World Endurance

A Interlagos arrivano i primi
aggiornamenti sulla Ferrari 499P

Michele Montesano - XPB Images Vettura che vince non si cambia, si evolve. Reduce dal trionfo della 24 Ore di Le Mans, la Fe...

Leggi »
formula 1

Nel 2025 restano sei
le Sprint Race in calendario

22 marzo - Shanghai3 maggio - Miami26 luglio - Spa18 ottobre - Austin8 novembre - San Paolo29 novembre - Lusail

Leggi »
formula 1

La rinascita della Mercedes W15
passa dalla sospensione anteriore

Michele Montesano - XPB Images La Formula 1 è fatta di piccoli dettagli. Basta un nulla, una regolazione errata o un aggiorn...

Leggi »
formula 1

Lawson a Silverstone con la Red Bull
E Perez comincia a tremare...

Domani, 11 luglio, Liam Lawson sarà a Silverstone per guidare la Red Bull RB20 di questa stagione. L'occasione che si pre...

Leggi »
formula 1

McLaren e Norris, ancora troppi
errori per poter pensare al Mondiale

Avere la monoposto attualmente più veloce del paddock F1, ma non riuscire mai a concretizzare il massimo risultato nei Gran P...

Leggi »
Rally

Rally d’Estonia
Linnamäe batte Virves al fotofinish

Michele Montesano È stato un duello intenso e incerto fino all’ultima curva quello che si è potuto apprezzare nel Rally d’Es...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
2 Giu [20:43]

Suzuka - Gara
La prima di Alesi-Sasahara

Marco Cortesi

Vittoria per Ukyo Sasahara e Giuliano Alesi nel SuperGT a Suzuka. Il duo del team Tom's ha comandato dalla pole position la 3 Ore sulla pista del GP del Giappone, e anche quando ha perso la leadership in occasione della seconda sosta, l'ha potuta riconquistare grazie a una penalità imposta per unsafe release alla Toyota del team Rookie di Kazuya Oshima e Nirei Fukuzumi. 

Fukuzumi, rientrato in pista in quarta piazza, ha poi recuperato il secondo posto, davanti alla Honda ARTA di Hiroki Otsu e Ren Sato, e alla Nissan Impul della coppia Hiramine-Baguette. Importante il quinto posto dell'altra Toyota Tom's di Kenta Yamashita e Sho Tsuboi, la macchina di testa in campionato e più penalizzata, ma comunuqe in top-5. Kakunoshin Ohta a regalato al team Real il sesto posto avendo la meglio su Naoki Yamamoto.

Grandi difficoltà per le vetture di casa NISMO. Mitsunori Takaboshi e Atsushi Miyake, che montavano il restrittore per compensare il punteggio in campionato, hanno faticato molto per chiudere ottavi. Decimi Ronnie Quintarelli e Katsumasa Chiyo, con il secondo che ha preso una penalità per aver colpito in frenata la Toyota Cerumo di Ishiura-Oyu.

In GT300, vittoria dalla pole position per l'Aston Martin partita in pole con Tomonobu Fujii e Charlie Fagg. Importante secondo posto per Tsutsumi-Taira con la Toyota GR86 nonostante un'imoprtante penalità in termini di peso e restrittore.

Domenica 2 giugno 2024, gara

1 - Sasahara-Alesi (Toyota Supra) - Tom's - 91 giri
2 - Oshima-Fukuzumi (Toyota Supra) - Rookie - 10"968
3 - Otsu-Sato (Honda Civic) - ARTA - 24"573
4 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) - Impul - 25"103
5 - Tsuboi-Yamashita (Toyota Supra) - Tom's - 32"991
6 - Tsukakoshi-Ohta (Honda Civic) - Real - 46"526
7 - Yamamoto-Makino (Honda Civic) - Kunimitsu - 46"758
8 - Takaboshi-Miyake (Nissan Z) - Nismo - 1'08"537
9 - Matsuda-Natori (Nissan Z) - Kondo - 1'19"706
10 - Chiyo-Quintarelli (Nissan Z) - Nismo - 1 giro
11 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) - Sard - 1 giro
12 - Sakaguchi-Kunimoto (Toyota Supra) - Bandoh - 1 giro
13 - Izawa-Okusa (Honda Civic) - Nakajima - 5 giri
14 - Matsushita-Nojiri (Honda Civic) - ARTA  - 44 giri
15 - Ishiura-Oyu (Toyota Supra) - Tom's - 51 giri

In campionato
1. Tsuboi-Yamashita 74; 2. Takaboshi-Miyake 60; 3. Sasahara-Alesi 54; 4. Chiyo-Quintarelli 46; 5. Yamamoto-Makino 40.

