World Endurance

Porsche svela la 963 e i nomi
dei primi otto piloti del programma

In occasione del festival della velocità di Goodwood Porsche ha svelato diversi dettagli, tra cui il nome della vettura, del ...

Leggi »
Rally

Rally del Kenya – 2° giorno finale
Rovanpera 1°, Ogier fora, debacle Ford

Ancora cambi al vertice del Safari Rally del Kenya ma, a comandare indisturbate nella classifica assoluta del WRC, sono sempr...

Leggi »
Rally

Rally del Kenya – 2° giorno mattino
Evans comanda, problemi per Hyundai

L’avvio del secondo giorno del Safari Rally del Kenya è stato ricco di colpi di scena. Come da tradizione la prova africana, ...

Leggi »
formula 1

Gasly in AlphaTauri anche nel 2023:
ora ufficiale, ma c'era già il contratto

Pierre Gasly sarà un pilota AlphaTauri anche nella prossima stagione di Formula 1. Il team di Faenza ha voluto fare un annunc...

Leggi »
formula 1

Ferrari, titolo ancora possibile:
le basi per costruire la rimonta

Per la Ferrari 76 punti di distacco dalla Red Bull, per Charles Leclerc 49 da Max Verstappen. "La stagione è ancora lung...

Leggi »
Rally

Rally del Kenya – 1° giorno
Ogier in testa, brividi per Rovanpera

Michele Montesano Con la prova spettacolo di Kasarani è ufficialmente partito il Safari Rally del Kenya, sesta prova stagio...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
29 Mag [10:44]

Suzuka, gara
NDDP dal disastro al trionfo

Marco Cortesi

Prima vittoria per la nuova Nissan Z a Suzuka nel terzo round del SuperGT 2022. Con una gran rimonta iniziale di Katsumasa Chiyo, il team NDDP (Nismo, nella foto ©GTA) ha preso la prima posizione nelle prime fasi, e anche Mitsunori Takaboshi non ha perso tempo. Per il team si tratta di una vittoria straordinaria pochi giorni dopo il coinvolgimento di Takaboshi in un terrificante incidente al Fuji. I due hanno inoltre conquistato la leadership della classifica.

La Toyota del team Bandoh, partita in pole, è stata subito riassorbita dal gruppo, e al secondo posto alla fine è riuscita a prevalere la migliore delle Honda, quella del team Real di Tsukakoshi-Matsushita, riuscita ad avere la meglio della prima delle Toyota di casa Tom's. A chiudere il podio proprio gli alfieri delle tre ellissi Sacha Fenestraz e Ritomo Miyata.

Terzo posto per la Toyota Sard con Yuichi Nakayama protagonista di un gran finale. Top-5 per i pole sitter Sent Sakaguchi e Yuji Kunimoto. Poca fortuna per Ronnie Quintarelli e la Nissan numero 23. Dopo il mancato accesso alla Q2, Quintarelli ha recuperato dalla dodicesima alla decima posizione. Tsugio Matsuda ha però tamponato una vettura doppiata, prendendo una penalità e tornando dodicesimo.

Ritiro per problemi meccanici per la Nissan Impul di Hiramine-Baguette e per la Toyota Cerumo di Tachikawa-Ishiura che già aveva saltato la qualifica per la rottura del motore.

Domenica 29 maggio, gara

1 - Chiyo-Takaboshi (Nissan Z) – Nismo - 52 giri
2 - Tsukakoshi-Matsushita (Honda NSX) – Real - 4"549
3 - Fenestraz-Miyata (Toyota Supra) – Tom's - 4"832
4 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) – Sard - 4"88
5 - Kunimoto-Sakaguchi (Toyota Supra) – Bandoh - 8"357
6 - Sasaki-Hirate (Nissan Z) – Kondo - 10"429
7 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – Arta - 10"472
8 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 13"278
9 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 14"304
10 - Tsuboi-Alesi (Toyota Supra) – Tom's - 15"362
11 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 17"764
12 - Matsuda-Quintarelli (Nissan Z) – Nismo - 54"222

Ritirati
37° giro - Sasahara-Oyu
10° giro - Tachikawa-Ishiura
2° giro - Hiramine-Baguette



28 Mag [22:26]

Suzuka, qualifica: pole di Kunimoto

Marco Cortesi

Seconda pole consecutiva per il team Bandoh e per la Toyota Supra gommata Yokohama a Suzuka nel terzo appuntamento del SuperGT giapponese. Al contrario che al Fuji, a far la pole stavolta è stato Yuji Kunimoto, che ha fatto sua la prima partenza al palo in carriera con un giro veloce allo scadere. Seconda piazza per la coppia del team Tom's composta da Miyata-Fenestraz mentre con la migliore delle Nissan, Mitsunori Takaboshi ha dato il terzo posto al "secondo" team Nismo, che si presentava con una nuova vettura dopo il tremendo crash proprio di Takaboshi al Fuji.

La migliore delle Honda ha concluso quarta con Sasahara-Oyu per il team Mugen, seguita dall'esemplare di Tsukakoshi-Matsushita e dalla Nissan di Hiramine-Baguette. Purtroppo, non ha nuovamente conquistato l'accesso al Q2 Tsugio Matsuda, in coppia con Ronnie Quintarelli sulla Nissan Z numero 23. Per il duo NISMO ci sarà un'altra gara in salita.

Sabato 28 maggio 2022, qualifica

1 - Kunimoto-Sakaguchi (Toyota Supra) – Bandoh - 1'44.112 R - Q2
2 - Fenestraz-Miyata (Toyota Supra) – Tom's - 1'44.269 R - Q2
3 - Chiyo-Takaboshi (Nissan Z) – Nismo - 1'44.425 - Q2
4 - Sasahara-Oyu (Honda NSX) – Mugen - 1'44.457 - Q2
5 - Tsukakoshi-Matsushita (Honda NSX) – Real - 1'44.653 - Q2
6 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) – Sard - 1'44.925 - Q2
7 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) – Impul - 1'45.662 - Q2
8 - Tsuboi-Alesi (Toyota Supra) – Tom's - 1'46.137 - Q2
9 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 1'45.219 - Q1
10 - Sasaki-Hirate (Nissan Z) – Kondo - 1'45.233 - Q1
11 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1'45.293 - Q1
12 - Matsuda-Quintarelli (Nissan Z) – Nismo - 1'45.360 - Q1
13 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – Arta - 1'45.388 - Q1
14 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 1'45.640 - Q1
15 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - s.t.

4 Mag [20:27]

Fuji, gara: ARTA vince tra
Incidenti, squalifiche e interruzioni

E' stata una gara realmente unica quella del SuperGT al Fuji, nell'appuntamento della Golden Week giapponese, con seri incidenti, sospensioni, un'interruzione anticipata e due penalità al vertice che hanno fatto trionfare a sorpresa il team ARTA. Dopo le prime fasi, con il team Bandoh che con la sua Supra aveva preso margine, erano emersi i piloti Tom's, ma anche la Nissan Nismo di Katsumasa Chiyo e Mitsunori Takaboshi. Al comando si era piazzata la Toyota di Alesi e Tsuboi, autore di un bel sorpasso a Fenestraz, e la prima delle nuove "Z" di Yokohama era terza.

Incidenti e interruzioni
Al giro 49, poco prima della metà gara, la prima sospensione, con la Mercedes GT300 Hisashi Wada andata fortissimo nelle barriere di curva 13 dopo un testacoda. La stessa circostanza si è rivelata incredibilmente favorevole per il duo Sekiguchi-Nakayama che ha potuto effettuare la sosta in regime di Full Course Yellow. Così, la coppia Sard si è piazzata in terza posizione, ma presto è passata a condurre: poco dopo il re-start, le due macchine Tom's sono arrivate al contatto, con Miyata che ha spinto fuori Alesi.

Si è arrivati al giro 59 con Sekiguchi primo, Takaboshi secondo, Miyata terzo e la Honda ARTA di Nojiri-Fukuzumi quarta. Poco dopo, il finimondo. Una vettura GT300 ha rallentato sul rettilineo, e i primi tre sono arrivati alle sue spalle in gruppo, impedendo la corretta visione a Takaboshi e Miyata. Il pilota Nissan si è trovato davanti la Toyota a sorpresa e per evitarla ha sterzato contro il guard-rail. E' stato un botto tremendo, il suo, in piena velocità, ma Takaboshi è uscito dal rottame della sua Nissan da solo (così come prima di lui Wada).



Si ferma tutto, ma non è finita
Troppi i danni alle barriere per ripartire subito. Si è arrivati alle 18:10 locali, e si è deciso di fare solo pochi giri, che non si sono nemmeno svolti. Un problema col primo re-start ha fatto restare in pista la safety fino alla fine. Ma anche lì, non è finita. La Vettura di Sekiguchi e Nakayama è stata infatti penalizzata perché il primo, in bandiera rossa, aveva toccato le gomme della sua Supra, cosa vietata. Vittoria per Tom's? Neanche per sbaglio. Anche Fenestraz-Miyata hanno subito la stessa sorte per il contatto precedente con l'auto gemella.

A vincere così è stata in maniera del tutto improbabile la Honda del team ARTA con Tomoki Nojiri e Nirei Fukuzumi, trovatisi dai margini della top-5 al successo. Al secondo posto hanno concluso Tsuboi-Alesi, mentre il duo della Impul Hiramine-Baguette ha completato il podio. Poco dietro, la Nissan Nismo superstite di Ronnie Quintarelli e Tsugio Matsuda. Partito dall'undicesimo posto, Quintarelli ha recuperato di forza fino all'ottava piazza, e gli eventi di gara hanno fatto il resto per Matsuda.

Mercoledì 4 maggio, gara

1 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – Arta - 62 giri
2 - Tsuboi-Alesi (Toyota Supra) – Tom's - 2"570
3 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) – Impul - 3"151
4 - Matsuda-Quintarelli (Nissan Z) – Nismo - 3"614
5 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 4"326
6 - Kunimoto-Sakaguchi (Toyota Supra) – Bandoh - 4"522
7 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 4"781
8 - Sasaki-Hirate (Nissan Z) – Kondo - 4"913
9 - Tsukakoshi-Matsushita (Honda NSX) – Real - 5"534
10 - Sasahara-Oyu (Honda NSX) – Mugen - 5"701
11 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 6"064
12 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 8"957
13 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) – Sard - 36"758
14 - Fenestraz-Miyata (Toyota Supra) – Tom's - 38"138
15 - Chiyo-Takaboshi (Nissan Z) – Nismo - 4 Laps

3 Mag [21:44]

Fuji, qualifica
Pole infrasettimanale di Sakaguchi

Pole position per la Toyota del team Bandoh al Fuji nella qualifica del secondo appuntamento del SuperGT 2022. Come da tradizione, la gara sul veloce tracciato alle pendici del celebre monte si svolge infrasettimanalmente durante le festività della popolare Golden Week. A prevalere è stata la Supra Bandoh che, con Sena Sakaguchi al volante, ha dominato il Q2 con oltre tre decimi di vantaggio. Al secondo e terzo posto due Nissan. Kohei Hirate ha portato in prima fila la Z del team Kondo, seguito dal secondo esemplare Nismo di Katsumasa Chiyo e Mitsunori Takaboshi.

Purtroppo, non è riuscito di nuovo a entrare nel Q2 Tsugio Matsuda, che divide la numero 23 con Ronnie Quintarelli, penalizzati della zavorra che ha messo fuori anche Oshima e Yamashita, leader di campionato. In seconda fila ci sarà la Toyota del team Tom's del duo Miyata-Fenestraz. Quinta la prima Honda di Tomoki Nojiri e Nirei Fukuzumi per il team Arta. In GT300, la pole position è andata a Iguchi-Yamauchi su Subaru.

Martedì 3 maggio, qualifica

1 - Kunimoto-Sakaguchi (Toyota Supra) – Bandoh - 1'26.137
2 - Sasaki-Hirate (Nissan Z) – Kondo - 1'26.449
3 - Chiyo-Takaboshi (Nissan Z) – Nismo - 1'26.452
4 - Fenestraz-Miyata (Toyota Supra) – Tom's - 1'26.548
5 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – Arta - 1'26.569
6 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 1'27.053
7 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 1'27.161
8 - Tsuboi-Alesi (Toyota Supra) – Tom's - 1'27.273
9 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 1'26.810
10 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) – Impul - 1'26.989
11 - Matsuda-Quintarelli (Nissan Z) – Nismo - 1'27.090
12 - Sasahara-Oyu (Honda NSX) – Mugen - 1'28.305
13 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1'28.853
14 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) – Sard - 1'29.133
15 - Tsukakoshi-Matsushita (Honda NSX) – Real - 1'32.072

18 Apr [8:16]

Autopolis, gara: Cerumo vince
Quintarelli sul podio

Marco Cortesi

Successo di forza per Kazuya Oshima e Kenta Yamashita nell'appuntamento iniziale del SuperGT giapponese 2022. Il duo del team Cerumo, partito dalla pole, ha comandato sin dalle prime fasi approfittando anche della bagarre alle proprie spalle, aumentando subito il proprio margine.

La sfida per il secondo posto ha inizialmente coinvolto Yuhi Sekiguchi e Yuji Tachikawa, con il primo che dopo le soste sembrava avere avuto la meglio. Presto però a contendergli la leadership è stato il team Impul, con Kazuki Hiramine che ha guadagnato nel secondo stint la seconda piazza lottando con il compagno di Tachikawa, Hiroaki Ishiura. Ma mentre i due si sfidavano, dal nulla è arrivato Naoki Yamamoto, che con un sorpasso da manuale li ha beffati entrambi.

Ishiura e Hiramine hanno poi trovato un altro avversario che li ha sopravanzati, Tsugio Matsuda. Dopo lo stint iniziale di Ronnie Quintarelli, che aveva mantenuto l'ottava posizione, il giapponese ha approfittato dei colpi di scena e del miglior comportamento delle gomme nel finale per portarsi al terzo posto. La nuova Nissan Z ha così ottenuto il primo podio dopo delle libere da protagonista e qualche difficoltà in qualifica.

Ishiura si è piazzato quarto seguito da Mitsunori Takaboshi con la seconda Nissan Nismo, anche lui a completare una gran rimonta nel secondo stint. Solo sesta la prima Toyota Supra del team Tom's, quella di Sho Tsuboi e Giuliano Alesi, mentre Hiramine, in coppia con Bertrand Baguette, è andato in crisi di gomme precipitando al settimo posto. In GT300, successo Nissan con Joao Paulo De Oliveira e Kiyoto Fujinami.

Domenica 17 aprile 2022, gara

1 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Rookie - 82 giri
2 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 1"798
3 - Matsuda-Quintarelli (Nissan Z) – Nismo - 3"478
4 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 9"761
5 - Chiyo-Takaboshi (Nissan Z) – Nismo - 11"701
6 - Tsuboi-Alesi (Toyota Supra) – Tom's - 13"534
7 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) – Impul - 20"789
8 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) – Sard - 20"943
9 - Tsukakoshi-Matsushita (Honda NSX) – Real - 24"697
10 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – Arta - 25"339
11 - Fenestraz-Miyata (Toyota Supra) – Tom's - 26"528
12 - Sasahara-Oyu (Honda NSX) – Mugen - 70"319
13 - Kunimoto-Sakaguchi (Toyota Supra) – Bandoh - 1 giro
14 - Sasaki-Hirate (Nissan Z) – Kondo - 1 giro
15 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1 giro

In campionato
1. Oshima-Yamashita 23; 2. Yamamoto-Makino 18; 3. Quintarelli-Matsuda 14; 4. Tachikawa-Ishiura 11; 5. Chiyo-Takaboshi 9.

16 Apr [13:05]

Okayama, qualifica: Oshima in pole

Marco Cortesi

Kazuya Oshima in forma smagliante nella qualifica per l'apertura del SuperGT 2022 a Okayama. Il pilota del team Cerumo ha beffato tutti al termine del Q1 portando alla Toyota la prima pole dell'anno. Yuichi Nakayama, che per il team Sard ha provato a contendere la leadership con un ultimo tentativo, si è fermato a poco più di un decimo, mentre terza si è piazzata la Honda NSX (nella nuova versione Type-S per il 2022) schierata dal team Kunimitsu pilotata nella sessione decisiva da Naoki Yamamoto.

Top-5 per la prima delle nuove Nissan Z, quella del team Kondo schierata con gomme Yokohama (contro le Bridgestone dei leader). Fuori dal Q1 Tsugio Matsuda e Ronnie Quintarelli, al comando delle libere. In ottica gara, il team Nismo ha fatto una scelta di gomme conservativa per la qualifica con le Michelin, trovandosi escluso. Fuori anche il duo Fenestraz-Miyata, tredicesimo davanti alla seconda Nissan Nismo di Chiyo-Takaboshi.

L'altra Supra del team Tom's con Giuliano Alesi e Sto Tsuboi si è piazzata settima, dopo che il giapponese aveva dominato il Q1 con un giro migliore di quello della pole. Il francese poi ha concluso in quarta fila. In classe GT300, al top la Subaru BRZ ufficiale con Iguchi-Yamauchi.

Sabato 15 aprile 2022, qualifica

1 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) - Cerumo - 1'17"251 - Q2
2 - Sekiguchi-Nakayama (Toyota Supra) - Sard - 1'17"387 - Q2
3 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) - Kunimitsu - 1'17"544 - Q2
4 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) - Cerumo - 1'17"729 - Q2
5 - Sasaki-Hirate (Nissan Z) - Kondo - 1'17"812 - Q2
6 - Tsuboi-Alesi (Toyota Supra) - Tom's - 1'17"834 - Q2
7 - Hiramine-Baguette (Nissan Z) - Impul - 1'17"859 - Q2
8 - Kunimoto-Sakaguchi (Toyota Supra) - Bandoh - 1'17"572 - Q2
9 - Matsuda-Quintarelli (Nissan Z) - Nismo - 1'17"697 - Q1
10 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) - Arta - 1'17"717 - Q1
11 - Izawa-Otsu (Honda NSX) - Nakajima - 1'17"724 - Q1
12 - Tsukakoshi-Matsushita (Honda NSX) - Real - 1'17"822 - Q1
13 - Fenestraz-Miyata (Toyota Supra) - Tom's - 1'17"950 - Q1
14 - Chiyo-Takaboshi (Nissan Z) - Nismo - 1'17"993 - Q1
15 - Sasahara-Oyu (Honda NSX) - Mugen - 2'10"722 - Q1

28 Mar [11:08]

Toyota al vertice dei test
Buon debutto per le nuove Nissan

Marco Cortesi

Pur venendo disturbata dalla pioggia, la due giorni di test del Super GT al Fuji Speedway ha chiarificato i valori in pista per la stagione 2022, e in particolare la ritrovata competitività della pattuglia Nissan dopo le difficoltà delle ultime stagioni con la datata GT-R. La nuova Z si è rivelata competitiva sia in termini assoluti, sia come velocità di punta, nettamente incrementata rispetto al passato fino a superare i 300 chilometri orari. Pur vedendo al vertice le Toyota, che già avevano capitanato i test di Okayama, anche la sessione sul più veloce autodromo del Fuji ha mostrato un generale ravvicinamento prestazionale.  

Il primo giorno, a comandare la classifica è stato Sto Tsuboi, con la prima delle Toyota del team Tom's divisa con Giuliano Alesi (già leader della prima tornata di test), ma Ronnie Quintarelli si è piazzato subito dietro, precedendo altre due Supra, quella del team Bandoh di Sena Sakaguchi e quella del team Cerumo di Kenta Yamashita. E' stata molto competitiva anche la Nissan ex B-Max, anch'essa come l'esemplare numero 23 gommata Michelin e ricaduta sotto l'ombrello diretto della Nismo. Sempre nel primo giorno, da segnalare una bandiera rossa che ha chiuso anticipatamente le ostilità per una foratura occorsa a Ukyo Sasahara.

Al termine del secondo giorno, il miglior riscontro assoluto è andato a Yuhi Sekiguchui, rimasto da solo per l'assenza di Juichi Nakayama, indisposto, con la Toyota del team Sard. La giornata, che ha visto i piloti recuperare anche l'ora cancellata per maltempo il primo giorno, ha visto tornare al vertice le Honda con il rinnovato modello NSX. Secondo posto per Tomoki Nojir con la vettura del team ARTA, seguito da Koudai Tsukakoshi con Real. Competitiva anche la vettura del team Real, già in vista a Okayama.

25 Gen [7:07]

Gli equipaggi Nissan
Quintarelli-Matsuda sempre in NISMO

Marco Cortesi

Nissan ha annunciato i propri equipaggi per il 2022, stagione che vedrà il debutto della nuova Z GT500. La novità principale è l'arrivo di Bertrand Baguette, che dopo l'addio alla Honda resterà in Giappone e sarà in pista con il team Impul, sostituendo Nobuharu Matusushita che invece è tornato verso casa Honda alla fine dello scorso anno. Con lui, il confermato Kazuki Hiramine. Al comando della pattuglia rimangono invece i pluricampioni Ronnie Quintarelli e Tsugio Matsuda con la vettura Nismo numero 23. A prendere le redini del gruppo sarà, dopo la scomparsa di Yutaka Suzuki, lo storico ingegnere capo Takeshi Nakajima, già con Quintarelli sin dai tempi del team MOLA.

L'altra novità è la strutturazione delle squadre, con Nismo che di fatto raddoppia prendendo completamente il controllo dell'ex B-Max Racing (quest'ultima scuderia resterà nelle formule). Il team sarà rinominato NDDP (Nissan Driver Development Program) e vedrà al via Katsumasa Chiyo insieme a Mitsunori Takaboshi. Kohei Hirate verrà invece spostato da Kondo insieme a Daiki Sasaki.

Parallelamente, il team Gainer ha annunciato i piloti per le sue Nissan GT-R in classe GT300. Si tratta del veterano Hironobu Yasuda e del confermato Keishi Ishikawa su una vettura, mentre sulla seconda ci saranno Riki Okusa e Ryuchiro Tomita.

Gli equipaggi Nissan

NDDP Racing
Katsumasa Chiyo-Mitsunori Takaboshi

Impul
Kazuki Hiramine-Bertrand Baguette

NISMO
Ronnie Quintarelli-Tsugio Matsuda

Kondo
Daiki Sasaki-Kohei Hirate

PrevPage 1 of 10Next

News

super gt
v

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone