrovato Ricciardo

Sorpasso. La McLaren si riprende il quarto posto nella classifica costruttori ai danni della Alpine-Renault grazie a un clamo...

Leggi »
formula 1

Alonso diventa il pilota che
ha corso il maggior numero di GP

Trecentocinquanta. 350. La statistica relativa ai piloti che hanno disputato il maggior numero di Gran Premi nella storia del...

Leggi »
World Endurance

Cadillac affida la sua LMDh a Ganassi
Al via con Bamber, Lynn e Westbrook

Michele Montesano Cadillac ha rivelato la formazione con cui affronterà la stagione 2023 del FIA WEC. A gestire la Cadillac...

Leggi »
formula 1

Perez e la safety car a Singapore:
cosa lascia perplessi della direzione gara

Sergio Perez ha potuto festeggiare la sua quarta vittoria in Formula 1, con quella che lui stesso ha definito "la miglio...

Leggi »
GT World Challenge

Montmelò, gara
Marciello prende anche l’Endurance
Cairoli trascina Dinamic al successo

È stato un tripudio tricolore quello andato in scena a Montmelò, dove i piloti italiani sono stati grandi protagonisti del fi...

Leggi »
formula 1

Perez re dei circuiti cittadini
Doppio podio per la Ferrari

Ma chi c'era sulla Red Bull-Honda numero 11? Sergio Perez o Max Verstappen? No, nessun dubbio. A dominare un difficilissi...

Leggi »
17 Apr [15:14]

Imola - Qualifica
Pole di Hamilton che batte Perez

Massimo Costa - XPB Images

E' un Lewis Hamlton travolgente quello che ci sta offrendo questa prima parte del campionato. Pur con una Mercedes vistosamente non dominatrice come eravamo abituati a vedere, il sette volte campione del mondo riesce a fare la differenza. E il confronto con la Red Bull-Honda è sempre più emozionante. A Sakhir, era stato Max Verstappen a prendersi la pole, ma a Imola l'olandese ha gettato al vento l'opportunità di fare il bis per una sbavatura alla variante Villeneuve. E così, Hamilton non si è fatto scappare l'occasione segnando il primo tempo in 1'14"411, per lui la pole numero 99. Qualcosa di incredibile.

Verstappen ha concluso a 87 millesimi dal britannico, ma partirà terzo. E sì, perché meglio di lui ha fatto il compagno di squadra Sergio Perez. Il messicano si sta adattando rapidamente alla guida della RB16B e dopo le difficoltà incontrate nei test pre-campionato ed anche a Sakhir, soprattutto sul giro di qualifica perché il passo gara è sempre stato eccellente, a Imola ha compiuto un ulteriore passo in avanti.

Perez partirà dalla prima fila col secondo tempo, 1'14"446, a 35 millesimi da Hamilton ed è la prima volta in carriera che si trova a scattare dalla seconda piazzola. Il suo miglior risultato in qualifica (e questa è stata la sua 192esima volta) era stato il terzo posto ottenuto lo scorso anno a Istanbul con la Racing Point. La Red Bull oggi può dire di avere completamente azzeccato la scelta del secondo pilota dopo il periodo buio con Pierre Gasly ed Alexander Albon. Verstappen ora sa di avere un compagno che gli renderà la vita difficile, come accadeva quando divideva il box con Daniel Ricciardo nel periodo 2016-2018, mentre Christian Horner ha la certezza di avere due piloti in grado di giocarsela con la Mercedes.

Dunque, Hamilton tutto solo dovrà confrontarsi con il duo Perez-Verstappen e non sarà certo un lavoro facile. Il suo compagno, Valtteri Bottas, dominatore delle libere del venerdì, è naufragato, come purtroppo spesso gli capita, e partirà appena ottavo. Brutta prova la sua, condita da vari errori. In seconda fila con Verstappen c'è così la Ferrari di un sempre brillante Charles Leclerc. Il suo tempo, 1'14"740, gli permette di essere a 329 millesimi da Hamilton e la speranza di poter ottenere un buon risultato anche in gara, è assolutamente reale. E' andata male invece, a Carlos Sainz: complice un errore, non ha neanche superato il Q2 e in classifica è soltanto undicesimo.