1 Giu [15:56]

Suzuka, qualifica
Sasahara e Alesi in pole

Marco Cortesi

Pole position per Ukyo Sasahara e Giuliano Alesi nel terzo appuntamento del SuperGT a Suzuka, che come per il precedente al Fuji si svolgerà sul limite delle 3 ore. Il duo del team Tom's si è preso una rivincita dopo un inizio di stagione non facile anche approfittando della ridotta zavorra (assegnata in base al punteggio).

Le prime quattro vetture nella classifica delle prove, hanno tutti meno di 10 chili di zavorra. Al secondo posto, la Honda Civic ARTA di Ren Sato e Hiroki Otsu. Poi, la Toyota di Oshima-Fukuzumi, mentre quarti hanno concloso Nobuharu Matsushita e Tomoki Nojiri.

Sesto posto posto per la prima delle Nissan, quella di Takaboshi-Miyake. Subito dietro Ronnie Quintarelli e Katsumasa Chiyo. In undicesima posizione la vettura leader di campionato con Kenta Yamashita e Sho Tsuboi, unica che oltre alla zavorra monta un restrittore all'aspirazione per aver incamerato più di 50 punti. In classe GT300, pole position inedita con l'Aston Martin Vantage di Tomonobu Fujii e Charlie Fagg

Sabato 1 giugno 2024, qualifica

1 - Sasahara-Alesi (Toyota Supra) - Tom's - 3'31"873
2 - Otsu-Sato (Honda Civic) - ARTA - 3'32"209
3 - Oshima-Fukuzumi (Toyota Supra) - Rookie - 3'32"223
4 - Matsushita-Nojiri (Honda Civic) - ARTA  - 3'32"623
5 - Ishiura-Oyu (Toyota Supra) - Tom's - 3'32"939
6 - Takaboshi-Miyake (Nissan Z) - Nismo - 3'32"980
7 - Chiyo-Quintarelli (Nissan Z) - Nismo - 3'33"042
8 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) - Impul - 3'33"074
9 - Matsuda-Natori (Nissan Z) - Kondo - 3'33"411
10 - Yamamoto-Makino (Honda Civic) - Kunimitsu - 3'33"418
11 - Tsuboi-Yamashita (Toyota Supra) - Tom's - 3'34"447
12 - Sakaguchi-Kunimoto (Toyota Supra) - Bandoh - 3'35"173
13 - Izawa-Okusa (Honda Civic) - Nakajima - 3'37"827
14 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) - Sard - 3'40"572
15 - Tsukakoshi-Ohta (Honda Civic) - Real - 3'48"807

5 Mag [22:56]

Fuji, gara
Doppietta Nissan, Quintarelli 2°

Marco Cortesi

Doppietta per il team NISMO nel secondo appuntamento del SuperGT 2024, la 3 ore del Fuji. Per la prima volta, il campionato ha disputato una tappa con un limite temporale, e non di distanza come usuale. Dopo aver passato la Honda partita in pole con Tsukakoshi-Ohta, la Nissan numero 3 di Mitsunori Takaboshi ha allungato, dominando tutto il resto della corsa anche quando al volante si è posizionato Atsushi Miyake.

Seconda posizione per Ronnie Quintarelli e Katsumasa Chiyo, partiti dalla seconda fila. La vettura numero 23 ha perso una posizione dopo la prima sosta, ma ha recuperato in occasione di quella successiva, prendendo il primo podio dell'anno e il terzo posto in classifica. Quintarelli è diventato il quarto pilota nella storia del SuperGT a segnare più di 1000 punti in classe GT500.

La Honda Civic partita in pole ha concluso terza, il secondo podio consecutivo per la nuova arma di casa HRC, mentre la vettura del team ARTA, che aveva lottato a sua volta per il terzo posto con Nojiri-Matsushita ha pagato un problema tecnico al termine di una lunga battaglia. In quarta posizione è salita così la Toyota vincitrice della prima prova di Okayama con Sho Tsuboi e Kenta Yamashita. A seguire, la Toyota Cerumo di Hiroaki Ishiura e Toshiki Oyu.

In GT300 la vittoria è andata alla Lamborghini Huracan di Takashi Kogure e Yuya Motojima. Ritorna al successo così la scuderia di Isao Noritake dopo la finale del campionato 2023 a Motegi. 

Complessivamente, la gara si è rivelata nuovamente un successo di pubblico, attraendo quasi 90.000 spettatori a conferma della validità della scelta di correre nella settimana festiva della Golden Week. 

Sabato 4 maggio 2024, gara

1 - Takaboshi-Miyake (Nissan Z) - Nismo - 117 giri
2 - Chiyo-Quintarelli (Nissan Z) - Nismo - 13"738
3 - Tsukakoshi-Ohta (Honda Civic) - Real - 36"354
4 - Tsuboi-Yamashita (Toyota Supra) - Tom's - 38"002
5 - Ishiura-Oyu (Toyota Supra) - Tom's - 41"637
6 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) - Impul - 48"364
7 - Yamamoto-Makino (Honda Civic) - Kunimitsu - 50"361
8 - Oshima-Fukuzumi (Toyota Supra) - Rookie - 54"666
9 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) - Sard - 1'14"583
10 - Sakaguchi-Kunimoto (Toyota Supra) - Bandoh - 1'26"522
11 - Sasahara-Alesi (Toyota Supra) - Tom's - 1 giro
12 - Izawa-Okusa (Honda Civic) - Nakajima - 1 giro
13 - Matsuda-Natori (Nissan Z) - Kondo - 1 giro
14 - Matsushita-Nojiri (Honda Civic) - ARTA  - 7 giri
15 - Otsu-Sato (Honda Civic) - ARTA - 21 giri

14 Apr [21:15]

Okayama, gara
Tsuboi-Yamashita indisturbati

Marco Cortesi

Partiti dalla pole position con la Toyota Supra Tom's numero 36, Sho Tsuboi e Kenta Yamashita hanno dominato il primo appuntamento del SuperGT 2024 a Okayama. Sulla pista dal Kyushu, per la casa delle tre ellissi è arrivata una doppietta, con l'equipaggio Sard Yamashita-Sekiguchi che ha a sua volta confermato il secondo posto al via pur tenendosi dietro l'arrembante duo Honda Kunimitsu e in particolare nel finale Naoki Yamamoto.

Per la nuova Honda Civic il debutto è stato positivo, e sarebbe potuta andare meglio senza un contatto iniziale che ha visto coinvolte tre macchine inclusa la Honda Real e la Toyota del Rookie Racing e ha chiamato in causa la safety-car. A innescare il tutto leggero contatto della Nissan di Bertrand Baguette alla Supra di Kazuya Oshima. 

Se quarta ha concluso la Toyota di Hiroaki Ishiura e Toshiki Oyu, in top-5 si sono piazzati Ronnie Quintarelli e Katsumasa Chiyo, penalizzati a loro volta da un contatto: alla prima curva, proprio Oshima ha "pizzicato" la Z di Quintarellli, facendolo finire largo fuori pista e costandogli numerose posizioni. La coppia NISMO ha recuperato per quanto possibile, ma non è riuscita ad andare oltre il quinto posto, forse anche a causa del feeling non ancora perfetto con le nuove gomme Bridgestone.

Sesto posto per l'altra Nissan NISMO di Mitsunori Takaboshi e Atsushi Myake, autore di un buon debutto. Ottavo posto per la Honda di Nojiri-Matsushita, partita dai box dopo la rimozione dei tempi in Q1.

Domenica 14 aprile 2024, gara


1 - Tsuboi-Yamashita (Toyota Supra) - Tom's - 82 giri
2 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) - Sard - 11"011
3 - Yamamoto-Makino (Honda Civic) - Kunimitsu - 12"262
4 - Ishiura-Oyu (Toyota Supra) - Cerumo - 21"100
5 - Chiyo-Quintarelli (Nissan Z) - Nismo - 24"541
6 - Takaboshi-Miyake (Nissan Z) - Nismo - 25"424
7 - Sasahara-Alesi (Toyota Supra) - Tom's - 25"776
8 - Matsushita-Nojiri (Honda Civic) - ARTA  - 41"315
9 - Otsu-Sato (Honda Civic) - ARTA - 43"007
10 - Izawa-Okusa (Honda Civic) - Nakajima - 1 giro
11 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) - Impul - 1 giro
12 - Matsuda-Natori (Nissan Z) - Kondo - 1 giro
13 - Sakaguchi-Kunimoto (Toyota Supra) - Bandoh - 3 giri
14 - Oshima-Fukuzumi (Toyota Supra) - Rookie - 39 girì

Ritirati
1° giro - Tsukakoshi-Ohta

13 Apr [15:38]

Okayama, qualifica
Pole per Tsuboi-Yamashita

Marco Cortesi

Debbutto 2024 a Okayama e prima qualifica del SuperGT con il nuovo regolamento che prevede la somma dei tempi dei due piloti in sessioni distinte con le stesse gomme. Il risultato, in un sabato di bel tempo, è stato una doppietta per la Toyota. Davanti a tutti Sho Tsuboi e Kenta Yamashita davanti a Yuhi Sekiguchi e Yuichi Nakayama. Entrambi gli equipaggi, di Tom's e Sard, hanno segnato tempi individuali sotto il minuto e 18 secondi. Terza prestazione al debutto per la Honda Civic, con la somma dei tempi di Naoki Yamamoto e Tadasuke Makino. Top-5 anche per i due equipaggi team Cerumo, con Ishiura-Oyu, e Rookie Racing con Oshima-Fukuzumi.

Altri team hanno faticato con il nuovo sistema, che manda in pista nel Q2 i piloti con pneumatici non in condizioni ideali. E' stato il caso della Nissan numero 23 Dopo il miglior tempo di Katsumasa Chiyo nel Q1, Ronnie Quintarelli non è riuscito a ripetere la prestazione. Quinto posto nel finale, davanti all'altra Nissan Nismo e alla Honda di Otsu-Sato. Ancora peggio è andata al duo Matsushita-Nojiri. Il primo ha perso i suoi tempi, e il secondo non ha potuto partecipare alla Q2.

In GT300, la pole è andata a Naoya Gamou e Takuro shinohara su Mercedes.

Sabato 13 aprile 2024, qualifica

1 - Tsuboi-Yamashita (Toyota Supra) - Tom's - 2'35"561
2 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) - Sard - 2'35"787
3 - Yamamoto-Makino (Honda Civic) - Kunimitsu - 2'35"883
4 - Ishiura-Oyu (Toyota Supra) - Tom's - 2'35"986
5 - Oshima-Fukuzumi (Toyota Supra) - Rookie - 2'36"212
6 - Chiyo-Quintarelli (Nissan Z) - Nismo - 2'36"246
7 - Takaboshi-Miyake (Nissan Z) - Nismo - 2'36"434
8 - Otsu-Sato (Honda Civic) - ARTA - 2'36"527
9 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) - Impul - 2'36"548
10 - Tsukakoshi-Ohta (Honda Civic) - Real - 2'36"574
11 - Sasahara-Alesi (Toyota Supra) - Tom's - 2'36"860
12 - Matsuda-Natori (Nissan Z) - Kondo - 2'37"345
13 - Izawa-Okusa (Honda Civic) - Nakajima - 2'37"583
14 - Sakaguchi-Kunimoto (Toyota Supra) - Bandoh - 2'39"550
15 - Matsushita-Nojiri (Honda Civic) -  - ARTA  - ST

18 Feb [7:43]

Intervista a Quintarelli
Novità e bilanci al via del 2024

Marco Cortesi

Al via di una stagione ricca di novità, Ronnie Quintarelli ci regala un’esclusiva intervista a tutto tondo. Sulla stagione 2023, dal drammatico incidente del compagno di squadra Tsugio Matsuda a Suzuka, al terzo posto finale in campionato, e sul 2024, con la sfida delle nuove gomme Bridgestone e un nuovo, super competitivo compagno di squadra, Katsumasa Chiyo (a sinistra nella foto insieme al direttore del team NISMO Takeshi Nakajima), passando per una riflessione sul motorsport giapponese e internazionale. 

Per il team NISMO, che ha appena presentato i propri colori, la sfida è iniziata con una doppia sessione di test che ha lasciato buone impressioni e prospettive per l’anno che si appresta a partire.

Sei reduce da due sessioni di test, come sono andate?

I primi test a Sepang in Malesia e a Okayama sono stati incoraggianti. 
Sono stati organizzati dai gommisti e ogni costruttore, oltre alla test-car ha potuto portare una sola macchina in configurazione da gara. Noi di NISMO eravamo in pista con la test-car in Malesia a fine Gennaio e abbiamo debuttato con la macchina numero 23 da gara nei primi test stagionali in Giappone a Okayama, nella seconda settimana di Febbraio.

Entriamo subito nel vivo. Quest’anno per voi in NISMO ci sarà una rivoluzione passando da Michelin a Bridgestone. Com’è stato vissuto questo cambiamento?

Sono stato contento, considerando che, dal punto di vista dei responsabili dello sviluppo e degli ingegneri, io per Bridgestone sono sempre stato il rivale numero uno. Avendomi dalla loro parte, da un lato vogliono subito sentire la prima impressione, ed è molto gratificante. Poi sono orgogliosi, apprezzano il fatto di avere un buon feedback sulle loro gomme, dei commenti positivi su certe specifiche. Vogliono mettercela tutta.

E’ il vantaggio di essere Ronnie Quintarelli?

E’ il vantaggio di essere il vecchio della categoria! Quando sono arrivato in pista ai test, per prima cosa mi sono presentato al responsabile degli ingegneri. Scherzando gli ho detto: mi chiamo Ronnie Quintarelli, non so se mi conosci… Ridendo mi ha risposto: “Sei troppo famoso per non sapere chi sei!

Come siete usciti dalla stagione 2023?

Considerando tutto quello che è successo lo scorso anno con l’incidente di Suzuka in primis, la stagione 2023 è finita positivamente. Con una vittoria, due secondi posti e il terzo posto finale in campionato siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo minimo stagionale per il team NISMO, che si prefissa sempre di cercare di entrare come minimo nei primi tre in classifica generale. C’e’ però da dire che nelle ultime due stagioni la seconda macchina NISMO con a bordo i due giovani Katsumasa Chiyo e MitsunoriTakaboshi è stata protagonista per la lotta al titolo fino alla fine, chiudendo al secondo posto due volte. Ci hanno messo un po’ in ombra…

Anche per questo è nato l’avvicendamento tra compagni di squadra?

Già dall’anno scorso, che era il decimo anno di fila per me e Tsugio Matsuda sulla macchina numero 23, sapevamo che sarebbe potuta essere stata l’ultima stagione insieme. Sarebbe stato molto, molto difficile che Nissan continuasse con due piloti oltre i quarant’anni, che sono lì da 10 anni. Non era mai successo nella storia della scuderia. 
Per questo motivo siamo stati ancora più uniti. Ci siamo potuti concentrare al massimo sul presente, per chiudere alla grande. Poi… si sapeva che avrebbero potuto cambiare uno dei due piloti, o anche tutti e due. Dopotutto, cambiando il fornitore delle gomme ed avendo tre machine in totale con Bridgestone, si sarebbe potuta fare una rivoluzione.

Alla fine sei rimasto, come vedi questa scelta?

La riconferma sulla macchina No. 23, in quest’anno di grandi cambiamenti, e il fatto di essere stato messo in squadra con Chiyo, che si è messo molto in risalto ed è cresciuto in modo straordinario nelle ultime stagioni, è stato un segno veramente forte nei miei confronti. Sono 12 stagioni dopotutto. Dispiace non essere più con Tsugio, ma Chiyo porta anche degli stimoli nuovi. 

A livello personale hai avuto un’annata 2023 positiva, cosa ne pensi?

L’anno scorso, se devo tirare una somma su di me, è stato praticamente perfetto, senza errori. Quando c’è stato da vincere, abbiamo vinto, abbiamo performato anche in condizioni difficili. Se c’è una cosa che non mi ha soddisfatto personalmente è stata non riuscire a lottare per la pole position nell’ultima gara con la Michelin a Motegi, senza zavorra. Nel Q2, che è di fatto un giro secco, qualcosa non è andato e non sono riuscito ad andare oltre il quinto posto. Nonostante questo, poi abbiamo fatto una bella gara chiudendo secondi. 

E invece ad andare fortissimo in qualifica a Motegi è stato proprio Chiyo…

Chiyo è stato praticamente impeccabile riuscendo ad ottenere la sua prima pole in carriera nel SuperGT e starmi davanti per la prima volta in modo netto in qualifica. Per un motivo o per l’altro, le sessioni che avevamo fatto insieme fino a quel momento erano sempre state a favore mio, e quella volta era determinato a mettermi dietro. Anche per questo è bello ora lavorare con lui e dividere l’abitacolo della macchina No.23, quella di punta per il Team NISMO.

Com’è andato il primissimo contatto?

A metà dicembre, io sapevo con qualche giorno di anticipo che sarebbe stato lui il pilota con cui avrei diviso la macchina. Dopo che ha terminato la sua riunione qualche giorno piu’ tardi, mi ha chiamato subito. Da lì, messi insieme i due rivali, è cambiato tutto..

Quali sono le aspettative?

Secondo me abbiamo un mix di piloti che funzionerà. Nei miei 35 anni di carriera non ho mai visto uno motivato come Chiyo, che tutti i giorni si impegna duramente nel cercare di spronare il team dando anche tante direzioni tecniche.
Soprattutto nelle ultime stagioni, io sono sempre stato principalmente focalizzato per essere al massimo a livello fisico dedicando tantissimo tempo agli allenamenti quotidiani. Adesso avere uno come Chiyo in squadra gioverà tantissimo anche a me. 

Parlaci dell’incidente occorso a Tsugio lo scorso anno a Suzuka, non è stato un momento facile…

L’incidente è stato veramente sconvolgente. Non ho ricordi nella mia carriera di un fine settimana così. Prima di tutto, non si è capito subito chi era coinvolto. Si vedeva una macchina disintegrata, non si capiva chi fosse. Ci sono stati dei secondi di tensione. Vedevamo che la nostra posizione scendeva, e così abbiamo capito di essere noi. Poi sono andato dal team Kunimitsu e ho chiesto a Makino di domandare a Yamamoto via radio cos’era successo, visto che loro erano dietro. Mi ha fatto sentire la risposta e lì è stato un colpo al cuore. Siamo andati al medical centrer, dove abbiamo saputo che Tsugio era cosciente. Due ore dopo siamo andati in ospedale, col il manager del team e il fisioterapista. I medici ci hanno fatto vedere le lastre. Sono venuti i genitori di Tsugio, lui abita vicino a Suzuka. E poi abbiamo visto lui, due o tre minuti. E’ stata una domenica angosciante. 

E’ stato quasi un miracolo…

Si, ma lo si deve anche alla sua preparazione. La cosa che ci ha detto subito il dottore è che le ossa erano a posto. “Ne ho visti di atleti, ma non ne ho mai visto nessuno con una muscolatura così”. La muscolatura l’ha salvato da conseguenze più gravi. Il botto è stato da 58G. Ha subito un’operazione per riparare i muscoli delle cosce danneggiati dalle cinture. Ma lui è molto determinato, stoico. Non gli piace perdere, e questa mentalità l’ha aiutato nel recupero. 

Il ritorno com’è andato?

Il ritorno in pista è stato con una macchina nuova, tutta da assestare, ma nel round successivo, sempre a Suzuka, nonostante tutto, andava quasi più forte di prima.



Ci sono stati diversi incidenti in SuperGT, ultimi quelli di Matsuda a Suzuka e Yamamoto a Sugo. Forse queste macchine vanno troppo forte e bisogna intervenire?

Sicuramente le macchine vanno sempre più veloci, e c’è stato un dibattito nella pausa invernale. Però è una questione complessa, non è così semplice dire “riduciamo la velocità”. Anche nel raffronto con le GT300, il gap non è cambiato, sono migliorate entrambe le categorie.  Può essere che ci sia una battaglia in pista con velocità maggiori, e le cose possono precipitare se non c’è una comunicazione perfetta. Però molto intervengono anche le circostanze. A Suzuka è stata una serie di concause. Con la pressione di Yamamoto, il doppiaggio, nel punto più difficile della pista, Tsugio si è trovato a prendere un rischio. Anche a Sugo, con l’incidente di Yamamoto, c’è stata una vettura che doveva rientrare ai box, ha fatto passare, e poi ha tagliato pensando che non ci fosse nessuno. C’è stato un fraintendimento. E’ complesso pensare di intervenire.

Quale sarà il principale cambiamento dal lato regolamentare?

C’è una novità importante, per motivi ambientali. L’obiettivo per il SuperGT è di restare con il motore a combustione, ma per farlo dovremo essere entro il 2030 a impatto CO2 neutro, compensare le emissioni. Per questo, lo scorso anno c’è stata l’introduzione del combustibile ad emissioni di anidride carbonica neutrale. Poi, da quest’anno, sempre per la sostenibilità, è stato tirato via un set di gomme. In un weekend normale da 300 km c’erano cinque set di gomme per prove libere, qualifiche e gara, che erano sei fino a due anni fa. 
Non sarà facile. Si inizierà il Q1 con gomme nuove, per poi mandare in pista tutti i secondi piloti nel Q2 con le gomme del Q1 che saranno usate, sommando i due tempi. Va detto che noi piloti non è che siamo contentissimi di questo cambiamento, perché toglie la sfida per la pole position a gomme nuove nel secondo segmento che tante volte vedeva anche infranti i record dei circuiti con la condizione della pista che via via va a migliorare. 
Questa nuova regola sottrarrà un po’ di spettacolo per il giro secco, ma la cosa positiva è che i tifosi potranno vedere scendere in pista tutti i lori beniamini nelle qualifiche, non essendoci più il knock out dopo il Q1.

Dal punto di vista tecnico, il SuperGT ha un livello impressionante. E’ lo stesso anche dal punto di vista fisico?

Nelle gare estive c’è sempre un po’ la tendenza a ridurre l’areazione nella macchina per avere più efficienza, e si arrivano ad avere anche più di quaranta gradi dentro l’abitacolo. Poi, le machine del GT500, avendo delle velocità in curva altissime, generano tanti G di accelerazione. La cosa più difficile sono le gare più lunghe, quelle da 450 chilometri, quando un pilota deve effettuare anche il doppio stint. Fisicamente è molto dura, ma rappresenta una sfida soprattutto per i piloti di età avanzata come me. 

Negli ultimi anni si è vista una riduzione nel flusso di piloti stranieri in Giappone, come mai?

Probabilmente è dovuto al fatto che Honda e Toyota hanno le loro Academy sin dal kart, e ogni anno, hanno un pilota o due potenzialmente forti che portano in Formula 4, e poi mandano magari in Super Formula Lights o in Europa. Salendo in kart a 5 anni, arrivi a 13 in OK che sei già un giovane professionista. Tra i 12 e 14 anni alcuni già salgono macchina per testare privatamente. Poi grazie anche al simulatore, arrivano 18 anni che sono completi. E’ tutto più precoce. 

C’è una carica di giovani preparati…

Spesso si dice che non ci sono più i piloti di una volta… In realtà ora, grazie alla tecnologia, per certi versi sono anche meglio. Una volta, a parte qualche caso eccezionale, non è che salivi in macchina e andavi forte subito dopo qualche tornata. Avevi una fase di assestamento, per capire. Adesso salgono e dopo tre uscite fanno quasi i nostri tempi. Poi, con la gestione della gara è diverso. Ma studiando gli on board e i dati della telemetria, riescono ad assorbire tutto. Poi con l’Academy ovviamente le case possono seguirli anche dettando le condizioni a lungo termine. Dall’altro lato, lo straniero è sempre un punto di domanda a livello di adattamento alla cultura. In Giappone, se devono scegliere tra uno straniero o un giapponese, a parità di potenziale, scelgono il pilota di casa.

Qual è il pilota giovane che ti impressiona di più?

Facendo tante cose coi kart ho potuto vedere numerosi piloti. Quelli che sono in SuperFormula o GT500, li ho visti crescere tutti e sono tutti molto forti, facevano la differenza anche allora. Uno che ho visto assolutamente determinato, e quando c’è da vincere vince, è Ritomo Miyata, che adesso farà la F2. Ha vinto tantissimo sin dal kart, in Formula 4, in Super Formula Lights e l’anno scorso ha vinto sia SuperFormula sia SuperGT. Mentalmente è fortissimo. Uscire dal Giappone però non è mai facile, non si sa mai quale sarà la reazione andando fuori dalla propria comfort zone, è come per gli stranieri che entrano. Però qui in casa è uno di quelli al top. Ma ce ne sono tanti, a partire da Chiyo, naturalmente, e Takaboshi.

In generale cosa ne pensi del motorsport attuale, e della Formula 1?

Lasciando stare le solite cose del “adesso non è più come una volta” che ci sono sempre, anche nel calcio, la Formula 1 attuale mi sembra al top degli ultimi 20 anni, e anche tutto il motorsport in generale lo vedo in salute, a livello di professionisti e gentleman. E come in F1, anche qui in Giappone, ci sono tanti team che vorrebbero entrare in SuperGT ma non trovano lo slot per entrare, indipendentemente da quanto li vogliano pagare. 


6 Nov [10:16]

Miyata raddoppia nel giorno degli addii
Lamborghini torna alla vittoria

Marco Cortesi

Ritomo Miyata è, ma lo sarà per poco, il nuovo campione di riferimento del sol levante. Il ventiquattrenne del team Tom's ha conquistato nello stesso anno il campionato GT e la SuperFormula, un'impresa riuscita a pochi, ma è pronto a passare al WEC in pianta stabile con la Lexus in GT3 prima e magari con la Hypercar poi. Arrivato alle corse dopo un'infanzia non facile, caratterizzata dalla diagnosi di autismo e da difficoltà di inserimento a scuola, ha trovato nel motorsport la familiarità di cui aveva bisogno, con risultati subito eccezionali. 

Addio Michelin, per Nismo arriva Bridgestone?
Con un secondo posto a Motegi saluta la classe GT500 anche il marchio Michelin. Il gommista francese ha deciso di uscire dal SuperGT dopo anni di alto livello, segnati dai titoli conquistati con Ronnie Quintarelli, Tsugio Matsuda e Masataka Yanagida in un rapporto solidissimo con Nissan. Così, per la squadra ufficiale di Yokohama si tratterà ora di aprire un nuovo capitolo che probabilmente sarà con Bridgestone. Il motivo addotto, la "chiusura" in trermini di motorsport del Giappone, con gare relativamente corte, senza componenti ibridi, e grandi costi di sviluppo. Dopotutto, il SuperGT si sta orientando più verso il link con la produzione, sempre di più verso l'alto livello di competizione.

Salutano Honda NSX e Tachikawa
A testimonianza di ciò anche la scelta da parte di Honda di pensionare la NSX e introdurre il nuovo modello Civic. Sotto la pelle non cambierà nulla. Da fuori, debutta una vettura che nella versione stradale è tutt'altro che una GT, ma permette di offrire un link con un modello più "popolare".  Addio anche Yuji Tachikawa ha deciso di appendere il casco al chiodo dopo una carriera incredibile. A 48 anni, ha corso per 27 stagioni consecutive nel massimo campionato giapponese, 25 dei quali con la stessa squadra, il team Cerumo, e 26 con Toyota. Per lui sembra probabile un futuro da dirigente o testimonial nella casa delle tre ellissi.


Torna alla vittoria il team JLOC 
In GT300 ha trionfato un'altra storia di grande tradizione. Nell'appuntamento di Motegi è arrivato un nuovo successo per il team JLOC e il marchio Lamborghini. L'attesa è stata lunga, sin dal trionfo di Couto-Takahashi-Fujinami del 2019 a dispetto della passione sempre dimostrata dal gruppo fondato da Isao Noritake. Diventato famoso in Europa per le partecipazioni, purtroppo non fortunate, alla 24 Ore di Le Mans, il Japan Lamborghini Owners Club ha debuttato nel 1984 con una Lamborghini Countach, passando poi negli anni a Diablo, Murcielago, Gallardo e infine Huracan GT3.

Dal concessionario al titolo GT300
La GT300 ha regalato anche la grande storia del titolo vinto dal team Saitama Toyopet. La scuderia della città a nord di Tokyo rappresenta un gruppo di concessionari Toyota, con parte dello staff che, nella settimana, lavora nell'assistenza delle vetture per i clienti. La Supra che viene schierata è realizzata sul regolamento JAF GT300, quello più tradizionale del SuperGT, con le vetture che sono di fatto "silhouette", e che coesiste con le regole GT3.

PrevPage 1 of 10Next

News

super gt
v