Grande prestazione di Pierre Gasly, quinto con l'Alpha Tauri-Honda, il quale ha confermato quanto di buono evidenziato nelle prove libere. Anche il francese del team di Faenza, la base è a 15 km da Imola, può puntare a un risultato importante. Malissimo invece, Yuki Tsunoda, troppo sopra le righe e subito contro le barriere in Variante Alta. Partirà ultimo. Con Gasly in terza fila, la McLaren-Mercedes di Daniel Ricciardo, apparso in affanno nel Q2, ma pronto al momento giusto nel piazzare un buon tempo. L'australiano si è messo dietro il compagno di team Lando Norris, che però non merita la settima posizione. L'inglese infatti, poteva essere ampiamente in seconda fila, ma alla Piratella è andato oltre i track limits e il tempo di 1'14"452, terza prestazione nel conteggio finale, gli è stato cancellato.

Bravo Esteban Ocon a guidare una Alpine-Renault, non ancora all'altezza dei rivali di centro classifica, fino all'approdo in Q3. Il francese ha letteralmente schiacciato Fernando Alonso, che su una pista probante come quella di Imola, ha passato per un soffio il taglio del Q1 e in Q2 si è piazzato soltanto quindicesimo. Tanta fatica per l'Aston Martin-Mercedes, che non riesce a essere ficcante come lo scorso anno. Lance Stroll ha conquistato la Q3, ma non è andato oltre il decimo tempo rinunciando a cercare la prestazione per conservare le gomme. Per Sebastian Vettel invece, è arrivato il tredicesimo crono, non molto da dire. Qualifica positiva per la Williams-Mercedes che ha festeggiato l’ingresso in Q2 di entrambi i piloti, con George Russell brillante dodicesimo e Nicholas Latifi quattordicesimo. Che sia il primo passo verso la risalita? 

Delusione per l’Alfa Romeo-Ferrari. Le attese erano elevate, si parlava addirittura di poter entrare nel Q3, invece sia Antonio Giovinazzi sia Kimi Raikkonen non hanno superato il primo muro del Q1. Già nel terzo turno libero era emersa qualche difficoltà di troppo, per il team diretto da Frederic Vasseur, nel trovare la giusta velocità. Va detto, però, che Giovinazzi nel suo giro finale è stato clamorosamente ostacolato nel rettifilo verso il Tamburello, dal solito scorretto Nikita Mazepin, che pensa sempre di fare come pare a lui, comportamento sempre evidenziato nella sua carriera. Il russo della Haas-Ferrari è rimasto fuori dal Q2, come il compagno di squadra Mick Schumacher, che comunque gli ha rifilato mezzo secondo.

Sabato 17 aprile 2021, qualifica

1 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'14"411 - Q3
2 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 1'14"446 - Q3
3 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'14"498 - Q3
4 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'14"740 - Q3
5 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'14"790 - Q3
6 - Daniel Ricciardo (McLaren-Mercedes) - 1'14"826 - Q3
7 - Lando Norris (McLaren-Mercedes) - 1'14"875 - Q3
8 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 1'14"898 - Q3
9 - Esteban Ocon (Alpine-Renault) - 1'15"210 - Q3
10 - Lance Stroll (Aston Martin-Mercedes) - no time - Q3
11 - Carlos Sainz (Ferrari) - 1'15"199 - Q2
12 - George Russell (Williams-Mercedes) - 1'15"261 - Q2
13 - Sebastian Vettel (Aston Martin-Mercedes) - 1'15"394 - Q2
14 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'15"593 - Q2
15 - Fernando Alonso (Alpine-Renault) - 1'15"593 - Q2
16 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'15"974 - Q1
17 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'16"122 - Q1
18 - Mick Schumacher (Haas-Ferrari) - 1'16"279 - Q1
19 - Nikita Mazepin (Haas-Ferrari) - 1'16"797 - Q1
20 - Yuki Tsunoda (Alpha Tauri-Honda) - nessun tempo - Q1

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone